Passa ai contenuti principali

Consiglio dei Ministri del 24 agosto 2012 e la scuola

Su sei pagine di comunicato stampa che tendono ad illustrare i provvedimenti adottati dal Governo nel Consiglio dei Ministri del 24 agosto 2012, ben quattro sono dedicate al settore scolastico. 

Mentre nelle aule governative si decide quello che dovrebbe essere il futuro della scuola, i docenti idonei ad altri compiti con i Cobas Scuola, nella stessa giornata, realizzano ben due presidi ed una protesta che giungerà sin dentro l'atrio del Ministero dell'Istruzione. Chiedevano l'incontro con un funzionario per avere notizie sul loro futuro, ma sembra che  il funzionario abbia declinato l'improvviso invito e richiesta di incontro.
L'agenzia di stampa ASCA rende noto che si è realizzato anche un  blitz dei Cobas, alla galleria Colonna, davanti a Palazzo Chigi, poco prima dell'inizio del Consiglio dei ministri contro i decreti attuativi della spending review.
Una notizia censurata da tutti i media. 
Già, perchè la lotta non deve diventare notizia, il subire le volontà del sistema invece si.
''Protestiamo contro la spending review - ha spiegato Anna Grazia Stammati, membro dell'Esecutivo Nazionale dei Cobas (Comitati di Base della Scuola), in piazza insieme al gruppo di manifestanti - e anche le misure che presentano oggi, le assunzioni che annunciano sono un bluff, si tratta solo del normale turn-over''.
Intanto i docenti idonei ad altri compiti lottano, sono  migliaia di lavoratori che vogliono difendere sia il loro futuro che quello di una scuola pubblica che a parer mio andrà edificata ex novo. Ma si battono anche per la salvaguardia delle biblioteche che in sostanza rischierebbero, nelle scuole, la chiusura qualora dovesse trovare attuazione il trasferimento d'ufficio da docente idoneo ad altri compiti utilizzato prevalentemente come bibliotecario, ad ATA, ed il tutto in palese violazione del contratto collettivo integrativo nazionale vigente.
Nelle stesse ore altri burocrati invece decidono a tavolino quello che dovrà avvenire nei prossimi mesi nella scuola pubblica italiana.
Sono stati esaminati ed approvati 4 decreti presidenziali in tema di pubblica istruzione.
Il primo decreto, su proposta del Ministro dell’istruzione, università e ricerca, riguarda l’istituzione e la disciplina del Sistema nazionale di valutazione in materia di istruzione e formazione delle istituzioni scolastiche e formative, comprese le scuole paritarie, definendone finalità, struttura e modalità di funzionamento.
Si esalta a parole l'autovalutazione delle scuole, in collaborazione con il solito Invalsi e gli ispettori.
I docenti sono avvisati, i collegi docenti anche. L'ispezione è in agguato.
Tante parole vengono dedicate a cosa sarebbe il sistema di valutazione, come quasi una sorta di pratica di auto-convincimento sulla validità di un sistema destinato a fallire in partenza, perché la scuola ha delle peculiarità così rilevanti che nessun sistema di valutazione potrà mai essere introdotto senza ledere la libertà d'insegnamento e la stessa autonomia della scuola e degli organi collegiali che rischiano di divenire soggetti ratificanti le volontà governative e non soggetti predisposti all'autogoverno della scuola.

I successivi tre decreti, autorizzano il MIUR ad assumere a tempo indeterminato, a partire dall’anno scolastico 2012-2013 dirigenti scolastici, personale docente, personale tecnico-amministrativo e direttori amministrativi.
In particolare, per quanto riguarda il comparto Scuola, le assunzioni di dirigenti scolastici e di docenti e personale educativo – che dovranno essere effettuate entro il 31 agosto 2012, riguardano:
- 1.213 unità di dirigenti scolastici;
- 134 trattenimenti in servizio di dirigenti scolastici, solo per l’anno scolastico 2012/2013 (si ricorda che i trattenimenti in servizio sono da considerare, sotto l’aspetto finanziario, assimilabili a nuove assunzioni);
- 21.112 unità di personale docente ed educativo.
Per quanto concerne invece il comparto dell’Alta formazione artistica musicale e coreutica le assunzioni garantiranno le esigenze di funzionalità delle Accademie e dei Conservatori di Musica. Si tratta di:
- 60 docenti di I e II fascia, per incarichi di insegnamento;
- 280 unità di personale tecnico-amministrativo (di cui 149 assistenti amministrativi e 131 coadiutori);
  • 3 unità di direttore amministrativo – EP/2 (mobilità intercompartimentale)
Numeri e cifre che si rivolgono ad una platea enorme, perché enorme è il precariato nella scuola, destinato a crescere grazie anche ai TFA, numeri e cifre che creano anche illusione perché di illusione trattasi essendo lavoratori che tenderanno a sostituire solo una parte di tutto quel personale scolastico che è andato in pensione. Altro che nuove assunzioni. Non si deve dimenticare che nella scuola si dovranno attuare tagli, ancora tagli, per rispettare quel vincolo del pareggio di bilancio che il governo vuole raggiungere in soli due anni e non dimentichiamo l'articolo 81 e 97 comma 1della Costituzione che inizierà a manifestare i suoi effetti proprio alla scadenza di questi due anni, ovvero dal 2014, insomma il bastone sarà dato dal pareggio di bilancio, la carota dall'effetto annuncio che un giorno si realizzerà un concorso degno di tal nome e che una volta superato, in qualche tempo non chiaro, incerto, forse, tu lavoratore precario, verrai assunto.



Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

Koper o Capodistria?Fiume o Rijeka?Merna o Miren?Londra o London? Trieste e Trst?

Esistono diversi processi di italianizzazione, i più noti sono quelli figli dell'abitudine, figli di quel modo di fare che hanno trasformato London in Londra, Berlin in Berlino, Barcelona in Barcellona, Marseille in Marsiglia ecc. Si dirà che è semplice traduzione. Fattore tipico di tutte le lingue. Poi vi sono luoghi che sono stati soggetti all'italianizzazione forzata tramite la nota opera nazionalfascista e di esempi ve ne sono a bizzeffe, se ne perde il conto, sia in Italia che in Slovenia che in Croazia che ovunque l'Italia abbia operato in tal modo.
Ad esempio Redipuglia  ha storpiato lo sloveno Sredipolje. In altri casi si utilizza l'italianizzazione per rispetto anche della comunità italiana che vi abita, non chiamare quei luoghi con il loro nome italiano significherebbe negare l'esistenza della comunità italiana, almeno per gli italiani autoctoni del luogo è così, pensiamo Capodistria il cui nome in sloveno è Koper, o Rijeka diventata Fiume. Italianizzazi…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Nella Gradoaustronostalgia i commercianti dicono no ai richiedenti asilo a rischio l'immagine. Pazzesco

L'immagine è tutto. Niente immagine, niente business. La partita a ping pong si gioca tra Grado e le sue frazioni, con la Prefettura che svolge il ruolo di osservatore, ma prima o poi dovrà fischiare la fine di questa partita ed una decisione andrà presa. Se a Fossalon si è assistito a di tutto e di più, dalla deprimente marcia dei trattori, fumosissima visto che non ci sarà, a pensieri figli di una visione distorta del mondo, come se chi voleva ospitare 18 richiedenti asilo si apprestasse a dare accoglienza a 18 criminali incalliti, a Grado si assiste alla reazione di chi ha voce e peso economico importante. Il mondo del commercio. Sul Piccolo del 15 ottobre si apprende che  «Ormai da qualche settimana - ha spiegato il responsabile locale di Confcommercio, Fumolo - si parla dell'ipotesi di ospitalità ad un gruppo di migranti anche da parte del Comune di Grado e la nostra associazione di categoria esprime preoccupazione per le ripercussioni negative che questa azione potr…