Passa ai contenuti principali

La 'ndrangheta attacca il pentitismo? Il caso Lo Giudice




Un video messaggio con sottofondo musica araba, la ripresa verrà effettuata da una donna.
Lo Giudice, ex pentito in fuga, scriverà il numero 43 sulla busta chiusa con del nastro adesivo, forse spedita da Macerata, perché quella è la città indicata nella lettera dopo la sua firma.
Una busta che conterrà una lettera destinata al Tribunale di Reggio Calabria, e verrà portata in Tribunale dal figlio di Lo Giudice e probabilmente il numero 43 servirà a dimostrare l'autenticità della stessa come ripresa nel video,anche questo è un messaggio di sfiducia verso le istituzioni.
Una lettera di cinque pagine che riporterà la sigla nino 59, corrispondente al diminutivo del suo nome,Antonino e sua data di nascita, 1959, che farà parte di un documento complessivo di ben 15 pagine, su cui dirà di tutto e di più, attaccherà, ponendo in dubbio la credibilità dei magistrati Giuseppe Pignatone, l'aggiunto Michele Prestipino, il pm Beatrice Ronchi e l'ex capo della squadra mobile di Reggio, Renato Cortese. Ogni pagina verrà firmata, scritta in un italiano pessimo, inizierà con un non è mai esistita la Cosca Lo Giudice seguito da ben 26 punti esclamativi e si concluderà con un lasciatemi in pace seguito da tre punti esclamativi e lascia intendere, più di una volta,che al momento opportuno, quando lo deciderà lui, dirà quello che dovrà dire.
La negazione dell'esistente è la tipica mentalità ben nota della cultura mafiosa, la mafia non esiste, la 'ndrangheta non esiste.
Tra le cose particolari segnalo, dopo aver letto la lettera come pubblicata in rete, che lui, il presunto boss, dopo aver letto il libo di Gratteri, ha in sostanza emulato gli ordini ed i relativi gradi della 'ndrangheta, conferendosi da solo il titolo del padrino, solo grazie a quel libro, perché non conosceva nulla né di gradi né di ordini, ed infatti preciserà che ha attuato quanto scritto nel libro del magistrato.
La cosa più inquietante, che invece, ben delinea il succo e lo scopo della lettera, è quanto emergerà a pagina 4.
“I collaboratori sono sempre dei burattini che possono causare danni irreparabili colpendo in ogni direzione costruendo dei castelli sulla roccia e difficili da smontare. Questo servirà a giudicare sempre più attentamente chi si presenterà davanti ai Giudici, che non si dia nulla per scontato, che le apparenze ingannano”.
Le cose sono due, o si è in presenza di uno strano caso giudiziario, oppure la 'ndrangheta attacca la credibilità dei collaboratori. La 'ndrangheta è nota per aver un numero di collaboratori debolissimo, stante il forte legame di sangue che lega gli 'ndranghetisti, questa iniziativa, mediatica e destinata all'opinione pubblica e non alla magistratura,  destinata ai collaboratori di giustizia e non alle forze dell'ordine, può essere intesa come un chiaro messaggio di attacco al fenomeno del pentitismo? Minare la credibilità dei collaboratori di giustizia è un sorta di arma efficace, forse più efficace di qualsiasi atto intimidatorio o di ricatto o di uccisione.


Commenti

Post popolari in questo blog

Dal "daspo urbano per chi offende il giorno del ricordo"al concetto di slavo che offende la Trieste italiana. Ma Saranno gli "slavi" a salvare Gorizia e Trieste

E' un mondo difficile diceva una nota canzoncina che per diverso tempo veniva trasmessa dalle nostre radio. Un mondo difficile, che è letteralmente virato verso forme di chiusura e rigidità a causa di una globalizzazione letteralmente selvaggia.

Diversi media hanno avuto un ruolo nefasto in tutto ciò, dal momento in cui per anni hanno favorito, sotto il nome di una fantomatica democrazia, l'affermazione di concetti indegni, di quel veleno sociale, di quelle narrazioni nocive per la convivenza civile e pacifica, che hanno riabilitato le peggiori istanze e rinforzato a dismisura quei "quattro provoloni"di neofascisti, mentre "quattro provoloni" non sono più indistintamente i razzisti. Tra i fatti di Macerata, come poi ripetutesi vicino ad Enna, e quanto accaduto nel Confine Orientale in soli 25 anni di occupazione italiana subito dopo la fine della prima guerra mondiale vi è stato un solo filo di continuità. Qui il fascismo si è realizzato prima che altrove,…

Altro che "buonascuola" in Italia siamo degli analfabeti rispetto all'Europa, il rapporto ISTAT sullo stato dell'istruzione in Italia

L'ISTAT ha pubblicato un corposo rapporto incentrato sulla questione della conoscenza.  Ed emerge una fotografia del Paese devastante. Da un lato hai la propaganda di chi racconta un Paese che esiste solo nella sua mente che mente, a partire da chi difende la peggior legge mai scritta in Italia in materia di legislazione scolastica quale la "buonascuola" bocciata da quasi l'intera comunità scolastica con uno sciopero epocale nel maggio 2015. Dall'altro hai la realtà che ti narra un Paese in estrema difficoltà e povertà e diffusa ignoranza. L'Istat rileva chiaramente che "in Italia la recessione, anche per i vincoli di finanza pubblica dovuti al debito, è stata più profonda rispetto a tutte le altre economie europee, riportando il potere d’acquisto delle famiglie nel 2012 indietro fino ai livelli degli anni Novanta."
E ciò sotto gli occhi di tutti.  A livello di conoscenza afferma che "L’Italia è un’economia industriale ad alto reddito ma ano…

Iera una volta...il mercato di Ronchi

Iera una volta il mercato di Ronchi. Questa è oramai una constatazione di fatto che vivi nei mercoledì ronchesi, giorno per eccellenza del mercato. I mercati sono sopravvissuti ai secoli, alle guerre, al progresso, all'avvento dei grandi centri commerciali che hanno risucchiato nel buco nero della depressione economica i piccoli commercianti, con città sempre più svuotate con il paradosso che vedrai le città finte, create ad hoc per il commercio, essere strapiene.

I mercati resistono, ma faticano a sopravvivere soprattutto quando arriva l'ultimo mercoledì del mese, quando i soldi son già finiti e per le strade del mercato vedrai sempre meno gente.

Un mercato che ha una sua storia importante, noto soprattutto per la sua energia, vitalità, socialità, che paga probabilmente il prezzo di diverse problematicità, da quelle logistiche alla crisi sociale ed economica che si è scagliata su questo Territorio che pur avendo potenzialità enormi per alzare la testa, in questo momento sto…