Passa ai contenuti principali

Sun Valley vuole Monti oltre il 2013

 
Nessuna dietrologia.
Nessun complottismo.
Un semplice incontro tra alcuni uomini ricchi, potenti, tra uomini che rappresentano società che in apparenza sarebbero in concorrenza, penso Mark Zuckerberg con il suo Facebook che dovrebbe opporsi a Dick Costolo amministratore delegato di Twitter , o Google contro Yahoo, tutta finzione, perché in realtà si son divisi il mercato con la messa in scena della concorrenza e della guerra, ebbene, da Sun Valley, ove ogni anno viene invitato un politico, questa volta è il turno di Monti, si eleva una voce probabilmente univoca.
L'AGI rende noto che gli investitori americani vorrebbero che il premier italiano Mario Monti rimanesse anche dopo le elezioni della primavera del 2013: sarebbe questa una vera iniezione di fiducia. Lo ha detto Howard Stringer, presidente del consiglio di amministrazione della Sony, tra i partecipanti all'esclusivo conclave di Sun Valley sponsorizzato dalla banca d'affari Allen & Co. "L'intervento di Monti e' stato interessante e profondo - ha riferito Stringer - ma sarei molto piu' felice se lui restasse anche oltre il 2013". Ed e' questa l'opinione ampiamente condivisa dai magnate dei media e della new economy, riuniti nel resort di montagna dell'Idaho insieme a politici e finanzieri.


Allora visto che abbiamo ben capito come funziona questa società, potremmo risparmiare il danaro pubblico per recarci alle votazioni, perché tanto comunque vada, se ciò è stato deciso, questa decisione dovrà essere attuata. I modi si troveranno, gli strumenti non mancano mica, penso ai ricatti della borsa, del mercato, del famoso spread.
Insomma caro Popolo Italiano, possiamo continuare a ripetere quante volte vogliamo che noi siamo il 99% e loro forse neanche l'uno per cento, tanto non abbiamo né la voglia, né la forza, né la determinazione di mutare nulla.
Monti  dal 2013 ancora come capo del Governo od al Quirinale?
Berlusconi al Quirinale e Monti come Capo del Governo?
Fantasie?
La nuova discesa in campo di Berlusconi serve solo a rafforzare questa ipotesi, perché il Pd non riuscirà ad avere i voti per realizzare una maggioranza forte e compatta e saranno costretti a creare un governo di solidarietà nazionale.
Ovviamente ben consapevole che il Pd non è diverso dal PDL, salvo le battute di Bersani che fanno una gran concorrenza a Grillo e Berlusconi.
Una politica dei comici per distrarre l'attenzione dalla uccisione della democrazia reale.
Io non andrò a votare, perché tanto votare non serve più a nulla.
Provocazione?
No, constatazione piena del presente destinato a divenire un futuro stabile.
Penserò al locale, alle buche delle strade, ai marangoni che non riescono a liberarsi dalla zozzeria umana, penserò alla vita rionale, penserò ai problemi ordinari che la gente deve affrontare nelle Città, nelle campagne, nei borghi.
Penserò a come difendere la dignità, penserò a come tutelarsi nel secolo #zero.
Penserò a come conciliare il concetto zero diritti con zero illusioni.
E' inutile occuparsi dei massimi sistemi, perché oltre che mutare il sangue in acqua salata e gelida, si fomentano solo delusioni ed illusioni.
Il tempo delle illusioni deve finire.
Il mio è finito.



Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Le conclusioni della Commissione d'inchiesta sul caso Moro

Nelle considerazioni conclusive della Commissione d'inchiesta sul Caso Moro emergono spunti di riflessione importante ed anche inquietanti che dovrebbero far tremare i pilastri della nostra Repubblica. Un lavoro durato alcuni anni, con diverse audizioni, accessi a documenti, verifiche, ispezioni, un lavoro enorme e giunto a termine.    La legge istitutiva della Commissione (Legge 30 maggio 2014, n. 82) ha assegnato come mandato all'inchiesta parlamentare quello di «accertare eventuali nuovi elementi che possono integrare le conoscenze acquisite dalle precedenti Commissioni parlamentari di inchiesta sulla strage di Via Fani, sul sequestro e sull'assassinio di Aldo Moro; eventuali responsabilità sui fatti di cui alla lettera a) riconducibili ad apparati, strutture e organizzazioni comunque denominati ovvero a persone a essi appartenenti o appartenute». E' stato sottolineato che è "dalla rilettura sistematica dei cinque processi e dell'attività delle precedenti…

Ma ha ancora senso la "Venezia Giulia"? O meglio regione di Trieste?

Venezia Giulia. Un nome che ha sicuramente un suo fascino, originale, una forzatura storica pasticciata, proposta ed utilizzata sin dal 1863, come si legge nell'Enciclopedia Treccanti dal linguista goriziano G.I. Ascoli in sostituzione di ‘Litorale’ (Küstenland), usato dagli Austriaci. "Dal 1920 sotto la denominazione di V. furono compresi anche territori appartenenti alla Carniola; i limiti della regione non erano del resto ben definiti: ora comprendeva anche il Friuli ora questo era considerato come appartenente al Veneto, per cui la V. corrispondeva ai territori orientali ceduti dall’Austria all’Italia in seguito alla Prima guerra mondiale, cioè le province di Gorizia, Trieste, Pola e Fiume (superficie 8893 km2 con 955.257 ab. nel 1936), zona caratterizzata dal graduale trapasso del sistema alpino in quello dinarico e dalla compenetrazione di elementi italiani e slavi. Il piccolo lembo della V. rimasto all’Italia dopo la Seconda guerra mondiale è confluito nella regione a …