Passa ai contenuti principali

Trieste: Magazzino 26, che sia il museo che ricordi l'odio verso le comunità slavofone




L'irredentismo reazionario che ha aperto varchi enormi al fascismo, e che è sfociato in irredentismo fascista subito dopo la prima guerra mondiale con anche gli effetti conseguenti all'Impresa di Fiume, ben ricordando che D'Annunzio, il poeta amante delle guerra, definiva come schiaveria bastarda i croati, trovava forza sostanzialmente in tre principi, nella presunzione di superiorità, della famigerata civiltà italica,  nella geografia fisica risalente al 27 a.C. circa, e nelle ragioni economiche e capitalistiche. Le vicende del Confine Orientale sono state complesse, il fascismo orientale, nato come evoluzione dell'irredentismo reazionario, è stato il male nel male, un male che ancora oggi non si vuole,salvo le dovute e rare eccezioni, pienamente svelare,capire, comprendere, analizzare e denunciare. Comunità, prevalentemente slovene e croate,serbe, hanno subito violenze, umiliazioni, uccisioni, stupri, fucilazioni, rastrellamenti, per mano di criminali di guerra italiani rimasti impuniti. 

A titolo esemplificativo basta pensare alla recinzione di tutto il perimetro della città di Lubiana, alle fucilazioni realizzate dal Regio Esercito italiano, al rastrellamento di oltre 4 mila civili, ai campi di concentramento in terra italiana, rimossi e dimenticati, come Gonars o Visco, a quello noto di Arbe, campo di sterminio italiano, ove il tasso di mortalità era superiore al 15% rispetto a quello del lager nazista di Buchenwald , uno dei più vasti di quelli situati sul suolo tedesco. I fascisti avrebbero voluto spazzare via intere civiltà definite barbariche, se non ci riuscirono fu solo per carenza di organizzazione e non per mancanza di volontà. Se i criminali di guerra italiani rimasero impuniti fu solo per evitare l'intera decapitazione del corpo militare italiano e ciò accadde con il sostegno determinante degli Usa,Francia ed Inghilterra che per ragioni geopolitiche,che ancora una volta hanno prevalso nei confronti del rispetto della dignità umana, della vita umana, hanno deciso di far passare alla storia solo i tedeschi come i responsabili di ogni male e gli italiani responsabili di ogni nefandezza ancora una volta se la cavarono come brava gente. Bravi manzoniani, forti con i deboli, codardi con i forti, traditori ed opportunisti. Le leggi razziali in Italia, prima di essere annunciate a Trieste da Mussolini, furono in sostanza anticipate proprio contro queste comunità, con i violenti processi dell'italianizzazione.


 Il giorno del ricordo parla delle vicende complesse del confine orientale, è giunto il momento per Trieste di restituire la giusta dignità a quelle comunità che hanno sofferto immani violenze, il magazzino 26 può diventare un centro di raccolta di tutta quella documentazione che possa dimostrare, mostrare ed evidenziare a chiunque cosa l'Italia ha fatto e cosa l'irredentismo reazionario ha partorito. E' a parer mio atto dovuto e necessario contro ogni processo di mistificazione storica e della verità, una verità che ancora oggi è scomoda per molte realtà cittadine ma anche nazionali di stampo nazionalistico. Anzi, a dirla tutta, sarebbe anche il momento di rivedere la toponomastica cittadina, e di rimuovere l'intitolazione di alcune vie, ma anche di alcuni busti, dedicati ad alcuni esponenti di quel movimento irredentista reazionario che è stato precursore del fascismo.





Commenti

Post popolari in questo blog

Koper o Capodistria?Fiume o Rijeka?Merna o Miren?Londra o London? Trieste e Trst?

Esistono diversi processi di italianizzazione, i più noti sono quelli figli dell'abitudine, figli di quel modo di fare che hanno trasformato London in Londra, Berlin in Berlino, Barcelona in Barcellona, Marseille in Marsiglia ecc. Si dirà che è semplice traduzione. Fattore tipico di tutte le lingue. Poi vi sono luoghi che sono stati soggetti all'italianizzazione forzata tramite la nota opera nazionalfascista e di esempi ve ne sono a bizzeffe, se ne perde il conto, sia in Italia che in Slovenia che in Croazia che ovunque l'Italia abbia operato in tal modo.
Ad esempio Redipuglia  ha storpiato lo sloveno Sredipolje. In altri casi si utilizza l'italianizzazione per rispetto anche della comunità italiana che vi abita, non chiamare quei luoghi con il loro nome italiano significherebbe negare l'esistenza della comunità italiana, almeno per gli italiani autoctoni del luogo è così, pensiamo Capodistria il cui nome in sloveno è Koper, o Rijeka diventata Fiume. Italianizzazi…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Nella Gradoaustronostalgia i commercianti dicono no ai richiedenti asilo a rischio l'immagine. Pazzesco

L'immagine è tutto. Niente immagine, niente business. La partita a ping pong si gioca tra Grado e le sue frazioni, con la Prefettura che svolge il ruolo di osservatore, ma prima o poi dovrà fischiare la fine di questa partita ed una decisione andrà presa. Se a Fossalon si è assistito a di tutto e di più, dalla deprimente marcia dei trattori, fumosissima visto che non ci sarà, a pensieri figli di una visione distorta del mondo, come se chi voleva ospitare 18 richiedenti asilo si apprestasse a dare accoglienza a 18 criminali incalliti, a Grado si assiste alla reazione di chi ha voce e peso economico importante. Il mondo del commercio. Sul Piccolo del 15 ottobre si apprende che  «Ormai da qualche settimana - ha spiegato il responsabile locale di Confcommercio, Fumolo - si parla dell'ipotesi di ospitalità ad un gruppo di migranti anche da parte del Comune di Grado e la nostra associazione di categoria esprime preoccupazione per le ripercussioni negative che questa azione potr…