Passa ai contenuti principali

Hanno fatto a pezzi l'Orso Yoghi



E' primavera. Anche se a dire il vero è iniziata, questa meravigliosa stagione, con qualche settimana di anticipo. La natura si risveglia, gli uccellini cantano, i fiori donano qualche colore di vita e speranza ad un mondo sempre più cupo e grigio ed intossicato da cattiveria. Ma primavera significa anche sospensione della caccia, nei confronti di  alcune specie animali, come il capriolo, che potrà dedicarsi alla stagione dell'amore se sopravvissuto ai colpi secchi e funesti dei fucili da caccia. Ma non tutti gli animali hanno avuto questa fortuna. Non tutti gli animali potranno giocare ed amoreggiare per le distese verdi o selvagge, non tutti gli animali potranno vivere liberi. Già, vivere liberi.  Ondina Peteani, che ha lottato per la libertà, dopo i traumi della deportazione e le battaglie per la liberazione neanche i canarini voleva più vedere chiusi ed imprigionati nelle gabbie. Quelle gabbie che l'uomo continua a diffondere, ovunque. Quelle gabbie che non conoscono sentimento di umanità. Ricevi una telefonata, è il figlio di Ondina Peteani, Gianni, e ti dice, "ti ho inviato una lettera, andrò a Certaldo, dove in occasione del ricordo dell'eccidio di Montemaggio, si parlerà di Ondina". Certaldo, la Casa del Boccaccio . Quel Boccaccio che nel suo poema in terzine, Caccia di Diana,scriveva “mi ritrovai di quel mantel coperto che gli altri usciti dello ardente agone; e vidimi alla bella donna offerto, e di cervio mutato in creatura umana e razionale esser per certo”. Animale trasformato in essere umano. Poema che ti riporta alla mente anche il "cuore di cane" di Michail Bulgakov ,scritto nel 1925, sequestrato dalla polizia segreta sovietica, venne ritrovato negli archivi del KGB dopo la morte dell'autore e pubblicato successivamente,ove ben emerge l'eccesso della scienza nel momento in cui questa va oltre l'Utile ed il Naturale, così come accade oggi. Esistono dei limiti, la società del progresso regresso, pur correndo verso le più alte tecnologie vive una involuzione per quanto concerne il rispetto della dignità e dei diritti universali. Uomini e donne trattati ancora oggi, in diverse parti del mondo, come schiavi del nuovo millennio, animali brutalmente uccisi, o trattati come oggetto utile al diletto della perfidia disumana. Ed allora, ritornando alla telefonata di Gianni, ed alla sua lettera, che ora pubblico integralmente, ci confrontiamo sul perché ancora oggi si uccidono gli animali,  si caccia, sul perché ancora oggi mille e più brutalità e conveniamo che il titolo da conferire alla sua lettera è Hanno fatto a pezzi l'Orso Yoghi . Un titolo forte, cruento, come quella realtà che lui ben rappresenta e descrive nella sua lettera aperta.
Marco Barone

"Apprendo che uno stimato, colto e apparentemente illuminato costruttore a capo di un rilevante gruppo industriale internazionalmente affermato, per sua propria passione è recentemente rientrato raggiante da una battuta di caccia all’orso in un paese dell’est europeo, al prezzo di diecimila euro di licenza per abbattere un plantigrado recentemente risvegliatosi dal letargo. Gli ha mozzato zampe e testa per cena e trofeo. Mi chiedo: chissà quale espressione assumerà il coraggioso cacciatore (al seguito dei pagati battitori) quando la prossima volta Cindy, al fianco di Bubu orfano di padre, gli stamperà il pentagramma della sua vedovanza con una carezza in piena fronte, in stile “Bastardi senza gloria”(Brad Pitt nel ruolo del Tenente Aldo Raine )?La crudeltà gratuita è ignominia dei pezzenti quanto dei ricchi. Il male verso qualsiasi essere vivente è malvagio, degenere e ignorante.L’uomo contemporaneo non può più sottrarsi al verbo di San Francesco d’Assisi che nel 1200 pose le basi di una consapevolezza universale che ci rende eticamente consimili a ogni creatura vivente.La normativa occidentale persegue chi si adoperi in maltrattamenti e abusi agli animali e parallelamente continua tutelare e definire sport l'assassinio venatorio e la caccia a disparate specie animali. In pratica l'egual politica avversa a tabagismo che contemporaneamente istituzionalizza il monopolio.Per non infrangere la sensibilità e l'ipocrisia dei sistemi educazionali internazionali che hanno cresciuto ogni generazione nella trasformazione antropomorfica di topi, paperi, lupi, orsi, mucche, gatti e cani umanizzati a nostra immagine e somiglianza, la più grande invenzione dai tempi dell'Homo Sapiens è Il Muro. Una separazione con cui  celare tutto quanto si continua a perpetrare fingendo di non farlo. La zootecnia industriale, la filiera disinvoltamente sadica degli allevamenti intensivi convive serenamente con la tenerezza di una Società che si strugge incondizionatamente per il Bamby di celluloide cibandosi di quello vero. E la mattanza continua. In milioni di Auschwitz, Lager, fabbriche di morte disseminati in tutto il globo, omologhi nell'impietosa regia, dove le vittime non sono vite ma cose, pezzi, numeri che alimentano profitto. In un inferno artificiale, artificialmente illuminato, che ha dilatato veglia e contratto sonno generando iper produzione di uova, polli e galline a cui ai giovani si trancia il becco. I suini crescono serrati in micro celle d'acciaio da dove sono fatti uscire violentemente soltanto nel traslo verso il macello. Non vengono uccisi ma soltanto storditi con scarica elettrica. La rapida sequenza continua con la morsa di una catena a laccio a una delle zampe posteriori con la quale l'animale viene issato a tre metri altezza. La lacerazione dell'arto che viene sbranato dal suo peso lo risveglia terrorizzandolo dal dolore del ferro nella carne con ossa, membra e nervi mozzati nella trazione provocandone lo scalcio compulsivo della coscia rimasta libera: è questo che l'affinata tecnica della macellazione pretende per squartarne la giugulare nel momento di massimo terrore che a somma della costrizione di trecento chilogrammi a gravare sulla testa all'ingiù moltiplicano la pressione sanguigna che dal taglio dell'addetto fa schizzare un'onda di sangue in commistione a grugniti disperati sussulti, spasmodiche convulsioni e contrazioni nel tentativo di fuggire, liberarsi e salvarsi. Così non sarà. Dopo un minuto la massa morente viene scaraventata in una vasca con acqua in ebollizione dove talvolta non giunge cadavere.Oggi è il primo giorno di primavera e tra meno di un mese la liturgia dello sterminio dei cuccioli di pecora replicherà il suo rito, sempre in strutture di libera tortura, dove vittime saranno i bambini di esseri indifesi per antonomasia che contiamo quando insonni le facciamo saltare oltre la staccionata domandandoci ... come mai non riusciamo a dormire tranquilli? Se ancora, incuranti, indifferenti, ulteriormente colpevoli, gratuitamente cattivi, intendete replicare sadismi e brutalità perpetuandovi nel male a qualsiasi animale, meditate sul latitare della vostra morale con l'aperta minaccia con cui tuona Primo Levi in “Se questo è un Uomo”: "Vi si sfaccia la casa,la malattia vi impedisca,i vostri nati torcano il viso da voi".

Gianni Peteani


Commenti

Post popolari in questo blog

Koper o Capodistria?Fiume o Rijeka?Merna o Miren?Londra o London? Trieste e Trst?

Esistono diversi processi di italianizzazione, i più noti sono quelli figli dell'abitudine, figli di quel modo di fare che hanno trasformato London in Londra, Berlin in Berlino, Barcelona in Barcellona, Marseille in Marsiglia ecc. Si dirà che è semplice traduzione. Fattore tipico di tutte le lingue. Poi vi sono luoghi che sono stati soggetti all'italianizzazione forzata tramite la nota opera nazionalfascista e di esempi ve ne sono a bizzeffe, se ne perde il conto, sia in Italia che in Slovenia che in Croazia che ovunque l'Italia abbia operato in tal modo.
Ad esempio Redipuglia  ha storpiato lo sloveno Sredipolje. In altri casi si utilizza l'italianizzazione per rispetto anche della comunità italiana che vi abita, non chiamare quei luoghi con il loro nome italiano significherebbe negare l'esistenza della comunità italiana, almeno per gli italiani autoctoni del luogo è così, pensiamo Capodistria il cui nome in sloveno è Koper, o Rijeka diventata Fiume. Italianizzazi…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Nella Gradoaustronostalgia i commercianti dicono no ai richiedenti asilo a rischio l'immagine. Pazzesco

L'immagine è tutto. Niente immagine, niente business. La partita a ping pong si gioca tra Grado e le sue frazioni, con la Prefettura che svolge il ruolo di osservatore, ma prima o poi dovrà fischiare la fine di questa partita ed una decisione andrà presa. Se a Fossalon si è assistito a di tutto e di più, dalla deprimente marcia dei trattori, fumosissima visto che non ci sarà, a pensieri figli di una visione distorta del mondo, come se chi voleva ospitare 18 richiedenti asilo si apprestasse a dare accoglienza a 18 criminali incalliti, a Grado si assiste alla reazione di chi ha voce e peso economico importante. Il mondo del commercio. Sul Piccolo del 15 ottobre si apprende che  «Ormai da qualche settimana - ha spiegato il responsabile locale di Confcommercio, Fumolo - si parla dell'ipotesi di ospitalità ad un gruppo di migranti anche da parte del Comune di Grado e la nostra associazione di categoria esprime preoccupazione per le ripercussioni negative che questa azione potr…