Passa ai contenuti principali

#Trieste: Il comitato esecutivo democratico ed antifascista italo sloveno del 17 maggio 1945

I segretari provinciali di Trieste,di Rifondazione comunista e dei Comunisti italiani, Peter Behrens e Bruna Zorzini, intervenuti in merito al "caso Furlanic”, in una conferenza stampa,come riportato dal Piccolo del 21 ottobre 2014, hanno ribadito che «Furlanic ha ragione quando afferma che la data del 12 giugno 1945 non riveste alcun particolare significato per la città, se non quello di rappresentare il giorno nel quale Trieste quale Trieste passò da un’amministrazione civile, formata da cittadini di Trieste, che aveva sostituito quella militare iugoslava dal 17 maggio, a quella militare, anglo americana”. Ed è il caso di ricordare, proprio quella iniziativa antifascista, democratica e partecipata, come giustamente richiamata dai Peter e Bruna, che si è realizzata a Trieste  il 17 maggio 1945, fatto poco conosciuto e spesso ignorato.  Nella sera del 17 maggio 1945 Radio Belgrado comunicava che l'amministrazione civile di Trieste veniva affidata al Comitato esecutivo italo sloveno ed erano presenti alla cerimonia rappresentanti sovietici, americani ed inglesi. Nel Comitato, che assumeva la direzione del movimento antifascista della città, vi rientravano: unità operaia, fronte sloveno di liberazione, Partito Comunista Italiano, Italiani democratici indipendenti,Lega della gioventù slovena, Gioventù italiana antifascista, Lega femminile antifascista slovena e Lega femminile antifascista italiana. Tra gli scopi di questo Comitato, come comunicati pubblicamente, si evinceva in particolar modo la democratizzazione della classe dirigente della città, la ripresa della attività economica, il rafforzamento dell'unione e della fratellanza tra italiani e sloveni e la preparazione delle condizioni necessarie alle elezioni democratiche. Contestualmente, al Teatro Rossetti, si svolgeva l'assemblea per Trieste. Il corrispondente speciale della Reuter, come rileva l'Unità in un suo articolo del 19 maggio 1945, in prima pagina, dei rappresentanti presenti circa la metà parlava in italiano. “Nel gruppo di personalità più in vista che avevano preso posto sul palcoscenico del teatro, si notavano un prete e tre donne. Dietro di loro pendevano bandiere jugoslave, tricolori italiani con la stella rossa e bandiere alleate”.Tra le misure prese in considerazione, in modo democratico e condiviso e partecipato vi era la immediata istituzione del Tribunale del Popolo. Si riporta, sempre nell'articolo dell'Unità del 19 maggio 1945, giornale che come è noto non è mai stato benevolo nei confronti di Tito, la presa di posizione dell'ex sottosegretario di Stato americano  Welles il quale dichiarava che “nelle sistemazioni della pace del 1919, l'ex porto austriaco di Trieste venne ceduto all'Italia assieme alla penisola istriana ed a una parte del retroterra. Non vi può essere dubbio che nelle linee di demarcazione decise allora si commisero gravi ingiustizie etniche ed economiche. Molti slavi che abitavano l'Istria vennero posti sotto la sovranità italiana”.

fonte foto: Prima Pagina Unità del 19 maggio 1945

Commenti

Post popolari in questo blog

Minoranza linguistica slovena, in Italia si guarda al modello danese?

Se c'è una cosa che andrà ricordata quasi come si ricordava l'Ave Maria è che se il FVG può vantare la sua specialità, il suo essere Regione a Statuto speciale è prevalentemente se non esclusivamente per il suo plurilinguismo. Oramai, è ahimè una constatazione di fatto, la lingua tedesca è parlata in pochissimi casi e realtà, si è fatto poco o nulla per difenderla ed incentivarla, resistono invece lo sloveno ed il friulano, nonostante siano tante le mancanze a partire dal bilinguismo visivo soprattutto violato nei confronti degli sloveni. Su 216 Comuni  in FVG la minoranza linguistica friulana è presente in 175 comuni, quella slovena in 32 e quella germanica in 5, cioè la quasi totalità dei Comuni ha una "minoranza linguistica". E visto che la minoranza germanica è a rischio di estinzione, l'attenzione deve essere alta.

E' un dato di fatto che in Italia vi è un deficit di democrazia importante, basta guardare le elezioni di marzo 2018, pochi mesi di campagna…

Altro che la storiella degli "immigrati"che portano via il lavoro, chiude Eaton a Monfalcone

L'Isontino e la Bisiacaria sono un territorio politicamente debole, economicamente depresso. Vi è un tasso di disoccupazione impressionante, il numero di chi non cerca più lavoro è in costante crescita rispetto ad una popolazione che continua a diminuire. Perdere un posto di lavoro nell'Isontino è un gran guaio, perderne un centinaio, ancora, è un disastro sociale enorme, immane, perchè il lavoro qui non c'è, nonostante qualcuno racconti storielle diverse e presenti tanti segni più che in Italia ed in FVG non rappresentano la realtà delle cose. La realtà ci dice che il lavoro è una emergenza e che quando un territorio è politicamente inconsistente i grandi colossi avranno autostrade spianate per procedere con le delocalizzazioni e chiusure dei propri siti. Si legge che Eaton avrebbe complessivamente nel mondo un fatturato, nel 2013, di ben 22 miliardi di dollari, e sul loro sito evidenziano che è stata nominata come una delle aziende più etiche del mondo dalla rivistaE…

Clara Petacci è stata violentata ?

Chi è Clara Petacci? Chi sono i Partigiani? Domande legittime, anzi doverose perchè le nuove generazioni non conoscono la storia, e quando leggi che per molti studenti tedeschi Hitler altro non era che un democratico, allora comprendi che quando si parla di tematiche calde e delicate che hanno segnato la storia del secolo scorso, non si deve mai dare nulla per scontato. Nella serata del 6 luglio 2012 Rai tre,conosciuto come canale di sinistra, oggi io direi sinistra sinistrata, ha trasmesso un programma storico interessante che riguardava la Marcia su Roma, la morte ed i misteri di Mussolini. Il programma era la Grande Storia. Ha voluto conferire una diversa visione della verità storica ufficiale conferendo grande credito a teorie sostenute specialmente dai nostalgici del fascismo. Certo la storia o meglio la verità storica per essere tale non dovrebbe essere politicizzata, ma ciò è a dir poco impossibile visto il funzionamento della società. Ieri sera mi son voluto mettere nei panni di un …