Passa ai contenuti principali

Caos schizofrenico nel MoVimento Trieste Libera, se vengono chiamati i Carabinieri

Come è noto l'Arma dei Carabinieri celebra in questo mese il 200/o Annuale di Fondazione. E', oggi,  una organizzazione con rango di Forza armata, nell'ambito del Ministero della difesa, con dipendenza del Comandante generale dal Capo di stato maggiore della difesa e tra i vari compiti esercita funzioni di forza di polizia a ordinamento militare e competenza generale. Il 6 ottobre del 1954, in merito alla questione di Trieste, ci fu un importante e storico incontro tra il Generale Edmondo de Renzi nominato dal Governo Italiano per ricevere i poteri civili e militari, il Generale inglese JohnWinterton (Governatore Militare e Comandante della zona di Trieste) e il Generale John Dabnney (Vice governatore di Trieste e Comandante delle truppe americane). Si concordò, in quella sede,  il noto piano di trasferimento dei poteri all’Italia, per esempio si decise che l’ingresso delle Truppe italiane sarebbe stato consentito dalle ore 07,00 del 26 ottobre; le navi della Marina Militare Italiana avrebbero potuto attraccare al Molo Audace dalle ore 12,00 dello stesso giorno ed il trasferimento dei poteri sarebbe avvenuto alle ore 12,00 e alle ore 15,00 con una contestuale cerimonia militare nella storica Piazza dell’Unità d’Italia. Ora, leggendo gli ultra noti comunicati del Movimento Trieste Libera, in merito all'occupazione “illegale” dello Stato Italiano, si evidenzia con forza che l’art. 3 dell’Allegato VI stabilisce che il TLT è smilitarizzato e neutrale e che a nessuna Forza Armata è permesso di insediarvisi al suo interno salvo che per ordine del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite. Per esempio a questo link si legge:"Nel Territorio Libero di Trieste non è consentita quindi la presenza dei Carabinieri, della Guardia di Finanza, e degli altri Corpi delle Forze Armate Italiane".  Ribadendo che una loro presenza è da intendersi come una mera azione di repressione nei confronti dei cittadini di Trieste che si oppongono all'occupazione di Trieste come esercitata da parte dall’Italia disconoscendo la sovranità della Repubblica italiana sulla Zona A del TLT . Bene, o male, comunque sia,  cosa è accaduto? Che il 31 maggio 2014 si è svolta una assemblea dei soci del Movimento. In quella sede si è sfiduciato l'attuale presidente ecc. Tra denunce di golpe, mafie e collusioni con varie realtà e soggettività, si arriva al paradosso dei paradossi. Dopo aver per mesi ed ancora mesi ripetuto come una ridondante litania che carabinieri e forze militari sono occupanti ed illegali, qualcuno ha deciso di chiamare proprio i Carabinieri a difesa del “tentato” golpe alla sede del MTL. Nel video trasmesso da Trieste Libera news si vedono i carabinieri intervenire presso la sede del movimento chiamati a protezione, presunta, dello stesso.


Certo, come si dirà nel video, sarebbe stata chiamata prima la Polizia che poi avrebbe declinato ai Carabinieri, perché quell'area sarebbe di loro competenza, ma perché allora, si dovrebbero chiedere i movimentisti, accettare l'intervento dei Carabinieri, legittimando così il loro operato sul territorio libero di Trieste?
Ora, non entrando nel merito di chi può avere ragione o torto, in merito alla legalità o legittimità di tutto quello che accade nelle vicende interne del MTL, che ben evidenziano una spaccatura che porterà forse un gruppo a seguire la via elettorale, ed una parte del gruppo a perseguire altre vie, senza escludere comunque la possibilità che il MTL vada verso la rapida estinzione, chiamare i Carabinieri a protezione della propria sede mi pare un comportamento a dir poco incoerente e l'incoerenza paga più di ogni altra cosa poiché mina la credibilità dell'organizzazione medesima. Come spiegare ciò a quelle persone iscritte che non hanno fornito i documenti, durante una normale attività di controllo, proprio ai Carabinieri, perché "essendo cittadini del TLT non riconosco la legittimità dell'arma militare della Repubblica italiana? " . 

Insomma se i Carabinieri vengono definiti come forza occupante e che la loro presenza non è consentita, rivolgersi a questa Forza, per chiedere protezione, che logica ha? Forse bisognerebbe interrogarsi a chi ha giovato tutta questa vicenda sino ad oggi,e di indizi ve ne sono molti...

Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

Per la prima volta nella storia di Ronchi arriva l'antimafia

No, nessun effetto  cinematografico. Niente sirene spiegate, palette fuori dall'auto in corsa. Niente poliziotti con il passamontagna. Ma in una regione come il Friuli Venezia Giulia non più isola felice, ma presa di mira dalla camorra e dalla 'ndrangheta in particolar modo ,quando si realizzano cantieri ed opere di una certa rilevanza bisogna metterlo in conto. Cosa? L'accesso del gruppo interforze che ha la scopo di intervenire per prevenire infiltrazioni mafiose nei pubblici appalti. 
Il prefetto dispone accessi ed accertamenti nei cantieri delle imprese interessate all'esecuzione di lavori pubblici, avvalendosi, a tal fine, dei gruppi interforze  ed al termine degli accessi ed accertamenti disposti dal prefetto, il gruppo interforze redige, entro trenta giorni, la relazione contenente i dati e le informazioni acquisite nello svolgimento dell'attività ispettiva, trasmettendola al prefetto che ha disposto l'accesso. Il prefetto,  una volta acquisita la relaz…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

D'Annunzio e gli slavi: "il flutto della barbarie schiava giungerebbe su Trieste"

19 ottobre 1919 una lettera che ha come destinatari principali i fiumani dal titolo Italia e Vita. Una lettera dove emergono concetti ed aspetti che connoteranno quell'imperialismo italiano che porterà all'invasione del Balcani con tutte le conseguenze nefaste che la storia ci ha ben insegnato. Una lettera, con un linguaggio semplicemente incomprensibile  in molti passaggi, e con uno stile assurdo, dove si eleva bene quel senso di disprezzo verso gli slavi che verrà rimarcata dal poeta amante della guerra in diverse occasioni.  Un D'Annunzio che esalta lo spirito degli italiani che hanno difeso l'italianità di Fiume, del Carnaro, dove " voi spiegaste nel vento del Carnaro il tricolore italiano, in faccia ai Croati che dal governatore ungaro avevano ricevuto il potere civico per inizio di quella frode più tardi proseguita sopra le navi imperiali in Pola nostra."
Uno spirito dell'italianità che sarebbe stato presente in diverse località, "per le coste…