Passa ai contenuti principali

#Calcio: Allegri alla Juventus una scelta vincente per il campionato

Dall'Aglianese alla Juventus, Massimiliano Allegri,panchina d'oro per la stagione 2008/09, nuovo allenatore della squadra che in Italia, in questi ultimi tre anni, per diversi motivi, ha dominato e regnato quasi in modo incontestabile, è stato oggetto di una miriade di critiche. Si è andati alla ricerca di Tweet vecchi della sua compagna contro la Juventus, ai problemi maturati con Pirlo nel Milan. Insomma, si è scatenato un vero putiferio, che, come è noto, nel calcio è la normalità, ove i passaggi dalla tempesta al sole splendente sono rapidissimi, a volte talmente fugaci da lasciare vuoti di memoria incredibili. Se sbagli un goal da supereroe diventerai “pisciatore”, è facile essere mediaticamente costruiti, ma è altrettanto facile essere mediaticamente demoliti. Non esiste alcuna regola e senso di rispetto, le critiche vanno ben oltre il limite della critica e si trasformano in insulti, d'altronde, la giustificazione che viene spesso data, è che con i milioni di euro che guadagnano di cosa devono lamentarsi? Come se ai soldi, a quel danaro che ha prezzato la vita dell'uomo nel calcio, la dignità debba chinarsi per poi scomparire. No, nel calcio non sei un uomo, ma un oggetto da santificare o demonizzare, da odiare od amare, non esistono mezze misure. In tutto ciò, Conte, è stato già dimenticato e verrà dimenticato velocemente. Certo, rimarranno le sue vittorie, i suoi successi, rimarrà nel cuore di chi tifa per la Juventus, ma il calcio ha dei ritmi insostenibili con il senso di  rispetto. Si entra ed esce dalla porta della gloria nel giro di un nano secondo. Tutto questo per dire e scrivere che quella di Allegri, a parer mio, ed andrò probabilmente in controtendenza, è una scelta vincente, una scelta che darà i suoi frutti. In Italia, nel calcio almeno, non accade la stessa cosa che avviene nella politica o nella società in genere. Gli allenatori hanno vita breve, brevissima in una squadra, dopo qualche ciclo vincente devi andare via, questo perché al primo errore, tutto il passato vincente verrà semplicemente rimosso. Questo Conte lo sapeva, probabilmente la Juventus punterà più sul quarto scudetto consecutivo che sulla coppa campioni e non vincere la coppa campioni sarebbe stato un fallimento per Conte e l'Italia calcistica non avrebbe perdonato.  Probabilmente anche questo campionato vedrà la Juventus dominare,forse non ripeterà il record dell'anno precedente, la principale antagonista sarà la Roma, Milan,Napoli, Inter sono ancora indietro rispetto all'armata bianconera. L'importante, in tutto ciò, è non perdere l'insegnamento che è venuto da questi fallimentari mondiali di calcio.
Il settore giovanile. In Italia è necessario investire nei giovani, ma a quanto pare si continua a seguire la rincorsa al grande campione, si continuano a praticare cure palliative ad un malato terminale. Il calcio italiano deve essere rifondato e per essere rifondato necessita di un processo rivoluzionario non indolore. Allegri alla Juventus potrà fare certamente bene, specialmente se questa squadra punterà sui giovani e con Allegri questo potrà accadere.





Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Se Babbo Natale ha ridimensionato San Nicolò

Ma è più sentito San Nicolò o Babbo Natale?

Questo è quanto mi domandavo notando tutta la serie di prodotti realizzati, i mercatini diffusi, le fiere e quant'altro si afferma in prossimità della notte tra il 5 e 6 dicembre. Così come mi domando, ma quanti conoscono la sua storia? Quanti sanno che tipo di santo protettore sarebbe?  Scommetto che le mani alzate sarebbero una manciata.  Ed a dirla tutta non interessa, interessa quel giorno solo scambiarsi qualche regalino, girovagare per le fiere, bere e mangiare.
San Nicolò, dicono, è un santo molto venerato in tutto il mondo, addirittura avrebbe carattere universale. Sarà. Ma in Italia ci sono su più di 8 mila Comuni solo una ventina di località, e qualche Comune, ad avere questo nome e sono poche le località dove viene festeggiato, soprattutto in alcune zone del Nord Est ed in Puglia.  Vi è chi dice che Babbo Natale altro non sia che praticamente il San Nicolò in chiave pienamente consumistica, che avrebbe tratto origine da qu…

Le conclusioni della Commissione d'inchiesta sul caso Moro

Nelle considerazioni conclusive della Commissione d'inchiesta sul Caso Moro emergono spunti di riflessione importante ed anche inquietanti che dovrebbero far tremare i pilastri della nostra Repubblica. Un lavoro durato alcuni anni, con diverse audizioni, accessi a documenti, verifiche, ispezioni, un lavoro enorme e giunto a termine.    La legge istitutiva della Commissione (Legge 30 maggio 2014, n. 82) ha assegnato come mandato all'inchiesta parlamentare quello di «accertare eventuali nuovi elementi che possono integrare le conoscenze acquisite dalle precedenti Commissioni parlamentari di inchiesta sulla strage di Via Fani, sul sequestro e sull'assassinio di Aldo Moro; eventuali responsabilità sui fatti di cui alla lettera a) riconducibili ad apparati, strutture e organizzazioni comunque denominati ovvero a persone a essi appartenenti o appartenute». E' stato sottolineato che è "dalla rilettura sistematica dei cinque processi e dell'attività delle precedenti…