Passa ai contenuti principali

Appello alla società civile e mondo della cultura: Centenario prima guerra mondiale sosteniamo Ronchi dei Partigiani


Condivido  e sottoscrivo questo appello
***
Dopo quasi un secolo siamo riusciti a far revocare la cittadinanza onoraria a Mussolini nel Comune di Ronchi, città che “pur se in condizioni di grave inferiorità tecnica e numerica, dopo l’8 settembre 1943, organizzò la Resistenza contro l’occupatore, impegnandolo in numerosi e cruenti scontri. Nel corso di venti mesi di lotta partigiana, malgrado persecuzioni, deportazioni nei campi di sterminio, distruzioni e torture, i Ronchesi furono tra i protagonisti della rinascita della Patria, lasciando alle future generazioni un patrimonio di elette virtù civili, di coraggio e di fedeltà agli ideali di giustizia “ ( motivazione della Medaglia d’Argento al valor militare assegnata a Ronchi per l’attività partigiana svolta dai suoi cittadini dopo l’8 settembre 1943 ).

Stiamo conducendo una battaglia per la dignità e per l'antifascismo e per questo vogliamo ora pretendere la revoca della denominazione “dei Legionari” di Ronchi. Il 17 maggio del 1924 il Consiglio Comunale a maggioranza fascista di Ronchi si riunisce in seduta straordinaria e delibera di nominare Benito Mussolini «cittadino onorario di Ronchi di Legionari». Il 2 novembre del 1925, con il Regio Decreto firmato da Rocco e pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n° 283 del 5 dicembre, il governo ufficializzò il nome «Ronchi dei Legionari». Il 20 settembre 1938 Mussolini, dopo aver presentato a Trieste le Leggi Razziali, si fermò a Ronchi dei Legionari per consacrare la fascistizzazione del toponimo in armonia con la fascistizzazione dell’Italia razzista.

Va precisato che la decisione di consacrare il nome di Ronchi ai legionari di D’annunzio, all'impresa di Occupazione ed italianizzazione di Fiume, avviene nel periodo delle leggi fascistissime
Vi è ora il centenario della prima guerra mondiale, l'Italia ben avrebbe potuto mantenere lo stato iniziale di neutralità, cosa che non volle fare per ragioni opportunistiche ed imperialistiche. Opportunismo ed imperialismo che ha comportato morte e distruzione. A quell'opportunismo seguirà l'impresa di Occupazione di Fiume, a cui si deve l'attuale denominazione di Ronchi, capeggiata dal poeta amante della guerra, e precursore della più nefasta ideologia che vivrà l'Italia. Nessun cittadino di Ronchi ha partecipato all'impresa di occupazione di Fiume. 
Caduta la cittadinanza onoraria a Mussolini, conferita per determinare il cambio della denominazione di Ronchi, deve ora cadere la denominazione “dei legionari”. Denominazione inappropriata per Ronchi e per una comunità che vuole coltivare pace e dialogo e che è stata in primo piano nella lotta contro il nazifascismo. A Selz di Ronchi è nato il primo gruppo, di resistenza armata, contro il nazifascismo, la Brigata proletaria. 

E', quella "dei legionari", una denominazione inappropriata per una comunità multiculturale e multietnica come quella di Ronchi.
Ronchi non è dei legionari e non lo è mai stata.
Se Ronchi è di qualcuno, questo qualcuno sono i Partigiani che hanno lottato e sacrificato la propria vita per la nostra libertà, e per questo diciamo sì a Ronchi dei Partigiani e no a Ronchi " dei Legionari".
Mantenere, ancora oggi, proprio nel centenario della prima guerra mondiale, quella denominazione, è un grave atto di offesa verso chi ha subito violenze ed occupazioni per mano di truppe, regolari e non, italiane. E' un grave atto di offesa verso la pace.
Anche i simboli sono importanti.
Anche i nomi delle città sono importanti.
E per questo chiediamo, alla società civile, al mondo della cultura, di sostenere la nostra causa entro il 10 giugno 2014, inviando una mail a ronchideipartigiani@libero.it indicando città di residenza ed attività( artista, scrittore, blogger, ecc), inserendo alla voce oggetto: adesione appello, ed autorizzando al trattamento dei dati personali, riportando  questa formula nel testo della mail “ autorizzo la pubblicazione dei miei dati, quale firma,indicazione città ed attività, per i fini come comunicati da Ronchi dei Partigiani”.

Il 14 giugno 2014, nel giorno del nostro convegno storico, culturale, GIORNATA DELLA CULTURA RESISTENTE, che ha per oggetto anche la problematica della denominazione "dei legionari" di Ronchi, organizzata da Ronchi dei Partigiani , area feste Selz di Ronchi,  che vede tra i partecipanti Luca Meneghesso,Maurizio Puntin (esperto di toponomastica), Alessandra Kersevan (storica ed editrice), Wu Ming1 e Boris Pahor (scrittori), Marco Barone ( blogger, attivista), Piero Purini, ed altri , renderemo note, in rete e durante il convegno, le firme di adesione al nostro appello.


Per maggiori informazioni sulla vicenda Ronchi dei Partigiani segnaliamo questo post
oppure qui:

e la nostra pagina facebook

Firmato

Commenti

Post popolari in questo blog

Dopo Macerata si continua a sparare. Guai a ridimensionare o normalizzare

Questa è una storia che non parte da lontano, per dovere di sintesi sarò breve e conciso. Da questa estate in Italia si è iniziato a scoprire il problema del fascismo. Fino a quel momento, soprattutto da chi oggi si professa dall'alto della suo essere grado istituzionale antifascista, era ignorato se non avvallato. Si è denunciato il rischio di fascismo passando dalle vicende ridicole della spiaggia fascista di Chioggia, agli adesivi di Anna Frank, alle bottiglie o calendari con la foto di Mussolini o Hitler. Quando per anni ed anni in questo Paese si è realizzata una vera connivenza con le peggiori istanze, legittimandole, democratizzandole e favorendone la diffusione. Perchè, si è detto, la democrazia vale per tutti, anche per chi sputa veleno sociale.
Il guaio è che è stato pompato all'ennesima potenza un problema che c'era ma non era così forte, impattante. La propaganda che doveva portare a vedere in alcune soggettività una sorta di salvezza messianica in materia di…

E' necessario il (prodotto) made in Friuli Venezia Giulia prima di essere annientati dalla "globalizzazione"

Il made in Italy è diventato uno slogan che non dice più niente. Diventato più funzionale a quella retorica che ha fatto il male dell'Italia che alla tutela dell'Italia. Dall'arte, alla cucina, dall'agricoltura, alla moda e si potrebbe continuare. Nell'Italia di oggi si rimpiange ciò che non è più italiano. Hanno distrutto le campagne, hanno distrutto le coltivazioni storiche, è stato mescolato tutto, per arrivare all'assurdità di cortocircuiti propri di una società totalmente sballata. La globalizzazione nell'economia ha comportato il saccheggio dell'Italia, l'appropriazione indebita di ciò che ha reso unico il nostro Paese nel mondo per perderci nella nullità dell'essere più niente e nessuno.

Siamo bravi a decantare od osannare bellezze e miti e leggende che attraversano la storia di ciò che è arrivato, nel bene o nel male a determinare l'Italia. Un Paese fittiziamente unito, che deve la sua vera forza ai regionalismi, localismi, che non so…

Si è entrati nel terzo anno della ricerca della verità per Giulio Regeni, con la politica persa nel silenzio di comodo

"Non è possibile normalizzare i rapporti con uno stato che tortura, uccide e nasconde oltraggiosamente la verità, se non a scapito della credibilità politica del nostro Paese e di chi lo rappresenta". Queste sono le parole della famiglia di Giulio.
Una tempesta sotto forma di parole. Parole dure, ma figlie di quella rabbia comprensibile di chi altro non ha potuto fare che constatare l'effettiva resa dell'Italia all'Egitto criminale, dove si continua a morire, a sparire, ad essere torturati, come è successo a Giulio.  Si dovrebbe dare un vero e proprio ultimatum all'Egitto, pretendendo quelle piccole cose, elementi fondamentali, per chiudere il cerchio. Ma l'Egitto ha preso in giro l'Italia e Giulio e la sua famiglia da sempre, depistaggi, menzogne, calunnie, infamie. La politica italiana si è persa in un silenzio di comodo, quel silenzio che ha caratterizzato, salvo qualche formula di rito, anche le massime Istituzioni. E questo silenzio fa male e …