Passa ai contenuti principali

#Calcio: La corazzata Chelsea favorita per la Premier League ma non può fallire la Champions

José Mourinho probabilmente allenerà la formazione più forte che il Chelsea Football Club ricordi in questi ultimi anni. Il campionato inglese vedrà cinque o sei formazioni contendersi lo scudetto, ma con giocatori e squadre con una qualità impressionante, per non parlare del loro valore di mercato. Valore e qualità che le squadre italiane, in questo momento, possono solo sognarsi. Il Chelsea punterà sulla vecchia e cara Coppa Campioni, ovvero l'attuale Champions League? Sì, punterà per arrivare almeno in finale e Mourinho questo ben lo sa. Il Chelsea,che in Italia ha come rivale, a livello statistico il vecchio e caro Vicenza, per altro, prima squadra italiana ad avere una proprietà straniera, è una formazione che ha un grande equilibrio, ma anche esplosive potenzialità, dalla difesa, al centrocampo, all'attacco. Certamente l'obiettivo primario è vincere, dominandola, la Premier League, titolo che manca ai blues dalla stagione 2009/10 e forse l'allenatore portoghese, rimpianto da tanti tifosi interisti, vuole replicare proprio quella emozionante impresa che ha visto il Chelsea vincere il campionato per un solo punto di vantaggio sul Manchester Utd e la Champions con Roberto Di Matteo, anche questa vinta all'ultimo respiro, in quella notte di fuoco in Germania  nel 19 maggio 2012, ma con maggiore tranquillità rispetto al passato. Insomma il primo avversario del Chelesa, in questa nuova stagione, sarà proprio il Chelsea stesso e se saprà gestire le sue ambizioni senza cadere nella presunzione od arroganza, sicuramente Mourinho e squadra potranno sancire un nuovo record nel club di Londra che vanta importanti successi a livello internazionale e che vede crescere con significativa costanza i propri tifosi anche oltre i confini londinesi.


Commenti

Post popolari in questo blog

Un maledetto 17 agosto a Barcellona

Ci sono cose nella vita che non dimenticherai mai e quanto accaduto in un caldo ed apparentemente tranquillo agosto a Barcellona è una di quelle cose che non metabolizzerai per lungo tempo. Hai la fortuna di poterlo in parte raccontare, anche se non sai bene cosa raccontare. Sei a pochi metri dalla interminabile e costante folla della Rambla. Vedi decine e decine di persone a passo spedito venire contro la tua direzione. In un primo momento pensi che vai sempre controcorrente. Poi arriva la polizia, di corsa, chiude la via nella quale ti trovi, una laterale della Rambla. Una delle tante. Non riesci al momento a collegare. Anche se sai che nel mondo la situazione è tesa. Ma sei a Barcellona, pensi. Un luogo sicuro.
Poi l’inevitabile ti si presenta come un cazzotto devastante nello stomaco. Attentato. Terrorismo. Panico totale. Cerchi le persone a te più care, fino a quando non le trovi e non le rintracci non sei "tranquillo".
Cerchi di capire come comportarti. Cosa fare. Cosa…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Barcellona, il giorno dopo il 17 agosto