Passa ai contenuti principali

L'Armata dei Sonnambuli alla ricerca del sesto atto



792 pagine che sfogliano, come un duello tra il vento d'oriente e quello d'occidente, via tra rivoluzione e controrivoluzione ogni ipocrisia, ogni mezza bugia e mezza verità.  La differenza tra la finzione e la realtà è così sottile che il senso del dubbio ti condurrà all'inevitabile strada del perché,  il caso quinto Atto del libro è certamente quello più eclatante. Un libro che rappresenta bene l'esistente, un mix di fantasia e realtà . Libertà, uguaglianza e fratellanza, che ben potrebbero essere rappresentante, pur nella loro connessa complessità, da Scaramouche, Marie e D’Amblanc, tre personaggi  chiave nel e del libro. Impressionerà, molto, la figura di Marie, una donna che nel corso della vita, la sua vita, ha scoperto e compreso la necessità della rivoluzione, l'ha conosciuta, l'ha amata e non evitata, una donna che  ha sciolto, con tutte le sofferenze del caso ma con elevata ed oggi quasi sconosciuta dignità, la sua individualità nella collettività, per una causa comune che era la causa del popolo, farina,pane e diritti.  Donne rivoluzionarie e donne controrivoluzionarie, la solitudine della libertà in quel piccolo e grande umile uomo che sarà Scaramouche il quale combatterà l'inconsapevolezza di essere un manipolo di burattini per colpire il burattinaio che vuole la reazione alla rivoluzione.
Magnetizzazione dello stato di consapevolezza, trance e luoghi e misteri duri e crudi come quella ghigliottina che ha mozzato teste borghesi e rivoluzionarie di cui oggi a Parigi non vi è traccia alcuna. Il titolo del libro potrebbe indurre all'errore, ad una falsa rappresentazione, è un titolo che ben rappresenta l'essenza del libro, l'apparenza nuoce gravemente all'intelligenza, l'apparenza è la forza della menzogna e la menzogna è la forza ma anche la debolezza del sistema prima ed oggi dominante, ma una forza che al risveglio della coscienza collettiva crollerà come un castello di sabbia. Giustizieri nella notte delle teste mozzate, ribelli senza una vera patria, la fame, la voglia di giustizia sociale, quella che non estrapoli da nessun trattato e manifesto ma quella che estrapoli dal senso, a volte istintivo, del tuo essere umano, sarà quella la giustizia sociale che vuole il popolo, un popolo che può perdonare ma anche acclamare la vendetta come miglior cibo che possa saziare ogni senso di meschina fame. Tetti di Parigi, artigli della dignità, e ponti dell'ordinarietà, si mescolano in pagine che corrono più veloci di una funesta Senna.
Ma non ti lasceranno indifferenti. Quello che manca è il sesto atto, ma il sesto atto è volutamente aperto alla realtà, alla vita quotidiana, non ci sarà più la ghigliottina, forse, ma le ingiustizie sono sempre le stesse, i processi come governati dal Mesmer sociale di turno son sempre quelli,  e l'Italia li ha ben conosciuti, con il fascismo in primis, e la voglia di avere e cercare l'antieroe per il popolo c'è e si sente e si respira nelle strade piccole e grandi delle città. L'antieroe antagonista ribelle che non vuole essere eroe, ma semplicemente fare quello che si deve fare, un partigiano mascherato per la libertà. Un libro che ha avuto un successo forse inaspettato, forse no, ed il motivo è talmente semplice, che nella sua semplicità dovrebbe far tremare le teste dell'alta borghesia, a quanto pare, anche in Italia, è ritornata la voglia di rivoluzione. Non sarà vive la Trance, non sarà vive Scaramouche o vive Marat, ma sicuramente sarà vive la dignità, che prima o poi, per necessità, per aver sconfinato ogni limite di tolleranza, perché nulla ci sarà più da perdere, occuperà le strade di questo non più Bel Paese con tutta la sua micidiale potenza. L'Armata dei Sonnambuli,di Wu Ming edito da Einaudi, è un libro che contiene tanti libri, è un libro che non ha un vero inizio e neanche una vera fine, è un libro che si apre con la dedica all'immenso Stefano Tassinari, e continua sino alla vita che noi tutti oggi conosciamo e viviamo.


Commenti

Post popolari in questo blog

Koper o Capodistria?Fiume o Rijeka?Merna o Miren?Londra o London? Trieste e Trst?

Esistono diversi processi di italianizzazione, i più noti sono quelli figli dell'abitudine, figli di quel modo di fare che hanno trasformato London in Londra, Berlin in Berlino, Barcelona in Barcellona, Marseille in Marsiglia ecc. Si dirà che è semplice traduzione. Fattore tipico di tutte le lingue. Poi vi sono luoghi che sono stati soggetti all'italianizzazione forzata tramite la nota opera nazionalfascista e di esempi ve ne sono a bizzeffe, se ne perde il conto, sia in Italia che in Slovenia che in Croazia che ovunque l'Italia abbia operato in tal modo.
Ad esempio Redipuglia  ha storpiato lo sloveno Sredipolje. In altri casi si utilizza l'italianizzazione per rispetto anche della comunità italiana che vi abita, non chiamare quei luoghi con il loro nome italiano significherebbe negare l'esistenza della comunità italiana, almeno per gli italiani autoctoni del luogo è così, pensiamo Capodistria il cui nome in sloveno è Koper, o Rijeka diventata Fiume. Italianizzazi…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Nella Gradoaustronostalgia i commercianti dicono no ai richiedenti asilo a rischio l'immagine. Pazzesco

L'immagine è tutto. Niente immagine, niente business. La partita a ping pong si gioca tra Grado e le sue frazioni, con la Prefettura che svolge il ruolo di osservatore, ma prima o poi dovrà fischiare la fine di questa partita ed una decisione andrà presa. Se a Fossalon si è assistito a di tutto e di più, dalla deprimente marcia dei trattori, fumosissima visto che non ci sarà, a pensieri figli di una visione distorta del mondo, come se chi voleva ospitare 18 richiedenti asilo si apprestasse a dare accoglienza a 18 criminali incalliti, a Grado si assiste alla reazione di chi ha voce e peso economico importante. Il mondo del commercio. Sul Piccolo del 15 ottobre si apprende che  «Ormai da qualche settimana - ha spiegato il responsabile locale di Confcommercio, Fumolo - si parla dell'ipotesi di ospitalità ad un gruppo di migranti anche da parte del Comune di Grado e la nostra associazione di categoria esprime preoccupazione per le ripercussioni negative che questa azione potr…