Passa ai contenuti principali

La 'ndrangheta attacca il pentitismo? Il caso Lo Giudice




Un video messaggio con sottofondo musica araba, la ripresa verrà effettuata da una donna.
Lo Giudice, ex pentito in fuga, scriverà il numero 43 sulla busta chiusa con del nastro adesivo, forse spedita da Macerata, perché quella è la città indicata nella lettera dopo la sua firma.
Una busta che conterrà una lettera destinata al Tribunale di Reggio Calabria, e verrà portata in Tribunale dal figlio di Lo Giudice e probabilmente il numero 43 servirà a dimostrare l'autenticità della stessa come ripresa nel video,anche questo è un messaggio di sfiducia verso le istituzioni.
Una lettera di cinque pagine che riporterà la sigla nino 59, corrispondente al diminutivo del suo nome,Antonino e sua data di nascita, 1959, che farà parte di un documento complessivo di ben 15 pagine, su cui dirà di tutto e di più, attaccherà, ponendo in dubbio la credibilità dei magistrati Giuseppe Pignatone, l'aggiunto Michele Prestipino, il pm Beatrice Ronchi e l'ex capo della squadra mobile di Reggio, Renato Cortese. Ogni pagina verrà firmata, scritta in un italiano pessimo, inizierà con un non è mai esistita la Cosca Lo Giudice seguito da ben 26 punti esclamativi e si concluderà con un lasciatemi in pace seguito da tre punti esclamativi e lascia intendere, più di una volta,che al momento opportuno, quando lo deciderà lui, dirà quello che dovrà dire.
La negazione dell'esistente è la tipica mentalità ben nota della cultura mafiosa, la mafia non esiste, la 'ndrangheta non esiste.
Tra le cose particolari segnalo, dopo aver letto la lettera come pubblicata in rete, che lui, il presunto boss, dopo aver letto il libo di Gratteri, ha in sostanza emulato gli ordini ed i relativi gradi della 'ndrangheta, conferendosi da solo il titolo del padrino, solo grazie a quel libro, perché non conosceva nulla né di gradi né di ordini, ed infatti preciserà che ha attuato quanto scritto nel libro del magistrato.
La cosa più inquietante, che invece, ben delinea il succo e lo scopo della lettera, è quanto emergerà a pagina 4.
“I collaboratori sono sempre dei burattini che possono causare danni irreparabili colpendo in ogni direzione costruendo dei castelli sulla roccia e difficili da smontare. Questo servirà a giudicare sempre più attentamente chi si presenterà davanti ai Giudici, che non si dia nulla per scontato, che le apparenze ingannano”.
Le cose sono due, o si è in presenza di uno strano caso giudiziario, oppure la 'ndrangheta attacca la credibilità dei collaboratori. La 'ndrangheta è nota per aver un numero di collaboratori debolissimo, stante il forte legame di sangue che lega gli 'ndranghetisti, questa iniziativa, mediatica e destinata all'opinione pubblica e non alla magistratura,  destinata ai collaboratori di giustizia e non alle forze dell'ordine, può essere intesa come un chiaro messaggio di attacco al fenomeno del pentitismo? Minare la credibilità dei collaboratori di giustizia è un sorta di arma efficace, forse più efficace di qualsiasi atto intimidatorio o di ricatto o di uccisione.


Commenti

Post popolari in questo blog

Se toccare il seno della statua di Giulietta è di buon auspicio, perchè?

Città che vai, tradizione o superstizione che troverai. In pieno centro a Monaco vi è la statua di Giulietta, donata dalla città di Verona. Una foto con Giulietta è immancabile a Monaco così come toccare il suo seno destro è un gesto molto diffuso. Ed è stato toccato tante di quelle volte che  praticamente è stato consumato dalla "passione" dei passanti tanto che ha assunto una tonalità più chiara rispetto al resto della statua. Ma da dove nasce questa superstizione? Perchè toccare il seno destro di Giulietta sarebbe di buon auspicio? Ognuno avrà una sua risposta, e Giulietta non può fare altro che subire questo rito. Un rito che accomuna diverse città, perchè la statua di Giulietta la si può trovare in diverse località oltre ovviamente che a Verona. A Monaco ve ne sono due, una prima copia donata dalla Cassa di Risparmio di Verona nel 1974, si trova ai piedi della torre dell’antico municipio a Marienplatz. La seconda si trova nel parco di Shakespeare Platz. Monaco e Vero…

Il duello Piazza Duomo e Tito a Capodistria tanto tuonò che alla fine...

Forse si è trattato di un caso record. 48 ore, ora più ora in meno, è la vita che ha avuto la targa,  delle stesse dimensioni di quella Titov Trg, Piazza Tito, di Capodistria. Se ne è discusso molto nella cittadina slovena, non è stata digerita la provocazione o non provocazione del giorno, in cui è stata affissa, un giorno caro per la Jugoslavia,  il fatto che probabilmente non era neanche in bilingue, come Piazza Tito, e che è il primo passo, non ammesso e non affermabile, che porterà alla rimozione di Piazza Tito e delle altre intitolazioni politiche che ricordano la vecchia Jugoslavia comunista. Tanto tuonò che è stata rimossa e verrà ricollocata a breve, a quanto pare.  Una tempesta fugace che ha lasciato comunque un segno, quello di quel vuoto sotto Piazza Tito. Come è emerso su Radiocapodistria ,dove si è discusso in modo approfondito di questa vicenda,  nel seguito ed importante programma condotto da Stefano Lusa, alla fine pare che il tutto fosse solo un banale e semplice p…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …