Passa ai contenuti principali

Elezioni europee o nazionali? Voti o non voti?

Ma il 25 maggio si vota per le politiche nazionali o per il rinnovo del parlamento europeo? Formalmente si vota per il rinnovo del Parlamento europeo che, una volta eletto, avrà il compito di determinare il presidente della Commissione europea, sulla base di una proposta fatta dal Consiglio europeo, «tenendo conto» dell'esito delle elezioni europee . Ma tutto questo sembra non interessare. La bomba mediatica antinazionalista ha fallito. Non è esplosa. Nei Paesi, principalmente coinvolti dalle speculazioni bancarie e finanziarie, che hanno colpito, volutamente, in particolar modo l'Europa del Sud, queste elezioni vengono utilizzate come strumento di propaganda interna finalizzata a condizionare logiche politiche di carattere nazionale se non nazionalistico, con tutte le sue varianti. Dopo le politiche del 2013, il Pd, all'esito delle elezioni, così scriveva “"Ringraziamo - ha i cittadini italiani all`estero che con il loro voto hanno fatto del Partito Democratico il primo partito italiano. Il Movimento Cinque stelle invece, rivendicava : “il M5S è stato il primo per numero di voti, a prima forza politica,alle ultime elezioni. Per questo chiediamo ufficialmente un incarico di governo per realizzare il nostro programma”. Tra colpi di mano, vendette e marionette, ora le cose, in un certo senso, sono state ribaltate. Renzi ha ricordato ultimamente in sostanza che nel 2013 Grillo ha preso il 25,6%, Bersani il 25,3%, Berlusconi il 21%", insomma, "il Movimento cinque stelle è già primo partito in Italia, Grillo nel 2013 è arrivato primo ". Tutto questo perché? Perché il M5S, da primo partito che era, non ha ottenuto in sostanza nulla. E se dovesse arrivare nuovamente primo, questa cosa la evidenzieranno in modo tassativo. Renzi, Grillo e Berlusconi. Il trio dello status quo. Si insultano, si offendono, si tutto, ma alla fine nessuno dei tre è candidato alle politiche comunitarie. E tutti e tre giostreranno l'esito delle elezioni europee a loro vantaggio.Tra chi dirà che le politiche europee non sono elezioni nazionali, tra chi dirà che le politiche europee sono invece un referendum nazionale e chi, nonostante tutto, e visto il tutto, aver raggiunto il risultato x è un miracolo. Insomma, nella cattiva demagogia di questi mesi, probabilmente l'esito del 25 maggio sarà quasi scontato, nel senso che, salvo qualche piccolo dettaglio, non determinante per la stabilità dell'austerità europea e per la guida del solito capitalismo della pseudoUnione Europea, tutto sarà come prima e peggio di prima. Finite le consultazioni elettorali, ritornerà l'austerità,dopo una pausa elettorale, inizierà il secondo tempo della così detta crisi, che crisi del capitalismo non è, e le solite situazioni gattopardiane che trascineranno questa seconda repubblica alla sua sospirata fine. Per concludere, il primo partito sarà certamente quello dell'astensionismo, che includerà varie e contrastanti soggettività, siano esse politiche che non, dall'estrema sinistra all'estrema destra, all'armata dei delusi e rassegnati. L'Europa dei Trattati di Lisbona o Maastricht è fallimentare per le varie comunità, e salvifica per i soliti circoli di potere e non saranno certamente questi processi elettorali a mettere in discussione, nel complesso, i circoli di potere che governano in Italia, in Europa e nel mondo.

Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Se Babbo Natale ha ridimensionato San Nicolò

Ma è più sentito San Nicolò o Babbo Natale?

Questo è quanto mi domandavo notando tutta la serie di prodotti realizzati, i mercatini diffusi, le fiere e quant'altro si afferma in prossimità della notte tra il 5 e 6 dicembre. Così come mi domando, ma quanti conoscono la sua storia? Quanti sanno che tipo di santo protettore sarebbe?  Scommetto che le mani alzate sarebbero una manciata.  Ed a dirla tutta non interessa, interessa quel giorno solo scambiarsi qualche regalino, girovagare per le fiere, bere e mangiare.
San Nicolò, dicono, è un santo molto venerato in tutto il mondo, addirittura avrebbe carattere universale. Sarà. Ma in Italia ci sono su più di 8 mila Comuni solo una ventina di località, e qualche Comune, ad avere questo nome e sono poche le località dove viene festeggiato, soprattutto in alcune zone del Nord Est ed in Puglia.  Vi è chi dice che Babbo Natale altro non sia che praticamente il San Nicolò in chiave pienamente consumistica, che avrebbe tratto origine da qu…

Le conclusioni della Commissione d'inchiesta sul caso Moro

Nelle considerazioni conclusive della Commissione d'inchiesta sul Caso Moro emergono spunti di riflessione importante ed anche inquietanti che dovrebbero far tremare i pilastri della nostra Repubblica. Un lavoro durato alcuni anni, con diverse audizioni, accessi a documenti, verifiche, ispezioni, un lavoro enorme e giunto a termine.    La legge istitutiva della Commissione (Legge 30 maggio 2014, n. 82) ha assegnato come mandato all'inchiesta parlamentare quello di «accertare eventuali nuovi elementi che possono integrare le conoscenze acquisite dalle precedenti Commissioni parlamentari di inchiesta sulla strage di Via Fani, sul sequestro e sull'assassinio di Aldo Moro; eventuali responsabilità sui fatti di cui alla lettera a) riconducibili ad apparati, strutture e organizzazioni comunque denominati ovvero a persone a essi appartenenti o appartenute». E' stato sottolineato che è "dalla rilettura sistematica dei cinque processi e dell'attività delle precedenti…