Passa ai contenuti principali

Trieste: Mario Merlino ed i contributi della Regione FVG


Venerdì 7 febbraio presso l'Istituto di Ricerche Storiche e Militari di Trieste, in via Ghega 2 , l’Associazione Culturale Novecento ha presentato il libro “La guerra è finita” di Mario Merlino e Roberto Mancini, edito da Ritter e dall'associazione stessa grazie al contributo della Regione autonoma Friuli Venezia Giulia nell'ambito delle attività 2013, così si legge in rete. Entri, per la prima e certamente ultima volta, in quel luogo di cui non conoscevi l'esistenza. Salite le scale, al secondo piano, vivrai la sensazione di  essere in luogo più celebrativo di un periodo buio rimpianto solo da qualche nostalgico, che storico. Incontrerai nel corridoio l'uomo dai capelli bianchi e lunghi, dalla barba lunga e bianca, che sembra ricordare l'immagine del Mago Merlino, ma da ridere ed ironizzare vi sarà poco, sarà Mario Merlino, colui che è stato definito come trasformista politico, anarchico-fascista, ma le sue idee erano chiare fin dall'età di 15/16 anni come dirà lui stesso, idee che hanno segnato tutta la sua vita, tutta la sua storia e che ha diffuso, come rivendicherà, anche durante la sua attività di insegnamento nelle scuole italiane.
Poveri ragazzi. Arriverà un nostalgico del fascismo che saluterà, nel corridoio poco prima dell'inizio del convegno, Mario Merlino con il tipico A noi ,saluto patriottico di vittoria che si usava fra fascisti, e lui, Merlino, risponderà con A noi.
Poi prenderà la parola la sig.ra Marina Marzi, dell'Associazione 900, la quale per ben due volte,con rammarico, dirà che le iniziative  di quel luogo verranno ridotte, perché i finanziamenti sono andati ad associazioni dei partigiani e slovene e nulla a loro e dopo aver presentato i due relatori concluderà riportando “cameratescamente” , così dirà, i saluti di Panzarasa. Merlino, che è stato anche amico di Erich Priebke, prenderà la parola parlando in piedi, debutterà citando versi di Ezra Pound ,ricorderà Robert Brasillach ed il suo essere anarco-fascista,nel senso di anarchia nera,fascista, che nulla ha da condividere con la vera anarchia, dirà che le donne della brigata Garibaldi, dunque si desume le partigiane di quella brigata, erano “ delle prostitute” e che una "donna anziana doveva controllare la loro attività sessuale" e che "un medico saliva in montagna una volta al mese per controllare le malattie veneree di quelle donne", riporterà la testimonianza di una sua cara amica, a detta sua, violentata dai rossi e marchiata dai rossi, e per tutto il tempo difenderà, con la sua tipica retorica e linguaggio contorto, quell'Italia, quella parte di italiani che hanno lottato per difendere l'indifendibile, il periodo più buio e nero di questo Paese.L' Istituto di Ricerche Storiche e Militari è Attivo dal 2007, nel loro sito si legge che “l’Istituto mette a disposizione del pubblico il proprio patrimonio - già notificato dal Ministero dei Beni Culturali come di “interesse storico particolarmente importante” – atto a rendere il vissuto di uomini e donne nelle vicende del ventesimo secolo”. 
Ha ricevuto anche finanziamenti pubblici, per esempio l'Amministrazione regionale è stata autorizzata a concedere all'associazione culturale Istituto di ricerche storiche e militari dell'età contemporanea Carlo Alfredo Panzarasa di Trieste un contributo straordinario per il funzionamento della propria attività istituzionale e per la realizzazione di eventi culturali correlati agli obiettivi dell'associazione medesima con la Legge regionale 29 dicembre 2011, n 18 Ora quale deve essere la differenza tra patrimonio considerato come di interesse storico particolarmente importante, e patrimonio che rischia di essere celebrativo? Come è possibile che la Regione FVG abbia potuto finanziare una realtà che organizza convegni con personaggi del calibro di Mario Merlino?
Che ciò non accada mai più.

Si suggerisce,infine, la lettura di questo intervento di Claudia Cernigoi, del 2010, dal titolo: Inaugurazione dell'Istituto Panzarasa a Trieste

Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Le conclusioni della Commissione d'inchiesta sul caso Moro

Nelle considerazioni conclusive della Commissione d'inchiesta sul Caso Moro emergono spunti di riflessione importante ed anche inquietanti che dovrebbero far tremare i pilastri della nostra Repubblica. Un lavoro durato alcuni anni, con diverse audizioni, accessi a documenti, verifiche, ispezioni, un lavoro enorme e giunto a termine.    La legge istitutiva della Commissione (Legge 30 maggio 2014, n. 82) ha assegnato come mandato all'inchiesta parlamentare quello di «accertare eventuali nuovi elementi che possono integrare le conoscenze acquisite dalle precedenti Commissioni parlamentari di inchiesta sulla strage di Via Fani, sul sequestro e sull'assassinio di Aldo Moro; eventuali responsabilità sui fatti di cui alla lettera a) riconducibili ad apparati, strutture e organizzazioni comunque denominati ovvero a persone a essi appartenenti o appartenute». E' stato sottolineato che è "dalla rilettura sistematica dei cinque processi e dell'attività delle precedenti…

Ma ha ancora senso la "Venezia Giulia"? O meglio regione di Trieste?

Venezia Giulia. Un nome che ha sicuramente un suo fascino, originale, una forzatura storica pasticciata, proposta ed utilizzata sin dal 1863, come si legge nell'Enciclopedia Treccanti dal linguista goriziano G.I. Ascoli in sostituzione di ‘Litorale’ (Küstenland), usato dagli Austriaci. "Dal 1920 sotto la denominazione di V. furono compresi anche territori appartenenti alla Carniola; i limiti della regione non erano del resto ben definiti: ora comprendeva anche il Friuli ora questo era considerato come appartenente al Veneto, per cui la V. corrispondeva ai territori orientali ceduti dall’Austria all’Italia in seguito alla Prima guerra mondiale, cioè le province di Gorizia, Trieste, Pola e Fiume (superficie 8893 km2 con 955.257 ab. nel 1936), zona caratterizzata dal graduale trapasso del sistema alpino in quello dinarico e dalla compenetrazione di elementi italiani e slavi. Il piccolo lembo della V. rimasto all’Italia dopo la Seconda guerra mondiale è confluito nella regione a …