Passa ai contenuti principali

Mentre le città vanno in dissesto finanziario, a Sistiana nasce il paese presepe per ricchi


Ho recentemente sentito mia madre al telefono, che vive a Vibo Valentia, e mi ha raccontato l'ennesima situazione degradante in cui si trova quella città, montagne di rifiuti non raccolti e diverse presenze di topi, per nulla disturbati dalla presenza umana, anzi probabilmente ringrazieranno gli esseri umani per la loro imbecillità nella gestione del sistema sociale. Comune che si trova, tra le altre cose, in una provincia, quale quella di Vibo, che, con deliberazione commissariale del 2013, ha dichiarato il dissesto finanziario. Percorri più di mille chilometri ed a Gorizia vedi che esiste l'emergenza scuola, scuole che cadono letteralmente a pezzi, e centinaia di studenti e docenti si troveranno a vivere il nuovo anno scolastico in una situazione indegna per un paese civile. A neanche 30 km da Gorizia, Trieste, camminando in qualsiasi ora nella zona di Piazza della Libertà ed ex Silos, ecco decine di persone senza un tetto ove poter dormire, accontentarsi di una scatola ed una coperta presa chissà dove, per non parlare del problema sociale case sfitte e di persone in difficoltà, sempre di più, a rischio sfratto. Basterebbe mezzo cartellino di un giocatore di una squadra di calcio di Serie A per risolvere molte emergenze che uccidono i Comuni e le città italiane. Ma non è questo il mondo della giustizia sociale e con il capitalismo come potrebbe essere altrimenti? Ed ecco che a Sistiana, dopo la morte della cava, nasce un paese per ricchi, Portopiccolo. 
Ben e forse anche oltre 245 milioni di euro per l'edificazione di tante case, ove la pietra e di buona qualità è dominante, dall'architettura moderna, dall'alta tecnologia ed elevato risparmio energetico e dal costo proibitivo per qualsiasi comune mortale. 





Non vi è ad oggi neanche una fontana, neanche un parco giochi per i bambini, almeno io non li ho visti, ma sono previste una ventina di attività commerciali, molto delle quali già operative, e l'hotel di mega lusso, il primo a 5 stelle lusso del Friuli Venezia Giulia. Sembra di essere all'interno di un plastico gigante, a dimensione “umana”. Colori freddi che vorrebbero ricucire l'aspetto paesaggistico del costone costiero, verde quasi inesistente e la nuova insenatura può essere una soluzione in armonia con l'ambiente marino per la rivitalizzazione del luogo? Pare invece costituire una forte alterazione del paesaggio naturale, già violentato dalla cava. Tra Beach Club e posti barca, ad oggi vuoti, ma probabilmente non per molto tempo, e piscine e piazzette, e case, per ora ( si presume) disabitate, si è realizzato un paese a forma di presepe, per ricchi. E' questa la sensazione che hai dopo aver visto e visitato Portopiccolo.  Una sorta di rifugio selettivo, seppur aperto al pubblico, per ovvie ragioni di propaganda e di “accettazione” di quell'artificio, altamente riservato. La baia di Sistiana seguirà il destino della baia di Cigale sull'isola di Lussino? I grandi capitalisti, i ricchi, prima si comprano le ville, poi arrivano con i mega alberghi, e poi, ovviamente, non volendosi confondere con la gente comune e dovendo attuare una sorta di selezione, e la selezione viene effettuata attraverso il danaro, compreranno pezzi di spiaggia, di litorale,oppure semplicemente prendendoli in gestione, una gestione che altro effetto non avrà che limitare l'accesso al bene comune, pardon ex bene comune. Portopiccolo, nato in pochissimo tempo, forse in tempo record, pochi anni di lavoro, un centinaio di posti di lavoro, deve essere un momento ed un monumento di riflessione sociale e politica seria. 245 milioni per edificare in un luogo ove l'edificazione non era certamente necessaria, 245 milioni per realizzare un paese per ricchi, nel tempo in cui i Comuni e le città d'Italia e non solo d'Italia non riescono più a soddisfare le esigenze minime ed i servizi minimi essenziali. Quanto può reggere ancora questa situazione? E se Portopiccolo fallirà, cosa improbabile, ma nella vita mai dire mai, cosa si dovrà fare con tutte quelle case? Eppure i casoni Quarantia, in legno, di Staranzano, dopo una vicenda lunga, complessa e difficile, sono stati demoliti, perché a detta di alcuni "esperti" turbavano l'ambiente ed erano considerati non compatibili con  la riserva naturale della Foce dell’Isonzo costituita oltre una decina d'anni dopo la loro edificazione. Ma i casoneri non erano mica ricchi proprietari, solo cittadini comuni e senza "santi in paradiso". Ma a Portopiccolo questo problema non si pone,anche perché lì non si avrà a che fare con comuni o squattrinati cittadini, eppure sarebbe bastato poco per recuperare l'area della cava dismessa, avviare una riqualificazione, che non deve fare per forza di cose rima con speculazione, del tratto di costa considerato per ripristinare la naturale bellezza, oggi seriamente compromessa da quel buco enorme riempito da colate di cemento e da quello che sembra essere un plastico extra-large oppure un presepe per ricchi e che qualcuno ha battezzato come la mini Monte Carlo del Nord Est.  

Che l'attenzione comunque rimanga massima, perché Portopiccolo è solo l'inizio di una trasformazione selettiva che rischia di subire l'intera area della baia di Sistiana, e la baia di Cigale di Lussino insegna. E se questi sono i modelli da inseguire e perseguire nella nuova Europa,certamente vanno fermati quando possibile ed ostacolati nel nome dell'interesse comune e generale. Intanto, qualcuno ha proposto,satiricamente, di aprire l'osmiza in Portopiccolo. Forse un buon bicier de vin ed una bella fetta di salame, sarà utile per digerire l'indigeribile.


Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

Con i confini della giusta sconfitta di Caporetto l'Italia oggi si fermerebbe a Treviso

Dal dannunzianesimo in poi, passando per retoriche risorgimentali estremizzate, irredentismi radicali, simulati patriottismi, l'Italia decise di aggredire l'Impero Austro Ungarico, occupando terre non italiane, anche se forse si poteva pur parlare l'italiano, anche se prevalentemente si parlavano dialetti locali oltre ovviamente allo sloveno, il tedesco, il friulano. Dove vi potevano essere radici latine, risalenti anche all'Impero Romano, ma non è che ovunque l'Impero Romano mise piede era da considerarsi Italia, perchè allora dovrebbero rivendicare anche l'Azerbaigian, senza dimenticare che l'Italia si formerà come Stato unitario poi solo nel 1861. Audacia, tenacia, scippati dalla terra contadini, ragazzi, famiglie senza più i loro figli, mandati a morire nel nome del niente. Arroganza, gestione criminale del conflitto, per conquistare fazzoletti di terra che ancora oggi si sentono poco italiani, perchè l'Italia è giovane, l'Italia unita si è fat…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

A Trieste chiude la libreria indipendente IN DER TAT, Davide questa volta ha perso contro Golia

"IN DER TAT“, prendendo in prestito un concetto che il filosofo Hegel riferiva alla cultura, significa in atto, in evoluzione. E’ per questo motivo che l’abbiamo scelto come nome per la nostra libreria, proprio perché pensiamo alla cultura come qualcosa in continuo mutamento(...)". Questo è quello che leggi nel sito di questa libreria, situata nella zona Cavana di Trieste, non più un bordello ottocentesco, ma un rione oramai destinato ad essere fashion, riqualificato, perfetto, una vetrina nella vetrina di Trieste, che ha snaturato la sua storia, che forse viene ricordata dalla statua di Svevo, niente di più. Una libreria che ha segnato per anni ed anni la storia di questo rione, un punto di riferimento culturale, sociale per triestini e non, appuntamenti di gran rilievo, dibattiti e confronti su più materie, i libri prendevano forma, vita attraverso anche gli incontri, le relazioni. Una libreria relazionale. Con il vecchio libraio o vecchia libraia, non per questione ana…