Passa ai contenuti principali

Scuola: arriverà l' ennesima consultazione “pubblica” visionaria?

Il 29 agosto Matteo Renzi, su twitter, ha scritto: “ tutto il percorso sulla scuola sarà partecipato. Non la solita riforma che cala dall'alto. Aspetta qualche giorno e vedrai”. Il 25 agosto il Ministro Giannini, sempre su twitter scriveva: “Il 29 agosto presenteremo 'visione' governo su scuola. Seguirà provvedimento in costruzione da mesi”. Come è noto, a quanto pare per contrasti politici “interni” in merito al modo in cui deve essere superato il regime scuola paritarie/statali, senza dimenticare che recentemente è stato adottato un provvedimento che ha previsto l'esenzione, per esempio, in tema di IMU,a favore della quasi totalità delle scuole “paritarie”che in sostanza equipara totalmente anche dal punto di vista fiscale la scuola pubblica con quella privata, il pacchetto rivoluzionario della e sulla scuola è stato rinviato. Il vero succo della riforma della scuola riguarderà proprio questo aspetto, gli altri aspetti, su cui si è discusso e si continua a discutere, sono certamente importanti, ma dal punto di vista politico etico e sociale, il superamento scuole paritarie/pubbliche sarebbe una vittoria immensa che neanche la Dc è riuscita a conseguire, per i poteri cattolici di questo Paese e lobby collegate ed una sconfitta enorme per il fronte laico. Si parla di una riforma rivoluzionaria che non verrà dunque calata dall'alto. Ci hanno già abituati a pseudo consultazioni pubbliche, su cui avevo già scritto in passato, ben evidenziando il senso dell'apparenza di queste operazioni e che tagliano fuori una platea a dir poco considerevole, in particolar modo quella che non ha accesso ad internet od al computer, senza dimenticare che non si comprende con quali criteri si valutano i suggerimenti inviati e con molto probabilità i dissensi, che non si armonizzano con l'architettura della riforma come decisa dall'alto, a colpi di click verranno cestinati. Per visionario, nella sua interpretazione estensiva, si può intendere, colui che immagina e ritiene vere cose non rispondenti alla realtà. E sicuramente non sarà corrispondente alla realtà il fatto che questa riforma non venga calata dall'alto. Penso per esempio al CDM del 29 agosto  che se per caso è realmente chiamato a definire i provvedimenti sulla giustizia e/o sblocca Italia come si "armonizzerà" con la consultazione ancora in itinere in materia? La cosa interessante, infatti, è che, il programma “rivoluzionario” del Governo, prevedeva la consultazione pubblica fino al 31 agosto 2014 per partecipare alle consultazioni pubbliche sulle linee guida dello "Sblocca Italia" e della riforma della Giustizia, inviando il proprio contributo scrivendo a rivoluzione@governo.it (specificare nell’oggetto della e-mail: "sblocca Italia" o "riforma della giustizia") . Probabilmente sarà anche questa la procedura che riguarderà la scuola. Certamente è difficile scrivere riforme non calate dall'alto, ben tenendo conto di cosa oggi significhi rappresentanza, il concetto della rappresentanza, politica e sindacale, per come normata, taglia fuori una platea considerevole di soggettività, siano esse politiche che sindacali, appunto, privandole anche dei diritti considerati e correlati al concetto di rappresentanza e rappresentatività. Sicuramente le nuove tecnologie possono essere un valore aggiunto, ma si deve capire a cosa e per cosa. Ad oggi, se valore aggiunto sono e saranno, sicuramente, per come strutturato il sistema, astratto nella sua immaginazione, concreto nella sua azione, lo sono e lo saranno per la coltivazione della parvenza della democrazia e la contestuale legittimazione del proprio operato. Esistono siti internet, che da anni ed anni si occupano di scuola, che ben lasciano trapelare quali sono gli indirizzi ed i sentimenti di chi opera nella scuola, e sicuramente, almeno per le solite ed immancabili anticipazioni che sono emerse, in merito al pacchetto scuola, sembrano non rispecchiare per nulla la volontà maggioritaria di chi opera nel comparto scuola su diversi fronti, sembrano invece essere perfettamente in linea con quel disegno che vuole perfezionare la scuola azienda con l'introduzione di concetti, principi,norme che ben si conciliano con la privatizzazione della scuola pubblica. Insomma una cosa è certa, la rottamazione senza i rottamati non può andare avanti ed il vero potere è nella mano dei rottamati ed i rottamati battono da anni sempre lo stesso chiodo, dunque nessun stupore e nessuna sorpresa o meraviglia, ci saranno invece molte conferme per nulla sorprendenti, per molti aspetti preoccupanti. Forse è il caso di interrogarsi seriamente su cosa si voglia intendere con democrazia e partecipazione, perché democrazia e partecipazione sono delle cose serie, mica principi con cui giocare od illudere od ingannare le persone ed a questo punto sperare che i mille giorni di te(governo) senza me( cittadino) di passione possano finire, in modo indolore per tutti noi, il prima possibile.











Commenti

Post popolari in questo blog

Con i confini della giusta sconfitta di Caporetto l'Italia oggi si fermerebbe a Treviso

Dal dannunzianesimo in poi, passando per retoriche risorgimentali estremizzate, irredentismi radicali, simulati patriottismi, l'Italia decise di aggredire l'Impero Austro Ungarico, occupando terre non italiane, anche se forse si poteva pur parlare l'italiano, anche se prevalentemente si parlavano dialetti locali oltre ovviamente allo sloveno, il tedesco, il friulano. Dove vi potevano essere radici latine, risalenti anche all'Impero Romano, ma non è che ovunque l'Impero Romano mise piede era da considerarsi Italia, perchè allora dovrebbero rivendicare anche l'Azerbaigian, senza dimenticare che l'Italia si formerà come Stato unitario poi solo nel 1861. Audacia, tenacia, scippati dalla terra contadini, ragazzi, famiglie senza più i loro figli, mandati a morire nel nome del niente. Arroganza, gestione criminale del conflitto, per conquistare fazzoletti di terra che ancora oggi si sentono poco italiani, perchè l'Italia è giovane, l'Italia unita si è fat…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

A Trieste chiude la libreria indipendente IN DER TAT, Davide questa volta ha perso contro Golia

"IN DER TAT“, prendendo in prestito un concetto che il filosofo Hegel riferiva alla cultura, significa in atto, in evoluzione. E’ per questo motivo che l’abbiamo scelto come nome per la nostra libreria, proprio perché pensiamo alla cultura come qualcosa in continuo mutamento(...)". Questo è quello che leggi nel sito di questa libreria, situata nella zona Cavana di Trieste, non più un bordello ottocentesco, ma un rione oramai destinato ad essere fashion, riqualificato, perfetto, una vetrina nella vetrina di Trieste, che ha snaturato la sua storia, che forse viene ricordata dalla statua di Svevo, niente di più. Una libreria che ha segnato per anni ed anni la storia di questo rione, un punto di riferimento culturale, sociale per triestini e non, appuntamenti di gran rilievo, dibattiti e confronti su più materie, i libri prendevano forma, vita attraverso anche gli incontri, le relazioni. Una libreria relazionale. Con il vecchio libraio o vecchia libraia, non per questione ana…