Passa ai contenuti principali

L'influenza massonica nella scrittura della Costituzione italiana


Quando si parla di massoneria, almeno in Italia, si viene spesso liquidati per complottisti, è anche vero che se parlerai di massoneria, o meglio di massonerie, perché in Italia esistono centinaia di obbedienze, poche quelle ufficiali e regolari, molte quelle irregolari, non quantificate quelle segrete, rinforzerai la loro esistenza, se non parlerai di massonerie, anche in questo caso rinforzerai la loro esistenza. Insomma un bel dilemma.
Quello che ora scriverò e che è frutto di anni di studio, per alcuni versi non sarà nulla di nuovo, per altri invece proverò a fornire ulteriori elementi di valutazione su come la massoneria ha, non solo idealmente, ma anche concretamente, influenzato la scrittura della nostra Costituzione, una Costituzione che non è mai stata realmente e pienamente applicata.
Quando entrerai in un normale tempio massonico noterai due cose specifiche.
La prima è il trinomio, vedo, sento, taccio, ed io, in questo caso, osservo, ascolto e parlo, poi un secondo trinomio, quale Libertà, Uguaglianza, Fratellanza che si troverà all'interno di ogni tempio massonico.
Tre un numero importante per la massoneria, come i tre Gradi di Apprendista, Compagno d'Arte e Maestro, come la leggenda del Terzo Grado che viene insegnata nelle Logge, come, appunto il trinomio appena citato. Libertà, uguaglianza e fratellanza, sono principi, tipici della massoneria, che sono pienamente inclusi nella nostra Costituzione. Una Costituzione divisa in tre parti, principi fondamentali, parte prima e seconda che nella loro struttura ideale ben possono rappresentare gli ideali di libertà ( diritti umani e civili),fratellanza che secondo  il Grande Oratore, Ministro di Stato del Sovrano Santuario Tradizionale D’Italia dovrebbe trovare esplicazione nei diritti economici, e l'uguaglianza dovrebbe essere applicata soprattutto nella sfera giuridico–legislativa e nella struttura dello Stato. Ma a parer mio sarà proprio nei primi tre articoli della costituzione che si individuerà la realizzazione ideale del trinomio massonico.
Per la massoneria, in via etica,  il principio della libertà dovrebbe essere sostanzialmente applicato nella sfera spirituale. Il primo comma dell'articolo 1 della Costituzione così recita:L'Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro.
Nel tempio massonico il lavoro è uno dei valori spirituali più importanti. Per esempio il soffitto del tempio avrà raffigurata una volta stellata e le colonne laterali del tempio non saranno ultimate, Infatti, il Tempio dei Massoni non è finito, non è completato; i liberi muratori, appunto, simuleranno di volta in volta simbolicamente la sua copertura, ma la detta opera non si compie mai e mai si compierà, perché se così sarà, se il lavoro giungerà a compimento, la massoneria non avrà più ragione di essere tale. Infatti, solo al suo termine, al compimento del tempio, la stessa Massoneria dovrebbe sciogliersi, avendo eseguito il suo lavoro, ovvero avendo conseguito il dogma assoluto della verità. E poi il martello e la pietra grezza, che diventerà levigata grazie, appunto, al lavoro del libero muratore.


L'articolo 2 della Costituzione quando recita la Repubblica riconosce e garantisce i diritti inviolabili dell'uomo, sia come singolo sia nelle formazioni sociali ove si svolge la sua personalità, e richiede l'adempimento dei doveri inderogabili di solidarietà politica, economica e sociale, ebbene è la chiara espressione del principio della fratellanza, mentre sarà l'articolo 3 ad esprimere il principio dell'uguaglianza, “Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali. È compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l'eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l'effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all'organizzazione politica, economica e sociale del Paese.”
12 sono i principi fondamentali.
12 è un numero fondamentale per la massoneria, infatti, sempre nel tempio, si vedranno raffigurati i 12 segni zodiacali.
Nel tempio massonico si noterà altresì, la raffigurazione del sole e della luna, del classico pavimento a scacchiera, che rappresenteranno il contrasto tra bene e male, buio e luce, vi sarà la squadra ed il compasso collocate sopra il vangelo di San Giovanni sul cui prologo si apre ogni tornata rituale muratoria.
Ora direte quale collegamento sussiste tra San Giovanni e la Costituzione italiana?
Dovete sapere che per le massonerie, due sono gli eventi fondamentali, due i riti fondamentali, che segnano il passaggio dal buio alla luce e viceversa, e coincidono con la festa di San Giovanni Evangelista e San Giovanni Battista, ovvero quello che per la massoneria, nella sua tradizione, è la festa del solstizio d’inverno (27 dicembre) dedicata a san Giovanni Evangelista in quanto egli simboleggia la faccia di Giano , e la festa del solstizio d'estate ( 24 giugno) dedicata a San Giovanni Battista.
In particolar modo il 27 dicembre, che nella tradizione massonica rappresenta la transizione dal buio alla luce, dalla morte alla vera rinascita, è certamente significativo.
Coincidenza(?) vorrà che la Costituzione italiana, approvata il 22 dicembre del 1947, verrà firmata e promulgata e pubblicata nella Gazzetta Ufficiale proprio sabato 27 dicembre 1947, nel dodicesimo mese dell'anno e giorno fondamentale nella tradizione massonica.
Ma coincidenza vorrà che la Costituzione italiana verrà firmata da parte del Capo provvisorio dello Stato nella Sala della Biblioteca di Palazzo Giustiniani che oggi ospita gli uffici e l’abitazione del Presidente del Senato, ma che ha ospitato, fino al 1985, la più grande obbedienza italiana, che ancora oggi è conosciuta come Loggia di Palazzo Giustiniani, il Grande Oriente d'Italia.
Nel 2010 Gustavo Raffi, attuale Gran Maestro del Grande Oriente d'Italia dichiarò che “tra i settantacinque membri( ndr Commissione dei 75, incaricata di redigere il testo della Costituzione italiana) c'erano ben sette-otto massoni e in sede di assemblea costituente un terzo del totale era composto da componenti della loggia. Senza contare che il presidente e padre della Costituzione, Meuccio Ruini, era massone, così come il vice-presidente dell'Assemblea Giovanni Conti”.

Bartolomeo (o Meuccio) Ruini Alla caduta del fascismo diviene un promotore del Comitato delle forze antifasciste e poi del C.L.N. in rappresentanza di Democrazia del Lavoro. E’ stato Ministro senza portafoglio e Ministro dei lavori pubblici nei primi governi. Dal gennaio del 1945 divenne presidente del C.I.R. (Comitato interministeriale della ricostruzione)e del Consiglio di Stato.
Viene poi eletto deputato all’Assemblea Costituente (2 giugno 1946) e Presidente della “Commissione dei 75”, incaricata di redigere il testo costituzionale.
Il 22 dicembre 1947 durante la seduta antimeridiana dell'Assemblea Costituente, Ruini dopo un breve ma vivo discorso consegnò al Presidente dell'Assemblea Costituente il testo definitivo della Carta costituzionale. L'assemblea sorge in piedi, vivissime e prolungati applausi, da un tribuna un gruppo di garibaldini intonerà l'Inno di Mameli, che verrà ripreso dall'Assemblea e dal pubblico delle tribune, questo è quanto realmente accadde il 22 giugno del 1947. Insomma, l'influenza, per non dire di più, delle massonerie nella scrittura della Costituzione italiana, è un fatto evidente anche nella simbologia degli eventi ,evidente anche nella sostanza.







Commenti

Post popolari in questo blog

Se la tutela del decoro diventa questione di sicurezza urbana e rischia di criminalizzare il disagio sociale. Breve analisi del testo normativo

E' in fase di conversione in legge il decreto-legge 20 febbraio 2017, n. 14,  recante disposizioni urgenti in materia di sicurezza delle città. Un testo che ha introdotto il famigerato " DASPO Urbano" un testo che tende a ricondurre il concetto di decoro, che non è tipizzato e di cui non esiste una mera definizione giuridica e sostanziale omogenea e consolidata, sotto la voce di sicurezza urbana nel momento in cui si afferma che  " ai fini del presente decreto, si intende per sicurezza urbana il bene pubblico che afferisce alla vivibilità e al decoro delle città". Dunque il decoro della città diviene una questione legalitaria di sicurezza urbana, ergo di ordine pubblico. Ma contro chi si scaglierà questo dettato normativo? Mi soffermerò ora su alcuni elementi di questo decreto in fase di conversione. L'articolo 9 afferma che "Fatto salvo quanto previsto dalla vigente normativa a tutela delle aree interne delle infrastrutture, fisse e mobili, ferroviar…

Quali sono i comportamenti vietati a Trieste?

Quali sono i comportamenti vietati a Trieste?  Scopriamolo con il nuovo regolamento  urbano" che entrerà in vigore in città a partire dal 2 aprile 2017.  
Testo scritto rigorosamente ed esclusivamente in italiano, perchè il bilinguismo a Trieste è un non diritto. Disposizioni che dovranno conoscere anche coloro che si troveranno a Trieste di passaggio, per evitare che magari possano incorrere in qualche spiacevole sanzione. Buona lettura, magari con un sano bicchierino di amaro digestivo alle erbe.
***A salvaguardia e tutela degli spazi ed aree pubbliche ricadenti nel territorio del Comune è vietato: nelle fontane introdursi ed introdurre sostanze liquide imbrattanti, abbeverare ed introdurre animali, utilizzare o prelevare l’acqua, bagnarsi, estrarre o comunque raccogliere le monete o altri oggetti di valore gettati dai proprietari, in omaggio a tradizioni e consuetudini locali, in quanto tali oggetti devono intendersi acquisiti dal Comune con effetto immediato per essere dest…

Se a Venezia si può fare l'elemosina e dormire sulle panchine, a Trieste nel nome del decoro no se pol

Trieste e Venezia, concorrenti forse da sempre, due amanti che si corteggiano, ma si respingono a vicenda, quando nella società odierna l'unica soluzione possibile sarebbe collaborazione. Venezia non necessita di presentazione alcuna, è una cartolina meravigliosa, invasa da milioni di turisti. A Venezia ci sono regole rigide da rispettare per preservare l'intero ambiente e continue battaglie per salvare la laguna contro ogni tipo di inquinamento. Ma una cosa che colpisce è che per i tanti vicoli del centro è facilissimo incontrare diversi mendicanti, e per il centro, su qualche panchina, vedere qualche vagabondo, riposare, dormire e vivere i suoi sogni in santa pace.  


Nulla di strano, perchè vagabondi e mendicanti son sempre esistiti, son sempre sopravvissuti e sempre esisteranno e sempre sopravviveranno. Ed i turisti non sembrano proprio per niente essere infastiditi. Anzi, forse neanche ci fanno caso. Perchè la bellezza di Venezia cala un sipario che rende queste persone a…