Passa ai contenuti principali

Scuola: diminuire il rapporto tra studenti e docenti


Come hanno confermato tutte le indiscrezioni, il nuovo anno scolastico registra un buon incremento di iscrizioni ma non incrementerà, in proporzione, invece, la effettiva dotazione organica del personale. Nella scuola dell'infanzia le sezioni saranno costituite, sulla base del numero complessivo degli alunni iscritti, con un numero di bambini non superiore a 26 e non inferiore a 18, e si può arrivare in caso di eccedenze fino a 29 alunni per classe. Le classi di scuola primaria saranno costituite da non meno di 15 e non più di 26 bambini, elevabili a 27. Nelle zone di montagna e piccole isole il numero minimo scende da 15 a 10 bambini, mentre le pluriclassi dovranno essere costituite da non meno di 8 e non più di 18 bambini. Nelle scuole secondarie le classi prime saranno costituite, di norma, da non più di 27 alunni e non meno di 18. Le eventuali eccedenze sono ripartite fino ad un massimo di 28 alunni. Si costituisce una unica classe qualora il numero degli iscritti non supera le 30 unità.  Ovviamente si deve tenere conto del fatto che tutte le classi di ogni ordine e grado che accolgono alunni con disabilità, comprese le sezioni di scuola dell'infanzia, sono costituite “di norma” con non più di 20 alunni a condizione che sia esplicitata e motivata la necessità di riduzione numerica di ciascuna classe. Ora, non potendosi comparare questa situazione con quella europea, perché, a parer mio, ogni Paese ha la sua specificità, e poi non è detto che rientrare nella media europa significa che il tutto sia funzionale ad una scuola pubblica efficiente, il rapporto tra studenti e docenti, in Italia, è elevato. Andrebbe se non dimezzato, certamente ridotto nella misura di almeno un buon 30/40% e così facendo sicuramente si risolverebbe anche buona parte del problema del precariato. Classi dignitose, rapporto studenti docenti dignitoso, didattica e formazione dignitosa, insomma si potrebbe realmente, in un colpo solo, risolvere gran parte dei problemi che caratterizzano il mondo della scuola, da quello della didattica in relazione alle classi affollate, a quello della sicurezza, a quello della necessità di seguire studenti con difficoltà o disabilità a quello della precarietà. Si dirà, ma le risorse non ci sono.  Non è assolutamente vero. Più di una volta si è detto e denunciato, anche a livello internazionale, che l'Italia investe poco nel settore complessivo dell'istruzione. E' una questione di volontà politica e di sistema. Si può fare come si fatto, per esempio, per alcune opere pubbliche, ovvero considerare la scuola come settore strategico nazionale affinché si possano sbloccare in via prioritaria risorse sostanziali aggiuntive.
Poi se si vuole preservare nella politica della distruzione dell'istruzione, con tutti gli annessi e connessi, che altro aggiungere? A pensarci bene una cosa da aggiungere ci sarebbe, invece di ridurre il rapporto studenti docenti, il sistema pensa di ridurre la durata del ciclo scolastico e del percorso di studi.

Commenti

Post popolari in questo blog

Minoranza linguistica slovena, in Italia si guarda al modello danese?

Se c'è una cosa che andrà ricordata quasi come si ricordava l'Ave Maria è che se il FVG può vantare la sua specialità, il suo essere Regione a Statuto speciale è prevalentemente se non esclusivamente per il suo plurilinguismo. Oramai, è ahimè una constatazione di fatto, la lingua tedesca è parlata in pochissimi casi e realtà, si è fatto poco o nulla per difenderla ed incentivarla, resistono invece lo sloveno ed il friulano, nonostante siano tante le mancanze a partire dal bilinguismo visivo soprattutto violato nei confronti degli sloveni. Su 216 Comuni  in FVG la minoranza linguistica friulana è presente in 175 comuni, quella slovena in 32 e quella germanica in 5, cioè la quasi totalità dei Comuni ha una "minoranza linguistica". E visto che la minoranza germanica è a rischio di estinzione, l'attenzione deve essere alta.

E' un dato di fatto che in Italia vi è un deficit di democrazia importante, basta guardare le elezioni di marzo 2018, pochi mesi di campagna…

Altro che la storiella degli "immigrati"che portano via il lavoro, chiude Eaton a Monfalcone

L'Isontino e la Bisiacaria sono un territorio politicamente debole, economicamente depresso. Vi è un tasso di disoccupazione impressionante, il numero di chi non cerca più lavoro è in costante crescita rispetto ad una popolazione che continua a diminuire. Perdere un posto di lavoro nell'Isontino è un gran guaio, perderne un centinaio, ancora, è un disastro sociale enorme, immane, perchè il lavoro qui non c'è, nonostante qualcuno racconti storielle diverse e presenti tanti segni più che in Italia ed in FVG non rappresentano la realtà delle cose. La realtà ci dice che il lavoro è una emergenza e che quando un territorio è politicamente inconsistente i grandi colossi avranno autostrade spianate per procedere con le delocalizzazioni e chiusure dei propri siti. Si legge che Eaton avrebbe complessivamente nel mondo un fatturato, nel 2013, di ben 22 miliardi di dollari, e sul loro sito evidenziano che è stata nominata come una delle aziende più etiche del mondo dalla rivistaE…

Clara Petacci è stata violentata ?

Chi è Clara Petacci? Chi sono i Partigiani? Domande legittime, anzi doverose perchè le nuove generazioni non conoscono la storia, e quando leggi che per molti studenti tedeschi Hitler altro non era che un democratico, allora comprendi che quando si parla di tematiche calde e delicate che hanno segnato la storia del secolo scorso, non si deve mai dare nulla per scontato. Nella serata del 6 luglio 2012 Rai tre,conosciuto come canale di sinistra, oggi io direi sinistra sinistrata, ha trasmesso un programma storico interessante che riguardava la Marcia su Roma, la morte ed i misteri di Mussolini. Il programma era la Grande Storia. Ha voluto conferire una diversa visione della verità storica ufficiale conferendo grande credito a teorie sostenute specialmente dai nostalgici del fascismo. Certo la storia o meglio la verità storica per essere tale non dovrebbe essere politicizzata, ma ciò è a dir poco impossibile visto il funzionamento della società. Ieri sera mi son voluto mettere nei panni di un …