Passa ai contenuti principali

Omicidio stradale e guida in stato di ebbrezza per Maurizio e le migliaia di vittime sulla strada



Ogni anno gli Istituti di ricerca forniscono i dati delle vittime sulla strada e questi dati sono sempre inquietanti. Migliaia e migliaia di vite spezzate, senza dimenticare chi rimarrà invalido per il resto della propria vita. I genitori di Maurizio in quel maledetto 18 dicembre del 1999 aspettavano la telefonata del proprio figlio. Ma a Claudio e Graziella Visintin arriverà la telefonata che cambierà per sempre la loro vita.
Una invasione di corsia nelle strade triestine e la vita è andata via.
Un colpo funesto, secco, mortale.
Una invasione di corsia, da parte di una macchina, dovuta alla guida in stato di ebbrezza.
Un dolore immenso, giustizia negata, nessun giustizialismo cercato, ma solo e semplicemente la realizzazione di una norma che imponga il mai più. In Italia non esiste una disciplina organica in materia, tra codice della strada e peripezie burocratiche vige un caos, un caos che ancora oggi facilita la guida in stato di ebbrezza. Oltre 75 mila persone hanno firmato la petizione che chiede l'istituzione dell'omicidio stradale. Le Nazioni Unite hanno voluto la giornata mondiale delle vittime della strada. 
Ma gli omicidi continuano e la norma non arriva.
D'altronde il difetto di questa società è dato dal fatto che se la norma penale, civile o amministrativa, non è accompagnata da una severa e certa sanzione, il cittadino tende a non ottemperare o rispettare quel comportamento che è finalizzato non solo a salvaguardare la propria incolumità ma anche quella dei terzi.
Ma manca anche un progetto uniforme ed omogeneo di prevenzione. Città che vai, scuola che vai, Regione che vai, troverai iniziative diversificate in materia. Eppure gli studi convergono nel definire che l’assunzione di alcol altera le condizioni psicofisiche dell’individuo ripercuotendosi sulle sue capacità di guida; l’alcol riduce la capacità visiva del 25%, provoca sonnolenza, riduce l’attenzione e la capacità di movimento, crea un senso di falso benessere, di sicurezza, di euforia, porta a sottovalutare i rischi, e a sopravvalutare le proprie capacità.
Si sottovaluta il tutto, si confida nella propria capacità di tolleranza.
Si inventano mille e più strategie per sfuggire ai controlli in materia.
Ma l'incoscienza è dominante.
Una incoscienza che rischia di trasformarti in assassino.
Non rimuoverò mai e poi mai lo sguardo di Claudio quando mi parlava di Maurizio. Non dimenticherò mai la sua mano stringere con forza il mio braccio nel momento in cui condivideva con me, una persona sconosciuta fino a quel momento, il suo dolore.
Queste non devono essere parole buttate al vento.
Queste non devono essere parole destinate all'oblio.
Per Maurizio, per tutti e tutte quelli e quelle che oggi non ci sono più, o che sono rimasti invalidi, a causa del comportamento consapevolmente folle di chi si è messo ubriaco alla guida del proprio mezzo, per le loro famiglie, per una società più rispettosa della vita umana, che la prevenzione sia prevenzione, che la sanzione sia sanzione, altrimenti ogni altra lacrima versata sarà l'ennesima responsabilità di uno Stato, di una società, che non vuole salvaguardare la vita umana.



Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Le conclusioni della Commissione d'inchiesta sul caso Moro

Nelle considerazioni conclusive della Commissione d'inchiesta sul Caso Moro emergono spunti di riflessione importante ed anche inquietanti che dovrebbero far tremare i pilastri della nostra Repubblica. Un lavoro durato alcuni anni, con diverse audizioni, accessi a documenti, verifiche, ispezioni, un lavoro enorme e giunto a termine.    La legge istitutiva della Commissione (Legge 30 maggio 2014, n. 82) ha assegnato come mandato all'inchiesta parlamentare quello di «accertare eventuali nuovi elementi che possono integrare le conoscenze acquisite dalle precedenti Commissioni parlamentari di inchiesta sulla strage di Via Fani, sul sequestro e sull'assassinio di Aldo Moro; eventuali responsabilità sui fatti di cui alla lettera a) riconducibili ad apparati, strutture e organizzazioni comunque denominati ovvero a persone a essi appartenenti o appartenute». E' stato sottolineato che è "dalla rilettura sistematica dei cinque processi e dell'attività delle precedenti…

Ma ha ancora senso la "Venezia Giulia"? O meglio regione di Trieste?

Venezia Giulia. Un nome che ha sicuramente un suo fascino, originale, una forzatura storica pasticciata, proposta ed utilizzata sin dal 1863, come si legge nell'Enciclopedia Treccanti dal linguista goriziano G.I. Ascoli in sostituzione di ‘Litorale’ (Küstenland), usato dagli Austriaci. "Dal 1920 sotto la denominazione di V. furono compresi anche territori appartenenti alla Carniola; i limiti della regione non erano del resto ben definiti: ora comprendeva anche il Friuli ora questo era considerato come appartenente al Veneto, per cui la V. corrispondeva ai territori orientali ceduti dall’Austria all’Italia in seguito alla Prima guerra mondiale, cioè le province di Gorizia, Trieste, Pola e Fiume (superficie 8893 km2 con 955.257 ab. nel 1936), zona caratterizzata dal graduale trapasso del sistema alpino in quello dinarico e dalla compenetrazione di elementi italiani e slavi. Il piccolo lembo della V. rimasto all’Italia dopo la Seconda guerra mondiale è confluito nella regione a …