Passa ai contenuti principali

Dal 14 aprile 2014 Ronchi è un Comune demussolinizzato


12 voti a favore( Pd e Prc), alcune astensioni con uscita dall'aula da parte dell' area centrodestra, ed alle ore 17.15 del 14 aprile 2014 la città di Ronchi delibera la revoca della cittadinanza onoraria a Mussolini, come conferita il 17 maggio del 1924 dal Consiglio Comunale a maggioranza fascista in seduta straordinaria. Quasi due ore di dibattito per approvare la mozione come presentata dal consigliere di Rifondazione Comunista, su impulso dell'iniziativa come avviata dal gruppo Ronchi dei Partigiani ( questo il link per maggior approfondimento)e come accolta dal Sindaco di Ronchi. Erano forse decenni che nel Comune di Ronchi non si assisteva ad una presenza di forze dell'ordine così significativa come quella odierna, sia all'interno che all'esterno del palazzo municipale, ciò perché un gruppetto di neofascisti ha organizzato un presidio rivendicando, tra le varie cose, che “Mussolini rimarrà sempre cittadino onorario”. Neofascisti che sono entrati dentro l'aula  per ascoltare la discussione e dopo un breve momento di disturbo, tanto che il Sindaco ha intimano loro che al prossimo “basta” li avrebbe fatti uscire, dopo l'approvazione della revoca, sventolando il tricolore, hanno urlato vergogna uscendo dal palazzo comunale. Unica nota stonata  e vergognosa, questa sì, di una giornata che rimarrà  indelebile nella storia e nella memoria di Ronchi.
Diversi interventi, alcuni di buon spessore storico e culturale ed antifascista, come quello della consigliera Cuzzi; tra le varie cose è stato anche ricordato che la cittadinanza onoraria a Mussolini  è stata conferita nel periodo che ha anticipato di poco l'uccisione di Matteotti. Da evidenziare l'intervento di Bon, consigliere di Rifondazione, il quale ha presentato la richiesta formale di revoca della cittadinanza onoraria motivando l'incompatibilità assoluta di tale onorificenza con la storia della resistenza come vissuta dalla comunità di Ronchi, cosa che verrà sostenuta anche da alcuni consiglieri del PD intervenuti durante il dibattito. Interessante anche l'intervento del Sindaco il quale ha ben sottolineato l'importanza della memoria storica.
D'altronde, questa iniziativa, oltre che restituire anche dignità alla città di Ronchi, non solo tramite un gesto che non è burocratico, perché qui non è di burocrazia che si parla, ma di mera espressione di sostanza antifascista, ha avuto il merito di rispolverare una pagina di storia che oggi molte generazioni non conoscono o conoscono solo in modo altamente nozionistico e superficiale. Probabilmente era sfuggito o si sarà perso negli archivi, in passato, l'atto di riconoscimento della cittadinanza onoraria a Mussolini, e mi riferisco alle giunte che si sono insediate dopo la fine della seconda guerra mondiale, ma una volta che tale ignominia è venuta alla luce procurando un variegato dibattito pubblico, l'unica cosa che si poteva fare era revocarla, e così è stato anche a Ronchi e così probabilmente accadrà nei comuni del Friuli Venezia Giulia e d'Italia che mantengono ancora la cittadinanza onoraria a Mussolini, questione su cui l'ANPI effettuerà le dovute verifiche. Da segnalare, infine, l'intervento di un consigliere di Città Comune, che all'atto della votazione si è astenuto uscendo dall'aula, nel passaggio in cui ha evidenziato che D'Annunzio è "stato l'ideologo del fascismo", e che in sostanza essendo Ronchi, Ronchi dei Legionari, ovvero denominazione dedicata all'impresa di occupazione di Fiume, non si poteva cambiare la storia revocando la cittadinanza a Mussolini. Come è noto, quella di D'Annunzio, a Ronchi almeno, non è una figura condivisa ed amata, basta pensare alla vicenda del monumento ai Legionari, oppure alla via D'Annunzio, che da molti cittadini di Ronchi viene ancora oggi chiamata come via Trieste, il suo originario nome, almeno a fare data dall'Impero Austro Ungarico, oppure tutti quelli che, e sono tanti,  chiamano Ronchi dei Legionari, semplicemente Ronchi, omettendo, volutamente, dei Legionari.
Insomma, 12 voti per revocare il revocabile, 12 voti nella storia  in movimento, 12 voti per chiudere un capitolo di una storia complessa e dolorosa, e Ronchi è da oggi, anche se tecnicamente lo sarà dal 21 aprile, giorno in cui verrà pubblicata la delibera, Città  formalmente demussolinizzata.


Commenti

Post popolari in questo blog

Un maledetto 17 agosto a Barcellona

Ci sono cose nella vita che non dimenticherai mai e quanto accaduto in un caldo ed apparentemente tranquillo agosto a Barcellona è una di quelle cose che non metabolizzerai per lungo tempo. Hai la fortuna di poterlo in parte raccontare, anche se non sai bene cosa raccontare. Sei a pochi metri dalla interminabile e costante folla della Rambla. Vedi decine e decine di persone a passo spedito venire contro la tua direzione. In un primo momento pensi che vai sempre controcorrente. Poi arriva la polizia, di corsa, chiude la via nella quale ti trovi, una laterale della Rambla. Una delle tante. Non riesci al momento a collegare. Anche se sai che nel mondo la situazione è tesa. Ma sei a Barcellona, pensi. Un luogo sicuro.
Poi l’inevitabile ti si presenta come un cazzotto devastante nello stomaco. Attentato. Terrorismo. Panico totale. Cerchi le persone a te più care, fino a quando non le trovi e non le rintracci non sei "tranquillo".
Cerchi di capire come comportarti. Cosa fare. Cosa…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Barcellona, il giorno dopo il 17 agosto