Passa ai contenuti principali

Gli omaggi della Camera dei deputati al Presidente Josip Broz Tito

Seduta del 6 maggio 1980, la Presidente Iotti si leva in piedi e con lei i deputati ed i membri del Governo. Debutterà con queste parole: “Onorevoli colleghi, la morte del Presidente Tito riempie il nostro animo di commozione e di profondo rammarico .Credo che questi siano i sentimenti comuni alla nostra Assemblea e agli uomini di pace e di progresso dinnanzi al compiersi di una esemplare vicenda umana e politica. Di questi sentimenti vogliamo rinnovare, ora e qui, la testimonianza all'amico popolo di Iugoslavia .Tito rientra nella storia del mondo moderno non solo come il capo di un popolo in lotta per la sua liberazione e indipendenza, ma anche come la guida di un paese che afferma, fra difficoltà e asprezze, la propria identità nazionale e cerca una strada originale per il proprio progresso”. Continuerà ricordando il ruolo di Tito, quale il suo essere “rivoluzionario e statista, Tito è stato il protagonista del travagliato ma ricco processo di affermazione di un'autonoma esperienza di socialismo fondata sui princìpi dell'autogestione”. Concluderà affermando che “nel rinnovare il nostro commosso cordoglio all'Assemblea della Repubblica federativa di Iugoslavia, auspichiamo che il popolo iugoslavo possa proseguire, in piena autonomia ed indipendenza, nel solco aperto dall'opera e dall'intelligenza del presidente Tito, il cammino sulla strada di progresso economico e civile ; e continui ad essere un grande punto di riferimento nell'interesse della pace in Europa e nel mondo”. Nel resoconto stenografico si leggerà: “Segni di generale consentimento. In questo momento di grande tristezza”. Prenderà, poi, la parola il democristiano Gaspari, ministro senza portafoglio, il quale ricorderà che “l'Italia si sente vicina ai popoli iugoslavi per la grave perdita che li ha colpiti e che li ha resi orfani di un uomo che aveva saputo condurre il suo paese lungo una direzione originale, sempre teso alla salvaguardia della sua indipendenza e alla ricerca del suo benessere. 
Gli va in parte riconosciuto il merito di aver attribuito una importanza prioritaria al superamento delle conseguenze di un passato drammatico e di essersi adoperato con tutto il peso della sua autorità per l'instaurazione di un nuovo clima tra le due sponde dell' Adriatico, non solo sul piano delle relazioni politiche, ma anche su quello dei contatti umani.
 I risultati di questa azione, cui collaborarono uomini eminenti di entrambi i paesi sono ora dinanzi ai nostri occhi. Sulla base dei princìpi dell'atto che ad Helsinki concluse la Conferenza per la sicurezza e la cooperazione europea, princìpi ribaditi, per quanto più direttamente ci riguarda, nel preambolo del trattato di Osimo, Italia e Iugoslavia hanno felicemente stabilito un modello esemplare di pacifiche e costruttive relazioni fra paesi governati da differenti sistemi socio-politici . Consolidare e sviluppare tale modello costituisce il migliore tributo che possiamo rendere alla memoria di Tito”. 
Poi, come è noto, la storia ha preso una piega diversa con il tracollo della Jugoslavia e con le immani responsabilità occidentali come emerse in tal senso.



fonte foto CNJ

Commenti

Post popolari in questo blog

Per la prima volta nella storia di Ronchi arriva l'antimafia

No, nessun effetto  cinematografico. Niente sirene spiegate, palette fuori dall'auto in corsa. Niente poliziotti con il passamontagna. Ma in una regione come il Friuli Venezia Giulia non più isola felice, ma presa di mira dalla camorra e dalla 'ndrangheta in particolar modo ,quando si realizzano cantieri ed opere di una certa rilevanza bisogna metterlo in conto. Cosa? L'accesso del gruppo interforze che ha la scopo di intervenire per prevenire infiltrazioni mafiose nei pubblici appalti. 
Il prefetto dispone accessi ed accertamenti nei cantieri delle imprese interessate all'esecuzione di lavori pubblici, avvalendosi, a tal fine, dei gruppi interforze  ed al termine degli accessi ed accertamenti disposti dal prefetto, il gruppo interforze redige, entro trenta giorni, la relazione contenente i dati e le informazioni acquisite nello svolgimento dell'attività ispettiva, trasmettendola al prefetto che ha disposto l'accesso. Il prefetto,  una volta acquisita la relaz…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Koper o Capodistria?Fiume o Rijeka?Merna o Miren?Londra o London? Trieste e Trst?

Esistono diversi processi di italianizzazione, i più noti sono quelli figli dell'abitudine, figli di quel modo di fare che hanno trasformato London in Londra, Berlin in Berlino, Barcelona in Barcellona, Marseille in Marsiglia ecc. Si dirà che è semplice traduzione. Fattore tipico di tutte le lingue. Poi vi sono luoghi che sono stati soggetti all'italianizzazione forzata tramite la nota opera nazionalfascista e di esempi ve ne sono a bizzeffe, se ne perde il conto, sia in Italia che in Slovenia che in Croazia che ovunque l'Italia abbia operato in tal modo.
Ad esempio Redipuglia  ha storpiato lo sloveno Sredipolje. In altri casi si utilizza l'italianizzazione per rispetto anche della comunità italiana che vi abita, non chiamare quei luoghi con il loro nome italiano significherebbe negare l'esistenza della comunità italiana, almeno per gli italiani autoctoni del luogo è così, pensiamo Capodistria il cui nome in sloveno è Koper, o Rijeka diventata Fiume. Italianizzazi…