Passa ai contenuti principali

Il Sindaco di Trieste chiede scusa per una mostra sulla questione palestinese, perché?


Una mostra che ha praticamente fatto il giro d’Italia, una mostra dal titolo forte «La Palestina della convivenza. Storia dei palestinesi 1880-1948» e da quel carattere di speranza, che mai deve venir meno, speranza che dovrebbe finalmente porre fine alla questione palestinese, riconoscendo la dignità, giusta, ad un popolo che ha vissuto abusi e soprusi di ogni natura. Ma a Trieste, città dove polemizzare è facile, è accaduto di tutto. Una lettera firmata da Anat Hila Levi,Presidente dell’Associazione Pordenonese Italia Israele, Membro di K.K.L, Membro della comunità ebraica italiana, Docente storia di ebraismo, Israele e storia ebraica", inviata al Piccolo di Trieste nel mese di agosto 2012, ha aperto il valzer delle polemiche. Si soffermava sulla errata definizione di Palestina, errata, secondo l’autrice della lettera, per come evidenziata nella mostra, ed accentuava il tono della sua rabbia richiamando le parole di Zahir Muhsein che fu un leader dell’OLP, che rilasciò al giornale olandese Trouw nel lontano marzo 1977.

A questa lettera poi si è aggiunta una critica a dir poco inquietante, sollevata da parte di Deborah Fait, ex Presidente nazionale della Federazione Italia-Israele, pubblicata nella data del 26 agosto su Informazione Corretta dal titolo «A volte ritornano», criticando in sostanza Salaam i ragazzi dell’olivo che hanno curato, in collaborazione con il Comune di Trieste, la mostra considerata.

Questo personaggio, in un momento di sfogo, nella suo intervento, affermava testualmente quanto segue Non esiste la lingua palestinese, come non esistono tante altre cose palestinesi, tipo nazione, tradizioni, cultura. I palestinesi parlano un dialetto arabo non avendo una lingua propria come ogni popolo di questo mondo. Non ce l'hanno perché' non esistevano prima del 1967, non ce l'hanno perché' fanno parte del mondo arabo, non ce l'hanno perché' sono arabi appropriatisi della denominazione di palestinesi per eliminare il paese che odiano. Non ce l'hanno perché' non e' mai esistita una nazione palestinese, con lingua, moneta, capitale..... infatti adesso pretendono la nostra!
Poi seguiranno lettere di consenso sulla mostra, e di repliche anche da parte Giorgio Stern, responsabile dell'allestimento.

Ed il Sindaco di Trieste cosa ha deciso di fare? Alla Sinagoga di Trieste, , durante le celebrazioni per l’annuale Giornata ebraica, ha in sostanza chiesto scusa alla comunità religiosa per una mostra fotografica che il Comune ha ospitato a luglio nella Sala comunale d’arte da cui sono nate le polemiche di cui sopra. Come rende noto il Piccolo, il Sindaco ha evidenziato che “Naturalmente esiste anche un punto di vista palestinese, ed è legittimo avere ed esprimere punti di vista diversi. Io non faccio questioni di merito, tengo conto solo di una sensibilità ferita, ne prendo solamente atto”
Certo, però Signor Sindaco, lei con quel gesto ha urtato, ora, la sensibilità del popolo palestinese e di tutti coloro che sostengono la loro causa, perché così facendo si è schierato, non è soggetto imparziale, ha fatto proprie le tesi sostenute dalla comunità ebraica, dunque dovrà chiedere ora scusa al popolo palestinese per aver chiesto scusa alla comunità ebraica, per l’irritazione che ne è derivata?

Le mostre nascono anche con lo spirito della provocazione, ed a volte sbattere in faccia all’occidente dormiente la bestialità della realtà, ciò può creare qualche malumore, come accaduto a Trieste.
Una cosa è certa, questo piccolo ma importante caso, evidenzia tutta la complessità della questione palestinese, una complessità che in questi mesi è passata anche per le strade di Trieste.

Commenti

Post popolari in questo blog

Dal "daspo urbano per chi offende il giorno del ricordo"al concetto di slavo che offende la Trieste italiana. Ma Saranno gli "slavi" a salvare Gorizia e Trieste

E' un mondo difficile diceva una nota canzoncina che per diverso tempo veniva trasmessa dalle nostre radio. Un mondo difficile, che è letteralmente virato verso forme di chiusura e rigidità a causa di una globalizzazione letteralmente selvaggia.

Diversi media hanno avuto un ruolo nefasto in tutto ciò, dal momento in cui per anni hanno favorito, sotto il nome di una fantomatica democrazia, l'affermazione di concetti indegni, di quel veleno sociale, di quelle narrazioni nocive per la convivenza civile e pacifica, che hanno riabilitato le peggiori istanze e rinforzato a dismisura quei "quattro provoloni"di neofascisti, mentre "quattro provoloni" non sono più indistintamente i razzisti. Tra i fatti di Macerata, come poi ripetutesi vicino ad Enna, e quanto accaduto nel Confine Orientale in soli 25 anni di occupazione italiana subito dopo la fine della prima guerra mondiale vi è stato un solo filo di continuità. Qui il fascismo si è realizzato prima che altrove,…

Altro che "buonascuola" in Italia siamo degli analfabeti rispetto all'Europa, il rapporto ISTAT sullo stato dell'istruzione in Italia

L'ISTAT ha pubblicato un corposo rapporto incentrato sulla questione della conoscenza.  Ed emerge una fotografia del Paese devastante. Da un lato hai la propaganda di chi racconta un Paese che esiste solo nella sua mente che mente, a partire da chi difende la peggior legge mai scritta in Italia in materia di legislazione scolastica quale la "buonascuola" bocciata da quasi l'intera comunità scolastica con uno sciopero epocale nel maggio 2015. Dall'altro hai la realtà che ti narra un Paese in estrema difficoltà e povertà e diffusa ignoranza. L'Istat rileva chiaramente che "in Italia la recessione, anche per i vincoli di finanza pubblica dovuti al debito, è stata più profonda rispetto a tutte le altre economie europee, riportando il potere d’acquisto delle famiglie nel 2012 indietro fino ai livelli degli anni Novanta."
E ciò sotto gli occhi di tutti.  A livello di conoscenza afferma che "L’Italia è un’economia industriale ad alto reddito ma ano…

Iera una volta...il mercato di Ronchi

Iera una volta il mercato di Ronchi. Questa è oramai una constatazione di fatto che vivi nei mercoledì ronchesi, giorno per eccellenza del mercato. I mercati sono sopravvissuti ai secoli, alle guerre, al progresso, all'avvento dei grandi centri commerciali che hanno risucchiato nel buco nero della depressione economica i piccoli commercianti, con città sempre più svuotate con il paradosso che vedrai le città finte, create ad hoc per il commercio, essere strapiene.

I mercati resistono, ma faticano a sopravvivere soprattutto quando arriva l'ultimo mercoledì del mese, quando i soldi son già finiti e per le strade del mercato vedrai sempre meno gente.

Un mercato che ha una sua storia importante, noto soprattutto per la sua energia, vitalità, socialità, che paga probabilmente il prezzo di diverse problematicità, da quelle logistiche alla crisi sociale ed economica che si è scagliata su questo Territorio che pur avendo potenzialità enormi per alzare la testa, in questo momento sto…