Passa ai contenuti principali

Caos schizofrenico nel MoVimento Trieste Libera, se vengono chiamati i Carabinieri

Come è noto l'Arma dei Carabinieri celebra in questo mese il 200/o Annuale di Fondazione. E', oggi,  una organizzazione con rango di Forza armata, nell'ambito del Ministero della difesa, con dipendenza del Comandante generale dal Capo di stato maggiore della difesa e tra i vari compiti esercita funzioni di forza di polizia a ordinamento militare e competenza generale. Il 6 ottobre del 1954, in merito alla questione di Trieste, ci fu un importante e storico incontro tra il Generale Edmondo de Renzi nominato dal Governo Italiano per ricevere i poteri civili e militari, il Generale inglese JohnWinterton (Governatore Militare e Comandante della zona di Trieste) e il Generale John Dabnney (Vice governatore di Trieste e Comandante delle truppe americane). Si concordò, in quella sede,  il noto piano di trasferimento dei poteri all’Italia, per esempio si decise che l’ingresso delle Truppe italiane sarebbe stato consentito dalle ore 07,00 del 26 ottobre; le navi della Marina Militare Italiana avrebbero potuto attraccare al Molo Audace dalle ore 12,00 dello stesso giorno ed il trasferimento dei poteri sarebbe avvenuto alle ore 12,00 e alle ore 15,00 con una contestuale cerimonia militare nella storica Piazza dell’Unità d’Italia. Ora, leggendo gli ultra noti comunicati del Movimento Trieste Libera, in merito all'occupazione “illegale” dello Stato Italiano, si evidenzia con forza che l’art. 3 dell’Allegato VI stabilisce che il TLT è smilitarizzato e neutrale e che a nessuna Forza Armata è permesso di insediarvisi al suo interno salvo che per ordine del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite. Per esempio a questo link si legge:"Nel Territorio Libero di Trieste non è consentita quindi la presenza dei Carabinieri, della Guardia di Finanza, e degli altri Corpi delle Forze Armate Italiane".  Ribadendo che una loro presenza è da intendersi come una mera azione di repressione nei confronti dei cittadini di Trieste che si oppongono all'occupazione di Trieste come esercitata da parte dall’Italia disconoscendo la sovranità della Repubblica italiana sulla Zona A del TLT . Bene, o male, comunque sia,  cosa è accaduto? Che il 31 maggio 2014 si è svolta una assemblea dei soci del Movimento. In quella sede si è sfiduciato l'attuale presidente ecc. Tra denunce di golpe, mafie e collusioni con varie realtà e soggettività, si arriva al paradosso dei paradossi. Dopo aver per mesi ed ancora mesi ripetuto come una ridondante litania che carabinieri e forze militari sono occupanti ed illegali, qualcuno ha deciso di chiamare proprio i Carabinieri a difesa del “tentato” golpe alla sede del MTL. Nel video trasmesso da Trieste Libera news si vedono i carabinieri intervenire presso la sede del movimento chiamati a protezione, presunta, dello stesso.


Certo, come si dirà nel video, sarebbe stata chiamata prima la Polizia che poi avrebbe declinato ai Carabinieri, perché quell'area sarebbe di loro competenza, ma perché allora, si dovrebbero chiedere i movimentisti, accettare l'intervento dei Carabinieri, legittimando così il loro operato sul territorio libero di Trieste?
Ora, non entrando nel merito di chi può avere ragione o torto, in merito alla legalità o legittimità di tutto quello che accade nelle vicende interne del MTL, che ben evidenziano una spaccatura che porterà forse un gruppo a seguire la via elettorale, ed una parte del gruppo a perseguire altre vie, senza escludere comunque la possibilità che il MTL vada verso la rapida estinzione, chiamare i Carabinieri a protezione della propria sede mi pare un comportamento a dir poco incoerente e l'incoerenza paga più di ogni altra cosa poiché mina la credibilità dell'organizzazione medesima. Come spiegare ciò a quelle persone iscritte che non hanno fornito i documenti, durante una normale attività di controllo, proprio ai Carabinieri, perché "essendo cittadini del TLT non riconosco la legittimità dell'arma militare della Repubblica italiana? " . 

Insomma se i Carabinieri vengono definiti come forza occupante e che la loro presenza non è consentita, rivolgersi a questa Forza, per chiedere protezione, che logica ha? Forse bisognerebbe interrogarsi a chi ha giovato tutta questa vicenda sino ad oggi,e di indizi ve ne sono molti...

Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Se Babbo Natale ha ridimensionato San Nicolò

Ma è più sentito San Nicolò o Babbo Natale?

Questo è quanto mi domandavo notando tutta la serie di prodotti realizzati, i mercatini diffusi, le fiere e quant'altro si afferma in prossimità della notte tra il 5 e 6 dicembre. Così come mi domando, ma quanti conoscono la sua storia? Quanti sanno che tipo di santo protettore sarebbe?  Scommetto che le mani alzate sarebbero una manciata.  Ed a dirla tutta non interessa, interessa quel giorno solo scambiarsi qualche regalino, girovagare per le fiere, bere e mangiare.
San Nicolò, dicono, è un santo molto venerato in tutto il mondo, addirittura avrebbe carattere universale. Sarà. Ma in Italia ci sono su più di 8 mila Comuni solo una ventina di località, e qualche Comune, ad avere questo nome e sono poche le località dove viene festeggiato, soprattutto in alcune zone del Nord Est ed in Puglia.  Vi è chi dice che Babbo Natale altro non sia che praticamente il San Nicolò in chiave pienamente consumistica, che avrebbe tratto origine da qu…

Le conclusioni della Commissione d'inchiesta sul caso Moro

Nelle considerazioni conclusive della Commissione d'inchiesta sul Caso Moro emergono spunti di riflessione importante ed anche inquietanti che dovrebbero far tremare i pilastri della nostra Repubblica. Un lavoro durato alcuni anni, con diverse audizioni, accessi a documenti, verifiche, ispezioni, un lavoro enorme e giunto a termine.    La legge istitutiva della Commissione (Legge 30 maggio 2014, n. 82) ha assegnato come mandato all'inchiesta parlamentare quello di «accertare eventuali nuovi elementi che possono integrare le conoscenze acquisite dalle precedenti Commissioni parlamentari di inchiesta sulla strage di Via Fani, sul sequestro e sull'assassinio di Aldo Moro; eventuali responsabilità sui fatti di cui alla lettera a) riconducibili ad apparati, strutture e organizzazioni comunque denominati ovvero a persone a essi appartenenti o appartenute». E' stato sottolineato che è "dalla rilettura sistematica dei cinque processi e dell'attività delle precedenti…