Passa ai contenuti principali

Ci risiamo, nuova proposta di legge per la “natura” editoriale di internet



E' stata depositata la nuova proposta di Legge A.C. 925 che riproduce il testo unificato atto Camera n. 26-385-539-588-1177-1243-2084- 2764-3021-4355- A, approvato dalla Camera dei deputati nella XIV legislatura dopo un approfondito esame durato oltre due anni.

Lo scopo di questa proposta di legge è duplice.
Da un lato si eliminano le pene detentive per reati di diffamazione con il mezzo della stampa. Si riduce ad un anno il termine della prescrizione dell’azione civile,  si introducono limiti per la liquidazione del danno in via equitativa, l’entita` del danno non patrimoniale non puo` comunque eccedere la somma di 30.000 euro, e le pene, in caso di diffamazione a mezzo stampa, non supereranno i 10 mila euro così come potrà essere condannato anche lo stesso querelante a 10 mila euro, però tutto ciò ha un prezzo.
L’articolo 1 della presente proposta di legge interviene sulla legge sulla stampa, la legge 8 febbraio 1948, n. 47, specificando che essa si applica anche ai siti internet aventi natura editoriale, ampliando l’ambito applicativo dell’istituto della rettifica, prevedendolo anche per la stampa non periodica, come, per esempio, i libri, riformulando il reato di diffamazione con il mezzo della stampa per fatto determinato e disciplinando il risarcimento del danno.
Nel testo della proposta si specifica che per la stampa non periodica l’autore dello scritto, ovvero i soggetti di cui all’articolo 57-bis del codice penale, provvedono, su richiesta della persona offesa, alla pubblicazione, a propria cura e spese, su non piu` di due quotidiani a tiratura nazionale indicati dalla stessa, delle dichiarazioni o delle rettifiche dei soggetti di cui siano state pubblicate immagini o ai quali siano stati attribuiti atti o pensieri o affermazioni da essi ritenuti lesivi della loro reputazione o contrari a verita` , purché le dichiarazioni o le rettifiche non abbiano contenuto suscettibile di incriminazione penale. La pubblicazione in rettifica deve essere effettuata entro sette giorni dalla richiesta con idonea collocazione e caratteristica grafica e deve inoltre fare chiaro riferimento allo scritto che l’ha determinata ;

Insomma, da un lato si eliminano le pene detentive per il reato di diffamazione, si pone un limite alla natura risarcitoria, ma dall'altro, si equipara internet alla stampa, con tutte le implicazioni del caso. La legge 7 marzo 2001, n. 62 intende per "prodotto editoriale", il prodotto realizzato su supporto cartaceo, ivi compreso il libro, o su supporto informatico, destinato alla pubblicazione o, comunque, alla diffusione di informazioni presso il pubblico con ogni mezzo, anche elettronico, o attraverso la radiodiffusione sonora o televisiva, con esclusione dei prodotti discografici o cinematografici.
Teoricamente vi potrebbero rientrare tutti i blog e siti, sarà, come sempre, una questione di interpretazione. La Cassazione con la sentenza n° 10535 del 2009 ha fornito una interpretazione restrittiva, ma, come è noto, la giurisprudenza muta nel tempo, si adegua, spesso, alla volontà del sistema. Fino a quando non vi saranno dei paletti fermi che possano definire con chiarezza ed in modo tassativo cosa sia il prodotto editoriale per internet, ci si dovrà rimettere alle valutazioni dei tribunali, ma, in via precauzionale, certamente si adotteranno tutte le misure del caso, per non incorrere nei rischi correlati.
E' questo il prezzo da pagare per l' eliminazione delle pene detentive dal reato di diffamazione?
D'altronde, come è noto, colpire le tasche di chi cura un sito internet, è più efficace per contrastare chi osa scrivere fatti, o manifestare opinioni non gradite.
No al reato di diffamazione, no alla natura risarcitoria per la diffamazione, no all'estensione del prodotto editoriale per internet, la libertà di pensiero e di opinione non si processa.


Commenti

Post popolari in questo blog

Koper o Capodistria?Fiume o Rijeka?Merna o Miren?Londra o London? Trieste e Trst?

Esistono diversi processi di italianizzazione, i più noti sono quelli figli dell'abitudine, figli di quel modo di fare che hanno trasformato London in Londra, Berlin in Berlino, Barcelona in Barcellona, Marseille in Marsiglia ecc. Si dirà che è semplice traduzione. Fattore tipico di tutte le lingue. Poi vi sono luoghi che sono stati soggetti all'italianizzazione forzata tramite la nota opera nazionalfascista e di esempi ve ne sono a bizzeffe, se ne perde il conto, sia in Italia che in Slovenia che in Croazia che ovunque l'Italia abbia operato in tal modo.
Ad esempio Redipuglia  ha storpiato lo sloveno Sredipolje. In altri casi si utilizza l'italianizzazione per rispetto anche della comunità italiana che vi abita, non chiamare quei luoghi con il loro nome italiano significherebbe negare l'esistenza della comunità italiana, almeno per gli italiani autoctoni del luogo è così, pensiamo Capodistria il cui nome in sloveno è Koper, o Rijeka diventata Fiume. Italianizzazi…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Nella Gradoaustronostalgia i commercianti dicono no ai richiedenti asilo a rischio l'immagine. Pazzesco

L'immagine è tutto. Niente immagine, niente business. La partita a ping pong si gioca tra Grado e le sue frazioni, con la Prefettura che svolge il ruolo di osservatore, ma prima o poi dovrà fischiare la fine di questa partita ed una decisione andrà presa. Se a Fossalon si è assistito a di tutto e di più, dalla deprimente marcia dei trattori, fumosissima visto che non ci sarà, a pensieri figli di una visione distorta del mondo, come se chi voleva ospitare 18 richiedenti asilo si apprestasse a dare accoglienza a 18 criminali incalliti, a Grado si assiste alla reazione di chi ha voce e peso economico importante. Il mondo del commercio. Sul Piccolo del 15 ottobre si apprende che  «Ormai da qualche settimana - ha spiegato il responsabile locale di Confcommercio, Fumolo - si parla dell'ipotesi di ospitalità ad un gruppo di migranti anche da parte del Comune di Grado e la nostra associazione di categoria esprime preoccupazione per le ripercussioni negative che questa azione potr…