Passa ai contenuti principali

L'educazione fisica nella scuola primaria: quando si scrive che nell'infanzia l'educazione è fisica

Uno dei primi atti legislativi noti in materia di educazione fisica nella scuola risale al lontanissimo 1859, quando il ministro Gabrio Casati introdusse l’obbligatorietà della scuola elementare includendo anche la ginnastica tra le diverse discipline d'insegnamento. Una particolare attenzione, all'educazione fisica, ovviamente, come la storia ha insegnato, vi è stata nel fascismo. Nel 1923, con la riforma della scuola, l'educazione fisica venne affidata all'Ente nazionale educazione fisica (ENEF), facente parte successivamente dell'Opera nazionale Balilla (ONB), per arrivare alla costituzione della Gioventù italiana del Littorio (GIL). Brutti e nefasti tempi. Anno 2014. Si presenta in Parlamento, per iniziativa dell'onorevole Carfagna, il progetto di legge A.C. 2045 "Disposizioni per lo sviluppo dell'educazione sportiva nella scuola primaria" (2045)  Nella premessa si legge che “Si potrebbe dire che, soprattutto nell'infanzia, tutta l’educazione è principalmente fisica, in quanto impegnare il corpo nell'esplorazione e nella rappresentazione del mondo è una modalità di base dell’apprendimento dell’apprendimento, è piena valorizzazione di sé”. Poi, dopo la solita retorica in materia, si scrive che “ la presente proposta di legge si prefigge il riconoscimento di una professionalità specifica e la creazione di appositi laboratori per l’educazione sportiva”. Tra i vari articoli si segnala il primo ove si evidenzia che “La Repubblica riconosce l’alto valore educativo dell’attività sportiva, quale elemento essenziale dello sviluppo integrale della personalità. Al fine di potenziare l’educazione motoria e sportiva è istituito, nelle scuole primarie e negli istituti comprensivi, l’organico aggiuntivo dei docenti specialisti di educazione fisica e sportiva, per il quale hanno titolo di accesso nei concorsi al ruolo o al conferimento di supplenze i laureati in scienze motorie e i diplomati degli Istituti superiori di educazione fisica (ISEF). Ed il secondo: “ L’organico aggiuntivo di cui al comma 1 è istituito nella misura di un docente specialista ogni venti classi della scuola primaria”. Una iniziativa che segue un precedente intervento che in rete ha prodotto l'appello di cresco attivo. Ora, si può certamente discutere del fatto che nella scuola primaria sia necessario un potenziamento dell'attività di educazione fisica, purché non comporti agonismo. Si può discutere del fatto che un simile progetto di legge comporterà delle assunzioni di personale, ben dovendosi capire cosa accadrà ai docenti di scuola primaria che perderanno l'ora di educazione fisica e come recupereranno l'ora o le ore in questione, ma scrivere, in un testo legislativo che nell'infanzia tutta l’educazione è principalmente fisica mi pare un concetto fuorviante ed anche pericoloso per la scuola pubblica italiana che rischia di minare tutto il lavoro cognitivo ed intellettuale che svolgono i docenti tutti i giorni con i bambini ma anche il concetto di scuola nella sua complessità.

Commenti

  1. Non solo nell'infanzia. Durante tutta la vita, l'educazione è fisica!
    Fuorviante è, casomai, parlare di "lavoro intellettuale e cognitivo".

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Se Babbo Natale ha ridimensionato San Nicolò

Ma è più sentito San Nicolò o Babbo Natale?

Questo è quanto mi domandavo notando tutta la serie di prodotti realizzati, i mercatini diffusi, le fiere e quant'altro si afferma in prossimità della notte tra il 5 e 6 dicembre. Così come mi domando, ma quanti conoscono la sua storia? Quanti sanno che tipo di santo protettore sarebbe?  Scommetto che le mani alzate sarebbero una manciata.  Ed a dirla tutta non interessa, interessa quel giorno solo scambiarsi qualche regalino, girovagare per le fiere, bere e mangiare.
San Nicolò, dicono, è un santo molto venerato in tutto il mondo, addirittura avrebbe carattere universale. Sarà. Ma in Italia ci sono su più di 8 mila Comuni solo una ventina di località, e qualche Comune, ad avere questo nome e sono poche le località dove viene festeggiato, soprattutto in alcune zone del Nord Est ed in Puglia.  Vi è chi dice che Babbo Natale altro non sia che praticamente il San Nicolò in chiave pienamente consumistica, che avrebbe tratto origine da qu…

Le conclusioni della Commissione d'inchiesta sul caso Moro

Nelle considerazioni conclusive della Commissione d'inchiesta sul Caso Moro emergono spunti di riflessione importante ed anche inquietanti che dovrebbero far tremare i pilastri della nostra Repubblica. Un lavoro durato alcuni anni, con diverse audizioni, accessi a documenti, verifiche, ispezioni, un lavoro enorme e giunto a termine.    La legge istitutiva della Commissione (Legge 30 maggio 2014, n. 82) ha assegnato come mandato all'inchiesta parlamentare quello di «accertare eventuali nuovi elementi che possono integrare le conoscenze acquisite dalle precedenti Commissioni parlamentari di inchiesta sulla strage di Via Fani, sul sequestro e sull'assassinio di Aldo Moro; eventuali responsabilità sui fatti di cui alla lettera a) riconducibili ad apparati, strutture e organizzazioni comunque denominati ovvero a persone a essi appartenenti o appartenute». E' stato sottolineato che è "dalla rilettura sistematica dei cinque processi e dell'attività delle precedenti…