Passa ai contenuti principali

Il Carso Clandestino


Profondamente notte.
Anche le stelle, quelle più radiose, si spengono e smarriscono nel carsico buio.
Uno, due e trecento  e passo verso l'utopica libertà.
Tanti e più Stati hai attraversato, per approdare nella mistica Turchia ed essere chiuso come in una grande valigia,ma con quattro ruote e dal motore puzzolente.
Ad ogni sosta in Romania, Bulgaria, Serbia, Bosnia Croazia e Slovenia il silenzio sarà la norma, il tuo respiro svanirà, il tuo cuore non pulserà.
Spogliato e nudo.
Nudo e senza più una identità ed età.
Un nome qualunque.
Un cognome qualunque in una vita che invecchia ogni sogno di umanità.
Una torcia nel buio.
Alle tue spalle la Slovenia.
Davanti ai tuoi passi Trieste.
Altro non saprai.
Pantaloni e stracci, una maglia ed un cappotto che in questa terra ti porrà in torto.
Cammini sul sentiero, dubbio e certezza, paura ed emozione si fondono nell'eternità di quel passaggio per la libertà che non arriverà.
Una luce blu.
Alt documenti.
Il tuo sguardo asfalterà ogni rocciosa via di fuga, i tuoi piedi si scioglieranno nel timore, senza timone, di aver perso anche te stesso.
Sarai solo un numero, senza nome e cognome,senza età ed identità.
Chiuso e prigioniero tra mura alte e cupe e grigie e quel volo che ti spedirà, nuovamente, come un pacchetto postale, nel tempo dalla falsa morale, in qualche terra,che non è detto sia la tua voluta terra.
Perché tu sei andato via.
Perché tu sei andata via.
Volevi solo vivere.
Volevi solo la libertà.
Ma non te l'avevano detto che l'Italia non è Paese per la dignità.
Non te l'avevano detto che anche qui la libertà è clandestina, proprio come ora tu lo sei, clandestino sul Carso, in un Carso dove sei figlio senza destino.
Mafie,profitti, economie intere giocano sulle tue sorti.
Viaggi di andata e ritorno, centri di detenzione dove ogni dignità è soggetta ad espulsione, appalti, e tante altre nefaste situazioni in un sistema che lucra sulla tua condizione di essere clandestino, un sistema che ha bisogno della clandestinità per ricordare alle genti di questo mondo che l'umanità non è qui di casa, ma il profitto sì.



Commenti

Post popolari in questo blog

Un maledetto 17 agosto a Barcellona

Ci sono cose nella vita che non dimenticherai mai e quanto accaduto in un caldo ed apparentemente tranquillo agosto a Barcellona è una di quelle cose che non metabolizzerai per lungo tempo. Hai la fortuna di poterlo in parte raccontare, anche se non sai bene cosa raccontare. Sei a pochi metri dalla interminabile e costante folla della Rambla. Vedi decine e decine di persone a passo spedito venire contro la tua direzione. In un primo momento pensi che vai sempre controcorrente. Poi arriva la polizia, di corsa, chiude la via nella quale ti trovi, una laterale della Rambla. Una delle tante. Non riesci al momento a collegare. Anche se sai che nel mondo la situazione è tesa. Ma sei a Barcellona, pensi. Un luogo sicuro.
Poi l’inevitabile ti si presenta come un cazzotto devastante nello stomaco. Attentato. Terrorismo. Panico totale. Cerchi le persone a te più care, fino a quando non le trovi e non le rintracci non sei "tranquillo".
Cerchi di capire come comportarti. Cosa fare. Cosa…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Barcellona, il giorno dopo il 17 agosto