Passa ai contenuti principali

Dopo il giorno del ricordo arriverà quello della "restituzione" delle terre?




La nota Legge 30 marzo 2004, n. 92 che prevede, da dieci anni a questa parte, l'istituzione del «Giorno del ricordo» in memoria delle vittime delle foibe, dell'esodo giuliano-dalmata, delle vicende del confine orientale e concessione di un riconoscimento ai congiunti degli infoibati, oltre ad essere complessa, è anche pericolosa. Recentemente è stata presentata, dal M5S, una interrogazione scritta al Governo, ove si evidenzia, tra le varie cose quanto segue : "il “Giorno del Ricordo” può avere un senso se sono reperibili e disponibili i nomi e i cognomi delle vittime infoibate, le identità degli infoibatori e le identità dei profughi, oltre a dati su flussi e dispersione di questi ultimi, unici elementi in grado di raccontarci le loro singole storie e dare, così, un senso compiuto ad un concetto di Memoria che richiede impegno e risorse per poter essere trasmessa come valore nella società civile”. Lo scopo dell'interpellanza è quello di sapere se l’esecutivo intenda verificare la disponibilità pubblica di tutti i documenti sulle foibe, procedendo alla eventuale desecretazione di quelli che risultino ancora coperti da segreto di Stato con particolare riferimento alla Repubblica di Serbia. Un Paese che specula e spara cifre enormi, trattando i numeri, che dovrebbero esprimere l'identità di ogni singola esistenza, come noccioline, senza alcuna certezza, ed il tutto nel nome della presunta pacificazione sociale che dovrebbe aprire la via alla "memoria condivisa", dunque all'omologazione ed accettazione forzata del dogma imposto dal sistema. 
Un Paese normale prima di istituire qualsiasi giorno del ricordo dovrebbe, come minimo, vagliare con attenzione tutte le fonti e non solamente quelle di parte. Ma ciò non è accaduto e non accadrà. Insomma si è verificato un processo al contrario. Prima si istituisce una legge quale quella che istituisce il giorno del ricordo, nei cui passaggi parlamentari le cifre,con riferimento all'esodo, ruotavano intorno alle 350 mila unità, però poi si chiede di sapere se quella cifra corrisponda al vero o meno. Questione di serietà, cosa che l'Italia non conosce. Ma quella Legge nasce anche con un chiaro spirito irredentista. Spirito che è stato strumentalizzato e manovrato per legittimare l'entrata in guerra dell'Italia e la contestuale invasione di terre ove le pietre certamente non parlavano italiano. Lo scopo era esercitare l'egemonia in buona parte dell'Adriatico, uno scopo che doveva trovare legittimazione e da qui è partita tutta l'epopea culturale ed intellettuale,come cavalcata dai circoli di potere, che sotto il principio dell'Italia fisica, della superiorità della “razza italica” rispetto a quella “selvaggia dei barbari” ha determinato processi di violenza inaudita e neanche puniti. Durante il processo parlamentare che ha condotto all'approvazione della citata legge, vi sono stati alcuni interventi che devono essere segnalati e letti.

Il primo è quello del Senatore Servello di An : “Tornando al significato complessivo del «Giorno del ricordo», l'elemento decisivo mi sembra consistere nel fatto che la data prescelta sia il 10 febbraio, giorno del Trattato di Parigi che impose all'Italia la mutilazione delle terre adriatiche. Se invece, come avevano inizialmente proposto i vertici DS, fosse stata scelta la data del 20 marzo, giorno in cui partì da Pola l'ultimo piroscafo con la nostra gente, gran parte del significato storico-politico del «Giorno del ricordo» sarebbe probabilmente andato perduto”. Il secondo è quello del Senatore Pedrizzi sempre di AN : “Non si può nemmeno dimenticare, per carità di Patria, nemmeno per opportunità o meglio opportunismo politico la grave responsabilità della classe politica dirigente italiana nella rinuncia alla Zona B del mai nato territorio di Trieste. Questione che nel 1974 l'allora Presidente della Repubblica sbrigò con questa battuta: «Non faremo la guerra certamente per cinquecento metri di terreno» laddove si trattava di oltre cinquecento chilometri quadrati di terra italiana. Senza il Trattato di Osimo del 1975, infatti, oggi quelle terre sarebbero automaticamente italiane. Sarebbe bastato solamente che la nostra diplomazia di Governo avesse avuto il senso della Nazione oltre ad un minimo di lungimiranza politica in grado di farle intuire che qualcosa sarebbe cambiato…”. Interventi effettuati nel giorno 11 marzo 2004. 

Come ha avuto modo di rilevare il Senatore Basso, dei DS, che poi alla fine comunque voterà a favore di questa legge“ Si parte, magari come fa il senatore Servello, dalla richiesta della restituzione dei beni agli esuli, per poi magari pretendere la restituzione dei territori”.  Cosa è accaduto dall'approvazione di quella Legge ad oggi? Quali sono stati gli effetti? Equiparazione del comunismo o meglio del “titismo” a qualsiasi dittatura fascista o nazista o stalinista, superamento dell'ideologia, decontestualizzazione della storia, trasformazione della resistenza in banditismo, la liberazione di Trieste dal nazifascismo da parte dei partigiani jugoslavi in occupazione, ma soprattutto, l'aver usato la vicenda degli esuli più che quella delle foibe, per inculcare,nel corso degli anni, il convincimento che quelle terre”contese” erano italiane, per diritto falsamente naturale e storico. Che quelle terre istriane, dalmate e fiumane appartenevano agli italiani, i quali sarebbero stati cacciati, come animali, violentemente, da quella che è stata definita come “la loro casa”.  Pensieri ed informazioni sempre più omologati ed indirizzati verso questo indirizzo. Ciò è altamente pericoloso e nello stesso tempo rivela anche uno scopo possibile della legge del ricordo, ovvero fomentare e legittimare l'idea che l'Italia, fatta da brava gente, e povere vittime, ha subito una grave ingiustizia, che si pone in continuità con il concetto della vittoria mutilata, ed il passo successivo non potrà che essere, ovviamente, che quello della pretesa della restituzione delle citate terre, perché, come ancora oggi si continua, in modo falso, a ripetere, anche " le pietre parlavano italiano". Questi sono processi lunghi, occorrono anni per coltivarli, Il seme è stato gettato da tantissimo tempo, questa legge altro non ha fatto che favorire la diffusione di questa semina nazionalista, con tutti i mezzi a disposizione, dai media allo spettacolo, che un giorno potrà ritornare sempre utile.  Questo secolo, a dir poco turbolento, soprattutto per la rinascita di fuochi di carattere nazionalistico, non lascia ben certo sperare. Ed il tutto speculando sulla vita e la morte. Un Paese serio, che si professa come cultore della pace e garante del rispetto dei rapporti internazionali, abrogherebbe senza pensarci due volte una simile legge. 

Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Le conclusioni della Commissione d'inchiesta sul caso Moro

Nelle considerazioni conclusive della Commissione d'inchiesta sul Caso Moro emergono spunti di riflessione importante ed anche inquietanti che dovrebbero far tremare i pilastri della nostra Repubblica. Un lavoro durato alcuni anni, con diverse audizioni, accessi a documenti, verifiche, ispezioni, un lavoro enorme e giunto a termine.    La legge istitutiva della Commissione (Legge 30 maggio 2014, n. 82) ha assegnato come mandato all'inchiesta parlamentare quello di «accertare eventuali nuovi elementi che possono integrare le conoscenze acquisite dalle precedenti Commissioni parlamentari di inchiesta sulla strage di Via Fani, sul sequestro e sull'assassinio di Aldo Moro; eventuali responsabilità sui fatti di cui alla lettera a) riconducibili ad apparati, strutture e organizzazioni comunque denominati ovvero a persone a essi appartenenti o appartenute». E' stato sottolineato che è "dalla rilettura sistematica dei cinque processi e dell'attività delle precedenti…

Ma ha ancora senso la "Venezia Giulia"? O meglio regione di Trieste?

Venezia Giulia. Un nome che ha sicuramente un suo fascino, originale, una forzatura storica pasticciata, proposta ed utilizzata sin dal 1863, come si legge nell'Enciclopedia Treccanti dal linguista goriziano G.I. Ascoli in sostituzione di ‘Litorale’ (Küstenland), usato dagli Austriaci. "Dal 1920 sotto la denominazione di V. furono compresi anche territori appartenenti alla Carniola; i limiti della regione non erano del resto ben definiti: ora comprendeva anche il Friuli ora questo era considerato come appartenente al Veneto, per cui la V. corrispondeva ai territori orientali ceduti dall’Austria all’Italia in seguito alla Prima guerra mondiale, cioè le province di Gorizia, Trieste, Pola e Fiume (superficie 8893 km2 con 955.257 ab. nel 1936), zona caratterizzata dal graduale trapasso del sistema alpino in quello dinarico e dalla compenetrazione di elementi italiani e slavi. Il piccolo lembo della V. rimasto all’Italia dopo la Seconda guerra mondiale è confluito nella regione a …