Passa ai contenuti principali

Se dopo il caso drammatico di Santa Croce Camerina si invoca la sicurezza nazionale per le assenze degli alunni

Non voglio entrare nel merito del dramma che vive la famiglia del piccolo bambino di Santa Croce Camerina, di cui tanto si parla in questi giorni, ma una riflessione voglio effettuarla in merito a quelle voci che da più parti, specialmente a livello mediatico, sembrano consolidarsi, tanto da coinvolgere in un certo senso anche alcune autorità, chiamate a verificare se l'assenza del bambino era stata comunicata dalla scuola. Cosa si è detto in sintesi? Che le scuole, quelle primarie soprattutto, hanno il dovere di comunicare tempestivamente alle famiglie l'assenza dei propri figli e degli studenti, magari facendo una telefonata, perché il caso di Santa Croce Camerina dimostra come l'assenza degli studenti sia elemento di valutazione da far rientrare all'interno della sicurezza nazionale.
Se da un lato sicuramente il registro elettronico, quando entrerà a regime, potrà aiutare in tal senso, dall'altro è da rilevare che non emerge alcun obbligo e neanche dovere da parte delle scuole di dover comunicare tempestivamente alle famiglie l'assenza immediata dello studente considerato. Pensando alla scuola primaria, facendo una ricerca in rete, diverse circolari interne coincidono con questa previsione: "i docenti sono tenuti ad annotare, giornalmente le assenze degli alunni e ad informarsi della loro natura; le assenze vanno debitamente giustificate sul libretto delle giustificazioni, al momento del rientro a scuola; per assenze superiori ai 5 giorni va richiesto al rientro prioritariamente il certificato medico dal quale risulti che l'alunno è immune da malattie contagiose e che può essere riammesso alla frequenza". Sicuramente ci possono essere casi particolari, che andranno verificati singolarmente, ma certamente non può e non deve essere il caso singolo, per quanto drammatico e triste, a determinare obblighi incomprensibili ed insussistenti per le migliaia di scuole italiane. Da un lato perché le scuole non sono caserme, dall'altro perché non si può esercitare una simile attività di controllo, non tanto solo per questioni tecniche ed organizzative, ma anche per una questione di principio e patto di corresponsabilità che deve maturare tra gli studenti e la scuola, tra i genitori e la scuola.
Invocare il principio della sicurezza nazionale, anche se figlio di un processo emotivo, ma a parer mio premeditato, sul caso del dramma di Santa Croce Camerina, è inaccettabile, non solo perché si tratta di strumentalizzare un dramma per altri fini, ma anche perché sarebbe l'ennesimo tentativo di scaricare solo sulle spalle della scuola responsabilità e problematicità sociali, che non possono ricadere sulla stessa e neanche sul corpo docente o personale scolastico.

Commenti

Post popolari in questo blog

Ma se in Friuli Venezia Giulia si votasse per diventare Stato indipendente,cosa vincerebbe?

Se c'è una regione dove l'Italia ed il sentirsi italiano ha veramente preso poco, questa è certamente il Friuli Venezia Giulia. Non è l'unica in Italia, basta pensare alla Sardegna, al Trentino-Alto Adige, alla Sicilia, al Veneto, ma se si facesse qualche analisi più approfondita forse la maggior parte delle regioni italiane si sentono poco italiane. Il Friuli Venezia Giulia ha conseguito il suo stato di autonomia grazie al plurilinguismo, dal friulano, allo sloveno, al tedesco, e poi vi sono diversi dialetti, dal bisiaco, al triestino ecc. Una terra che nel corso della sua storia ha conosciuto diversi domini, diverse appartenenze, alcune profonde come quella con la Repubblica Veneta, o l'Impero Austroungarico, altre di passaggio e da un secolo oramai vi è l'Italia. Che si è presentata nei peggiori dei modi fin dall'origine, perchè il nome dell'Italia è coinciso con la fascistizzazione di questa area, con tutte le brutalità che ne sono conseguite, e sarà s…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Fuori: scaricata dal Sindaco Cisint la Fenice e dalla Serracchiani l'ex Sindaco di Monfalcone

Minuto 23 del programma Fuori Roma dedicato al caso Monfalcone : Il Sindaco Cisint- " la lista civica che nemmeno siede in Consiglio comunale, è una polemica sterile”.  Minuto 37: Serracchiani, Presidente Regione FVG braccio destro di Renzi nel PD- " E' stato un grave errore che se l'avessi saputo avrei sconsigliato il Sindaco di fare".
Paradossalmente due nemici politici si son trovati scaricati su due questioni diverse, ma all'interno dello stesso programma televisivo mandato in onda in tutta Italia. Il primo caso riguarda un gruppo Facebook locale, La Fenice, su cui è inutile sprecare commenti, ma il cui contributo per la vittoria del Sindaco della Lega Nord a Monfalcone è stato certamente importante stante anche il fatto che faceva parte dell'alleanza di liste a suo sostegno per non parlare della campagna mediatica fatta attraverso i social.

Ma sin da dopo le elezioni si son registrati passi di allontanamento costanti, a nulla è servita una delega a…