Passa ai contenuti principali

#Calcio: Allegri alla Juventus una scelta vincente per il campionato

Dall'Aglianese alla Juventus, Massimiliano Allegri,panchina d'oro per la stagione 2008/09, nuovo allenatore della squadra che in Italia, in questi ultimi tre anni, per diversi motivi, ha dominato e regnato quasi in modo incontestabile, è stato oggetto di una miriade di critiche. Si è andati alla ricerca di Tweet vecchi della sua compagna contro la Juventus, ai problemi maturati con Pirlo nel Milan. Insomma, si è scatenato un vero putiferio, che, come è noto, nel calcio è la normalità, ove i passaggi dalla tempesta al sole splendente sono rapidissimi, a volte talmente fugaci da lasciare vuoti di memoria incredibili. Se sbagli un goal da supereroe diventerai “pisciatore”, è facile essere mediaticamente costruiti, ma è altrettanto facile essere mediaticamente demoliti. Non esiste alcuna regola e senso di rispetto, le critiche vanno ben oltre il limite della critica e si trasformano in insulti, d'altronde, la giustificazione che viene spesso data, è che con i milioni di euro che guadagnano di cosa devono lamentarsi? Come se ai soldi, a quel danaro che ha prezzato la vita dell'uomo nel calcio, la dignità debba chinarsi per poi scomparire. No, nel calcio non sei un uomo, ma un oggetto da santificare o demonizzare, da odiare od amare, non esistono mezze misure. In tutto ciò, Conte, è stato già dimenticato e verrà dimenticato velocemente. Certo, rimarranno le sue vittorie, i suoi successi, rimarrà nel cuore di chi tifa per la Juventus, ma il calcio ha dei ritmi insostenibili con il senso di  rispetto. Si entra ed esce dalla porta della gloria nel giro di un nano secondo. Tutto questo per dire e scrivere che quella di Allegri, a parer mio, ed andrò probabilmente in controtendenza, è una scelta vincente, una scelta che darà i suoi frutti. In Italia, nel calcio almeno, non accade la stessa cosa che avviene nella politica o nella società in genere. Gli allenatori hanno vita breve, brevissima in una squadra, dopo qualche ciclo vincente devi andare via, questo perché al primo errore, tutto il passato vincente verrà semplicemente rimosso. Questo Conte lo sapeva, probabilmente la Juventus punterà più sul quarto scudetto consecutivo che sulla coppa campioni e non vincere la coppa campioni sarebbe stato un fallimento per Conte e l'Italia calcistica non avrebbe perdonato.  Probabilmente anche questo campionato vedrà la Juventus dominare,forse non ripeterà il record dell'anno precedente, la principale antagonista sarà la Roma, Milan,Napoli, Inter sono ancora indietro rispetto all'armata bianconera. L'importante, in tutto ciò, è non perdere l'insegnamento che è venuto da questi fallimentari mondiali di calcio.
Il settore giovanile. In Italia è necessario investire nei giovani, ma a quanto pare si continua a seguire la rincorsa al grande campione, si continuano a praticare cure palliative ad un malato terminale. Il calcio italiano deve essere rifondato e per essere rifondato necessita di un processo rivoluzionario non indolore. Allegri alla Juventus potrà fare certamente bene, specialmente se questa squadra punterà sui giovani e con Allegri questo potrà accadere.





Commenti

Post popolari in questo blog

Koper o Capodistria?Fiume o Rijeka?Merna o Miren?Londra o London? Trieste e Trst?

Esistono diversi processi di italianizzazione, i più noti sono quelli figli dell'abitudine, figli di quel modo di fare che hanno trasformato London in Londra, Berlin in Berlino, Barcelona in Barcellona, Marseille in Marsiglia ecc. Si dirà che è semplice traduzione. Fattore tipico di tutte le lingue. Poi vi sono luoghi che sono stati soggetti all'italianizzazione forzata tramite la nota opera nazionalfascista e di esempi ve ne sono a bizzeffe, se ne perde il conto, sia in Italia che in Slovenia che in Croazia che ovunque l'Italia abbia operato in tal modo.
Ad esempio Redipuglia  ha storpiato lo sloveno Sredipolje. In altri casi si utilizza l'italianizzazione per rispetto anche della comunità italiana che vi abita, non chiamare quei luoghi con il loro nome italiano significherebbe negare l'esistenza della comunità italiana, almeno per gli italiani autoctoni del luogo è così, pensiamo Capodistria il cui nome in sloveno è Koper, o Rijeka diventata Fiume. Italianizzazi…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Con i confini della giusta sconfitta di Caporetto l'Italia oggi si fermerebbe a Treviso

Dal dannunzianesimo in poi, passando per retoriche risorgimentali estremizzate, irredentismi radicali, simulati patriottismi, l'Italia decise di aggredire l'Impero Austro Ungarico, occupando terre non italiane, anche se forse si poteva pur parlare l'italiano, anche se prevalentemente si parlavano dialetti locali oltre ovviamente allo sloveno, il tedesco, il friulano. Dove vi potevano essere radici latine, risalenti anche all'Impero Romano, ma non è che ovunque l'Impero Romano mise piede era da considerarsi Italia, perchè allora dovrebbero rivendicare anche l'Azerbaigian, senza dimenticare che l'Italia si formerà come Stato unitario poi solo nel 1861. Audacia, tenacia, scippati dalla terra contadini, ragazzi, famiglie senza più i loro figli, mandati a morire nel nome del niente. Arroganza, gestione criminale del conflitto, per conquistare fazzoletti di terra che ancora oggi si sentono poco italiani, perchè l'Italia è giovane, l'Italia unita si è fat…