Passa ai contenuti principali

Parlamento europeo,si voterà a maggio 2014, arriva il nuovo Statuto per il partito Europeo?





L'Unione Europea ha comunicato che le elezioni del Parlamento europeo del 2014 dovrebbero tenersi dal 22 al 25 maggio, invece che a giugno. L'anticipo delle elezioni darebbe al nuovo Parlamento più tempo per prepararsi all'elezione del Presidente della Commissione europea prevista a luglio 2014.
Come è noto il dibattito interno di questi giorni ha riguardato la vicenda della “legge” anti-movimenti, che in sostanza obbliga i partiti, per poter avere i finanziamenti pubblici, a dotarsi di uno statuto giuridico.
Ciò in realtà in Europa accade da tempo.
Il Regolamento (CE) n. 2004/2003del Parlamento europeo e del Consiglio, del 4novembre 2003, relativo allo statuto e al finanziamento dei partiti politici a livello stabilisce regole relative allo statuto e al finanziamento dei partiti politici a livello europeo.
Un partito politico a livello europeo può presentare ogni anno una domanda di finanziamento al Parlamento europeo. Il regolamento considera «alleanza politica» un'associazione di cittadini che persegue obiettivi politici, costituita e riconosciuta secondo le regole nazionali di almeno uno Stato membro.
Per poter essere definito «partito politico a livello europeo», un partito deve:
  • avere personalità giuridica nello Stato membro ove ha la sua sede;
  • essere rappresentato in almeno un quarto degli Stati membri da membri del Parlamento europeo (o nei parlamenti nazionali o regionali o nelle assemblee regionali) ovvero aver raccolto (parimenti in un quarto dei paesi) almeno il 3% dei voti espressi in ciascuno di tali Stati membri in occasione delle ultime elezioni del Parlamento europeo;
  • rispettare, segnatamente nel programma e nelle azioni, i principi sui quali l'Unione europea è fondata; vale a dire: la libertà, la democrazia, il rispetto dei diritti dell'uomo e le libertà fondamentali, nonché lo Stato di diritto;
  • aver partecipato alle elezioni del Parlamento europeo o aver espresso l'intenzione di parteciparvi.
Il Parlamento europeo controlla che i partiti a livello europeo continuino a rispettare i criteri suindicati. Se uno di questi non viene più rispettato, il partito perde la qualità di « partito politico a livello europeo» e pertanto viene escluso dal finanziamento in base a quanto prevede il presente regolamento.
I partiti politici a livello europeo vengono finanziati attraverso il bilancio generale dell'Unione europea. Tale bilancio non può essere utilizzato per il finanziamento di altri partiti politici e segnatamente per il finanziamento dei partiti politici nazionali. Questi ultimi restano regolamentati dalle normative nazionali. Il bilancio di un partito politico, o di una fondazione politica a livello europeo, deve comprendere almeno 15% di fonti di finanziamento diverse dal finanziamento tramite il bilancio comunitario.
Il regolamento prevede alcuni obblighi connessi al finanziamento. In particolare, il partito o la fondazione che beneficia di un finanziamento deve:
  • pubblicare ogni anno le sue entrate e le sue uscite e redigere una dichiarazione relativa al suo attivo e al suo passivo;
  • dichiarare le sue fonti di finanziamento presentando un elenco indicante i donatori e le donazioni ricevute superiori a 500 euro;
  • rifiutare donazioni anonime, quelle superiori a 12 000 euro l'anno per donatore, le donazioni provenienti da bilanci di gruppi politici del Parlamento europeo, le donazioni provenienti da imprese sulle quali i pubblici poteri possono esercitare un'influenza dominante in termini di proprietà o di partecipazione finanziaria, nonché le donazioni di un’autorità pubblica di un paese terzo.


Il bilancio destinato ai partiti politici a livello europeo ammonta a 10,4 milioni di euro per il 2007. Dieci sono i partiti che beneficiano di un finanziamento.

Ma il 12 settembre 2012 la Commissione europea ha presentato una proposta di regolamento relativa allo statuto ed al finanziamento dei partiti politici europei e delle fondazioni politiche europee, volta a sostituire il vigente regolamento (CE) n. 2004/2003, introducendo alcune novità. riconoscere ai partiti politici europei ed alla fondazioni ad essi collegati una personalità giuridica europea, che subentrerebbe alle personalità giuridiche nazionali eventualmente preesistenti, consentendo di superare gli ostacoli legati alle diversità degli ordinamenti giuridici nazionali (attualmente i partiti politici europei e le fondazioni, benché ricevano fondi dal bilancio dell’UE, sono soggetti giuridici nazionali);
  • prevedere norme minime sulla democrazia interna dei partiti politici europei tra le quali, in particolare, l’elezione democratica degli organi di partito e criteri chiari e trasparenti per la selezione di candidati e l’elezione dei titolari di cariche pubbliche;
  • introdurre forme di trasparenza e controllo più incisive sulle loro attività e su quelle delle fondazioni, prevedendo in particolare sanzioni per le violazioni dei valori dell’UE e delle disposizioni del regolamento;
  • elevare il tetto delle donazioni individuali ai partiti politici a livello europeo dagli attuali 12.000 a 25.000 euro su base annuale.
Il 20 dicembre 2012 le Commissioni Riunite (I e XIV) della Camera dei Deputati esprimevano in sostanza parere positivo con delle osservazioni mirate ma che non ribaltano l'essenza di questa proposta.
Arriverà per le nuove elezioni del 2014 uno statuto europeo omogeneo per i partiti che parteciperanno alle elezioni per il Parlamento europeo?
D'altronde di cosa stupirsi, questo è il capitalismo.



Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

Dal "daspo urbano per chi offende il giorno del ricordo"al concetto di slavo che offende la Trieste italiana. Ma Saranno gli "slavi" a salvare Gorizia e Trieste

E' un mondo difficile diceva una nota canzoncina che per diverso tempo veniva trasmessa dalle nostre radio. Un mondo difficile, che è letteralmente virato verso forme di chiusura e rigidità a causa di una globalizzazione letteralmente selvaggia.

Diversi media hanno avuto un ruolo nefasto in tutto ciò, dal momento in cui per anni hanno favorito, sotto il nome di una fantomatica democrazia, l'affermazione di concetti indegni, di quel veleno sociale, di quelle narrazioni nocive per la convivenza civile e pacifica, che hanno riabilitato le peggiori istanze e rinforzato a dismisura quei "quattro provoloni"di neofascisti, mentre "quattro provoloni" non sono più indistintamente i razzisti. Tra i fatti di Macerata, come poi ripetutesi vicino ad Enna, e quanto accaduto nel Confine Orientale in soli 25 anni di occupazione italiana subito dopo la fine della prima guerra mondiale vi è stato un solo filo di continuità. Qui il fascismo si è realizzato prima che altrove,…

Altro che "buonascuola" in Italia siamo degli analfabeti rispetto all'Europa, il rapporto ISTAT sullo stato dell'istruzione in Italia

L'ISTAT ha pubblicato un corposo rapporto incentrato sulla questione della conoscenza.  Ed emerge una fotografia del Paese devastante. Da un lato hai la propaganda di chi racconta un Paese che esiste solo nella sua mente che mente, a partire da chi difende la peggior legge mai scritta in Italia in materia di legislazione scolastica quale la "buonascuola" bocciata da quasi l'intera comunità scolastica con uno sciopero epocale nel maggio 2015. Dall'altro hai la realtà che ti narra un Paese in estrema difficoltà e povertà e diffusa ignoranza. L'Istat rileva chiaramente che "in Italia la recessione, anche per i vincoli di finanza pubblica dovuti al debito, è stata più profonda rispetto a tutte le altre economie europee, riportando il potere d’acquisto delle famiglie nel 2012 indietro fino ai livelli degli anni Novanta."
E ciò sotto gli occhi di tutti.  A livello di conoscenza afferma che "L’Italia è un’economia industriale ad alto reddito ma ano…

Iera una volta...il mercato di Ronchi

Iera una volta il mercato di Ronchi. Questa è oramai una constatazione di fatto che vivi nei mercoledì ronchesi, giorno per eccellenza del mercato. I mercati sono sopravvissuti ai secoli, alle guerre, al progresso, all'avvento dei grandi centri commerciali che hanno risucchiato nel buco nero della depressione economica i piccoli commercianti, con città sempre più svuotate con il paradosso che vedrai le città finte, create ad hoc per il commercio, essere strapiene.

I mercati resistono, ma faticano a sopravvivere soprattutto quando arriva l'ultimo mercoledì del mese, quando i soldi son già finiti e per le strade del mercato vedrai sempre meno gente.

Un mercato che ha una sua storia importante, noto soprattutto per la sua energia, vitalità, socialità, che paga probabilmente il prezzo di diverse problematicità, da quelle logistiche alla crisi sociale ed economica che si è scagliata su questo Territorio che pur avendo potenzialità enormi per alzare la testa, in questo momento sto…