Passa ai contenuti principali

Trieste e la cittadinanza onoraria a Mussolini

Lì a Trieste ove il 18 settembre 1938 Mussolini, innanzi a duecentomila persone, annunciava le infami leggi Razziali, lì accanto alla fontana dei Quattro continenti, che in quel nefasto anno venne rimossa per liberare la piazza da ogni fisico e materiale ostacolo alla proclamazione dell'infamia del Regime, alle 12 e 15 del 18 settembre 2013 verrà scoperta,  la targa che ricordava quel triste ma reale momento. Un gesto lungo 75 anni. Un gesto che vale ogni emozione. Corre quella targa in diagonale perdendosi e confondendosi con le pietre di Piazza dell'Unità, rischia di essere invisibile ed inosservata, così come invisibili ed inosservate furono milioni di persone. Sarebbe bastato svelare l'indifferenza dal mantello dell'omertà, sarebbe bastato osservare per conoscere la disumanità che giorno dopo giorno ora dopo ora attimo dopo attimo invadeva ogni strada e contrada di quell'Italia conquistata dal diabolico male per salvare la vita a milioni di essere umani. Corre in diagonale riflettendo le nuvole del cielo, il sole triestino, emozioni e pensieri che scivoleranno via non più verso l'indifferenza ma verso il cuore delle persone per ricordar loro che di male ed odio si può perire. Acciaio duro e rigido come la violenza che si è abbattuta contro milioni di esseri umani, e che conduce verso le mura di quel nefasto forno crematorio della Risiera di San Sabba.  Ma a quanto pare, il 20 maggio del 1924, a Trieste, venne conferita la cittadinanza onoraria a Mussolini. Tra il 17 maggio ed il 24 maggio del 1924, per diversi motivi, spesso opportunistici, penso al caso di Ronchi dove la cittadinanza a Mussolini venne conferita per sollecitare il cambio della denominazione in Ronchi “dei legionari”, come voluta dal consiglio comunale fascista, in Italia si è registrata una mera ondata di cittadinanze riconosciute a Mussolini. Erano i giorni del censimento dei sovversivi,comunisti, repubblicani, socialisti, anarchici, erano i giorni dove le violenze fasciste continuavano indisturbate,ma erano anche i giorni di turbamento per il fascismo in relazione ad un grande scandalo petrolifero che emerse sulla stampa, ma erano anche i giorni che anticipavano la nuova legislatura, la XXVII legislatura, che alcuni giornali di quel tempo intitolavano dalla monarchia democratica alla monarchia fascista, vista l'esaltazione del fascismo come manifestata, nel discorso reale, con un discorso fascista nella forma e nella sostanza da parte del Re Vittorio Emanuele III. Insomma vi è stata una corsa alla cittadinanza onoraria a Mussolini non in modo casuale, ma in modo coordinato e voluto,come atto di fedeltà a quel fascismo che viveva momenti di turbolenza, come atto di fedeltà a quel Mussolini che si apprestava a vivere la nuova legislatura. Facendo una ricerca nell'archivio storico dell'Unità, è emerso, in un piccolo trafiletto nel giornale del 18 maggio del 1924, che il consiglio comunale di Trieste il giorno 20 maggio sarebbe stato convocato per conferire la cittadinanza onoraria a Mussolini. Probabilmente, è stata conferita in quel giorno e probabilmente mai revocata. Sarebbe il caso di revocarla anche a Trieste, seguendo l'esempio di Ronchi e di motivi ve ne sono a centinaia, e poi la cittadinanza onoraria a Mussolini come potrebbe essere compatibile con quella targa che ricorda l'infamia delle leggi razziali e tutto ciò che essa rappresenta? Per non parlare del fatto che Trieste è territorio multietnico, dove esiste la minoranza slovena, ma anche diverse comunità slavofone, che tante violenze hanno subito per mano fascista, per via dei processi di italianizzazione. Segnalo, tra le altre cose, che in quel periodo il Senatore Federico Pietro Ricci Consigliere comunale a Genova e poi sindaco, dal 27 novembre 1920 al 17 maggio 1924, si dimise volontariamente per opporsi proprio alla richiesta di concessione della cittadinanza onoraria a Benito Mussolini.
Aggiornamento:

Dunque il tutto resta un mistero, od il consiglio comunale di Trieste, il 20 maggio del 1924 non l’ha conferita, caso più unico che raro in quel tempo, oppure è stata conferita e poi revocata ma non si conosce il quando, oppure è stata conferita,non revocata, e semplicemente non inserita nell'elenco citato…Vedremo come continuerà questa vicenda.

Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

Con i confini della giusta sconfitta di Caporetto l'Italia oggi si fermerebbe a Treviso

Dal dannunzianesimo in poi, passando per retoriche risorgimentali estremizzate, irredentismi radicali, simulati patriottismi, l'Italia decise di aggredire l'Impero Austro Ungarico, occupando terre non italiane, anche se forse si poteva pur parlare l'italiano, anche se prevalentemente si parlavano dialetti locali oltre ovviamente allo sloveno, il tedesco, il friulano. Dove vi potevano essere radici latine, risalenti anche all'Impero Romano, ma non è che ovunque l'Impero Romano mise piede era da considerarsi Italia, perchè allora dovrebbero rivendicare anche l'Azerbaigian, senza dimenticare che l'Italia si formerà come Stato unitario poi solo nel 1861. Audacia, tenacia, scippati dalla terra contadini, ragazzi, famiglie senza più i loro figli, mandati a morire nel nome del niente. Arroganza, gestione criminale del conflitto, per conquistare fazzoletti di terra che ancora oggi si sentono poco italiani, perchè l'Italia è giovane, l'Italia unita si è fat…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

A Trieste chiude la libreria indipendente IN DER TAT, Davide questa volta ha perso contro Golia

"IN DER TAT“, prendendo in prestito un concetto che il filosofo Hegel riferiva alla cultura, significa in atto, in evoluzione. E’ per questo motivo che l’abbiamo scelto come nome per la nostra libreria, proprio perché pensiamo alla cultura come qualcosa in continuo mutamento(...)". Questo è quello che leggi nel sito di questa libreria, situata nella zona Cavana di Trieste, non più un bordello ottocentesco, ma un rione oramai destinato ad essere fashion, riqualificato, perfetto, una vetrina nella vetrina di Trieste, che ha snaturato la sua storia, che forse viene ricordata dalla statua di Svevo, niente di più. Una libreria che ha segnato per anni ed anni la storia di questo rione, un punto di riferimento culturale, sociale per triestini e non, appuntamenti di gran rilievo, dibattiti e confronti su più materie, i libri prendevano forma, vita attraverso anche gli incontri, le relazioni. Una libreria relazionale. Con il vecchio libraio o vecchia libraia, non per questione ana…