Passa ai contenuti principali

Elezioni europee o nazionali? Voti o non voti?

Ma il 25 maggio si vota per le politiche nazionali o per il rinnovo del parlamento europeo? Formalmente si vota per il rinnovo del Parlamento europeo che, una volta eletto, avrà il compito di determinare il presidente della Commissione europea, sulla base di una proposta fatta dal Consiglio europeo, «tenendo conto» dell'esito delle elezioni europee . Ma tutto questo sembra non interessare. La bomba mediatica antinazionalista ha fallito. Non è esplosa. Nei Paesi, principalmente coinvolti dalle speculazioni bancarie e finanziarie, che hanno colpito, volutamente, in particolar modo l'Europa del Sud, queste elezioni vengono utilizzate come strumento di propaganda interna finalizzata a condizionare logiche politiche di carattere nazionale se non nazionalistico, con tutte le sue varianti. Dopo le politiche del 2013, il Pd, all'esito delle elezioni, così scriveva “"Ringraziamo - ha i cittadini italiani all`estero che con il loro voto hanno fatto del Partito Democratico il primo partito italiano. Il Movimento Cinque stelle invece, rivendicava : “il M5S è stato il primo per numero di voti, a prima forza politica,alle ultime elezioni. Per questo chiediamo ufficialmente un incarico di governo per realizzare il nostro programma”. Tra colpi di mano, vendette e marionette, ora le cose, in un certo senso, sono state ribaltate. Renzi ha ricordato ultimamente in sostanza che nel 2013 Grillo ha preso il 25,6%, Bersani il 25,3%, Berlusconi il 21%", insomma, "il Movimento cinque stelle è già primo partito in Italia, Grillo nel 2013 è arrivato primo ". Tutto questo perché? Perché il M5S, da primo partito che era, non ha ottenuto in sostanza nulla. E se dovesse arrivare nuovamente primo, questa cosa la evidenzieranno in modo tassativo. Renzi, Grillo e Berlusconi. Il trio dello status quo. Si insultano, si offendono, si tutto, ma alla fine nessuno dei tre è candidato alle politiche comunitarie. E tutti e tre giostreranno l'esito delle elezioni europee a loro vantaggio.Tra chi dirà che le politiche europee non sono elezioni nazionali, tra chi dirà che le politiche europee sono invece un referendum nazionale e chi, nonostante tutto, e visto il tutto, aver raggiunto il risultato x è un miracolo. Insomma, nella cattiva demagogia di questi mesi, probabilmente l'esito del 25 maggio sarà quasi scontato, nel senso che, salvo qualche piccolo dettaglio, non determinante per la stabilità dell'austerità europea e per la guida del solito capitalismo della pseudoUnione Europea, tutto sarà come prima e peggio di prima. Finite le consultazioni elettorali, ritornerà l'austerità,dopo una pausa elettorale, inizierà il secondo tempo della così detta crisi, che crisi del capitalismo non è, e le solite situazioni gattopardiane che trascineranno questa seconda repubblica alla sua sospirata fine. Per concludere, il primo partito sarà certamente quello dell'astensionismo, che includerà varie e contrastanti soggettività, siano esse politiche che non, dall'estrema sinistra all'estrema destra, all'armata dei delusi e rassegnati. L'Europa dei Trattati di Lisbona o Maastricht è fallimentare per le varie comunità, e salvifica per i soliti circoli di potere e non saranno certamente questi processi elettorali a mettere in discussione, nel complesso, i circoli di potere che governano in Italia, in Europa e nel mondo.

Commenti

Post popolari in questo blog

Koper o Capodistria?Fiume o Rijeka?Merna o Miren?Londra o London? Trieste e Trst?

Esistono diversi processi di italianizzazione, i più noti sono quelli figli dell'abitudine, figli di quel modo di fare che hanno trasformato London in Londra, Berlin in Berlino, Barcelona in Barcellona, Marseille in Marsiglia ecc. Si dirà che è semplice traduzione. Fattore tipico di tutte le lingue. Poi vi sono luoghi che sono stati soggetti all'italianizzazione forzata tramite la nota opera nazionalfascista e di esempi ve ne sono a bizzeffe, se ne perde il conto, sia in Italia che in Slovenia che in Croazia che ovunque l'Italia abbia operato in tal modo.
Ad esempio Redipuglia  ha storpiato lo sloveno Sredipolje. In altri casi si utilizza l'italianizzazione per rispetto anche della comunità italiana che vi abita, non chiamare quei luoghi con il loro nome italiano significherebbe negare l'esistenza della comunità italiana, almeno per gli italiani autoctoni del luogo è così, pensiamo Capodistria il cui nome in sloveno è Koper, o Rijeka diventata Fiume. Italianizzazi…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Con i confini della giusta sconfitta di Caporetto l'Italia oggi si fermerebbe a Treviso

Dal dannunzianesimo in poi, passando per retoriche risorgimentali estremizzate, irredentismi radicali, simulati patriottismi, l'Italia decise di aggredire l'Impero Austro Ungarico, occupando terre non italiane, anche se forse si poteva pur parlare l'italiano, anche se prevalentemente si parlavano dialetti locali oltre ovviamente allo sloveno, il tedesco, il friulano. Dove vi potevano essere radici latine, risalenti anche all'Impero Romano, ma non è che ovunque l'Impero Romano mise piede era da considerarsi Italia, perchè allora dovrebbero rivendicare anche l'Azerbaigian, senza dimenticare che l'Italia si formerà come Stato unitario poi solo nel 1861. Audacia, tenacia, scippati dalla terra contadini, ragazzi, famiglie senza più i loro figli, mandati a morire nel nome del niente. Arroganza, gestione criminale del conflitto, per conquistare fazzoletti di terra che ancora oggi si sentono poco italiani, perchè l'Italia è giovane, l'Italia unita si è fat…