Passa ai contenuti principali

Questo Papa aprirà alle coppie omosessuali? No


Solo perché si pone in modo diverso, più umile ma in modo armonioso con i precetti della Chiesa, solo perché ha elevato ad alto scopo e ed alta funzione il ruolo dell'evangelizzazione, nel pieno spirito del suo essere gesuita, ciò non significa che questo Papa riconoscerà come legittima l'omosessualità. La superficialità con cui i media affrontano questo argomento deve condurre alla riflessione se non all'indignazione pari a quella che deve essere esercitata verso uno Stato, sulla carta più o meno laico, che continua a dipendere dalla volontà del Vaticano.
L'ultimo esempio che ha riportato il Papa ovvero una bimba triste perché la fidanzata della sua mamma non la ama è di pessimo gusto e pesante.
Perché riportare questo esempio? Perché si vuole difendere la famiglia tradizionale e capire come intervenire, specialmente nei confronti dei figli, affinché chi avrebbe, secondo loro, tradito la volontà di Dio, le coppie omosessuali, possano i figli coinvolti in tale contesto recuperare quella serenità che il turbamento di una famiglia non tradizionale possa conferire alla loro crescita nell'ottica di quella convenzione sociale che deve continuare a perdurare. Avrebbe potuto riportare altri milioni di esempi, invece ha deciso di colpire la coppia lesbica ed il loro rapporto. I media,non so su che base e su quale principio o strano intuito, avrebbero visto in quell'esempio e nelle parole che ne sono conseguite una specie di apertura nei confronti dell'omosessualità.
Falso.
O meglio l'apertura che emerge è indirizzata verso una strada e questa strada è il capire come la Chiesa deve fare, per abbattere le coppie omosessuali e come condizionare la legislazione degli Stati.
Il tutto si pone il perfetta coerenza con il questionario di 39 domande già realizzato dalla Chiesa. Un documento di 8 pagine e 39 domande, l’ultima aperta a proposte. Un documento che in via superficiale potrebbe essere letto come una sorta di apertura della Chiesa nei confronti di tematiche fondamentali per i diritti civili, come il matrimonio tra le persone dello stesso sesso, o come una mera apertura verso le opinioni dei fedeli. Ma come ho avuto già modo di scrivere, a parer mio, non sarà così.
Basta ricordare la recente Enciclica di Papa Francesco, Lumen Fidei, dove quando parla della famiglia nel suo legame con la fede rivela «quanto possono essere saldi i vincoli tra gli uomini quando Dio si rende presente in mezzo ad essi» (LF 50). «Il primo ambito in cui la fede illumina la città degli uomini si trova nella famiglia. Penso anzitutto all’unione stabile dell’uomo e della donna nel matrimonio. Essa nasce dal loro amore, segno e presenza dell’amore di Dio, dal riconoscimento e dall’accettazione della bontà della differenza sessuale, per cui i coniugi possono unirsi in una sola carne (cf. Gn 2,24) e sono capaci di generare una nuova vita, manifestazione della bontà del Creatore, della sua saggezza e del suo disegno di amore. Fondati su quest’amore, uomo e donna possono promettersi l’amore mutuo con un gesto che coinvolge tutta la vita e che ricorda tanti tratti della fede. Promettere un amore che sia per sempre è possibile quando si scopre un disegno più grande dei propri progetti, che ci sostiene e ci permette di donare l’intero futuro alla persona amata» (LF 52).
Il questionario ha lo scopo da un lato di capire cosa pensano i fedeli, come si comportano gli “evangelizzatori”, per, questo è ciò che penso, imprimere il messaggio ed il precetto della Chiesa in modo diverso, più incisivo, ma in linea con i precetti e canoni tradizionali. E’ un questionario che vuole studiare la Chiesa periferica, che vuole studiare il rapporto tra fedeli e Chiesa, affinché la Chiesa possa capire come fare per contrastare quella realtà che non vuole accettare, e che rischia di catalogare come non collaboratori di Dio coloro che non si riconoscono nei precetti come sopra ben evidenziati. Comunque sia, la società laica, lo Stato laico, deve acquisire la forza per andare oltre ogni condizionamento diretto od indiretto da parte della Chiesa, i diritti civili sono diritti civili, ed il matrimonio tra le coppie dello stesso sesso è un diritto universalmente civile ed anche costituzionale che questo Stato tarda a riconoscere solo perché frenato dallo spirito di dipendenza dal potere Vaticano.
Questo Papa non manifesterà alcuna apertura in tal senso, anzi sarà reazionario e fortemente conservatore e la cosa che mi inquieta di più è lo stop che emerge in tale ambito sul fronte dei diritti laici e civili in quei Paesi che a causa della crisi economica e sociale persistente rischiano di ritornare indietro di mille anni su punti nodali e fondamentali come questi, essenziali per una società che voglia non solo definirsi ma anche essere democratica e rispettosa della libertà. La religione deve essere un fattore esclusivamente privato e non deve condizionare né determinare i diritti di uno Stato laico e civile.




Commenti

  1. No, non aprirà le porte a nessuno dei tanti problemi caldi della nostra società.
    È assolutamente un grande conservatore e molto probabilmente tenderà a portare la Chiesa ad una forma di intransigenza che deluderà, presto, tutti coloro che si aspettavano il contrario!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Dopo Macerata si continua a sparare. Guai a ridimensionare o normalizzare

Questa è una storia che non parte da lontano, per dovere di sintesi sarò breve e conciso. Da questa estate in Italia si è iniziato a scoprire il problema del fascismo. Fino a quel momento, soprattutto da chi oggi si professa dall'alto della suo essere grado istituzionale antifascista, era ignorato se non avvallato. Si è denunciato il rischio di fascismo passando dalle vicende ridicole della spiaggia fascista di Chioggia, agli adesivi di Anna Frank, alle bottiglie o calendari con la foto di Mussolini o Hitler. Quando per anni ed anni in questo Paese si è realizzata una vera connivenza con le peggiori istanze, legittimandole, democratizzandole e favorendone la diffusione. Perchè, si è detto, la democrazia vale per tutti, anche per chi sputa veleno sociale.
Il guaio è che è stato pompato all'ennesima potenza un problema che c'era ma non era così forte, impattante. La propaganda che doveva portare a vedere in alcune soggettività una sorta di salvezza messianica in materia di…

E' necessario il (prodotto) made in Friuli Venezia Giulia prima di essere annientati dalla "globalizzazione"

Il made in Italy è diventato uno slogan che non dice più niente. Diventato più funzionale a quella retorica che ha fatto il male dell'Italia che alla tutela dell'Italia. Dall'arte, alla cucina, dall'agricoltura, alla moda e si potrebbe continuare. Nell'Italia di oggi si rimpiange ciò che non è più italiano. Hanno distrutto le campagne, hanno distrutto le coltivazioni storiche, è stato mescolato tutto, per arrivare all'assurdità di cortocircuiti propri di una società totalmente sballata. La globalizzazione nell'economia ha comportato il saccheggio dell'Italia, l'appropriazione indebita di ciò che ha reso unico il nostro Paese nel mondo per perderci nella nullità dell'essere più niente e nessuno.

Siamo bravi a decantare od osannare bellezze e miti e leggende che attraversano la storia di ciò che è arrivato, nel bene o nel male a determinare l'Italia. Un Paese fittiziamente unito, che deve la sua vera forza ai regionalismi, localismi, che non so…

Si è entrati nel terzo anno della ricerca della verità per Giulio Regeni, con la politica persa nel silenzio di comodo

"Non è possibile normalizzare i rapporti con uno stato che tortura, uccide e nasconde oltraggiosamente la verità, se non a scapito della credibilità politica del nostro Paese e di chi lo rappresenta". Queste sono le parole della famiglia di Giulio.
Una tempesta sotto forma di parole. Parole dure, ma figlie di quella rabbia comprensibile di chi altro non ha potuto fare che constatare l'effettiva resa dell'Italia all'Egitto criminale, dove si continua a morire, a sparire, ad essere torturati, come è successo a Giulio.  Si dovrebbe dare un vero e proprio ultimatum all'Egitto, pretendendo quelle piccole cose, elementi fondamentali, per chiudere il cerchio. Ma l'Egitto ha preso in giro l'Italia e Giulio e la sua famiglia da sempre, depistaggi, menzogne, calunnie, infamie. La politica italiana si è persa in un silenzio di comodo, quel silenzio che ha caratterizzato, salvo qualche formula di rito, anche le massime Istituzioni. E questo silenzio fa male e …