Passa ai contenuti principali

Modello di segnalazione al Garante per la Privacy contro il registro elettronico

Dopo l'intervento sul Registro Elettronico e la sua presunta illegittimità, dopo aver ricevuto diverse segnalazioni, penso che sia cosa utile attivarsi, come singolo lavoratore, per richiedere e sollecitare l'intervento in materia da parte dell'Autorità Garante per la protezione dei dati personali.
Ho preparato un modello di segnalazione che il singolo interessato potrà inviare, con lettera raccomandata con ricevuta di ritorno,  all'indirizzo che verrà poi indicato, completando la segnalazione con i dati richiesti .
Questa segnalazione è pensata per due ipotesi:
  1. Scuola che manifesta la volontà di adottare il Registro Elettronico
  2. Scuola che ha adottato il Registro Elettronico ed indicare gli estremi della delibera, della circolare.

Lo scopo è quello di fare arrivare diverse centinaia di segnalazioni al Garante, perché questo Organo possa prendere coscienza della situazione in essere ed intervenire o fornire una risposta ai dubbi, legittimi, che sussistono in materia, poiché i dati trattati sono altamente sensibili.


***


Spett.le
Garante per la protezione dei dati personali

Piazza di Monte Citorio n. 121 00186 ROMA
Fax: (+39) 06.69677.3785 Oggetto :
segnalazione(articolo 141, comma 1, lett. b) del Codice in materia di protezione dei dati personali e Regolamento n. 1/2007 articoli 13 e 14)


Il/la sottoscritto/a                                          nato/a                         a                                       il
residente in                                                   in qualità di( docente/Ata) presso l'Istituzione Scolastica

Premesso che
L’art. 7 (commi 29 e 31) del DL 95/2012, come convertito il Legge, introduceva le pagelle ed registri on line, considerandoli come obbligatori a partire dal 2012/2013.
Il comma 27 del citato provvedimento normativo però afferma che il Ministero dell'istruzione, dell'universita' e della ricerca predispone entro 60 giorni dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto un Piano per la dematerializzazione delle procedure amministrative in materia di istruzione, universita' e ricerca e dei rapporti con le comunita' dei docenti, del personale, studenti e famiglie. A ciò è poi seguita la nota ministeriale Prot. AOODPPR Reg. Uff. n. 1682/ U del 2012 che in sostanza, pur essendo questa fonte normativa di terzo rango, prorogava l'applicazione della considerata normativa rendendo dunque, con riferimento al registro elettronico, facoltativo il suo utilizzo. Il termine come indicato dal decreto legge 95/2012 non è da considerarsi più perentorio, ma ordinatorio, dunque nessun obbligo sussiste per le scuole di dotarsi di registri elettronici, fino a quando non verrà realizzato il piano di dematerializzazione da parte del MIUR un piano che dovrà essere approvato, a parere di chi ora scrive, dal Garante per la Privacy che così evidenziava nella sua guida intitolata: “La privacy a scuola. Dai tablet alla pagella elettronica. Le regole da ricordare”: “Iscrizione e registri on line, pagella elettronica “In attesa di poter esprimere il previsto parere sui provvedimenti attuativi del Ministero dell'istruzione riguardo all'iscrizione on line degli studenti, all'adozione dei registri on line e alla consultazione della pagella via web, il Garante auspica l'adozione di adeguate misure di sicurezza a protezione dei dati”. Rilevato che l'Istituzione Scolastica ha intenzione di adottare il Registro Elettronico,
( o che ha adottato il Registro Elettronico con provvedimento del                    atto prot                      )

Tanto premesso
si propone al Garante per la protezione dei dati personali segnalazione(articolo 141, comma 1, lett. b) del Codice in materia di protezione dei dati personali e Regolamento n. 1/2007 articoli 13 e 14) affinché la citata Autorità possa pronunciarsi nel merito, ovvero se le Istituzioni Scolastiche possono adottare i registri elettronici in assenza del citato Piano di dematerializzazione;
se le Istituzioni scolastiche possono adottare il Registro Elettronico senza la previsione di una specifica guida, o specifico provvedimento uniforme ed omogeneo da parte del Garante per la protezione dei dati personali in materia, vista e rilevata la particolarità della stessa.
Si chiede altresì di venire a conoscenza di quali devono essere le procedure che le scuole devono ottemperare durante l'utilizzo del citato Registro Elettronico e delle relative prescrizioni che devono essere previste per l'utilizzo di questo strumento unificato di lavoro , stante il fatto che ha lo scopo di contenere dati altamente sensibili, come la rilevazione della presenza o assenza del personale docente,inserire i voti delle interrogazioni, delle prove scritte, le assenze, i ritardi e uscite anticipate, le giustificazioni degli studenti, i provvedimenti disciplinari, le annotazioni dei docenti e della dirigenza scolastica, ma anche dati correlati alla funzione del sostegno, con il così detto Registro di Sostegno che si presenta come un insieme di schede in cui il Docente può descrivere le varie componenti previste (Anamnesi, Rilevazioni effettuate, Diagnosi, Bisogni, PEI, Adeguamento, Livello raggiunto dall'alunno, Verifiche effettuate, Colloqui, Relazione finale ed eventuali Suggerimenti di intervento) ecc.

Infine, si chiede al Garante di valutare la possibilità di adottare un provvedimento con effetto immediato finalizzato a sospendere od interrompere l'utilizzo del Registro Elettronico da parte della Scuola…...............…............................oltre che in tutte quelle Istituzioni Scolastiche che hanno provveduto a dotarsi di questa strumentazione innovativa di lavoro, rilevato che ad oggi, vista la particolarità e la complessità della materia trattata, non si conoscono procedure omogenee, non si conoscono procedure standardizzate, da adottare in tale caso, stante la mancata adozione del piano di dematerializzazione amministrativa da parte del Ministero competente (MIUR), e stante il fatto che non si è a conoscenza se le modalità attualmente previste di utilizzo del Registro Elettronico siano rispettose della normativa esistente in tema di tutela dei dati personali.

In attesa di un riscontro si porgono cordiali saluti

In Fede

Nome, Cognome

Luogo e data

Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Le conclusioni della Commissione d'inchiesta sul caso Moro

Nelle considerazioni conclusive della Commissione d'inchiesta sul Caso Moro emergono spunti di riflessione importante ed anche inquietanti che dovrebbero far tremare i pilastri della nostra Repubblica. Un lavoro durato alcuni anni, con diverse audizioni, accessi a documenti, verifiche, ispezioni, un lavoro enorme e giunto a termine.    La legge istitutiva della Commissione (Legge 30 maggio 2014, n. 82) ha assegnato come mandato all'inchiesta parlamentare quello di «accertare eventuali nuovi elementi che possono integrare le conoscenze acquisite dalle precedenti Commissioni parlamentari di inchiesta sulla strage di Via Fani, sul sequestro e sull'assassinio di Aldo Moro; eventuali responsabilità sui fatti di cui alla lettera a) riconducibili ad apparati, strutture e organizzazioni comunque denominati ovvero a persone a essi appartenenti o appartenute». E' stato sottolineato che è "dalla rilettura sistematica dei cinque processi e dell'attività delle precedenti…

Ma ha ancora senso la "Venezia Giulia"? O meglio regione di Trieste?

Venezia Giulia. Un nome che ha sicuramente un suo fascino, originale, una forzatura storica pasticciata, proposta ed utilizzata sin dal 1863, come si legge nell'Enciclopedia Treccanti dal linguista goriziano G.I. Ascoli in sostituzione di ‘Litorale’ (Küstenland), usato dagli Austriaci. "Dal 1920 sotto la denominazione di V. furono compresi anche territori appartenenti alla Carniola; i limiti della regione non erano del resto ben definiti: ora comprendeva anche il Friuli ora questo era considerato come appartenente al Veneto, per cui la V. corrispondeva ai territori orientali ceduti dall’Austria all’Italia in seguito alla Prima guerra mondiale, cioè le province di Gorizia, Trieste, Pola e Fiume (superficie 8893 km2 con 955.257 ab. nel 1936), zona caratterizzata dal graduale trapasso del sistema alpino in quello dinarico e dalla compenetrazione di elementi italiani e slavi. Il piccolo lembo della V. rimasto all’Italia dopo la Seconda guerra mondiale è confluito nella regione a …