Passa ai contenuti principali

Molotov Ucraina



A quanto pare le così dette “bombe”, che poi bombe non sono, ma semplici anche se potenti bottiglie incendiarie, Molotov, vennero usate per la prima volta nella guerra spagnola contro i mezzi corazzati sovietici da parte dei franchisti. E la storia in un qualche modo si ripete. Quello che accade in Ucraina è di difficile comprensione. Prima le rivolte di piazza Maidan iniziarono per chiedere l'entrata in Europa, poi intervenne dal carcere l'ambigua Tymošenko sostenendo le lotte dei nazionalisti filo europeisti, poi la strana chiamata alle armi che arriverà in modo forse non poi tanto sorprendente dalla piazza di Kiev, e che passerà quasi inosservata, e poi la lotta si sposterà sul vero scopo, non l'Europa, che è stata solo una sorta di sterile alibi iniziale, ma abbattere il regime vigente accusato di dittatura, oppressione e di aggredire con violenza i manifestanti, per istituire un governo "amico". Amico di chi è da capire.
 Si è creata una coalizione che ha visto neonazisti armati e che sparano e che ammazzano con una variegata componente della piazza. Uniti nella violenza armata per raggiungere lo stesso scopo, far cadere questo governo, poi quello che sarà si vedrà. Europa made in Usa, o Russia. La palla  tornerà al centro, tra gas, ricatti ed instabilità. E' difficile prendere posizioni in questo caso. Non si può certamente essere a sostegno di un sistema che vive di corruzione, ma non si può neanche essere a sostegno dei neonazisti, che comunque sono uno strumento utile ad una causa più grande ed al momento opportuno verranno probabilmente spazzati via. La cosa che inquieta è, nel vedere i video di quella piazza trasformata in trincea permanente, con la voce di canti religiosi che si diffondono conferendo una sorta di atmosfera ancora più spettrale al tutto, per non parlare dei continui colpi di armi da fuoco incessanti, il fatto che la violenza dei neonazisti sia sostenuta dalle forze così dette democratiche ed occidentali. Guardano allo scopo sorvolando sui mezzi. E ciò deve indignare più di ogni altra cosa. L'Ucraina è già divisa e spaccata in due, forse dopo questi giorni di lotta che non casualmente si verificano mentre si svolgono le olimpiadi invernali di Sochi, il quadro sarà ancora più chiaro, probabilmente con la nascita di un nuovo governo. Intanto la Russia continua a vendere armi, continua a rinforzare il proprio esercito investendo miliardi di euro, a rinnovare le proprie tecnologie militari, così come continuano a farlo le forze occidentali. Armarsi per cosa? Il mondo è instabile, l'Europa, nata male per morire malissimo, è al bivio della sua sopravvivenza, e l'Ucraina, così come accaduto in Libia, Egitto o Siria, è un campo conteso e sperimentale utile per il conseguimento di equilibri politici ed economici significativi. Certo la gente muore e creperà ancora, ma, come la storia ha insegnato, la cultura del martirio è funzionale a ciò. Comunque sia, tutto quello che ora accade in Ucraina ti lascia con una strana sensazione, con l'amaro in bocca e con quel senso di mera impotenza che ti spinge a pensare ad altro. Ma non si può rimanere indifferenti. 


Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Se Babbo Natale ha ridimensionato San Nicolò

Ma è più sentito San Nicolò o Babbo Natale?

Questo è quanto mi domandavo notando tutta la serie di prodotti realizzati, i mercatini diffusi, le fiere e quant'altro si afferma in prossimità della notte tra il 5 e 6 dicembre. Così come mi domando, ma quanti conoscono la sua storia? Quanti sanno che tipo di santo protettore sarebbe?  Scommetto che le mani alzate sarebbero una manciata.  Ed a dirla tutta non interessa, interessa quel giorno solo scambiarsi qualche regalino, girovagare per le fiere, bere e mangiare.
San Nicolò, dicono, è un santo molto venerato in tutto il mondo, addirittura avrebbe carattere universale. Sarà. Ma in Italia ci sono su più di 8 mila Comuni solo una ventina di località, e qualche Comune, ad avere questo nome e sono poche le località dove viene festeggiato, soprattutto in alcune zone del Nord Est ed in Puglia.  Vi è chi dice che Babbo Natale altro non sia che praticamente il San Nicolò in chiave pienamente consumistica, che avrebbe tratto origine da qu…

Gorizia,16 dicembre, manifestazione regionale a sostegno dei migranti "RESTIAMO UMANI-HUMANITY WELCOME"

Il titolo della manifestazione è restiamo umani, humanity welcome. Il 16 dicembre se a Roma ci sarà la manifestazione nazionale dei migranti, a Gorizia si svolgerà una manifestazione regionale che ha lo scopo di denunciare il fallimento dell'accoglienza diffusa in regione, lo stato di degrado umano che si è raggiunto nei confronti dei richiedenti asilo "fuori convenzione", senza dimenticare quanto accade nel CARA di Gradisca, che è oltre ogni limite di capienza, destinato a diventare nuovamente centro di espulsione, senza dimenticare quanto accade lungo le rive dell'Isonzo da Gorizia a Gradisca, a Pordenone, senza dimenticare l'omissione di soccorso sistematica ed impunita. Gorizia non è mai stata realmente una porta verso l'Est, si è sempre chiusa, non è mai stata una porta verso l'Oriente, e la caduta visiva dell'ultimo muro d'Europa, dopo quello di Berlino, è stato solo un gesto illusorio, perchè le divisioni sono sempre state la normalità in q…