Passa ai contenuti principali

L'Armata dei Sonnambuli alla ricerca del sesto atto



792 pagine che sfogliano, come un duello tra il vento d'oriente e quello d'occidente, via tra rivoluzione e controrivoluzione ogni ipocrisia, ogni mezza bugia e mezza verità.  La differenza tra la finzione e la realtà è così sottile che il senso del dubbio ti condurrà all'inevitabile strada del perché,  il caso quinto Atto del libro è certamente quello più eclatante. Un libro che rappresenta bene l'esistente, un mix di fantasia e realtà . Libertà, uguaglianza e fratellanza, che ben potrebbero essere rappresentante, pur nella loro connessa complessità, da Scaramouche, Marie e D’Amblanc, tre personaggi  chiave nel e del libro. Impressionerà, molto, la figura di Marie, una donna che nel corso della vita, la sua vita, ha scoperto e compreso la necessità della rivoluzione, l'ha conosciuta, l'ha amata e non evitata, una donna che  ha sciolto, con tutte le sofferenze del caso ma con elevata ed oggi quasi sconosciuta dignità, la sua individualità nella collettività, per una causa comune che era la causa del popolo, farina,pane e diritti.  Donne rivoluzionarie e donne controrivoluzionarie, la solitudine della libertà in quel piccolo e grande umile uomo che sarà Scaramouche il quale combatterà l'inconsapevolezza di essere un manipolo di burattini per colpire il burattinaio che vuole la reazione alla rivoluzione.
Magnetizzazione dello stato di consapevolezza, trance e luoghi e misteri duri e crudi come quella ghigliottina che ha mozzato teste borghesi e rivoluzionarie di cui oggi a Parigi non vi è traccia alcuna. Il titolo del libro potrebbe indurre all'errore, ad una falsa rappresentazione, è un titolo che ben rappresenta l'essenza del libro, l'apparenza nuoce gravemente all'intelligenza, l'apparenza è la forza della menzogna e la menzogna è la forza ma anche la debolezza del sistema prima ed oggi dominante, ma una forza che al risveglio della coscienza collettiva crollerà come un castello di sabbia. Giustizieri nella notte delle teste mozzate, ribelli senza una vera patria, la fame, la voglia di giustizia sociale, quella che non estrapoli da nessun trattato e manifesto ma quella che estrapoli dal senso, a volte istintivo, del tuo essere umano, sarà quella la giustizia sociale che vuole il popolo, un popolo che può perdonare ma anche acclamare la vendetta come miglior cibo che possa saziare ogni senso di meschina fame. Tetti di Parigi, artigli della dignità, e ponti dell'ordinarietà, si mescolano in pagine che corrono più veloci di una funesta Senna.
Ma non ti lasceranno indifferenti. Quello che manca è il sesto atto, ma il sesto atto è volutamente aperto alla realtà, alla vita quotidiana, non ci sarà più la ghigliottina, forse, ma le ingiustizie sono sempre le stesse, i processi come governati dal Mesmer sociale di turno son sempre quelli,  e l'Italia li ha ben conosciuti, con il fascismo in primis, e la voglia di avere e cercare l'antieroe per il popolo c'è e si sente e si respira nelle strade piccole e grandi delle città. L'antieroe antagonista ribelle che non vuole essere eroe, ma semplicemente fare quello che si deve fare, un partigiano mascherato per la libertà. Un libro che ha avuto un successo forse inaspettato, forse no, ed il motivo è talmente semplice, che nella sua semplicità dovrebbe far tremare le teste dell'alta borghesia, a quanto pare, anche in Italia, è ritornata la voglia di rivoluzione. Non sarà vive la Trance, non sarà vive Scaramouche o vive Marat, ma sicuramente sarà vive la dignità, che prima o poi, per necessità, per aver sconfinato ogni limite di tolleranza, perché nulla ci sarà più da perdere, occuperà le strade di questo non più Bel Paese con tutta la sua micidiale potenza. L'Armata dei Sonnambuli,di Wu Ming edito da Einaudi, è un libro che contiene tanti libri, è un libro che non ha un vero inizio e neanche una vera fine, è un libro che si apre con la dedica all'immenso Stefano Tassinari, e continua sino alla vita che noi tutti oggi conosciamo e viviamo.


Commenti

Post popolari in questo blog

Dopo Macerata si continua a sparare. Guai a ridimensionare o normalizzare

Questa è una storia che non parte da lontano, per dovere di sintesi sarò breve e conciso. Da questa estate in Italia si è iniziato a scoprire il problema del fascismo. Fino a quel momento, soprattutto da chi oggi si professa dall'alto della suo essere grado istituzionale antifascista, era ignorato se non avvallato. Si è denunciato il rischio di fascismo passando dalle vicende ridicole della spiaggia fascista di Chioggia, agli adesivi di Anna Frank, alle bottiglie o calendari con la foto di Mussolini o Hitler. Quando per anni ed anni in questo Paese si è realizzata una vera connivenza con le peggiori istanze, legittimandole, democratizzandole e favorendone la diffusione. Perchè, si è detto, la democrazia vale per tutti, anche per chi sputa veleno sociale.
Il guaio è che è stato pompato all'ennesima potenza un problema che c'era ma non era così forte, impattante. La propaganda che doveva portare a vedere in alcune soggettività una sorta di salvezza messianica in materia di…

E' necessario il (prodotto) made in Friuli Venezia Giulia prima di essere annientati dalla "globalizzazione"

Il made in Italy è diventato uno slogan che non dice più niente. Diventato più funzionale a quella retorica che ha fatto il male dell'Italia che alla tutela dell'Italia. Dall'arte, alla cucina, dall'agricoltura, alla moda e si potrebbe continuare. Nell'Italia di oggi si rimpiange ciò che non è più italiano. Hanno distrutto le campagne, hanno distrutto le coltivazioni storiche, è stato mescolato tutto, per arrivare all'assurdità di cortocircuiti propri di una società totalmente sballata. La globalizzazione nell'economia ha comportato il saccheggio dell'Italia, l'appropriazione indebita di ciò che ha reso unico il nostro Paese nel mondo per perderci nella nullità dell'essere più niente e nessuno.

Siamo bravi a decantare od osannare bellezze e miti e leggende che attraversano la storia di ciò che è arrivato, nel bene o nel male a determinare l'Italia. Un Paese fittiziamente unito, che deve la sua vera forza ai regionalismi, localismi, che non so…

Si è entrati nel terzo anno della ricerca della verità per Giulio Regeni, con la politica persa nel silenzio di comodo

"Non è possibile normalizzare i rapporti con uno stato che tortura, uccide e nasconde oltraggiosamente la verità, se non a scapito della credibilità politica del nostro Paese e di chi lo rappresenta". Queste sono le parole della famiglia di Giulio.
Una tempesta sotto forma di parole. Parole dure, ma figlie di quella rabbia comprensibile di chi altro non ha potuto fare che constatare l'effettiva resa dell'Italia all'Egitto criminale, dove si continua a morire, a sparire, ad essere torturati, come è successo a Giulio.  Si dovrebbe dare un vero e proprio ultimatum all'Egitto, pretendendo quelle piccole cose, elementi fondamentali, per chiudere il cerchio. Ma l'Egitto ha preso in giro l'Italia e Giulio e la sua famiglia da sempre, depistaggi, menzogne, calunnie, infamie. La politica italiana si è persa in un silenzio di comodo, quel silenzio che ha caratterizzato, salvo qualche formula di rito, anche le massime Istituzioni. E questo silenzio fa male e …