Passa ai contenuti principali

Omicidio stradale e guida in stato di ebbrezza per Maurizio e le migliaia di vittime sulla strada



Ogni anno gli Istituti di ricerca forniscono i dati delle vittime sulla strada e questi dati sono sempre inquietanti. Migliaia e migliaia di vite spezzate, senza dimenticare chi rimarrà invalido per il resto della propria vita. I genitori di Maurizio in quel maledetto 18 dicembre del 1999 aspettavano la telefonata del proprio figlio. Ma a Claudio e Graziella Visintin arriverà la telefonata che cambierà per sempre la loro vita.
Una invasione di corsia nelle strade triestine e la vita è andata via.
Un colpo funesto, secco, mortale.
Una invasione di corsia, da parte di una macchina, dovuta alla guida in stato di ebbrezza.
Un dolore immenso, giustizia negata, nessun giustizialismo cercato, ma solo e semplicemente la realizzazione di una norma che imponga il mai più. In Italia non esiste una disciplina organica in materia, tra codice della strada e peripezie burocratiche vige un caos, un caos che ancora oggi facilita la guida in stato di ebbrezza. Oltre 75 mila persone hanno firmato la petizione che chiede l'istituzione dell'omicidio stradale. Le Nazioni Unite hanno voluto la giornata mondiale delle vittime della strada. 
Ma gli omicidi continuano e la norma non arriva.
D'altronde il difetto di questa società è dato dal fatto che se la norma penale, civile o amministrativa, non è accompagnata da una severa e certa sanzione, il cittadino tende a non ottemperare o rispettare quel comportamento che è finalizzato non solo a salvaguardare la propria incolumità ma anche quella dei terzi.
Ma manca anche un progetto uniforme ed omogeneo di prevenzione. Città che vai, scuola che vai, Regione che vai, troverai iniziative diversificate in materia. Eppure gli studi convergono nel definire che l’assunzione di alcol altera le condizioni psicofisiche dell’individuo ripercuotendosi sulle sue capacità di guida; l’alcol riduce la capacità visiva del 25%, provoca sonnolenza, riduce l’attenzione e la capacità di movimento, crea un senso di falso benessere, di sicurezza, di euforia, porta a sottovalutare i rischi, e a sopravvalutare le proprie capacità.
Si sottovaluta il tutto, si confida nella propria capacità di tolleranza.
Si inventano mille e più strategie per sfuggire ai controlli in materia.
Ma l'incoscienza è dominante.
Una incoscienza che rischia di trasformarti in assassino.
Non rimuoverò mai e poi mai lo sguardo di Claudio quando mi parlava di Maurizio. Non dimenticherò mai la sua mano stringere con forza il mio braccio nel momento in cui condivideva con me, una persona sconosciuta fino a quel momento, il suo dolore.
Queste non devono essere parole buttate al vento.
Queste non devono essere parole destinate all'oblio.
Per Maurizio, per tutti e tutte quelli e quelle che oggi non ci sono più, o che sono rimasti invalidi, a causa del comportamento consapevolmente folle di chi si è messo ubriaco alla guida del proprio mezzo, per le loro famiglie, per una società più rispettosa della vita umana, che la prevenzione sia prevenzione, che la sanzione sia sanzione, altrimenti ogni altra lacrima versata sarà l'ennesima responsabilità di uno Stato, di una società, che non vuole salvaguardare la vita umana.



Commenti

Post popolari in questo blog

Un maledetto 17 agosto a Barcellona

Ci sono cose nella vita che non dimenticherai mai e quanto accaduto in un caldo ed apparentemente tranquillo agosto a Barcellona è una di quelle cose che non metabolizzerai per lungo tempo. Hai la fortuna di poterlo in parte raccontare, anche se non sai bene cosa raccontare. Sei a pochi metri dalla interminabile e costante folla della Rambla. Vedi decine e decine di persone a passo spedito venire contro la tua direzione. In un primo momento pensi che vai sempre controcorrente. Poi arriva la polizia, di corsa, chiude la via nella quale ti trovi, una laterale della Rambla. Una delle tante. Non riesci al momento a collegare. Anche se sai che nel mondo la situazione è tesa. Ma sei a Barcellona, pensi. Un luogo sicuro.
Poi l’inevitabile ti si presenta come un cazzotto devastante nello stomaco. Attentato. Terrorismo. Panico totale. Cerchi le persone a te più care, fino a quando non le trovi e non le rintracci non sei "tranquillo".
Cerchi di capire come comportarti. Cosa fare. Cosa…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Barcellona, il giorno dopo il 17 agosto