Passa ai contenuti principali

Il Primo discorso di Mussolini alla Camera, tra elogi a D'Annunzio e bombe rivendicate



Il 21 giugno 1921 colui che diventerà il dittatore fascista, Benito Mussolini, pronuncerà le sue prime parole  in una seduta parlamentare. Dopo aver giurato in ritardo, insieme ad altre decine di parlamentari, Mussolini, che grazie alla sua elezione evitò il processo per i fatti del 1919, cospirazione e detenzione di armi,pronuncerà un discorso duro, violento, ma nello stesso tempo manifesterà grande riconoscenza a quel poeta amante della guerra dal quale lo stesso Mussolini riceverà in consegna l'eredità della marcia su Fiume che poi porterà alla marcia su Roma. Il resoconto della Camera evidenzierà la grande attenzione che ruoterà intorno alle parole di Mussolini, speso acclamate e condivise anche da diverse approvazioni all'estrema destraNon mi dispiace, onorevoli colleghi, di iniziare il mio discorso da quei banchi dell'estrema destra dove, nei tempi in cui lo spaccio della Bestia trionfante aveva le sue porte spalancate ed un commercio avviatissimo, nessuno osava più sedere. Vi dichiaro subito, con quel sovrano disprezzo che ho di tutti i nominalismi, che sosterrò nel mio discorso tesi reazionarie”.
Così debutta alla Camera Benito Mussolini.
Rivendicherà il carattere antidemocratico del suo discorso ed anche poco parlamentare “Sarà quindi il mio un discorso non so quanto parlamentare nella forma, ma nettamente antidemocratico e antisocialista nella sostanza (Approvazioni all' estrema destra), e quando dico antisocialista, intendo dire anche antigiolittiano perchè non mai come in questi giorni fu assidua la corrispondenza d'amorosi sensi tra l'onorevole Giolitti e il gruppo parlamentare socialista”.
Intimerà ai parlamentari di non interromperlo annunciando che dal quel momento lui userà poco la sua libertà di parola, lasciando intendere che alle parole seguiranno i fatti che poi la storia ha in modo nefasto ben conosciuto. 
“Vi prego di non interrompermi perché io non interromperò mai nessuno, e aggiungo fin da questo momento che farò un uso assai parco in questo ambiente della mia libertà di parola”. Rivendicherà sin dall'inizio la violenza del primo fascismo “La fiera campionaria fu voluta dalla Camera di commercio di Bolzano, nido di pangermanisti con esclusione di ditte italiane, tanto vero che gl'inviti furono fatti solo in lingua tedesca e durante il periodo della fiera una banda bavarese in costume suonò continuamente. Vengo ai fatti del 24 aprile quando una bomba fascista giustamente collocata a scopo di rappresaglia e per la quale rivendico la mia parte di responsabilità morale ( Vìve approvazioni — Commenti) segnò il limite al di là del quale il fascismo non intende che vada l'elemento tedesco”.

Ed arriverà l'omaggio a D'Annunzio ed all'impresa di occupazione di Fiume “ Nel discorso della Corona si parla di Alpi che scendono al Quarnero. Ora, si desidera sapere se queste Alpi comprendono Fiume o l'escludono. Io deploro che nel discorso della Corona non ci sia stato un accenno all'azione esplicata da Gabriele D'Annunzio e dai suoi legionari (Applausi all'estrema destra), senza la quale noi oggi saremmo col confine al Monte Maggiore e non già al Nevoso.Un tale accenno era generoso ed anche politicamente opportuno.(…) Sempre in tema adriatico, o signori del Governo, non possiamo dimenticare, noi che parliamo per la prima volta in quest'Aula, il contegno, che avete tenuto di fronte all'impresa di Fiume ; non possiamo dimenticare che voi avete attaccato Fiume alla vigilia di Natale, utilizzando anche i due giorni di sospensione di tutti i giornali ; non possiamo dimenticare che avete imposto l'accettazione del Trattato di Rapallo con un atto di violenza e di crudeltà raffinata. Quando il 28 dicembre il generale Ferrario disse che « non poteva sospendere l'ordine di esecuzione del bombardamento, che avrebbe raso al suolo Fiume », quel generale e il Governo, che gli ordinava di agire in tal modo, si misero un poco fuori dai limiti della coscienza e della dignità nazionale.Avete posto un coltello al collo di Fiume, ma non avete risolto il problema di Fiume” Ed il suo discorso dopo aver affrontato varie questioni, dalla massoneria, al sindacato, ai confini, insomma una mera anticipazione del suo primo progetto politico, dirà “Siamo in un periodo decisivo ; lealtà per lealtà, prima di deporre le nostre armi, disarmate i vostri spiriti”.

Gli spiriti furono e vennero in modo incosciente disarmati, ma il fascismo,ahimè, non depose le armi.


Commenti

Post popolari in questo blog

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Un maledetto 17 agosto a Barcellona

Ci sono cose nella vita che non dimenticherai mai e quanto accaduto in un caldo ed apparentemente tranquillo agosto a Barcellona è una di quelle cose che non metabolizzerai per lungo tempo. Hai la fortuna di poterlo in parte raccontare, anche se non sai bene cosa raccontare. Sei a pochi metri dalla interminabile e costante folla della Rambla. Vedi decine e decine di persone a passo spedito venire contro la tua direzione. In un primo momento pensi che vai sempre controcorrente. Poi arriva la polizia, di corsa, chiude la via nella quale ti trovi, una laterale della Rambla. Una delle tante. Non riesci al momento a collegare. Anche se sai che nel mondo la situazione è tesa. Ma sei a Barcellona, pensi. Un luogo sicuro.
Poi l’inevitabile ti si presenta come un cazzotto devastante nello stomaco. Attentato. Terrorismo. Panico totale. Cerchi le persone a te più care, fino a quando non le trovi e non le rintracci non sei "tranquillo".
Cerchi di capire come comportarti. Cosa fare. Cosa…

Per essere un Paese migliore si deve chiedere scusa,ed alcune date di Gorizia da non dimenticare

Quanto è difficile chiedere scusa, eppure chiedere scusa è il primo passo necessario non tanto per ricominciare, ma per avviare un percorso diverso, più onesto, più eticamente e moralmente corretto. Il Papa, ad esempio, qualche passo tenue nei confronti degli omosessuali lo sta facendo, Obama si è recato ad Hiroshima, gesto importante, ma non ha osato chiedere scusa per quel crimine immenso compiuto contro inermi civili. Tante barbarie nel corso della storia sono state compiute in nome e per conto dell'Italia. Dalla “piemontesizzazione del Sud”, ai massacri della prima guerra mondiale, al regime fascista, alle violenze e crimini compiuti nelle terre occupate, in Africa, Albania, Grecia, in Jugoslavia. Mai scusa si è chiesto per ciò. Eppure basterebbe poco, chiedere scusa per restituire dignità all'Italia, il cui nome è stato usurpato dalle peggiori nefandezze. Il problema è che quando pretendi ciò ti etichettano spesso come anti-italiano. A parer mio il peggior modo di essere…