Passa ai contenuti principali

Salvo 5.0 un progetto che mette in discussione l'ordinaria informazione




Salvatore Mandarà (detto Salvo) è nato a Vittoria in provincia di Ragusa, è sostenitore del Movimento Cinque Stelle, ed è proprio con l'esperienza maturata con la campagna elettorale del Movimento 5 Stelle per le regionali in Sicilia del 2012 che ha scoperto la vocazione dell'essere cronista. La cosa interessante di questa vicenda è il progetto che Salvo vuole cantierare. Ha un blog molto seguito, ha intervistato diversi personaggi noti al grande pubblico oltre che diversi attivisti del M5S, si occupa anche di sociale e di denunce rilevanti.
Fino a qui, si dirà, nulla di strano. Anche io, come centinaia di blogger, curiamo, scriviamo, gratis e per semplice spirito militante, per dare spazio a chi voce non riesce a trovare nella canonica informazione, oppure per dare una prospettiva diversa a quelle presunte verità impacchettate come verità assolute. Ma la verità assoluta non esiste, è tutto relativo, esistono invece vari aspetti che ruotano intorno alla verità, al fatto, alla notizia, che possono essere utili per comprendere meglio il funzionamento della società e del sistema. Ma è anche vero che blog, internet, non possono concorrere con la stampa tradizionale, ed a parer mio non devono concorrere proprio, poiché sono due cose diverse, in alcuni casi anche opposti ed in altri casi possono invece armonizzarsi.
Internet è libero?
No, anche qui vige una realtà relativa, salvo poche piattaforme, la maggior parte di quelle esistenti, sono legate e connesse alle grandi catene che hanno investito nella rete, definendo le loro regole,i loro codici di condotta, e quando sei veramente scomodo potrai essere censurato in modo a dir poco rapido.
Basta il famigerato click per cancellare anni di lavoro, volontariato, scrittura e vita virtuale ma anche reale. Salvo, ha deciso di lanciare un progetto e così scrive: “Per potermi dedicare a questo impegno a tempo pieno e per poterlo fare in modo libero ed indipendente, dovremo necessariamente rifiutare qualunque "datore di lavoro" o finanziatore unico! Chi ci paga sarà il nostro padrone e ci dirà come dovremo fare il nostro lavoro! Anche il padrone più onesto ed illuminato costituisce un vincolo, una riduzione di libertà! L'unico modo di essere veramente liberi è quello di avere un datore di lavoro collettivo, distribuito! Io voglio diventare il dipendente di migliaia di cittadini. Solo così sarò veramente libero e la genuinità potrà continuare a caratterizzare questo canale”.

A prescindere dalla vicinanza al Movimento Cinque stelle, non è questo il punto dell'iniziativa, quello che qui mi interessa è la volontà di realizzare un progetto giornalistico con il contributo libero e volontario dei cittadini che mina il sistema del giornalismo canonico. Prevarrà la libertà d'informazione o le regole che vogliono salvare tutto ciò che è connesso all'informazione canonica? Come è noto un blog di norma non rappresenta una testata giornalistica in quanto è aggiornato senza alcuna periodicità, perché privo di editore, perché privo di finanziamenti pubblici e pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.

Ma è anche vero che di tentativi finalizzati a limitare la diffusione di blog per assoggettarli al regime canonico vigente per il settore della stampa, in via parlamentare, ne sono stati fatti diversi e continueranno ancora. Probabilmente quella di Salvo non è e non sarà l'unica iniziativa in tal senso, ne seguiranno altre. E' questa una iniziativa che oltre a mettere in discussione l'informazione classica nello stesso tempo mette in discussione anche il tradizionale mondo del lavoro. Dedicarsi a tempo pieno a ciò, rinunciando magari alla propria ordinaria e forse precaria attività lavorativa, è altamente rischioso, perché internet oltre ad essere una risorsa può essere anche molto cinico, perché internet non conosce perdono.

Intanto nascono anche i primi contratti per blogger, nascono e si diffondono varie iniziative in tal senso, ma i requisiti per emergere sono diversificati, non basta la tenacia, non basta l'andare contro, bisogna saper scrivere, comunicare, ragionare ed avere, almeno in Italia, i giusti agganci. Ed infine è certamente lecito e legittimo chiedere contributi volontari per sostenere il tuo progetto, ma quanto sei realmente libero nel momento in cui ricevi contributi per portare avanti il tuo lavoro di blogger? Professionalizzare l'attività di blogger è un rischio per quella libertà stessa d'informazione che si ambisce a coltivare e voler far fiorire. Per salvaguardare la propria libertà, si deve essere chiari fin dall'inizio, voi contribuite al mio progetto, ma io continuerò a scrivere come voglio e ciò che voglio, senza limiti alcuni andando anche contro, quando necessario e se necessario, quelle forze sociali o politiche che io sostengo o condivido, perché altrimenti si tratterà sempre di mera informazione di parte. Ed infatti, pensando al mio piccolo, l' informazione è sempre di parte, perché io sono schierato, ho la mia ideologia, ho i miei principi, la mia etica, la mia visione del mondo, la mia prospettiva, che non muterò mai, neanche per un miliardo di euro di contributi finalizzati a sostenere la mia libera attività di blogger.

Salvo5.0 è, comunque la si voglia vedere, un progetto innovativo e che merita di essere seguito.



Commenti

Post popolari in questo blog

Koper o Capodistria?Fiume o Rijeka?Merna o Miren?Londra o London? Trieste e Trst?

Esistono diversi processi di italianizzazione, i più noti sono quelli figli dell'abitudine, figli di quel modo di fare che hanno trasformato London in Londra, Berlin in Berlino, Barcelona in Barcellona, Marseille in Marsiglia ecc. Si dirà che è semplice traduzione. Fattore tipico di tutte le lingue. Poi vi sono luoghi che sono stati soggetti all'italianizzazione forzata tramite la nota opera nazionalfascista e di esempi ve ne sono a bizzeffe, se ne perde il conto, sia in Italia che in Slovenia che in Croazia che ovunque l'Italia abbia operato in tal modo.
Ad esempio Redipuglia  ha storpiato lo sloveno Sredipolje. In altri casi si utilizza l'italianizzazione per rispetto anche della comunità italiana che vi abita, non chiamare quei luoghi con il loro nome italiano significherebbe negare l'esistenza della comunità italiana, almeno per gli italiani autoctoni del luogo è così, pensiamo Capodistria il cui nome in sloveno è Koper, o Rijeka diventata Fiume. Italianizzazi…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Nella Gradoaustronostalgia i commercianti dicono no ai richiedenti asilo a rischio l'immagine. Pazzesco

L'immagine è tutto. Niente immagine, niente business. La partita a ping pong si gioca tra Grado e le sue frazioni, con la Prefettura che svolge il ruolo di osservatore, ma prima o poi dovrà fischiare la fine di questa partita ed una decisione andrà presa. Se a Fossalon si è assistito a di tutto e di più, dalla deprimente marcia dei trattori, fumosissima visto che non ci sarà, a pensieri figli di una visione distorta del mondo, come se chi voleva ospitare 18 richiedenti asilo si apprestasse a dare accoglienza a 18 criminali incalliti, a Grado si assiste alla reazione di chi ha voce e peso economico importante. Il mondo del commercio. Sul Piccolo del 15 ottobre si apprende che  «Ormai da qualche settimana - ha spiegato il responsabile locale di Confcommercio, Fumolo - si parla dell'ipotesi di ospitalità ad un gruppo di migranti anche da parte del Comune di Grado e la nostra associazione di categoria esprime preoccupazione per le ripercussioni negative che questa azione potr…