Passa ai contenuti principali

Molotov Ucraina



A quanto pare le così dette “bombe”, che poi bombe non sono, ma semplici anche se potenti bottiglie incendiarie, Molotov, vennero usate per la prima volta nella guerra spagnola contro i mezzi corazzati sovietici da parte dei franchisti. E la storia in un qualche modo si ripete. Quello che accade in Ucraina è di difficile comprensione. Prima le rivolte di piazza Maidan iniziarono per chiedere l'entrata in Europa, poi intervenne dal carcere l'ambigua Tymošenko sostenendo le lotte dei nazionalisti filo europeisti, poi la strana chiamata alle armi che arriverà in modo forse non poi tanto sorprendente dalla piazza di Kiev, e che passerà quasi inosservata, e poi la lotta si sposterà sul vero scopo, non l'Europa, che è stata solo una sorta di sterile alibi iniziale, ma abbattere il regime vigente accusato di dittatura, oppressione e di aggredire con violenza i manifestanti, per istituire un governo "amico". Amico di chi è da capire.
 Si è creata una coalizione che ha visto neonazisti armati e che sparano e che ammazzano con una variegata componente della piazza. Uniti nella violenza armata per raggiungere lo stesso scopo, far cadere questo governo, poi quello che sarà si vedrà. Europa made in Usa, o Russia. La palla  tornerà al centro, tra gas, ricatti ed instabilità. E' difficile prendere posizioni in questo caso. Non si può certamente essere a sostegno di un sistema che vive di corruzione, ma non si può neanche essere a sostegno dei neonazisti, che comunque sono uno strumento utile ad una causa più grande ed al momento opportuno verranno probabilmente spazzati via. La cosa che inquieta è, nel vedere i video di quella piazza trasformata in trincea permanente, con la voce di canti religiosi che si diffondono conferendo una sorta di atmosfera ancora più spettrale al tutto, per non parlare dei continui colpi di armi da fuoco incessanti, il fatto che la violenza dei neonazisti sia sostenuta dalle forze così dette democratiche ed occidentali. Guardano allo scopo sorvolando sui mezzi. E ciò deve indignare più di ogni altra cosa. L'Ucraina è già divisa e spaccata in due, forse dopo questi giorni di lotta che non casualmente si verificano mentre si svolgono le olimpiadi invernali di Sochi, il quadro sarà ancora più chiaro, probabilmente con la nascita di un nuovo governo. Intanto la Russia continua a vendere armi, continua a rinforzare il proprio esercito investendo miliardi di euro, a rinnovare le proprie tecnologie militari, così come continuano a farlo le forze occidentali. Armarsi per cosa? Il mondo è instabile, l'Europa, nata male per morire malissimo, è al bivio della sua sopravvivenza, e l'Ucraina, così come accaduto in Libia, Egitto o Siria, è un campo conteso e sperimentale utile per il conseguimento di equilibri politici ed economici significativi. Certo la gente muore e creperà ancora, ma, come la storia ha insegnato, la cultura del martirio è funzionale a ciò. Comunque sia, tutto quello che ora accade in Ucraina ti lascia con una strana sensazione, con l'amaro in bocca e con quel senso di mera impotenza che ti spinge a pensare ad altro. Ma non si può rimanere indifferenti. 


Commenti

Post popolari in questo blog

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Un maledetto 17 agosto a Barcellona

Ci sono cose nella vita che non dimenticherai mai e quanto accaduto in un caldo ed apparentemente tranquillo agosto a Barcellona è una di quelle cose che non metabolizzerai per lungo tempo. Hai la fortuna di poterlo in parte raccontare, anche se non sai bene cosa raccontare. Sei a pochi metri dalla interminabile e costante folla della Rambla. Vedi decine e decine di persone a passo spedito venire contro la tua direzione. In un primo momento pensi che vai sempre controcorrente. Poi arriva la polizia, di corsa, chiude la via nella quale ti trovi, una laterale della Rambla. Una delle tante. Non riesci al momento a collegare. Anche se sai che nel mondo la situazione è tesa. Ma sei a Barcellona, pensi. Un luogo sicuro.
Poi l’inevitabile ti si presenta come un cazzotto devastante nello stomaco. Attentato. Terrorismo. Panico totale. Cerchi le persone a te più care, fino a quando non le trovi e non le rintracci non sei "tranquillo".
Cerchi di capire come comportarti. Cosa fare. Cosa…

Per essere un Paese migliore si deve chiedere scusa,ed alcune date di Gorizia da non dimenticare

Quanto è difficile chiedere scusa, eppure chiedere scusa è il primo passo necessario non tanto per ricominciare, ma per avviare un percorso diverso, più onesto, più eticamente e moralmente corretto. Il Papa, ad esempio, qualche passo tenue nei confronti degli omosessuali lo sta facendo, Obama si è recato ad Hiroshima, gesto importante, ma non ha osato chiedere scusa per quel crimine immenso compiuto contro inermi civili. Tante barbarie nel corso della storia sono state compiute in nome e per conto dell'Italia. Dalla “piemontesizzazione del Sud”, ai massacri della prima guerra mondiale, al regime fascista, alle violenze e crimini compiuti nelle terre occupate, in Africa, Albania, Grecia, in Jugoslavia. Mai scusa si è chiesto per ciò. Eppure basterebbe poco, chiedere scusa per restituire dignità all'Italia, il cui nome è stato usurpato dalle peggiori nefandezze. Il problema è che quando pretendi ciò ti etichettano spesso come anti-italiano. A parer mio il peggior modo di essere…