Passa ai contenuti principali

FVG cresce l’ecomafia



 pubblicato su bora.la
Legambiente ha presentato il rapporto Ecomafia 2013, ove emergono dati, numeri, cifre, a dir poco impressionanti. Ben 16,7 miliardi di euro di fatturato, 34.120 reati accertati, 28.132 persone denunciate, 8.286 sequestri effettuati. Aumentano i clan coinvolti (da 296 a 302), quadruplicano i comuni sciolti per infiltrazioni mafiose (da 6 a 25), salgono gli incendi boschivi, cresce l’incidenza dell’abusivismo edilizio e soprattutto la piaga della corruzione con il raddoppio delle denunce e degli arresti. Il Friuli Venezia Giulia è al 16° posto nella classifica nazionale,  ma in crescita rispetto al passato, risultano 769 infrazioni accertate,  con una percentuale sul totale nazionale del 2,3%,  si segnalano 628 persone denunciate  e 282 sequestri effettuati ma nessun arresto effettuato.
Che l’ambiente sia un business per le organizzazioni criminali è un fatto notorio, così come è notorio che senza il braccio determinante della pessima politica, che favorisce abusivismi, speculazioni, inquinamento, grandi opere utili solo al capitalismo ma non alla collettività e non certamente all’ambiente, un progresso industriale che continua a non essere compatibile con la tutela sia del paesaggio che della natura, difficilmente l’ecomafia potrebbe incrementare il proprio profitto così come oggi accade.
Il Friuli Venezia Giulia non è immune da questi fenomeni, i numeri di Legambiente sono significativi ma non devono cadere nel dimenticatoio, come spesso accade, sovrapponendo emergenze su emergenze e relegando il rispetto dell’ambiente e della natura all’ultimo posto delle priorità.
Se l’ambiente è bene comune, che lo sia anche nei fatti e non solo a parole per la collettività, oggi è certamente un bene comune per l’ecomafia, per le sue speculazioni e devastazioni.

Commenti

Post popolari in questo blog

Un maledetto 17 agosto a Barcellona

Ci sono cose nella vita che non dimenticherai mai e quanto accaduto in un caldo ed apparentemente tranquillo agosto a Barcellona è una di quelle cose che non metabolizzerai per lungo tempo. Hai la fortuna di poterlo in parte raccontare, anche se non sai bene cosa raccontare. Sei a pochi metri dalla interminabile e costante folla della Rambla. Vedi decine e decine di persone a passo spedito venire contro la tua direzione. In un primo momento pensi che vai sempre controcorrente. Poi arriva la polizia, di corsa, chiude la via nella quale ti trovi, una laterale della Rambla. Una delle tante. Non riesci al momento a collegare. Anche se sai che nel mondo la situazione è tesa. Ma sei a Barcellona, pensi. Un luogo sicuro.
Poi l’inevitabile ti si presenta come un cazzotto devastante nello stomaco. Attentato. Terrorismo. Panico totale. Cerchi le persone a te più care, fino a quando non le trovi e non le rintracci non sei "tranquillo".
Cerchi di capire come comportarti. Cosa fare. Cosa…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Barcellona, il giorno dopo il 17 agosto