Passa ai contenuti principali

Vittoria storica dei docenti idonei ad altri compiti, bloccata l'espulsione dal mondo della scuola



Bastano poche righe per rovinare la vita a migliaia di persone, ma bastano poche righe per ripristinare uno stato di normalità e civiltà giuridica.
Dopo anni di battaglie, grazie al fondamentale aiuto dei Cobas scuola e del Cesp guidato da Anna Grazia Stammati, dopo due stagioni estive trascorse a presidiare il Ministero dell'Istruzione, convegni, incontri, dibattiti, diffide, rimostranze e determinazione, dispense dal servizio negate, e l'alleanza strategica con il personale precario ATA, i docenti idonei ad altri compiti hanno vinto,abbiamo vinto.
Un disegno di legge n° 316 d'iniziativa dei senatori PUGLISI, FINOCCHIARO, FAVERO, DI GIORGI, GOTOR, SAGGESE, TOCCI, BROGLIA, DE BIASI, Elena FERRARA, LO GIUDICE, MATTESINI e ZANONI che nasce proprio da queste mobilitazione propone dunque l’abrogazione dei commi 13, 14 e 15 dell’articolo 14 del decreto-legge 6 luglio 2012, n. 95, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012, n. 135, nella convinzione che la norma che prevede il transito di personale docente inidoneo e degli insegnanti tecnico pratici nei ruoli di personale amministrativo, tecnico ed ausiliario (ATA) non risolve il problema del suddetto personale né del personale precario amministrativo e tecnico ed è lesivo della professionalità e della dignità dei docenti e dello stesso funzionamento della scuola.

Ma sono salve anche le biblioteche delle scuole, perché molti di questi docenti, che per gravi problemi di salute, hanno trovato in un certo modo nel noto contratto integrativo del 2008, una sorta di tutela sociale, operavano proprio in tal settore, non appena il disegno di legge diventerà legge, e sembra di capire che di imprevisti non ve ne saranno, potranno finalmente respirare senza affanno alcuno.
Ma non finisce qui.
La battaglia ora si sposta sul piano precari amministrativi e tecnici, che , come ricordano i Cobas in un comunicato stampa “ unitisi alle battaglie dei docenti “ inidonei”, vedono così scongiurato il proprio licenziamento e bloccato definitivamente il tentativo di espulsione di tutti i precari amministrativi e tecnici dalla scuola ( 40.000 sono i posti coperti dal personale precario ATA). Ma chiedono ancora con forza al MIUR chiarezza, trasparenza e omogeneità nella valutazione del punteggio spettante ai precari ATA nominati a tempo determinato quest’anno, viste le numerose irregolarità commesse per le nomine su incarico e una chiara politica di immissioni in ruolo”. 

Cosa prevede la nuova mobilitazione? 

1)Lancio della campagna per la laicità della scuola attraverso l’organizzazione di un Convegno Cesp “ La scuola che non c’è” per il 10 giugno prossimo dalle h 9 alle 13.30 e, a seguire, un sit- in al MIUR con richiesta di incontro durante il quale presentare diffida al MIUR per il mancato adempimento di quanto disposto dalle sentenze sulla materia Alternativa;

2)Dal 10 al 30 giugno sit-in presso gli uffici scolastici territoriali e/o regionali e incontri con tutte le forze politiche per imporre l’attivazione delle cattedre di materia Alternativa, con l’ apertura di tavoli tecnici presso le regioni e i comuni per trovare, anche in ambito territoriale, le soluzioni a specifiche problematiche. In particolare, essendo l’Italia patrimonio culturale dell’umanità, per i colleghi di Storia dell’arte si propone l’attuazione di specifici corsi, finanziati dalle regioni e da far svolgere ai docenti precari della disciplina. Tali corsi, da intendersi quale ampliamento dell’offerta formativa delle scuole, dovranno avere come finalità la promozione della conoscenza del patrimonio artistico italiano e della sua storia;
3)A luglio organizzazione di presìdi presso il senato e la camera per ottenere la necessaria copertura economica per l’istituzione delle cattedre di materia Alternativa (il cui finanziamento è comunque in gran parte già ricompreso nei singoli capitoli di spesa destinati all’istituzione della materia alternativa in tutti gli ordini di scuola)”.


Insomma, va bene aver risolto il problema dei docenti idonei ad altri compiti, e che la loro determinazione sia di esempio per tutti e tutte, ma resta quello dei precari amministrativi, la loro mancata stabilizzazione, e specialmente il problema, e questo è un problema, della laicità nella scuola pubblica italiana.



Commenti

  1. L'iter non è del tutto concluso, e penso che non ci si debba ancora distrarre, ma certamente apprezzo quello che molti partiti stanno facendo in Parlamento per evitare la chiusura delle biblioteche scolastiche a danno degli studenti della scuola pubblica, e porre rimedio l'ingiustizia perpetrata verso Il personale Ata che si vedono usurpati del loro poste e del loro diritto alla stabilizzazione dopo decenni di servizio e i docenti utilizzati in altri compiti, che ancora nella scuola lavorano.

    Docente Bibliotecario

    RispondiElimina
  2. Caro Marco, vorrei inserire il tuo blog nella bloglist del mio blog
    Docente Bibliotecario ma nonostante io copi l'url visualizzato, di questo blog, http://xcolpevolex.blogspot.it/ una volta aggiunto correttamente mi riporta ad un blog non più attivo a tuo nome. Senti un po' se Fabrizio Castelli (assistenza Blogger) :) può aiutarti.


    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, come prima cosa grazie. Beh io sono diffidente per natura, lo scopo di questo intervento è semplicemente di ricordare ai firmatari che noi non stiamo lì a guardare, che sappiamo, e che ci aspettiamo la sua approvazione....
      per la questione link è strano quello che mi segnali, prova con l'estensione.com

      Elimina
    2. Diffidenza? Giusto comportamento professionale per un avvocato :) direi. ;)

      Riguardo al link ho provato anche con .com. Se hai tempo passa a vedere (il link al mio blog è qui su nel mio primo massaggio) adesso lascio il gadget inserito in alto nella colonna di dx. E' denominato lex. Il feed legge una notizia di 7 mesi fa e se clicchi sul nome del blog che appare in automatico ti manda a http://baronemarco.blogspot.it/ e dice che il blog è stato rimosso. Ovviamente ho inserito l'url del presente blog, non quello a cui si viene rimandati.

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Se Babbo Natale ha ridimensionato San Nicolò

Ma è più sentito San Nicolò o Babbo Natale?

Questo è quanto mi domandavo notando tutta la serie di prodotti realizzati, i mercatini diffusi, le fiere e quant'altro si afferma in prossimità della notte tra il 5 e 6 dicembre. Così come mi domando, ma quanti conoscono la sua storia? Quanti sanno che tipo di santo protettore sarebbe?  Scommetto che le mani alzate sarebbero una manciata.  Ed a dirla tutta non interessa, interessa quel giorno solo scambiarsi qualche regalino, girovagare per le fiere, bere e mangiare.
San Nicolò, dicono, è un santo molto venerato in tutto il mondo, addirittura avrebbe carattere universale. Sarà. Ma in Italia ci sono su più di 8 mila Comuni solo una ventina di località, e qualche Comune, ad avere questo nome e sono poche le località dove viene festeggiato, soprattutto in alcune zone del Nord Est ed in Puglia.  Vi è chi dice che Babbo Natale altro non sia che praticamente il San Nicolò in chiave pienamente consumistica, che avrebbe tratto origine da qu…

Le conclusioni della Commissione d'inchiesta sul caso Moro

Nelle considerazioni conclusive della Commissione d'inchiesta sul Caso Moro emergono spunti di riflessione importante ed anche inquietanti che dovrebbero far tremare i pilastri della nostra Repubblica. Un lavoro durato alcuni anni, con diverse audizioni, accessi a documenti, verifiche, ispezioni, un lavoro enorme e giunto a termine.    La legge istitutiva della Commissione (Legge 30 maggio 2014, n. 82) ha assegnato come mandato all'inchiesta parlamentare quello di «accertare eventuali nuovi elementi che possono integrare le conoscenze acquisite dalle precedenti Commissioni parlamentari di inchiesta sulla strage di Via Fani, sul sequestro e sull'assassinio di Aldo Moro; eventuali responsabilità sui fatti di cui alla lettera a) riconducibili ad apparati, strutture e organizzazioni comunque denominati ovvero a persone a essi appartenenti o appartenute». E' stato sottolineato che è "dalla rilettura sistematica dei cinque processi e dell'attività delle precedenti…