Passa ai contenuti principali

Salvo 5.0 un progetto che mette in discussione l'ordinaria informazione




Salvatore Mandarà (detto Salvo) è nato a Vittoria in provincia di Ragusa, è sostenitore del Movimento Cinque Stelle, ed è proprio con l'esperienza maturata con la campagna elettorale del Movimento 5 Stelle per le regionali in Sicilia del 2012 che ha scoperto la vocazione dell'essere cronista. La cosa interessante di questa vicenda è il progetto che Salvo vuole cantierare. Ha un blog molto seguito, ha intervistato diversi personaggi noti al grande pubblico oltre che diversi attivisti del M5S, si occupa anche di sociale e di denunce rilevanti.
Fino a qui, si dirà, nulla di strano. Anche io, come centinaia di blogger, curiamo, scriviamo, gratis e per semplice spirito militante, per dare spazio a chi voce non riesce a trovare nella canonica informazione, oppure per dare una prospettiva diversa a quelle presunte verità impacchettate come verità assolute. Ma la verità assoluta non esiste, è tutto relativo, esistono invece vari aspetti che ruotano intorno alla verità, al fatto, alla notizia, che possono essere utili per comprendere meglio il funzionamento della società e del sistema. Ma è anche vero che blog, internet, non possono concorrere con la stampa tradizionale, ed a parer mio non devono concorrere proprio, poiché sono due cose diverse, in alcuni casi anche opposti ed in altri casi possono invece armonizzarsi.
Internet è libero?
No, anche qui vige una realtà relativa, salvo poche piattaforme, la maggior parte di quelle esistenti, sono legate e connesse alle grandi catene che hanno investito nella rete, definendo le loro regole,i loro codici di condotta, e quando sei veramente scomodo potrai essere censurato in modo a dir poco rapido.
Basta il famigerato click per cancellare anni di lavoro, volontariato, scrittura e vita virtuale ma anche reale. Salvo, ha deciso di lanciare un progetto e così scrive: “Per potermi dedicare a questo impegno a tempo pieno e per poterlo fare in modo libero ed indipendente, dovremo necessariamente rifiutare qualunque "datore di lavoro" o finanziatore unico! Chi ci paga sarà il nostro padrone e ci dirà come dovremo fare il nostro lavoro! Anche il padrone più onesto ed illuminato costituisce un vincolo, una riduzione di libertà! L'unico modo di essere veramente liberi è quello di avere un datore di lavoro collettivo, distribuito! Io voglio diventare il dipendente di migliaia di cittadini. Solo così sarò veramente libero e la genuinità potrà continuare a caratterizzare questo canale”.

A prescindere dalla vicinanza al Movimento Cinque stelle, non è questo il punto dell'iniziativa, quello che qui mi interessa è la volontà di realizzare un progetto giornalistico con il contributo libero e volontario dei cittadini che mina il sistema del giornalismo canonico. Prevarrà la libertà d'informazione o le regole che vogliono salvare tutto ciò che è connesso all'informazione canonica? Come è noto un blog di norma non rappresenta una testata giornalistica in quanto è aggiornato senza alcuna periodicità, perché privo di editore, perché privo di finanziamenti pubblici e pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.

Ma è anche vero che di tentativi finalizzati a limitare la diffusione di blog per assoggettarli al regime canonico vigente per il settore della stampa, in via parlamentare, ne sono stati fatti diversi e continueranno ancora. Probabilmente quella di Salvo non è e non sarà l'unica iniziativa in tal senso, ne seguiranno altre. E' questa una iniziativa che oltre a mettere in discussione l'informazione classica nello stesso tempo mette in discussione anche il tradizionale mondo del lavoro. Dedicarsi a tempo pieno a ciò, rinunciando magari alla propria ordinaria e forse precaria attività lavorativa, è altamente rischioso, perché internet oltre ad essere una risorsa può essere anche molto cinico, perché internet non conosce perdono.

Intanto nascono anche i primi contratti per blogger, nascono e si diffondono varie iniziative in tal senso, ma i requisiti per emergere sono diversificati, non basta la tenacia, non basta l'andare contro, bisogna saper scrivere, comunicare, ragionare ed avere, almeno in Italia, i giusti agganci. Ed infine è certamente lecito e legittimo chiedere contributi volontari per sostenere il tuo progetto, ma quanto sei realmente libero nel momento in cui ricevi contributi per portare avanti il tuo lavoro di blogger? Professionalizzare l'attività di blogger è un rischio per quella libertà stessa d'informazione che si ambisce a coltivare e voler far fiorire. Per salvaguardare la propria libertà, si deve essere chiari fin dall'inizio, voi contribuite al mio progetto, ma io continuerò a scrivere come voglio e ciò che voglio, senza limiti alcuni andando anche contro, quando necessario e se necessario, quelle forze sociali o politiche che io sostengo o condivido, perché altrimenti si tratterà sempre di mera informazione di parte. Ed infatti, pensando al mio piccolo, l' informazione è sempre di parte, perché io sono schierato, ho la mia ideologia, ho i miei principi, la mia etica, la mia visione del mondo, la mia prospettiva, che non muterò mai, neanche per un miliardo di euro di contributi finalizzati a sostenere la mia libera attività di blogger.

Salvo5.0 è, comunque la si voglia vedere, un progetto innovativo e che merita di essere seguito.



Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Le conclusioni della Commissione d'inchiesta sul caso Moro

Nelle considerazioni conclusive della Commissione d'inchiesta sul Caso Moro emergono spunti di riflessione importante ed anche inquietanti che dovrebbero far tremare i pilastri della nostra Repubblica. Un lavoro durato alcuni anni, con diverse audizioni, accessi a documenti, verifiche, ispezioni, un lavoro enorme e giunto a termine.    La legge istitutiva della Commissione (Legge 30 maggio 2014, n. 82) ha assegnato come mandato all'inchiesta parlamentare quello di «accertare eventuali nuovi elementi che possono integrare le conoscenze acquisite dalle precedenti Commissioni parlamentari di inchiesta sulla strage di Via Fani, sul sequestro e sull'assassinio di Aldo Moro; eventuali responsabilità sui fatti di cui alla lettera a) riconducibili ad apparati, strutture e organizzazioni comunque denominati ovvero a persone a essi appartenenti o appartenute». E' stato sottolineato che è "dalla rilettura sistematica dei cinque processi e dell'attività delle precedenti…

Ma ha ancora senso la "Venezia Giulia"? O meglio regione di Trieste?

Venezia Giulia. Un nome che ha sicuramente un suo fascino, originale, una forzatura storica pasticciata, proposta ed utilizzata sin dal 1863, come si legge nell'Enciclopedia Treccanti dal linguista goriziano G.I. Ascoli in sostituzione di ‘Litorale’ (Küstenland), usato dagli Austriaci. "Dal 1920 sotto la denominazione di V. furono compresi anche territori appartenenti alla Carniola; i limiti della regione non erano del resto ben definiti: ora comprendeva anche il Friuli ora questo era considerato come appartenente al Veneto, per cui la V. corrispondeva ai territori orientali ceduti dall’Austria all’Italia in seguito alla Prima guerra mondiale, cioè le province di Gorizia, Trieste, Pola e Fiume (superficie 8893 km2 con 955.257 ab. nel 1936), zona caratterizzata dal graduale trapasso del sistema alpino in quello dinarico e dalla compenetrazione di elementi italiani e slavi. Il piccolo lembo della V. rimasto all’Italia dopo la Seconda guerra mondiale è confluito nella regione a …