Passa ai contenuti principali

Italia tra nuovo rischio default, nostalgia della lira e scontro generazionale


Il Fatto quotidiano ha ripreso la denuncia del giornalista finanziario Wolfgang Münchau pubblicata sul Financial times. 
Sia ben chiaro, non è che tutto quello che viene pubblicato sul e dal Financial times deve essere inteso come verità assoluta ma è innegabile l'importanza politica che gli editoriali e gli articoli che lì vengono pubblicati rivestono all'interno del sistema capitalistico occidentale. 
L' articolo di  Wolfgang Münchau  che è stato ripreso da diverse fonti giornalistiche internazionali, da un lato prende letteralmente a schiaffi la politica del Governo Renzi, a partire dalla questione licenziamenti e promesse, dall'altro lato rimette nelle mani della BCE la sopravvivenza a tempo dell'euro zona la cui vita dipenderebbe dall'Italia. 
Sembra di iniziare a rivivere lo stesso giochino che per lungo tempo ha massacrato la Grecia, se la Grecia esce dall'Unione Europea, rischia di crollare la UE. Intanto, di Grecia, Spagna, Portogallo, non si sa più niente, dimenticate, abbandonate a se stesse, dopo anni di attenzione mediatica. Da un lato l'attenzione mediatica serviva per legittimare la politica economica europea della rigidità, dall'altro per preparare il terreno per le elezioni politiche comunitarie, ma finito il periodo temporale, dopo aver imposto sacrifici immensi, enormi, ogni oltre sopportabilità, alle comunità di questi Paesi, l'oblio del sistema è inesorabilmente diventato realtà. Adesso si continua con l'Italia. Non è un mistero che in Italia qualcosa sia mutato nei confronti di Renzi. Premier non eletto, che si vanta del 40 % dei voti presi tra chi si è recato a votare, alle elezioni comunitarie, in ogni caso non ha maturato il 40 %  reale dei voti degli elettori italiani in toto, falsità comunicativa che ancora non si riesce a smontare. Questo qualcosa che è mutato risponde più a logiche di potere interno che di sistema e questo qualcosa condurrà forse prima del previsto ad una nuova campagna elettorale. Ritornando all'articolo di Wolfgang Münchau, come tradotto e ripreso dal Fatto quotidiano, si evidenziano alcuni passaggi significativi:“La situazione economica italiana è insostenibile e porterà a un default sul debito a meno che non ci sia un improvviso e duraturo cambiamento nella crescita. Se così non fosse, il futuro dell’Italia nell’eurozona sarebbe in dubbio, e di fatto lo sarebbe il futuro dell’euro stesso”.
Ricorda anche che l'Italia “non ha una banca centrale che possa finanziare con la moneta i suoi debiti”, “non ha un tasso di cambio da poter svalutare”. Quasi a denunciare che se in Italia ci fosse la lira forse i suoi problemi economici strutturali avrebbero qualche via di uscita? Ma ritornare alla lira significherebbe ammazzare l'euro ed ammazzare l'euro significherebbe far crollare l'Unione Europea, o meglio questa Unione Europea fondata sull'Euro. Ed allora la salvezza, ma non di salvezza a lungo termine trattasi, ma pro tempore, sarebbe nelle mani della BCE, che a parere del giornalista finanziario, dovrebbe comprare titoli di Stato italiani e “l’euro dovrebbe svalutarsi di circa il 60 per cento perché l’Italia possa ottenere una svalutazione di portata simile a quella del 1992, quando la lira lasciò temporaneamente il sistema monetario europeo“.
Roba fantascientifica, impensabile da conseguire, con questa situazione.
Insomma o lira, o default?
Intanto con la litania finalizzata a riconoscere diritti alle nuove generazioni precarie, si pretende la riduzione di diritti fondamentali ed acquisiti da una platea enorme di lavoratori e lavoratrici. Follia allucinante, ma che ha ben ipnotizzato diverse parti sociali. Invece di sradicare la precarietà, abolendola, si decide di renderla stabile penalizzando chi i diritti li ha avuti, mica per concessione poi, ma per dure lotte e conquiste, favorendo le condizioni per la realizzazione di un duro scontro generazionale.




Commenti

Post popolari in questo blog

Quattro studentesse dell'Università di Padova in Egitto per una tesi. Era proprio indispensabile?

Circola in rete la notizia che  quattro ragazze Unipd vanno  “alla conquista” dell’Egitto, per lavorare alla loro tesi di laurea e frequentano il corso di Progettazione e gestione del turismo culturale, Dipartimento di Beni Culturali dell'Università di Padova. Si legge  con grande enfasi che  "La loro tesi si è concentrata sulla riprogettazione e sul riallestimento della Sala dei Cimeli nel Sacrario militare italiano. Il Sacrario è un edificio costruito per commemorare i caduti italiani durante le battaglie di El-Alamain, che si sono svolte nel 1942 durante la Seconda Guerra Mondiale."
Ora, non so se vi sono già state altre iniziative del genere da quando è stato assassinato Giulio Regeni, quello che so è che  il rettore dell'Università di Padova, Rosario Rizzuto, ha dedicato la giornata dell'inaugurazione del 794° anno accademico a Giulio Regeni con queste parole "Voglio inoltre ricordare in questa occasione con affetto e dolore Giulio Regeni, il g…

Quella sera a Ruda... e Giulio ci ha fatto conoscere il dolore degli altri

Una miscela di emozioni, di sentimenti. E' stato definito come il pellegrinaggio per la verità e giustizia per Giulio. Sempre costantemente in movimento Paola e Claudio ed ovunque vengono accolti, abbracciati, incontrano l'affetto dell'Italia vera, quella che non ha accettato e mai potrà accettare l'ignobile compromesso che ha portato al cambio di rotta repentino segnato dalla politica di Roma, mai tanto distante quanto ora dalla via della verità e giustizia per Giulio. La politica ha intrapreso la via della normalizzazione dei rapporti, neanche due anni son trascorsi. E son bastati per ritornare amici come prima se non più di prima. D'altronde, lo scrivono in tutte le lingue, Italia ed Egitto sono in rapporto amichevole da 2000 anni. Come a dire, vuoi che 2000 anni di storia vengano compromessi da Giulio?  Non da Giulio, ma da chi ne ha cagionato la morte, da chi ha determinato depistaggi, sviamenti, distrazioni, da chi ha cercato di auto-assolversi, passando in …

Quando venne soppressa la provincia di Gorizia perchè troppo slava e l'italianizzazione dei cognomi a Ronchi

Il libro il " fascismo di Confine" di Degrassi, pubblicato in collaborazione con il Comune di Ronchi, offre dei dati storici interessanti. Principalmente incentrato sulle vicende complessive del Confine Orientale e della Venezia Giulia, si addentra anche su come il fascismo ha condizionato e stravolto la vita soprattutto a Ronchi passata dalla provincia di Gorizia a quella di Trieste, a cui vi rimarrà fino al '47, per poi ritornare a quella di Gorizia successivamente fino all'attualità che la vede nell'UTI Carso Isonzo Adriatico.

Le elezioni del 1921 segnarono l'inizio della fine della provincia di Gorizia come determinatesi dopo la fine della grande guerra. In quel collegio vi erano 117 mila abitanti di lingua italiana, 193 mila di lingua slovena, pari al 60%, circa 4 mila di lingua tedesca e circa 5 mila di altre lingue . Dunque era una provincia a forte connotazione slovena. La batosta che verrà subita a livello elettorale dal primo blocco fascista, dove no…