Passa ai contenuti principali

Il Jobs Act favorirà i licenziamenti dei lavoratori con poca anzianità lavorativa


Ma quanto è brutto questo Jobs Act?
Non esiste neanche più il senso dell'apparenza. Forse da un lato è meglio così. Meglio vedere il mostro sin da subito in tutta la sua essenza  puzzolente, nauseante per capire che qui la situazione è seria, non è un gioco figlio di qualche qualche dormiente immaginazione. 
Patria della civiltà giuridica, oggi siamo diventati ignoranti impotenti da tenere al guinzaglio del nuovo che avanza, un nuovo che non riesce a regalare emozioni, discussioni profonde ed intellettuali di un certo rilievo, un nuovo semplificato. 
Semplificazione del linguaggio, semplificazione delle regole, che tradotte nel Jobs Act, termine orripilante, altro significato non hanno che eliminazione delle tutele per i lavoratori ed affermazione delle tutele per l'altra faccia della medaglia. 
Già, perché questo atto del lavoro,  offrirà,  al capitale, con l'animo gentilizio natalizio del capitale, certamente rilevanti e significative tutele al  suo piccolo e vitale cuore, il sistema imprenditoriale, ai datori di lavoro, una volta noti come padroni e forse sarebbe il caso di continuare a chiamarli come padroni, perché padroni erano e padroni resteranno, non può essere il concetto astratto ed ingannevole di modernità idoneo a ribaltare lo stato delle cose, la forma, se non muta la sostanza, rimarrà sterile e non essendo mutata la sostanza ma solo la forma, per essere più moderni, nulla è cambiato rispetto al vecchio assetto della gestione del rapporto di lavoro. 
Anzi sì.  
Dall'introduzione del sistema del precariato, voluto dai governi sinistri di sinistra, ad oggi, si è quasi perfezionato il meccanismo che offrirà la possibilità al sistema padronale od imprenditoriale di espellere, a volte senza neanche il canonico cartellino rosso preceduto da quello giallo, i lavoratori che verranno reputati come scomodi, come non utili alla causa dell'azienda. Si è detto che questo atto sarebbe stato rivoluzionario, ma non lo è. 
Come può un governo capitalistico produrre laboriosi atti rivoluzionari? Le rivoluzioni nascono come opposizione al capitalismo. E', in verità, controrivoluzionarioperché riduce all'ennesima potenza le tutele a favore dei lavoratori, quelle conquistate dal '68 in poi che a più di qualcuno di lor signori, che ancora hanno le redini di questo sistema, non sono proprio mai andate giù. 

In Italia esiste l'emergenza strutturata della disoccupazione giovanile e questo atto sul lavoro inciderà profondamente nei confronti dei lavoratori giovani e nei confronti di quelli che ritorneranno a lavorare dopo anni di disoccupazione. Ciò perché si norma, ad esempio, in modo tassativo, che l'indennizzo è strettamente connesso all'anzianità del lavoratore ed in alcune ipotesi di licenziamento, ovvero quando non  risulta accertato che non ricorrono gli estremi del licenziamento per giustificato motivo oggettivo o per giustificato motivo soggettivo o giusta causa, il giudice dichiara estinto il rapporto di lavoro alla data del licenziamento e condanna il datore di lavoro al pagamento di un'indennità non assoggettata a contribuzione previdenziale di importo pari a due mensilità dell’ultima retribuzione globale di fatto per ogni anno di servizio, in misura comunque non inferiore a quattro e non superiore a ventiquattro mensilità. Ma penso anche all'ipotesi del licenziamento intimato con violazione di motivazione o procedurale, il giudice dichiara estinto il rapporto di lavoro alla data del licenziamento e condanna il datore di lavoro al pagamento di un’indennità non assoggettata a contribuzione previdenziale di importo pari a una mensilità dell’ultima retribuzione globale di fatto per ogni anno di servizio, in misura comunque non inferiore a due e non superiore a dodici mensilità. Oppure penso alla conciliazione stragiudiziale, pratica molto diffusa, il datore di lavoro può offrire al lavoratore, entro i termini di impugnazione stragiudiziale del licenziamento, un importo che non costituisce reddito imponibile ai fini dell’imposta sul reddito delle persone fisiche e non è assoggettata a contribuzione previdenziale, di ammontare pari a una mensilità dell’ultima retribuzione globale di fatto per ogni anno di servizio, in misura comunque non inferiore a due e non superiore a diciotto mensilità, mediante consegna al lavoratore di un assegno circolare. L’accettazione dell’assegno in tale sede da parte del lavoratore comporta l’estinzione del rapporto alla data del licenziamento e la rinuncia alla impugnazione del licenziamento anche qualora il lavoratore l’abbia già proposta.  Dunque lavoratori con anzianità lavorativa minima, potranno essere licenziati facilmente ed essere liquidati, in tutti i sensi, con quattro danari. Certamente nelle sedi giudiziarie questo principio sussisteva, ma si faceva leva su alcune contropartite, come l'indennità sostitutiva alla reintegra o ad altre situazioni che potevano far incrementare la consistenza dell'indennizzo. Questa è solo una delle voci più assurde, ma destinate a diventare realtà effettiva, contenute nella bozza del Jobs Act come comunicata dal Governo nella nota seduta del Consiglio dei Ministri del 24 dicembre. L'Italia, Paese che ha conosciuto lotte e conquiste storiche e che a quanto pare, se le cose continueranno così, le si potranno leggere solo nei libri di storia, è diventata il nuovo esempio di austerità in termini di diritti di questa Europa capitalistica, che non è certamente quella voluta da chi ha lottato, anche a prezzo della propria vita, per liberarci dai regimi nefasti pregressi.


Marco Barone 

Commenti

Post popolari in questo blog

Dal "daspo urbano per chi offende il giorno del ricordo"al concetto di slavo che offende la Trieste italiana. Ma Saranno gli "slavi" a salvare Gorizia e Trieste

E' un mondo difficile diceva una nota canzoncina che per diverso tempo veniva trasmessa dalle nostre radio. Un mondo difficile, che è letteralmente virato verso forme di chiusura e rigidità a causa di una globalizzazione letteralmente selvaggia.

Diversi media hanno avuto un ruolo nefasto in tutto ciò, dal momento in cui per anni hanno favorito, sotto il nome di una fantomatica democrazia, l'affermazione di concetti indegni, di quel veleno sociale, di quelle narrazioni nocive per la convivenza civile e pacifica, che hanno riabilitato le peggiori istanze e rinforzato a dismisura quei "quattro provoloni"di neofascisti, mentre "quattro provoloni" non sono più indistintamente i razzisti. Tra i fatti di Macerata, come poi ripetutesi vicino ad Enna, e quanto accaduto nel Confine Orientale in soli 25 anni di occupazione italiana subito dopo la fine della prima guerra mondiale vi è stato un solo filo di continuità. Qui il fascismo si è realizzato prima che altrove,…

Altro che "buonascuola" in Italia siamo degli analfabeti rispetto all'Europa, il rapporto ISTAT sullo stato dell'istruzione in Italia

L'ISTAT ha pubblicato un corposo rapporto incentrato sulla questione della conoscenza.  Ed emerge una fotografia del Paese devastante. Da un lato hai la propaganda di chi racconta un Paese che esiste solo nella sua mente che mente, a partire da chi difende la peggior legge mai scritta in Italia in materia di legislazione scolastica quale la "buonascuola" bocciata da quasi l'intera comunità scolastica con uno sciopero epocale nel maggio 2015. Dall'altro hai la realtà che ti narra un Paese in estrema difficoltà e povertà e diffusa ignoranza. L'Istat rileva chiaramente che "in Italia la recessione, anche per i vincoli di finanza pubblica dovuti al debito, è stata più profonda rispetto a tutte le altre economie europee, riportando il potere d’acquisto delle famiglie nel 2012 indietro fino ai livelli degli anni Novanta."
E ciò sotto gli occhi di tutti.  A livello di conoscenza afferma che "L’Italia è un’economia industriale ad alto reddito ma ano…

Iera una volta...il mercato di Ronchi

Iera una volta il mercato di Ronchi. Questa è oramai una constatazione di fatto che vivi nei mercoledì ronchesi, giorno per eccellenza del mercato. I mercati sono sopravvissuti ai secoli, alle guerre, al progresso, all'avvento dei grandi centri commerciali che hanno risucchiato nel buco nero della depressione economica i piccoli commercianti, con città sempre più svuotate con il paradosso che vedrai le città finte, create ad hoc per il commercio, essere strapiene.

I mercati resistono, ma faticano a sopravvivere soprattutto quando arriva l'ultimo mercoledì del mese, quando i soldi son già finiti e per le strade del mercato vedrai sempre meno gente.

Un mercato che ha una sua storia importante, noto soprattutto per la sua energia, vitalità, socialità, che paga probabilmente il prezzo di diverse problematicità, da quelle logistiche alla crisi sociale ed economica che si è scagliata su questo Territorio che pur avendo potenzialità enormi per alzare la testa, in questo momento sto…