Passa ai contenuti principali

Il Volantino Invalsi per gli studenti




Lo avevano annunciato e la parola è stata mantenuta.
Cambio radicale di strategia comunicativa.
Seminari, convegni, ed ora anche volantini.
L'InValsi ha iniziato da qualche mese una sorta di campagna per spiegare le ragioni della sua stessa esistenza.
Mi ha colpito tra le tante cose il volantino realizzato per gli studenti.
Da capire se troverà solo diffusione in rete oppure se persone che vogliono l'InValsi effettueranno un vero e proprio volantinaggio presso le varie scuole italiane.
Domande e risposte.
Evidenzio quella che riguarda l'utilità delle prove dell'Invalsi.
L'Istituto risponde scrivendo che le dette prove “servono per monitorare il Sistema nazionale d’ Istruzione e confrontarlo con le altre realtà comunitarie ed europee. In particolare servono a ciascuno studente perché è un diritto conoscere il livello di competenze raggiunto , alle singole istituzioni scolastiche per l’analisi della situazione al fine di mettere a punto eventuali strategie di miglioramento , al Ministero dell’ Istruzione per operare investimenti e scelte politiche “
Diritto di conoscere le competenze, certo, ma di chi?
Del MIUR, dell'InValsi, delle fondazioni private che utilizzano i dati dell'Invalsi per proporre i loro modelli di scuola, per le aziende che producono i libri dell'Invalsi?
Non sono sufficienti gli strumenti di cui sono già dotate le scuole per verificare il livello di competenza acquisito dagli studenti? E poi chi ha deciso che i criteri definiti dall'alto in tema di competenza siano quelli validi e realmente oggettivi?
Si parlerà anche di scelte politiche od operare investimenti, ma di che tipo? Lim, tablet, computer nuovi, nuove tecnologie? Scelte politiche? I risultati delle prove Invalsi devono essere utilizzati per le scelte politiche dei governi in tema di scuola? Ciò dovrebbe indurre ad una seria perplessità, poiché alla fine è la scelta politica operata ab origine che governa lo strumento di ricerca dell'InValsi ed i risultati di quelle prove servono oltre che a rafforzare le scelte politiche adottate in via originaria ad indurre la componente docente a preparare gli studenti affinché possano essere addestrati al processo di invalsione della scuola pubblica mandano all'aria ogni processo di consapevolezza critica. Studiare con lentezza, con la giusta riflessione, non si può.
Ed a proposito di preparazione, l'Invalsi scrive, nel citato volantino, che "per affrontare le prove non è richiesta alcuna specifica forma di preparazione." Però, ecco il però si legge “che se tu, volessi vedere come sono fatte e provare a farle, ricorda che le prove degli anni precedenti sono scaricabili dal sito dell’INVALSI. Per la secondaria di II grado le prove sono uguali per tutti i tipi di scuola (licei, istituti tecnici, istituti professionali) e quindi non vogliono rilevare le specifiche nozioni apprese in ciascuna di esse ma le competenze di base acquisite durante l’intero percorso formativo.”
Totale dipendenza da internet, nulla di straordinario, è la normalità, ed in ogni caso, come è noto, esistono centinaia di pubblicazioni realizzate da diverse case editrici, per la preparazione a questi test che possono sopperire alla mancanza di internet.
Una cosa è certa, esistono due modelli di scuola, quella voluta dal sistema Invalsi e quella voluta da chi è contro il sistema Invalsi, due modelli e tipi di scuola non confrontabili, per un semplice motivo, sono due sistemi diversi, non compatibili, forse è il caso di spiegare meglio cosa è e deve essere la scuola pubblica in modo più partecipato e diretto, però deve essere anche detto che gli strumenti a disposizione di chi contrasta l'InValsi e tutto ciò che vi è connesso, non hanno le stesse potenzialità del primo, poiché l'InValsi è, in questo momento, in questa fase storica, la scuola voluta dallo Stato e dalle sue leggi e dai grandi sistemi industriali e bancari, si avvale dei canali istituzionali, si avvale della grande stampa, dei grandi media, insomma non sussiste una parità di condizioni, specialmente a livello informativo, per contrastare, non in modo demagogico, ma con cognizione di causa, quello che è l'Invalsi, ed allora l'unica strada percorribile è ed altra non può essere che quella della lotta e dello sciopero, ma prima di ogni cosa, ed è questo il tema su cui si deve insistere, deve essere una battaglia semplicemente ed essenzialmente culturale, sociale, per una scuola della solidarietà, della non produttività, della integrazione sociale, della libertà piena ed incondizionata di insegnamento, della scuola non lavoro.









Commenti

Post popolari in questo blog

Un maledetto 17 agosto a Barcellona

Ci sono cose nella vita che non dimenticherai mai e quanto accaduto in un caldo ed apparentemente tranquillo agosto a Barcellona è una di quelle cose che non metabolizzerai per lungo tempo. Hai la fortuna di poterlo in parte raccontare, anche se non sai bene cosa raccontare. Sei a pochi metri dalla interminabile e costante folla della Rambla. Vedi decine e decine di persone a passo spedito venire contro la tua direzione. In un primo momento pensi che vai sempre controcorrente. Poi arriva la polizia, di corsa, chiude la via nella quale ti trovi, una laterale della Rambla. Una delle tante. Non riesci al momento a collegare. Anche se sai che nel mondo la situazione è tesa. Ma sei a Barcellona, pensi. Un luogo sicuro.
Poi l’inevitabile ti si presenta come un cazzotto devastante nello stomaco. Attentato. Terrorismo. Panico totale. Cerchi le persone a te più care, fino a quando non le trovi e non le rintracci non sei "tranquillo".
Cerchi di capire come comportarti. Cosa fare. Cosa…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Barcellona, il giorno dopo il 17 agosto