Passa ai contenuti principali

Attraversare il Tempo con Alessandro Calligaris, una mostra a Trieste da non perdere


Lì, in prossimità del primo ciglione carsico, ove non è difficile incontrare gabbiani, a pochi minuti dall'immensità del golfo di Trieste e dal mare, Alessandro Calligaris, con i suoi pennelli, con i suoi colori, con il momento perdurante del silenzio, dipinge. Un tavolo, con diversi colori, diversi pennelli, carta e contenitori di emozioni pronte per essere impresse sulla tela, la tela che evocherà sentimenti e passioni, la tela che tra simbolismo e surrealismo carpisce la tua attenzione.

Originario della Bisiacaria, vive da diversi anni a Trieste, dove, dopo alcuni lavori manuali, è riuscito a vivere quel sogno che ha seminato nel corso del tempo, l'arte.
Tempo ed arte. Ha già partecipato a diverse esposizioni collettive, sia in Italia che in Croazia, ma questa è la sua prima esposizione personale a tema. Una ventina di opere, tra olio ed acrilico, dove rosso e blu, nella loro contrapposizione riescono, con la mano di Alessandro,a trovare quell'armonia che solo l'arte è in grado di immortalare nel tempo e per il tempo. Quel tempo che sfugge, quel tempo che corre, quel tempo che ti pone innanzi al tuo essere mortale e determinato ma che nello stesso istante apre la porta del dubbio e del mistero dell'oltre e della mai incolta speranza. Poco materialismo, nonostante la presenza di ingranaggi, segno di un passato da tornitore, tanta speranza e voglia di frantumare quel vetro, quella catena, quella clessidra che imprigiona il tuo essere uomo o donna in tale società. Il tempo è una finzione, una regola, ma le regole sono fatte anche per essere violate, superate. 

Mani di donna in cerca di libertà saranno spesso protagoniste nelle opere di Alessandro Calligaris. Ci sarà sempre una chiave pronta ad aprire quella porta, la porta del non tempo. Miniatura e spessore, trovano consistenza ed esistenza anche nell'immancabile e delicata ombra. Walter Chiereghin direttore della rivista “Arte Cultura” di Trieste così anche scriverà in merito alla mostra di Alessandro Calligaris che si terrà a Trieste dal 28 giugno al 12 luglio 2014 presso via Santa Giustina 11/d: “Calligaris sembra sospingere lo spettatore a interagire direttamente con l’opera, mediante un implicito invito ad aprire la maniglia di una finestra che gli rivelerà una continuazione del concetto rappresentato sull’anta esterna, entrando direttamente all'interno della stanza e gabbando quindi la bidimensionalità del dipinto”. Attraversare il tempo con i quadri di Alessandro, ove anche le cornici non sono semplici contorni ma parte vitale ed essenziale delle sue opere poiché costituiscono una sola soggettività, che ha vita, che respira, che emoziona, con lo spazio esterno, è una mostra da non perdere.
Insomma un piccolo esempio positivo del se pol a Trieste.

Marco Barone

Note:
Località: Trieste
Inaugurazione il 28 giugno alle ore 18.00 in via Santa Giustina 11/D Trieste con intervento critico di Walter Chiereghin ma i quadri saranno esposti dal 28 giugno al 12 luglio dalle ore 10.00 alle ore 12.30 e dalle ore 17.00 alle ore 20.00 dal lunedì al sabato, la domenica dalle 10.00 alle 12.30.
c/o bottega dell'immagine
Curatore Luigi Marrocchi
Artista Alessandro Calligaris




Commenti

Post popolari in questo blog

Con i confini della giusta sconfitta di Caporetto l'Italia oggi si fermerebbe a Treviso

Dal dannunzianesimo in poi, passando per retoriche risorgimentali estremizzate, irredentismi radicali, simulati patriottismi, l'Italia decise di aggredire l'Impero Austro Ungarico, occupando terre non italiane, anche se forse si poteva pur parlare l'italiano, anche se prevalentemente si parlavano dialetti locali oltre ovviamente allo sloveno, il tedesco, il friulano. Dove vi potevano essere radici latine, risalenti anche all'Impero Romano, ma non è che ovunque l'Impero Romano mise piede era da considerarsi Italia, perchè allora dovrebbero rivendicare anche l'Azerbaigian, senza dimenticare che l'Italia si formerà come Stato unitario poi solo nel 1861. Audacia, tenacia, scippati dalla terra contadini, ragazzi, famiglie senza più i loro figli, mandati a morire nel nome del niente. Arroganza, gestione criminale del conflitto, per conquistare fazzoletti di terra che ancora oggi si sentono poco italiani, perchè l'Italia è giovane, l'Italia unita si è fat…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

A Trieste chiude la libreria indipendente IN DER TAT, Davide questa volta ha perso contro Golia

"IN DER TAT“, prendendo in prestito un concetto che il filosofo Hegel riferiva alla cultura, significa in atto, in evoluzione. E’ per questo motivo che l’abbiamo scelto come nome per la nostra libreria, proprio perché pensiamo alla cultura come qualcosa in continuo mutamento(...)". Questo è quello che leggi nel sito di questa libreria, situata nella zona Cavana di Trieste, non più un bordello ottocentesco, ma un rione oramai destinato ad essere fashion, riqualificato, perfetto, una vetrina nella vetrina di Trieste, che ha snaturato la sua storia, che forse viene ricordata dalla statua di Svevo, niente di più. Una libreria che ha segnato per anni ed anni la storia di questo rione, un punto di riferimento culturale, sociale per triestini e non, appuntamenti di gran rilievo, dibattiti e confronti su più materie, i libri prendevano forma, vita attraverso anche gli incontri, le relazioni. Una libreria relazionale. Con il vecchio libraio o vecchia libraia, non per questione ana…