Passa ai contenuti principali

Ronchi avrà una piazza dedicata a Francesco Giuseppe I d’Asburgo – Lorena

Nel centenario della prima guerra mondiale il Comune di Ronchi ha deciso di intitolare una piazza a Francesco Giuseppe I d’Asburgo – Lorena. Una piccola piazza situata tra i civici 22 e 24 di Via Cau de Mezo, dopo aver ottenuto il via libera da parte della Deputazione di Storia Patria per il Friuli, la cui origine risale al 15 dicembre del 1918. Una iniziativa che potrà lasciare perplessi ma anche accogliere diverse valutazioni positive, che si pone in continuità con la recente inaugurazione di una lapide presso il locale cimitero, che ricorda il sacrificio dei soldati di Ronchi, circa cinquecento,che hanno combattuto per l'Impero. Già, perché Ronchi, o meglio Ronchi di Monfalcone, anche se i cittadini di Ronchi non si sono mai sentiti di qualcuno né di Monfalcone, né dei legionari, denominazione che maturerà sotto il fascismo e per il fascismo, ma semplicemente di Ronchi, sotto l'Impero Austro Ungarico ha conosciuto la sua ricchezza ed autonomia. Nel 1850 diventerà comune autonomo, nel 1860 verrà inaugurata la stazione di Ronchi Nord, nel 1906 quella di Ronchi Sud, ci sarà il cotonificio di Vermegliano, più altre opere che hanno reso florida l'agricoltura e l'economia locale, per non parlare delle scuole, funzionanti,del rispetto della lingua come parlata da diverse comunità. Senza dimenticare che nel 1912 il comune fu elevato al rango di “borgata”, con editto firmato dall’imperatore Francesco Giuseppe. Non è un mistero che ancora oggi in diverse case di cittadini di Ronchi è possibile trovare un quadretto che ritrae quello che io chiamo il vecchio dai grandi baffi, l'Imperatore Francesco, così come non è un mistero che decine e decine di cittadini di Ronchi si sono visti italianizzare il proprio cognome austriaco, sotto il fascismo, per il noto processo di italianizzazione forzata,perché si doveva annientare tutta l'identità pregressa in nome e per conto dell'Italia. Quella intitolazione della piazza certamente recherà gran fastidio a coloro che hanno “edificato” in Oberdan(k) un martire per l'avvenire dell'Italia in queste terre. Il quale, pur con i dilemmi che ancora sussistono in merito all'attentato del 2 agosto di Trieste ove morì un ragazzo di quindici anni, e  ci furono decine di feriti, venne poi trovato con due bombe predisposte per compiere un nuovo attentato, dunque azione terroristica. Rifiutò la richiesta di grazia, una volta arrestato a Ronchi e sotto processo, come prodotta dalla madre, che comunque venne respinta dalle autorità, perché voleva diventare martire e dunque oggi l'Italia si trova a riconoscere come martire un terrorista. Così come recherà perplessità per quelle violenze che sotto la reggenza dell'Imperatore non sono certamente mancate. Penso alla dura repressione dello sciopero dei fuochisti ed alla protesta anarchica di Trieste, nel febbraio del 1902, dove vi furono decine e decine di morti, fatto ancora oggi non ricordato a dovere,alle censure esercitate nei confronti della stampa italiana, il Piccolo, in quel periodo,alle ammonizioni esercitate sotto l'Impero austro ungarico da parte del Commissario austriaco, verso alcuni italiani che incitavano la diffusione della lingua italiana, forse perché sospettati di irredentismo, alla reazione ingiustificata contro la Serbia. Serbia che doveva pagare la penitenza, a colpi di cannone, per l’attentato all’arciduca Francesco Ferdinando d’Asburgo e sua moglie.Morte colta con molta indifferenza a Vienna ed estrema freddezza dall’Imperatore. Per esempio “l'imperatore Francesco ricevette la notizia senza mostrare alcuna emozione, durante la cena, e decise di continuare a cenare da solo”, oppure che il "funerale dell'arciduca durò appena un quarto d'ora e subito dopo Francesco Giuseppe torno a Ischl e alle sue cure termali". Ed ancora che il 29 giugno a Vienna il professor Redlich scriveva “ in città non c'è alcun segno di lutto, c'è musica ovunque”, mentre il Times racconterà il “funerale in termini così sobri da indurre sonnolenza e gli osservatori stranieri a Vienna si stupirono del fatto che in città il lutto per l'erede al trono imperiale fosse tanto superficiale e chiaramente solo di circostanza”. Serbia che era destinata alla punizione, solo per la ragione di esistere in quanto tale. La campagna di agosto, segnerà la prima grande sconfitta dell’esercito austro-ungarico, con la nota battaglia del monte Cer. La spedizione punitiva di agosto sarà di una violenza inaudita contro la popolazione civile. Si massacreranno contadini, donne, bambini, spesso si risparmiavano le pallottole, per non sprecarle, decidendo di uccidere i civili con la baionetta, tre uomini contro uno solo, colpito ed ucciso come una bestia, vi sono anche testimonianze di persone sepolte vive in piena agonia. E bestialità nella bestialità questo massacro veniva fotografato per esser pubblicato come una sorta di trofeo.Sì, l’impero austro-ungarico ha cercato di realizzare una mera pulizia etnica. Basta pensare al modo in cui si comportarono le truppe imperiali subito dopo il duplice omicidio. Solo 48 dopo ore l’assassinio in Bosnia furono arrestati 200 serbi, diversi contadini impiccati subito, alla fine di luglio, 5000 saranno i serbi dietro le sbarre e 150 furono impiccati appena iniziarono le ostilità. I conti, alla fine della prima guerra mondiale, i numeri, saranno impressionati. Quasi 750 mila serbi, ovvero un serbo su sei ovvero quasi il 22% della popolazione verrà spazzato via, la percentuale più alta tra tutti i Paesi coinvolti dalla prima guerra mondiale. Certo, la storia ha tramandato che l'Imperatore, che morirà comunque prima della fine della prima guerra mondiale, ha ceduto alle pressioni dei burocrati e dell'esercito,firmò il decreto di guerra affermando "La guerra! Lor signori non sanno cos'è la guerra! Io lo so ... da Solferino."però egli era l'Imperatore egli rappresentava l'Impero, quell'Impero che nel bene o nel male ha segnato la vita di milioni di persone e della importante comunità di Ronchi che ha una storia che merita di essere diffusa e conosciuta.


fonte foto link

foto dopo inaugurazione piazza del 23 maggio 2015




Commenti

Post popolari in questo blog

Dopo Macerata si continua a sparare. Guai a ridimensionare o normalizzare

Questa è una storia che non parte da lontano, per dovere di sintesi sarò breve e conciso. Da questa estate in Italia si è iniziato a scoprire il problema del fascismo. Fino a quel momento, soprattutto da chi oggi si professa dall'alto della suo essere grado istituzionale antifascista, era ignorato se non avvallato. Si è denunciato il rischio di fascismo passando dalle vicende ridicole della spiaggia fascista di Chioggia, agli adesivi di Anna Frank, alle bottiglie o calendari con la foto di Mussolini o Hitler. Quando per anni ed anni in questo Paese si è realizzata una vera connivenza con le peggiori istanze, legittimandole, democratizzandole e favorendone la diffusione. Perchè, si è detto, la democrazia vale per tutti, anche per chi sputa veleno sociale.
Il guaio è che è stato pompato all'ennesima potenza un problema che c'era ma non era così forte, impattante. La propaganda che doveva portare a vedere in alcune soggettività una sorta di salvezza messianica in materia di…

E' necessario il (prodotto) made in Friuli Venezia Giulia prima di essere annientati dalla "globalizzazione"

Il made in Italy è diventato uno slogan che non dice più niente. Diventato più funzionale a quella retorica che ha fatto il male dell'Italia che alla tutela dell'Italia. Dall'arte, alla cucina, dall'agricoltura, alla moda e si potrebbe continuare. Nell'Italia di oggi si rimpiange ciò che non è più italiano. Hanno distrutto le campagne, hanno distrutto le coltivazioni storiche, è stato mescolato tutto, per arrivare all'assurdità di cortocircuiti propri di una società totalmente sballata. La globalizzazione nell'economia ha comportato il saccheggio dell'Italia, l'appropriazione indebita di ciò che ha reso unico il nostro Paese nel mondo per perderci nella nullità dell'essere più niente e nessuno.

Siamo bravi a decantare od osannare bellezze e miti e leggende che attraversano la storia di ciò che è arrivato, nel bene o nel male a determinare l'Italia. Un Paese fittiziamente unito, che deve la sua vera forza ai regionalismi, localismi, che non so…

Si è entrati nel terzo anno della ricerca della verità per Giulio Regeni, con la politica persa nel silenzio di comodo

"Non è possibile normalizzare i rapporti con uno stato che tortura, uccide e nasconde oltraggiosamente la verità, se non a scapito della credibilità politica del nostro Paese e di chi lo rappresenta". Queste sono le parole della famiglia di Giulio.
Una tempesta sotto forma di parole. Parole dure, ma figlie di quella rabbia comprensibile di chi altro non ha potuto fare che constatare l'effettiva resa dell'Italia all'Egitto criminale, dove si continua a morire, a sparire, ad essere torturati, come è successo a Giulio.  Si dovrebbe dare un vero e proprio ultimatum all'Egitto, pretendendo quelle piccole cose, elementi fondamentali, per chiudere il cerchio. Ma l'Egitto ha preso in giro l'Italia e Giulio e la sua famiglia da sempre, depistaggi, menzogne, calunnie, infamie. La politica italiana si è persa in un silenzio di comodo, quel silenzio che ha caratterizzato, salvo qualche formula di rito, anche le massime Istituzioni. E questo silenzio fa male e …