Passa ai contenuti principali

Alcune riflessioni su Eduscopio un portale per la scuola che anticipa l'Invalsi

Tra i compiti dell'Invalsi, una delle tre I del nuovo Servizio Nazionale di Valutazione, vi è quello di consolidare l'aggancio tra la scuola secondaria di secondo grado e l'Università. Infatti, l’ufficio statistico del MIUR sta iniziando a restituire informazioni sulla eventuale performance universitaria dei loro ex alunni. 
Più in generale, l’INVALSI restituirà informazioni atte a comparare gli apprendimenti degli alunni di un dato anno scolastico e quelli, relativi allo stesso grado scolastico, di anni precedenti e si restituiranno informazioni sugli apprendimenti pregressi – sì da poter stimare l’evoluzione nel tempo degli apprendimenti, meglio approssimando il concetto di valore aggiunto – nonché sulla successiva performance, in termini di apprendimenti, dei propri ex alunni”.  Lo scopo di tutto ciò è quello di realizzare una banca di item tra loro confrontabili, a precisare i percorsi parzialmente adattivi della prova stessa e le modalità di restituzione dei risultati che in questo caso dovranno pervenire anche ai singoli studenti, sì da renderli utilizzabili anche a fini di orientamento in tema di successive scelte universitarie”. 

La Fondazione Agnelli ha anticipato I tempi con il portale, gratuito, Eduscopio. Queste le parole di John Elkann all'atto della presentazione: “Entro poche settimane mezzo milione di studenti e le loro famiglie in Italia dovranno scegliere a quale scuola superiore iscriversi. Per una ragazza o un ragazzo è la prima grande scelta della sua vita, un momento importante e per molti aspetti decisivo per il suo futuro. Per aiutarli a scegliere la scuola migliore per ciascuno di essi, la Fondazione Giovanni Agnelli ha creato un nuovo strumento, Eduscopio.it. È un sito web a disposizione di tutti, gratuito e utile non solo per gli studenti e le loro famiglie, ma anche per i docenti e i dirigenti scolastici, che permette di confrontare le scuole italiane, a partire dal modo in cui hanno preparato i loro diplomati per il percorso universitario.”

I destinatari sono docenti ma anche dirigenti e studenti e famiglie, una sola banca dati, che offre la possibilità di un doppio canale di lettura ma che ovviamente verrà utilizzata anche per altri scopi, per esempio è recente la notizia di una classifica pubblicata da alcuni siti, utilizzando proprio il portale citato, per stabilire quali fossero i migliori licei classici italiani. 
Classifiche da prendere con le pinze, penso al caso di Trieste, dove risulterebbero in classifica come migliori licei ad indirizzo classico due sole scuole, ma il punto è che a Trieste le scuole con indirizzo Liceo Classico sarebbero solamente due, contrariamente da come emerge nel sito scuola in chiaro, ed in effetti nel portale Eduscopio i licei ad indirizzo classico sono due, per quanto riguarda ovviamente Trieste.  Ho voluto fare una comparazione tra uno di questi Licei, il Petrarca ed uno di Gorizia il Dante Alighieri. Come si potrà notare nelle schermante che seguiranno nelle specifiche sezioni, la lettura è schematica, semplice, una valutazione media discreta, sia per gli immatricolati che non, con differenze minime, salvo che il Petrarca sembrerebbe meglio indirizzare ad una preparazione tecnica rispetto al Dante Alighieri. 



Ma è realmente così? Che correlazione reale ed effettiva sussiste tra l'indirizzo universitario intrapreso e la scuola secondaria di secondo grado di provenienza? I dati vengono elaborati, per quanto riguarda la performance, tenendo conto di certi fattori quali media dei voti conseguiti agli esami universitari, ponderata per i crediti formativi di ciascun esame per tenere conto dei diversi carichi di lavoro ad essi associati; crediti formativi universitari ottenuti, in percentuale sul totale previsto. Dunque la valutazione della scuola di secondo grado è strettamente correlata alla media, alla statistica, ,ma, come evidenzia la Fondazione Agnelli, “se si esclude l'istruzione professionale, la cui missione è preparare lo studente al mondo del lavoro, per tutte le altre scuole secondarie di II grado è fondamentale fornire buone basi per gli studi universitari”.
Gli interrogativi sorgono e non possono che sorgere, per esempio quanto sono prese in considerazione le questioni sociali ed economiche? 
Penso al caso dello studente medio, studente lavoratore, che rischia di essere in ritardo con gli studi, con i crediti, perché non avendo disponibilità economica a sufficienza ovviamente incontrerà delle ovvie difficoltà per rispettare una certa tempistica, che poi è quella che farà media. 
Oppure pensiamo agli studenti che abbandonano gli studi per ragioni sociali ed economiche, oppure quelli che magari a scuola erano dei “geni” ma sbagliano indirizzo universitario, o viceversa, a scuola non erano dei “geni” ma all'università rivelano tutta la loro genialità.
Insomma la situazione è complessa, articolata e la statistica se da un lato può aiutare ad indirizzare certe situazioni dall'altro rischia di favorire il classico processo di competizione, di omologazione alla preparazione universitaria, di concorrenza spietata dalla quale nel bene o nel male dipenderà il buon nome della scuola prima e la sua sopravvivenza dopo. Può essere questo tipo di aggancio lo strumento utile per valutare la scuola come buona o non buona?
Deve esservi per forza una correlazione tra scuola ed università? Tra il comportamento assunto dallo studente all'Università, con tutte le variabili possibili ed immaginabili e la Scuola? 
O devono continuare a rimanere due mondi separati e distinti? Sicuramente i processi di valutazione, di cui al SNV, e la statistica che vien fuori, favoriranno questo tipo di processo che attraverso l'utilità di un portale in realtà si rischia di andare oltre condizionando anche ciò che si insegnerà a scuola, o meglio come lo si insegnerà. Forse arriverà presto il momento della massima autonomia delle scuole, saranno queste a decidere cosa insegnare, come e quando, arriverà forse il momento anche della piena affermazione dei crediti e l'abolizione dell'esame di Stato così come oggi sussistente, insomma tutto ciò porterà al superamento del valore legale del titolo di studio. Siamo certi che ciò sia un bene? Perché invece non pensare ad un reale e non demagogico investimento nelle scuole? 
Alla riduzione del rapporto studenti/docenti? Ad applicare i principi della nostra Costituzione, una delle più avanzate al mondo in tema di diritti sociali e civili, piuttosto che insistere nel meccanismo della competizione e concorrenza e classifiche? Le soluzioni al problema che c'è e questo problema non nasce dal nulla ma, a parer mio è stato voluto proprio per arrivare a quello che stiamo vedendo ogni giorno, sono la solidarietà, sono le risorse economiche, sono gli investimenti nel personale scolastico.

Commenti

  1. l'utilità di eduscopio per trovare la 'scuola migliore' è circa pari a quella delle Pagine Gialle…

    Mi sembra che il mondo della scuola stia acriticamente accettando l'indice eduscopio come se:
    - fosse corretto
    - avesse relazione con la qualità dell'insegnamento
    - non avesse potenziali ripercussioni negative.

    (e non ditemi che c'è bisogno di eduscopio per riconoscere i diplomifici)

    Benchè off-topic rispetto alla focalizzazione del sito, ne ho scritto in
    http://insegnare-greco-antico.homepc.it/insegnare.greco.antico/it/content/eduscopio-un-sommesso-fragore
    ripreso in
    https://plus.google.com/u/0/116370511397370600157/posts

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Con i confini della giusta sconfitta di Caporetto l'Italia oggi si fermerebbe a Treviso

Dal dannunzianesimo in poi, passando per retoriche risorgimentali estremizzate, irredentismi radicali, simulati patriottismi, l'Italia decise di aggredire l'Impero Austro Ungarico, occupando terre non italiane, anche se forse si poteva pur parlare l'italiano, anche se prevalentemente si parlavano dialetti locali oltre ovviamente allo sloveno, il tedesco, il friulano. Dove vi potevano essere radici latine, risalenti anche all'Impero Romano, ma non è che ovunque l'Impero Romano mise piede era da considerarsi Italia, perchè allora dovrebbero rivendicare anche l'Azerbaigian, senza dimenticare che l'Italia si formerà come Stato unitario poi solo nel 1861. Audacia, tenacia, scippati dalla terra contadini, ragazzi, famiglie senza più i loro figli, mandati a morire nel nome del niente. Arroganza, gestione criminale del conflitto, per conquistare fazzoletti di terra che ancora oggi si sentono poco italiani, perchè l'Italia è giovane, l'Italia unita si è fat…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

A Trieste chiude la libreria indipendente IN DER TAT, Davide questa volta ha perso contro Golia

"IN DER TAT“, prendendo in prestito un concetto che il filosofo Hegel riferiva alla cultura, significa in atto, in evoluzione. E’ per questo motivo che l’abbiamo scelto come nome per la nostra libreria, proprio perché pensiamo alla cultura come qualcosa in continuo mutamento(...)". Questo è quello che leggi nel sito di questa libreria, situata nella zona Cavana di Trieste, non più un bordello ottocentesco, ma un rione oramai destinato ad essere fashion, riqualificato, perfetto, una vetrina nella vetrina di Trieste, che ha snaturato la sua storia, che forse viene ricordata dalla statua di Svevo, niente di più. Una libreria che ha segnato per anni ed anni la storia di questo rione, un punto di riferimento culturale, sociale per triestini e non, appuntamenti di gran rilievo, dibattiti e confronti su più materie, i libri prendevano forma, vita attraverso anche gli incontri, le relazioni. Una libreria relazionale. Con il vecchio libraio o vecchia libraia, non per questione ana…