Passa ai contenuti principali

Consiglio dei Ministri del 24 agosto 2012 e la scuola

Su sei pagine di comunicato stampa che tendono ad illustrare i provvedimenti adottati dal Governo nel Consiglio dei Ministri del 24 agosto 2012, ben quattro sono dedicate al settore scolastico. 

Mentre nelle aule governative si decide quello che dovrebbe essere il futuro della scuola, i docenti idonei ad altri compiti con i Cobas Scuola, nella stessa giornata, realizzano ben due presidi ed una protesta che giungerà sin dentro l'atrio del Ministero dell'Istruzione. Chiedevano l'incontro con un funzionario per avere notizie sul loro futuro, ma sembra che  il funzionario abbia declinato l'improvviso invito e richiesta di incontro.
L'agenzia di stampa ASCA rende noto che si è realizzato anche un  blitz dei Cobas, alla galleria Colonna, davanti a Palazzo Chigi, poco prima dell'inizio del Consiglio dei ministri contro i decreti attuativi della spending review.
Una notizia censurata da tutti i media. 
Già, perchè la lotta non deve diventare notizia, il subire le volontà del sistema invece si.
''Protestiamo contro la spending review - ha spiegato Anna Grazia Stammati, membro dell'Esecutivo Nazionale dei Cobas (Comitati di Base della Scuola), in piazza insieme al gruppo di manifestanti - e anche le misure che presentano oggi, le assunzioni che annunciano sono un bluff, si tratta solo del normale turn-over''.
Intanto i docenti idonei ad altri compiti lottano, sono  migliaia di lavoratori che vogliono difendere sia il loro futuro che quello di una scuola pubblica che a parer mio andrà edificata ex novo. Ma si battono anche per la salvaguardia delle biblioteche che in sostanza rischierebbero, nelle scuole, la chiusura qualora dovesse trovare attuazione il trasferimento d'ufficio da docente idoneo ad altri compiti utilizzato prevalentemente come bibliotecario, ad ATA, ed il tutto in palese violazione del contratto collettivo integrativo nazionale vigente.
Nelle stesse ore altri burocrati invece decidono a tavolino quello che dovrà avvenire nei prossimi mesi nella scuola pubblica italiana.
Sono stati esaminati ed approvati 4 decreti presidenziali in tema di pubblica istruzione.
Il primo decreto, su proposta del Ministro dell’istruzione, università e ricerca, riguarda l’istituzione e la disciplina del Sistema nazionale di valutazione in materia di istruzione e formazione delle istituzioni scolastiche e formative, comprese le scuole paritarie, definendone finalità, struttura e modalità di funzionamento.
Si esalta a parole l'autovalutazione delle scuole, in collaborazione con il solito Invalsi e gli ispettori.
I docenti sono avvisati, i collegi docenti anche. L'ispezione è in agguato.
Tante parole vengono dedicate a cosa sarebbe il sistema di valutazione, come quasi una sorta di pratica di auto-convincimento sulla validità di un sistema destinato a fallire in partenza, perché la scuola ha delle peculiarità così rilevanti che nessun sistema di valutazione potrà mai essere introdotto senza ledere la libertà d'insegnamento e la stessa autonomia della scuola e degli organi collegiali che rischiano di divenire soggetti ratificanti le volontà governative e non soggetti predisposti all'autogoverno della scuola.

I successivi tre decreti, autorizzano il MIUR ad assumere a tempo indeterminato, a partire dall’anno scolastico 2012-2013 dirigenti scolastici, personale docente, personale tecnico-amministrativo e direttori amministrativi.
In particolare, per quanto riguarda il comparto Scuola, le assunzioni di dirigenti scolastici e di docenti e personale educativo – che dovranno essere effettuate entro il 31 agosto 2012, riguardano:
- 1.213 unità di dirigenti scolastici;
- 134 trattenimenti in servizio di dirigenti scolastici, solo per l’anno scolastico 2012/2013 (si ricorda che i trattenimenti in servizio sono da considerare, sotto l’aspetto finanziario, assimilabili a nuove assunzioni);
- 21.112 unità di personale docente ed educativo.
Per quanto concerne invece il comparto dell’Alta formazione artistica musicale e coreutica le assunzioni garantiranno le esigenze di funzionalità delle Accademie e dei Conservatori di Musica. Si tratta di:
- 60 docenti di I e II fascia, per incarichi di insegnamento;
- 280 unità di personale tecnico-amministrativo (di cui 149 assistenti amministrativi e 131 coadiutori);
  • 3 unità di direttore amministrativo – EP/2 (mobilità intercompartimentale)
Numeri e cifre che si rivolgono ad una platea enorme, perché enorme è il precariato nella scuola, destinato a crescere grazie anche ai TFA, numeri e cifre che creano anche illusione perché di illusione trattasi essendo lavoratori che tenderanno a sostituire solo una parte di tutto quel personale scolastico che è andato in pensione. Altro che nuove assunzioni. Non si deve dimenticare che nella scuola si dovranno attuare tagli, ancora tagli, per rispettare quel vincolo del pareggio di bilancio che il governo vuole raggiungere in soli due anni e non dimentichiamo l'articolo 81 e 97 comma 1della Costituzione che inizierà a manifestare i suoi effetti proprio alla scadenza di questi due anni, ovvero dal 2014, insomma il bastone sarà dato dal pareggio di bilancio, la carota dall'effetto annuncio che un giorno si realizzerà un concorso degno di tal nome e che una volta superato, in qualche tempo non chiaro, incerto, forse, tu lavoratore precario, verrai assunto.



Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

Dopo Macerata si continua a sparare. Guai a ridimensionare o normalizzare

Questa è una storia che non parte da lontano, per dovere di sintesi sarò breve e conciso. Da questa estate in Italia si è iniziato a scoprire il problema del fascismo. Fino a quel momento, soprattutto da chi oggi si professa dall'alto della suo essere grado istituzionale antifascista, era ignorato se non avvallato. Si è denunciato il rischio di fascismo passando dalle vicende ridicole della spiaggia fascista di Chioggia, agli adesivi di Anna Frank, alle bottiglie o calendari con la foto di Mussolini o Hitler. Quando per anni ed anni in questo Paese si è realizzata una vera connivenza con le peggiori istanze, legittimandole, democratizzandole e favorendone la diffusione. Perchè, si è detto, la democrazia vale per tutti, anche per chi sputa veleno sociale.
Il guaio è che è stato pompato all'ennesima potenza un problema che c'era ma non era così forte, impattante. La propaganda che doveva portare a vedere in alcune soggettività una sorta di salvezza messianica in materia di…

E' necessario il (prodotto) made in Friuli Venezia Giulia prima di essere annientati dalla "globalizzazione"

Il made in Italy è diventato uno slogan che non dice più niente. Diventato più funzionale a quella retorica che ha fatto il male dell'Italia che alla tutela dell'Italia. Dall'arte, alla cucina, dall'agricoltura, alla moda e si potrebbe continuare. Nell'Italia di oggi si rimpiange ciò che non è più italiano. Hanno distrutto le campagne, hanno distrutto le coltivazioni storiche, è stato mescolato tutto, per arrivare all'assurdità di cortocircuiti propri di una società totalmente sballata. La globalizzazione nell'economia ha comportato il saccheggio dell'Italia, l'appropriazione indebita di ciò che ha reso unico il nostro Paese nel mondo per perderci nella nullità dell'essere più niente e nessuno.

Siamo bravi a decantare od osannare bellezze e miti e leggende che attraversano la storia di ciò che è arrivato, nel bene o nel male a determinare l'Italia. Un Paese fittiziamente unito, che deve la sua vera forza ai regionalismi, localismi, che non so…

Si è entrati nel terzo anno della ricerca della verità per Giulio Regeni, con la politica persa nel silenzio di comodo

"Non è possibile normalizzare i rapporti con uno stato che tortura, uccide e nasconde oltraggiosamente la verità, se non a scapito della credibilità politica del nostro Paese e di chi lo rappresenta". Queste sono le parole della famiglia di Giulio.
Una tempesta sotto forma di parole. Parole dure, ma figlie di quella rabbia comprensibile di chi altro non ha potuto fare che constatare l'effettiva resa dell'Italia all'Egitto criminale, dove si continua a morire, a sparire, ad essere torturati, come è successo a Giulio.  Si dovrebbe dare un vero e proprio ultimatum all'Egitto, pretendendo quelle piccole cose, elementi fondamentali, per chiudere il cerchio. Ma l'Egitto ha preso in giro l'Italia e Giulio e la sua famiglia da sempre, depistaggi, menzogne, calunnie, infamie. La politica italiana si è persa in un silenzio di comodo, quel silenzio che ha caratterizzato, salvo qualche formula di rito, anche le massime Istituzioni. E questo silenzio fa male e …