Passa ai contenuti principali

#Calcio: La corazzata Chelsea favorita per la Premier League ma non può fallire la Champions

José Mourinho probabilmente allenerà la formazione più forte che il Chelsea Football Club ricordi in questi ultimi anni. Il campionato inglese vedrà cinque o sei formazioni contendersi lo scudetto, ma con giocatori e squadre con una qualità impressionante, per non parlare del loro valore di mercato. Valore e qualità che le squadre italiane, in questo momento, possono solo sognarsi. Il Chelsea punterà sulla vecchia e cara Coppa Campioni, ovvero l'attuale Champions League? Sì, punterà per arrivare almeno in finale e Mourinho questo ben lo sa. Il Chelsea,che in Italia ha come rivale, a livello statistico il vecchio e caro Vicenza, per altro, prima squadra italiana ad avere una proprietà straniera, è una formazione che ha un grande equilibrio, ma anche esplosive potenzialità, dalla difesa, al centrocampo, all'attacco. Certamente l'obiettivo primario è vincere, dominandola, la Premier League, titolo che manca ai blues dalla stagione 2009/10 e forse l'allenatore portoghese, rimpianto da tanti tifosi interisti, vuole replicare proprio quella emozionante impresa che ha visto il Chelsea vincere il campionato per un solo punto di vantaggio sul Manchester Utd e la Champions con Roberto Di Matteo, anche questa vinta all'ultimo respiro, in quella notte di fuoco in Germania  nel 19 maggio 2012, ma con maggiore tranquillità rispetto al passato. Insomma il primo avversario del Chelesa, in questa nuova stagione, sarà proprio il Chelsea stesso e se saprà gestire le sue ambizioni senza cadere nella presunzione od arroganza, sicuramente Mourinho e squadra potranno sancire un nuovo record nel club di Londra che vanta importanti successi a livello internazionale e che vede crescere con significativa costanza i propri tifosi anche oltre i confini londinesi.


Commenti

Post popolari in questo blog

Con i confini della giusta sconfitta di Caporetto l'Italia oggi si fermerebbe a Treviso

Dal dannunzianesimo in poi, passando per retoriche risorgimentali estremizzate, irredentismi radicali, simulati patriottismi, l'Italia decise di aggredire l'Impero Austro Ungarico, occupando terre non italiane, anche se forse si poteva pur parlare l'italiano, anche se prevalentemente si parlavano dialetti locali oltre ovviamente allo sloveno, il tedesco, il friulano. Dove vi potevano essere radici latine, risalenti anche all'Impero Romano, ma non è che ovunque l'Impero Romano mise piede era da considerarsi Italia, perchè allora dovrebbero rivendicare anche l'Azerbaigian, senza dimenticare che l'Italia si formerà come Stato unitario poi solo nel 1861. Audacia, tenacia, scippati dalla terra contadini, ragazzi, famiglie senza più i loro figli, mandati a morire nel nome del niente. Arroganza, gestione criminale del conflitto, per conquistare fazzoletti di terra che ancora oggi si sentono poco italiani, perchè l'Italia è giovane, l'Italia unita si è fat…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

A Trieste chiude la libreria indipendente IN DER TAT, Davide questa volta ha perso contro Golia

"IN DER TAT“, prendendo in prestito un concetto che il filosofo Hegel riferiva alla cultura, significa in atto, in evoluzione. E’ per questo motivo che l’abbiamo scelto come nome per la nostra libreria, proprio perché pensiamo alla cultura come qualcosa in continuo mutamento(...)". Questo è quello che leggi nel sito di questa libreria, situata nella zona Cavana di Trieste, non più un bordello ottocentesco, ma un rione oramai destinato ad essere fashion, riqualificato, perfetto, una vetrina nella vetrina di Trieste, che ha snaturato la sua storia, che forse viene ricordata dalla statua di Svevo, niente di più. Una libreria che ha segnato per anni ed anni la storia di questo rione, un punto di riferimento culturale, sociale per triestini e non, appuntamenti di gran rilievo, dibattiti e confronti su più materie, i libri prendevano forma, vita attraverso anche gli incontri, le relazioni. Una libreria relazionale. Con il vecchio libraio o vecchia libraia, non per questione ana…