Passa ai contenuti principali

Italia tra nuovo rischio default, nostalgia della lira e scontro generazionale


Il Fatto quotidiano ha ripreso la denuncia del giornalista finanziario Wolfgang Münchau pubblicata sul Financial times. 
Sia ben chiaro, non è che tutto quello che viene pubblicato sul e dal Financial times deve essere inteso come verità assoluta ma è innegabile l'importanza politica che gli editoriali e gli articoli che lì vengono pubblicati rivestono all'interno del sistema capitalistico occidentale. 
L' articolo di  Wolfgang Münchau  che è stato ripreso da diverse fonti giornalistiche internazionali, da un lato prende letteralmente a schiaffi la politica del Governo Renzi, a partire dalla questione licenziamenti e promesse, dall'altro lato rimette nelle mani della BCE la sopravvivenza a tempo dell'euro zona la cui vita dipenderebbe dall'Italia. 
Sembra di iniziare a rivivere lo stesso giochino che per lungo tempo ha massacrato la Grecia, se la Grecia esce dall'Unione Europea, rischia di crollare la UE. Intanto, di Grecia, Spagna, Portogallo, non si sa più niente, dimenticate, abbandonate a se stesse, dopo anni di attenzione mediatica. Da un lato l'attenzione mediatica serviva per legittimare la politica economica europea della rigidità, dall'altro per preparare il terreno per le elezioni politiche comunitarie, ma finito il periodo temporale, dopo aver imposto sacrifici immensi, enormi, ogni oltre sopportabilità, alle comunità di questi Paesi, l'oblio del sistema è inesorabilmente diventato realtà. Adesso si continua con l'Italia. Non è un mistero che in Italia qualcosa sia mutato nei confronti di Renzi. Premier non eletto, che si vanta del 40 % dei voti presi tra chi si è recato a votare, alle elezioni comunitarie, in ogni caso non ha maturato il 40 %  reale dei voti degli elettori italiani in toto, falsità comunicativa che ancora non si riesce a smontare. Questo qualcosa che è mutato risponde più a logiche di potere interno che di sistema e questo qualcosa condurrà forse prima del previsto ad una nuova campagna elettorale. Ritornando all'articolo di Wolfgang Münchau, come tradotto e ripreso dal Fatto quotidiano, si evidenziano alcuni passaggi significativi:“La situazione economica italiana è insostenibile e porterà a un default sul debito a meno che non ci sia un improvviso e duraturo cambiamento nella crescita. Se così non fosse, il futuro dell’Italia nell’eurozona sarebbe in dubbio, e di fatto lo sarebbe il futuro dell’euro stesso”.
Ricorda anche che l'Italia “non ha una banca centrale che possa finanziare con la moneta i suoi debiti”, “non ha un tasso di cambio da poter svalutare”. Quasi a denunciare che se in Italia ci fosse la lira forse i suoi problemi economici strutturali avrebbero qualche via di uscita? Ma ritornare alla lira significherebbe ammazzare l'euro ed ammazzare l'euro significherebbe far crollare l'Unione Europea, o meglio questa Unione Europea fondata sull'Euro. Ed allora la salvezza, ma non di salvezza a lungo termine trattasi, ma pro tempore, sarebbe nelle mani della BCE, che a parere del giornalista finanziario, dovrebbe comprare titoli di Stato italiani e “l’euro dovrebbe svalutarsi di circa il 60 per cento perché l’Italia possa ottenere una svalutazione di portata simile a quella del 1992, quando la lira lasciò temporaneamente il sistema monetario europeo“.
Roba fantascientifica, impensabile da conseguire, con questa situazione.
Insomma o lira, o default?
Intanto con la litania finalizzata a riconoscere diritti alle nuove generazioni precarie, si pretende la riduzione di diritti fondamentali ed acquisiti da una platea enorme di lavoratori e lavoratrici. Follia allucinante, ma che ha ben ipnotizzato diverse parti sociali. Invece di sradicare la precarietà, abolendola, si decide di renderla stabile penalizzando chi i diritti li ha avuti, mica per concessione poi, ma per dure lotte e conquiste, favorendo le condizioni per la realizzazione di un duro scontro generazionale.




Commenti

Post popolari in questo blog

Dopo Macerata si continua a sparare. Guai a ridimensionare o normalizzare

Questa è una storia che non parte da lontano, per dovere di sintesi sarò breve e conciso. Da questa estate in Italia si è iniziato a scoprire il problema del fascismo. Fino a quel momento, soprattutto da chi oggi si professa dall'alto della suo essere grado istituzionale antifascista, era ignorato se non avvallato. Si è denunciato il rischio di fascismo passando dalle vicende ridicole della spiaggia fascista di Chioggia, agli adesivi di Anna Frank, alle bottiglie o calendari con la foto di Mussolini o Hitler. Quando per anni ed anni in questo Paese si è realizzata una vera connivenza con le peggiori istanze, legittimandole, democratizzandole e favorendone la diffusione. Perchè, si è detto, la democrazia vale per tutti, anche per chi sputa veleno sociale.
Il guaio è che è stato pompato all'ennesima potenza un problema che c'era ma non era così forte, impattante. La propaganda che doveva portare a vedere in alcune soggettività una sorta di salvezza messianica in materia di…

E' necessario il (prodotto) made in Friuli Venezia Giulia prima di essere annientati dalla "globalizzazione"

Il made in Italy è diventato uno slogan che non dice più niente. Diventato più funzionale a quella retorica che ha fatto il male dell'Italia che alla tutela dell'Italia. Dall'arte, alla cucina, dall'agricoltura, alla moda e si potrebbe continuare. Nell'Italia di oggi si rimpiange ciò che non è più italiano. Hanno distrutto le campagne, hanno distrutto le coltivazioni storiche, è stato mescolato tutto, per arrivare all'assurdità di cortocircuiti propri di una società totalmente sballata. La globalizzazione nell'economia ha comportato il saccheggio dell'Italia, l'appropriazione indebita di ciò che ha reso unico il nostro Paese nel mondo per perderci nella nullità dell'essere più niente e nessuno.

Siamo bravi a decantare od osannare bellezze e miti e leggende che attraversano la storia di ciò che è arrivato, nel bene o nel male a determinare l'Italia. Un Paese fittiziamente unito, che deve la sua vera forza ai regionalismi, localismi, che non so…

Si è entrati nel terzo anno della ricerca della verità per Giulio Regeni, con la politica persa nel silenzio di comodo

"Non è possibile normalizzare i rapporti con uno stato che tortura, uccide e nasconde oltraggiosamente la verità, se non a scapito della credibilità politica del nostro Paese e di chi lo rappresenta". Queste sono le parole della famiglia di Giulio.
Una tempesta sotto forma di parole. Parole dure, ma figlie di quella rabbia comprensibile di chi altro non ha potuto fare che constatare l'effettiva resa dell'Italia all'Egitto criminale, dove si continua a morire, a sparire, ad essere torturati, come è successo a Giulio.  Si dovrebbe dare un vero e proprio ultimatum all'Egitto, pretendendo quelle piccole cose, elementi fondamentali, per chiudere il cerchio. Ma l'Egitto ha preso in giro l'Italia e Giulio e la sua famiglia da sempre, depistaggi, menzogne, calunnie, infamie. La politica italiana si è persa in un silenzio di comodo, quel silenzio che ha caratterizzato, salvo qualche formula di rito, anche le massime Istituzioni. E questo silenzio fa male e …