Passa ai contenuti principali

Sensazioni durante la zona rossa




28 accordi firmati e chi se ne frega, forse.
Un forse che sarà dominante. A Trieste in questi giorni si è parlato solo dei disagi, solo della zona rossa, solo del fatto che Trieste, tipica città del no se pol, questa volta che doveva dire proprio no se pol, invece si è piegata al volere del potere. Città di confine, porta dell'Est, e tante altre belle dicerie. L'Italia, oggi,  ha scoperto che Trieste è italiana, ma solo come teatro, ed il prezzo lo abbiamo visto tutti e tutte.
Percorri le rive e ti sembra di attraversare una strada surreale.

Schiaffi di bora accompagnano bottiglie di plastica verso il golfo, transenne abbattute,


 e persone ferme ad attendere dal lato sbagliato la carovana della Russia, perché quella del Governo italiano non interessava a nessuno.

Intanto vi è chi osa violare la zona rossa. Sì, i gabbiani che volano oltre quelle maledette transenne.

Gabbiani che sembrano non capire perchè quelle persone sono lì ferme da ore ed ore con tenacia.
Almeno fino a quando si sentirà suonare la banda e solo allora si capirà che Putin è arrivato ma dalla parte opposta.

Ed allora altro non potrai fare che guardare la lunga, lunghissima, carovana delle istituzioni, parcheggiare, dopo aver fatto scendere gli uomini e le donne dello Stato, sia russo che italiano.Saranno rimasti male sicuramente quelli del mercatino nei pressi della Stazione Centrale, avevano esposto  per l'occasione fuori dal locale un bel telo bianco con tanto di vasi di fiori .

Ma non sono stati gli unici ad aver esposto un telo per dare il "benvenuto" a Putin.
Anche in Piazza della Borsa ciò, in un certo senso, è accaduto.

Ma lui, l'uomo più odiato del mondo, arriverà proprio nel momento in cui tra la Chiesa di Sant'Antonio nuovo ed il tempio serbo-ortodosso della Santissima Trinità e di San Spiridione, lì ove un tempo vi era l'acqua del canale, ed ora una fredda piazza, l'Arcigay ed Arcilesbica del FVG porteranno in strada centinaia di persone rivendicando quello che dovrebbe essere il laico dogma di ogni società civile, i diritti civili ed umani.


Però dopo poche centinaia di metri dal luogo dove si lotta per la dignità, ecco il vuoto che sarà il nulla, quel nulla che ha sospeso Trieste.
Eppure Trieste non ha commesso alcun fallo.
Ma è stata sanzionata.
Strade deserte.
Ti chiederai ma i Triestini oggi a lavoro non ci sono andati?
Ti aspettavi il traffico in tilt, invece nulla.
Vuoto e nulla.
Allora comprenderai i famosi benefici per Trieste derivanti dal Vertice Italo-Russo.
Zero inquinamento e pedonalizzazione forzata.
Ma potevano dirlo prima che il vertice era solo una scusa per abbattere l'inquinamento o magari per provare il nuovo od un futuro piano top secret di pedonalizzazione dell'intero centro.
Poi però guardandoti intorno la voglia di ironizzare verrà meno.
Una Caserma extra large.

Ecco cosa è stata Trieste nei giorni del vertice.
Forze dell'ordine in ogni ovunque.
Transenne ovunque.
Spazi limitati ovunque.
E tutto questo per cosa?
Per una stretta di mano in Piazza dell'Unità ?
Per accogliere Putin?
Eppure Trieste in tema di diritti umani dovrebbe insegnare qualcosa viste le lunghe e sofferenti vicende storiche che ha vissuto, e in questo caso il no se pol, il no fermo e deciso al vertice Italo-Russo, fino a quando sia l'Italia e sia la Russia non muteranno totalmente strada in tema di diritti civili ed umani, sarebbe stato certamente più degno per la nostra città.
Prima di riceve l'ennesimo schiaffo dall'amata bora, sentirai una persona dire ad un suo amico, ma perché non si son riuniti al castello di Miramare? Ed il suo amico risponderà, ma hai visto in che condizioni è il giardino? Hai visto invece come è presentato nel sito dell'anno del turismo Italia Russia? Due opposti. La realtà lo vuole spoglio, la virtualità lo vuole ricco di fiori....
castello Miramare dal sito Italia Russia anno turismo 2013/14

Ecco, per non far fare una brutta figura a Trieste.
Già, solita tipica apparenza.
Proprio come quella che oggi e ieri noi tutti abbiamo vissuto.
L'apparenza che nuoce gravemente alla libertà.


Commenti

Post popolari in questo blog

Koper o Capodistria?Fiume o Rijeka?Merna o Miren?Londra o London? Trieste e Trst?

Esistono diversi processi di italianizzazione, i più noti sono quelli figli dell'abitudine, figli di quel modo di fare che hanno trasformato London in Londra, Berlin in Berlino, Barcelona in Barcellona, Marseille in Marsiglia ecc. Si dirà che è semplice traduzione. Fattore tipico di tutte le lingue. Poi vi sono luoghi che sono stati soggetti all'italianizzazione forzata tramite la nota opera nazionalfascista e di esempi ve ne sono a bizzeffe, se ne perde il conto, sia in Italia che in Slovenia che in Croazia che ovunque l'Italia abbia operato in tal modo.
Ad esempio Redipuglia  ha storpiato lo sloveno Sredipolje. In altri casi si utilizza l'italianizzazione per rispetto anche della comunità italiana che vi abita, non chiamare quei luoghi con il loro nome italiano significherebbe negare l'esistenza della comunità italiana, almeno per gli italiani autoctoni del luogo è così, pensiamo Capodistria il cui nome in sloveno è Koper, o Rijeka diventata Fiume. Italianizzazi…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Nella Gradoaustronostalgia i commercianti dicono no ai richiedenti asilo a rischio l'immagine. Pazzesco

L'immagine è tutto. Niente immagine, niente business. La partita a ping pong si gioca tra Grado e le sue frazioni, con la Prefettura che svolge il ruolo di osservatore, ma prima o poi dovrà fischiare la fine di questa partita ed una decisione andrà presa. Se a Fossalon si è assistito a di tutto e di più, dalla deprimente marcia dei trattori, fumosissima visto che non ci sarà, a pensieri figli di una visione distorta del mondo, come se chi voleva ospitare 18 richiedenti asilo si apprestasse a dare accoglienza a 18 criminali incalliti, a Grado si assiste alla reazione di chi ha voce e peso economico importante. Il mondo del commercio. Sul Piccolo del 15 ottobre si apprende che  «Ormai da qualche settimana - ha spiegato il responsabile locale di Confcommercio, Fumolo - si parla dell'ipotesi di ospitalità ad un gruppo di migranti anche da parte del Comune di Grado e la nostra associazione di categoria esprime preoccupazione per le ripercussioni negative che questa azione potr…