Passa ai contenuti principali

E' scontro aperto tra la Lega nazionale di Gorizia e Ronchi dei Partigiani

Il Piccolo del 17 dicembre ha riportato le dichiarazioni del Presidente della Lega nazionale di Gorizia in merito al gruppo Ronchi dei Partigiani.
E' il caso di ricordare che la Lega Nazionale è stata fondata nel 1891 e da allora, per più di 115 anni, ha sempre operato per il sostegno e la diffusione della cultura e della lingua italiana nelle terre contese del nord est d'Italia e sono stati i primi sostenitori del giorno del ricordo.
Ebbene le parole del nuovo  Presidente della Lega nazionale sono state molto dure nei confronti dei sostenitori dell'iniziativa Ronchi dei Partigiani, gruppo che comunque non rimane a guardare e che per il 2014 ha intenzione di realizzare delle iniziative,dibattiti, proprio sulla denominazione attuale di Ronchi e di tutto ciò che vi è connesso.
Ronchi dei Partigiani, risponde in modo tenace e con fermezza a delle insinuazioni che richiamano i proclami di quell'irredentismo che in questa parte d'Italia è ancora vivo e vegeto.

Cosi scriviamo e replichiamo:
La lega nazionale di Gorizia ci accusa di essere grottescamente antistorici, in merito all'iniziativa culturale, sociale, intrapresa dal nostro gruppo che ha il compito di proporre una riflessione, una discussione, un dibattito sull'imposizione della denominazione dei Legionari a Ronchi, denominazione ottenuta in piena prossimità del periodo delle leggi fascistissime e grazie alla cittadinanza onoraria riconosciuta a Mussolini(con deliberazione del consiglio comunale n. 1301/24 dd. 17.05.1924), ma nello stesso tempo proponiamo anche la cancellazione, in modo assolutamente democratico e partecipato e dal basso, della denominazione dei Legionari perché la reputiamo impropria, perché la reputiamo figlia della cultura fascista, stante il fatto che è stato il fascismo a far proprio l'evento, pericoloso per la pace e gli equilibri appena maturati dopo la prima guerra mondiale, quale la nota marcia su Fiume, che ha anticipato ed ispirato nei gesti, nei simboli, nel linguaggio, la marcia su Roma e tutto ciò che ne è conseguito.
Riteniamo grave anche la seguente affermazione “Nessuno può modificare la storia ed è pretestuosa qualsiasi divagazione sull'argomento il 12 settembre 1919 partì da Ronchi la Marcia su Fiume e in seguito la città divenne parte integrante dello Stato italiano!”.
A tal proposito vogliamo ricordare che il legame tra l'impresa di Fiume e la comunità di Ronchi è un grande artificio. E' lo stesso d'Annunzio nei suoi diari dei giorni della marcia a definire Ronchi "piccolo borgo inconsapevole". Inoltre l'impresa non ha inciso minimamente nella coscienza collettiva dei ronchesi che in tutto questo non hanno partecipato nè ne sono stati condizionati. Ne è dimostrazione poi il forte impegno antifascista della popolazione durante la lotta di liberazione e dunque rivendicare con un irredentismo , al di fuori dalla logica, Fiume è incomprensibile oltre che anacronistico.
E poi vorremmo capire quale divagazione avremmo effettuato?
Per divagazione si intende l' allontanamento dall'argomento principale del discorso per sviluppare qualche aspetto marginale, ma noi non stiamo trattando l'aspetto marginale, noi stiamo affrontando il punto nodale della questione, Fiume, D'Annunzio ed il fascismo ed il tutto porta e non può portare che alla denominazione dei Legionari. Ed in ogni caso è legittimo affrontare anche eventuali aspetti marginali, anche perché a volte è anche dagli aspetti marginali che si riesce a comprendere meglio il succo della vicenda o della storia.
Ma ci accusano anche di aver manipolato le foto storiche e che ciò sarebbe degno della Enciclopedia Sovietica. In verità, premesso che tutti gli abbonati dell'enciclopedia Sovietica sotto il regime di Stalin quando un personaggio prominente "scompariva", ricevevano delle nuove voci da incollare sopra quelle degli scomparsi, noi non abbiamo cancellato o manipolato alcuna foto, ma semplicemente e liberamente realizzato un logo che vede cancellato con una x il nome dei Legionari ed emergere quello dei Partigiani.
E' un crimine realizzare un logo?
Ci piacerebbe a tal proposito, visto che la Lega nazionale difende in toto l'occupazione di Fiume per mano militare, sapere cosa pensa di D'Annunzio in merito ai suo versi offensivi e dai toni fortemente razzisti espressi nei confronti dei croati.
Per esempio nella lettera ai Dalmati - E in me e con Lettera ai Dalmati così scrive : (...)
il croato lurido, s’arrampicò su per le bugne del muro veneto, come una scimmia in furia, e con un ferraccio scarpellò il Leone alato
oppure
(…) quell’accozzaglia di Schiavi meridionali che sotto la maschera della giovine libertàe sotto unnome bastardo mal nasconde il vecchio ceffo odioso...
oppure da Gli ultimi saranno i primi. Discorso al popolo di Roma nell'Augusteo, 4 maggio 1919 (…) Fuori la schiaveria bastardae le sue lordure e le sue mandre di porci!

Marco Barone 
Aggiornamento
La Lega Nazionale di Gorizia replica alla mia replica ed io alla loro replica( che pubblico dopo questa nota) replico,per ora, in questo modo: Per il momento dico e scrivo che per gennaio è previsto, salvo imprevisti, la pubblicazione di un mio post sulla questione #Ronchideipartigiani, su un sito nazionale importante, che svelerò al momento giusto e che entro i primi mesi del 2014 verranno organizzate anche iniziative pubbliche sul punto.
Per il resto il concetto di negazionismo lo rispedisco al mittente.


ecco cosa scrive la Lega Nazionale di Gorizia il 27.12.13 sul Piccolo:
Rispetto all’articolo apparso sul Piccolo “Ronchi e D’Annunzio nessun legame” e visto che il compito della Lega Nazionale è anzitutto quello di divulgare la cultura sopra ogni appartenenza e orientamento, anche come garanzia pluralistica, puntualizziamo quanto segue. Primo. Marco Barone reputa la denominazione “dei Legionari” “figlia della cultura fascista”. Peccato che come la stragrande maggioranza degli storici oggi ammette, l’esperienza politica fiumana fu di sinistra da tutti i punti di vista. Basta leggere La festa della Rivoluzione di Claudia Salaris, piuttosto che La Reggenza del Carnaro di Giovanni Luigi Manco o altri centinaia di volumi. La bibliografia sul carattere progressista di Fiume dannunziana è sterminata. Secondo. Il Barone parla di “equilibri appena maturati dopo la prima guerra mondiale”. Anche qui viene bellamente smentito dalla storiografia: nel ’19 l’ingiusto Trattato di Pace altro non fa che creare disequilibri politici, economici e sociali. Terzo. L’autore dell’articolo scrive che “la nota marcia su Fiume” “ha anticipato ed ispirato nei gesti, nei simboli, nel linguaggio, la marcia su Roma”. Sbagliato. I gesti, i simboli e il linguaggio sono preesistenti rispetto al fiumanesimo: derivano infatti dalla Grande guerra o dalla tradizione goliardica, se non addirittura dal Risorgimento garibaldino (anche qui progressista), a partire dalla presa di Roma e del relativo motto “O Roma O morte!”. Quarto. Barone parla di Resistenza avversa al Poeta soldato. Questo è negazionismo. Ricordiamo invece che parecchi partigiani s’ispirarono a D’Annunzio, soprattutto nel novero di Giustizia e Libertà. Anche qui, basti leggere il libro già citato del professor Manco. Quinto. Sul razzismo di Fiume l’autore incappa in un falso. Nella reggenza fiumana le differenze e le particolarità linguistiche, oltre che religiose, politiche, di orientamento sessuale e di genere venivano non solo rispettate bensì anche incoraggiate. Per fortuna sono aspetti che buona parte dei sindaci di sinistra dei Comuni della provincia di Gorizia sanno bene. Lo dimostra la loro massiccia presenza alle commemorazioni che si sono svolte in questi ultimi anni in favore del Poeta-soldato. Lega Nazionale Gorizia

Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Se Babbo Natale ha ridimensionato San Nicolò

Ma è più sentito San Nicolò o Babbo Natale?

Questo è quanto mi domandavo notando tutta la serie di prodotti realizzati, i mercatini diffusi, le fiere e quant'altro si afferma in prossimità della notte tra il 5 e 6 dicembre. Così come mi domando, ma quanti conoscono la sua storia? Quanti sanno che tipo di santo protettore sarebbe?  Scommetto che le mani alzate sarebbero una manciata.  Ed a dirla tutta non interessa, interessa quel giorno solo scambiarsi qualche regalino, girovagare per le fiere, bere e mangiare.
San Nicolò, dicono, è un santo molto venerato in tutto il mondo, addirittura avrebbe carattere universale. Sarà. Ma in Italia ci sono su più di 8 mila Comuni solo una ventina di località, e qualche Comune, ad avere questo nome e sono poche le località dove viene festeggiato, soprattutto in alcune zone del Nord Est ed in Puglia.  Vi è chi dice che Babbo Natale altro non sia che praticamente il San Nicolò in chiave pienamente consumistica, che avrebbe tratto origine da qu…

Se toccare il seno della statua di Giulietta è di buon auspicio, perchè?

Città che vai, tradizione o superstizione che troverai. In pieno centro a Monaco vi è la statua di Giulietta, donata dalla città di Verona. Una foto con Giulietta è immancabile a Monaco così come toccare il suo seno destro è un gesto molto diffuso. Ed è stato toccato tante di quelle volte che  praticamente è stato consumato dalla "passione" dei passanti tanto che ha assunto una tonalità più chiara rispetto al resto della statua. Ma da dove nasce questa superstizione? Perchè toccare il seno destro di Giulietta sarebbe di buon auspicio? Ognuno avrà una sua risposta, e Giulietta non può fare altro che subire questo rito. Un rito che accomuna diverse città, perchè la statua di Giulietta la si può trovare in diverse località oltre ovviamente che a Verona. A Monaco ve ne sono due, una prima copia donata dalla Cassa di Risparmio di Verona nel 1974, si trova ai piedi della torre dell’antico municipio a Marienplatz. La seconda si trova nel parco di Shakespeare Platz. Monaco e Vero…