Passa ai contenuti principali

Modello di segnalazione al Garante per la Privacy contro il registro elettronico

Dopo l'intervento sul Registro Elettronico e la sua presunta illegittimità, dopo aver ricevuto diverse segnalazioni, penso che sia cosa utile attivarsi, come singolo lavoratore, per richiedere e sollecitare l'intervento in materia da parte dell'Autorità Garante per la protezione dei dati personali.
Ho preparato un modello di segnalazione che il singolo interessato potrà inviare, con lettera raccomandata con ricevuta di ritorno,  all'indirizzo che verrà poi indicato, completando la segnalazione con i dati richiesti .
Questa segnalazione è pensata per due ipotesi:
  1. Scuola che manifesta la volontà di adottare il Registro Elettronico
  2. Scuola che ha adottato il Registro Elettronico ed indicare gli estremi della delibera, della circolare.

Lo scopo è quello di fare arrivare diverse centinaia di segnalazioni al Garante, perché questo Organo possa prendere coscienza della situazione in essere ed intervenire o fornire una risposta ai dubbi, legittimi, che sussistono in materia, poiché i dati trattati sono altamente sensibili.


***


Spett.le
Garante per la protezione dei dati personali

Piazza di Monte Citorio n. 121 00186 ROMA
Fax: (+39) 06.69677.3785 Oggetto :
segnalazione(articolo 141, comma 1, lett. b) del Codice in materia di protezione dei dati personali e Regolamento n. 1/2007 articoli 13 e 14)


Il/la sottoscritto/a                                          nato/a                         a                                       il
residente in                                                   in qualità di( docente/Ata) presso l'Istituzione Scolastica

Premesso che
L’art. 7 (commi 29 e 31) del DL 95/2012, come convertito il Legge, introduceva le pagelle ed registri on line, considerandoli come obbligatori a partire dal 2012/2013.
Il comma 27 del citato provvedimento normativo però afferma che il Ministero dell'istruzione, dell'universita' e della ricerca predispone entro 60 giorni dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto un Piano per la dematerializzazione delle procedure amministrative in materia di istruzione, universita' e ricerca e dei rapporti con le comunita' dei docenti, del personale, studenti e famiglie. A ciò è poi seguita la nota ministeriale Prot. AOODPPR Reg. Uff. n. 1682/ U del 2012 che in sostanza, pur essendo questa fonte normativa di terzo rango, prorogava l'applicazione della considerata normativa rendendo dunque, con riferimento al registro elettronico, facoltativo il suo utilizzo. Il termine come indicato dal decreto legge 95/2012 non è da considerarsi più perentorio, ma ordinatorio, dunque nessun obbligo sussiste per le scuole di dotarsi di registri elettronici, fino a quando non verrà realizzato il piano di dematerializzazione da parte del MIUR un piano che dovrà essere approvato, a parere di chi ora scrive, dal Garante per la Privacy che così evidenziava nella sua guida intitolata: “La privacy a scuola. Dai tablet alla pagella elettronica. Le regole da ricordare”: “Iscrizione e registri on line, pagella elettronica “In attesa di poter esprimere il previsto parere sui provvedimenti attuativi del Ministero dell'istruzione riguardo all'iscrizione on line degli studenti, all'adozione dei registri on line e alla consultazione della pagella via web, il Garante auspica l'adozione di adeguate misure di sicurezza a protezione dei dati”. Rilevato che l'Istituzione Scolastica ha intenzione di adottare il Registro Elettronico,
( o che ha adottato il Registro Elettronico con provvedimento del                    atto prot                      )

Tanto premesso
si propone al Garante per la protezione dei dati personali segnalazione(articolo 141, comma 1, lett. b) del Codice in materia di protezione dei dati personali e Regolamento n. 1/2007 articoli 13 e 14) affinché la citata Autorità possa pronunciarsi nel merito, ovvero se le Istituzioni Scolastiche possono adottare i registri elettronici in assenza del citato Piano di dematerializzazione;
se le Istituzioni scolastiche possono adottare il Registro Elettronico senza la previsione di una specifica guida, o specifico provvedimento uniforme ed omogeneo da parte del Garante per la protezione dei dati personali in materia, vista e rilevata la particolarità della stessa.
Si chiede altresì di venire a conoscenza di quali devono essere le procedure che le scuole devono ottemperare durante l'utilizzo del citato Registro Elettronico e delle relative prescrizioni che devono essere previste per l'utilizzo di questo strumento unificato di lavoro , stante il fatto che ha lo scopo di contenere dati altamente sensibili, come la rilevazione della presenza o assenza del personale docente,inserire i voti delle interrogazioni, delle prove scritte, le assenze, i ritardi e uscite anticipate, le giustificazioni degli studenti, i provvedimenti disciplinari, le annotazioni dei docenti e della dirigenza scolastica, ma anche dati correlati alla funzione del sostegno, con il così detto Registro di Sostegno che si presenta come un insieme di schede in cui il Docente può descrivere le varie componenti previste (Anamnesi, Rilevazioni effettuate, Diagnosi, Bisogni, PEI, Adeguamento, Livello raggiunto dall'alunno, Verifiche effettuate, Colloqui, Relazione finale ed eventuali Suggerimenti di intervento) ecc.

Infine, si chiede al Garante di valutare la possibilità di adottare un provvedimento con effetto immediato finalizzato a sospendere od interrompere l'utilizzo del Registro Elettronico da parte della Scuola…...............…............................oltre che in tutte quelle Istituzioni Scolastiche che hanno provveduto a dotarsi di questa strumentazione innovativa di lavoro, rilevato che ad oggi, vista la particolarità e la complessità della materia trattata, non si conoscono procedure omogenee, non si conoscono procedure standardizzate, da adottare in tale caso, stante la mancata adozione del piano di dematerializzazione amministrativa da parte del Ministero competente (MIUR), e stante il fatto che non si è a conoscenza se le modalità attualmente previste di utilizzo del Registro Elettronico siano rispettose della normativa esistente in tema di tutela dei dati personali.

In attesa di un riscontro si porgono cordiali saluti

In Fede

Nome, Cognome

Luogo e data

Commenti

Post popolari in questo blog

Koper o Capodistria?Fiume o Rijeka?Merna o Miren?Londra o London? Trieste e Trst?

Esistono diversi processi di italianizzazione, i più noti sono quelli figli dell'abitudine, figli di quel modo di fare che hanno trasformato London in Londra, Berlin in Berlino, Barcelona in Barcellona, Marseille in Marsiglia ecc. Si dirà che è semplice traduzione. Fattore tipico di tutte le lingue. Poi vi sono luoghi che sono stati soggetti all'italianizzazione forzata tramite la nota opera nazionalfascista e di esempi ve ne sono a bizzeffe, se ne perde il conto, sia in Italia che in Slovenia che in Croazia che ovunque l'Italia abbia operato in tal modo.
Ad esempio Redipuglia  ha storpiato lo sloveno Sredipolje. In altri casi si utilizza l'italianizzazione per rispetto anche della comunità italiana che vi abita, non chiamare quei luoghi con il loro nome italiano significherebbe negare l'esistenza della comunità italiana, almeno per gli italiani autoctoni del luogo è così, pensiamo Capodistria il cui nome in sloveno è Koper, o Rijeka diventata Fiume. Italianizzazi…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Nella Gradoaustronostalgia i commercianti dicono no ai richiedenti asilo a rischio l'immagine. Pazzesco

L'immagine è tutto. Niente immagine, niente business. La partita a ping pong si gioca tra Grado e le sue frazioni, con la Prefettura che svolge il ruolo di osservatore, ma prima o poi dovrà fischiare la fine di questa partita ed una decisione andrà presa. Se a Fossalon si è assistito a di tutto e di più, dalla deprimente marcia dei trattori, fumosissima visto che non ci sarà, a pensieri figli di una visione distorta del mondo, come se chi voleva ospitare 18 richiedenti asilo si apprestasse a dare accoglienza a 18 criminali incalliti, a Grado si assiste alla reazione di chi ha voce e peso economico importante. Il mondo del commercio. Sul Piccolo del 15 ottobre si apprende che  «Ormai da qualche settimana - ha spiegato il responsabile locale di Confcommercio, Fumolo - si parla dell'ipotesi di ospitalità ad un gruppo di migranti anche da parte del Comune di Grado e la nostra associazione di categoria esprime preoccupazione per le ripercussioni negative che questa azione potr…