Passa ai contenuti principali

I plichi “contenti” dell'Invalsi




Arrivano le prime istruzioni dell'InValsi, inviate alle scuole, per le famigerate prove di questo anno scolastico. Manuale per il controllo del materiale, 5 pagine di istruzioni dettagliate che sembrano essere destinate più che alla scuola ed al suo personale, a delle persone a cui deve essere spiegato anche come si impugna una penna o a delle persone che usano ancora il pallottoliere per calcolare ogni cosa.

Fase ricezione pacchi:
Si precisa che “alcuni giorni prima”, alla faccia della precisione verrebbe da dire, “delle operazioni di consegna in una determinata regione, l’INVALSI invia a tutte le scuole di quella regione una comunicazione per e-mail con la quale si avvisa che nei giorni successivi saranno recapitati i pacchi contenenti il materiale necessario per lo svolgimento delle prove SNV2013.”
Bene, primo problema e se non funziona la mail? Non è dato sapere cosa fare.

L'Invalsi continua spiegando che “ogni scuola riceve un numero di pacchi variabile in ragione del numero delle classi che partecipano al SNV2013. Più precisamente, sopra ogni etichetta che riporta l’indirizzo del destinatario (la scuola) è indicato quanti colli in totale deve ricevere la scuola medesima. Ad esempio, l’indicazione dell’etichetta può essere: Collo 1 di 2. Ciò significa che in totale la scuola deve ricevere due pacchi e che si sta leggendo l’etichetta del primo dei due; l’altro pacco riporterà la scritta Collo 2 di 2.”
Si commenta tutto da solo.

Il contenuto dei pacchi:
In generale, scrive l'Invalsi, i pacchi inviati in una scuola hanno il seguente contenuto: “ plichi chiusi mediante cellophane trasparente e due reggette termosaldate incrociate contenenti i fascicoli delle prove SNV2013 (N.B. tali plichi devono rimanere sigillati fino al giorno di svolgimento della prova); una busta (trasparente) per ogni classe contenente le etichette studenti.”

Dunque in generale, ma non in generale cosa possono contenere i pacchi?
Anche questo non è dato sapere.

Poi è il turno dei plichi contenenti i fascicoli:
Si legge testualmente: “All’interno dei pacchi destinati a ciascuna scuola si trovano i plichi contenti i fascicoli delle prove. Tali plichi sono due per ogni classe. Essi sono così composti...” Visto che i plichi sono contenti, ma io mi chiedo, saranno anche sorridenti? Anche questo è un mistero. Sempre nella voce plichi contenenti i fascicoli, contenti, si specifica, per l'ennesima volta che “I plichi sono sigillati mediante cellophane trasparente e due reggette di plastica incrociate termosaldate. I sigilli (sia il cellophane sia le reggette) non vanno rimossi per nessuna ragione fino al giorno delle somministrazioni”.

E continua, il manuale dell'Invalsi, ricordando che all’interno dei plichi i fascicoli sono disposti in gruppi di cinque e posizionati in modo alternato rispetto alla bordatura colorata. In questo modo il conteggio dei fascicoli può essere effettuato agevolmente senza la rimozione dei sigilli del plico. Per ogni classe sono presenti all’interno di ciascun plico un numero di fascicoli pari al numero di studenti, arrotondato al multiplo di 5 più vicino”.
Ed ecco la nota di precisazione dell'InValsi nel caso in cui qualcuno o qualcuna non sia in grado di calcolare il multiplo di 5: “Ad esempio, se una classe è composta da 22 allievi, riceverà 25 fascicoli per ogni strumento. Se, invece, una classe è composta da 20 allievi, allora riceverà esattamente 20 fascicoli per ogni strumento.”

Il manuale si conclude con la voce etichette studente:” All’interno dei pacchi destinati a ogni scuola si trovano, riposte in buste di plastica trasparenti contrassegnate da una etichetta con il codice classe, le etichette studenti. All’interno della busta trasparente sono presenti per ciascun allievo tre etichette con lo stesso codice studente. Ciascuna etichetta deve essere apposta su ogni strumento assegnato allo studente secondo l’indicazione della tipologia della prova riportata sull’etichetta stessa. Le etichette studenti sono prodotte in numero uguale a quello dei fascicoli.”

Giusto per precisare, l'Invalsi ricorda che nei prossimi giorni sul suo sito sarà pubblicato il modulo per la richiesta di eventuale materiale mancante.
Ora siete tutti più tranquilli?

Commenti

Post popolari in questo blog

Un maledetto 17 agosto a Barcellona

Ci sono cose nella vita che non dimenticherai mai e quanto accaduto in un caldo ed apparentemente tranquillo agosto a Barcellona è una di quelle cose che non metabolizzerai per lungo tempo. Hai la fortuna di poterlo in parte raccontare, anche se non sai bene cosa raccontare. Sei a pochi metri dalla interminabile e costante folla della Rambla. Vedi decine e decine di persone a passo spedito venire contro la tua direzione. In un primo momento pensi che vai sempre controcorrente. Poi arriva la polizia, di corsa, chiude la via nella quale ti trovi, una laterale della Rambla. Una delle tante. Non riesci al momento a collegare. Anche se sai che nel mondo la situazione è tesa. Ma sei a Barcellona, pensi. Un luogo sicuro.
Poi l’inevitabile ti si presenta come un cazzotto devastante nello stomaco. Attentato. Terrorismo. Panico totale. Cerchi le persone a te più care, fino a quando non le trovi e non le rintracci non sei "tranquillo".
Cerchi di capire come comportarti. Cosa fare. Cosa…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Barcellona, il giorno dopo il 17 agosto