Passa ai contenuti principali

Ingroia in Guatemala? Né fuga, né punizione




La nostra società è malata, vive nel culto della spettacolarizzazione.
Penso per esempio all'ultima operazione realizzata dalla Polizia di Palermo, con tanto di foto e video che riprendono l'arresto di due presunti trafficanti di armi.
Uno si potrebbe chiedere ma chi li ha chiamati i fotografi?
Perché erano lì già piazzati prima ancora dell'arresto?
Perché spettacolizzare l'arresto?
Perché emuliamo il sistema fallimentare americano.
Stesso discorso lo si deve estendere nell'ambito della magistratura.
Antonio Ingroia, il procuratore aggiunto diventato uno dei simboli dell'antimafia, si è esposto.
Si è esposto, seguendo gli insegnamenti di Borsellino, si è esposto per allertare l'opinione pubblica.
E' diventato il simbolo mediatico della lotta alla mafia a Palermo, così come Di Pietro lo era per mani pulite, per esempio.
Frasi e tensioni, atti e registrazioni hanno contribuito ad alimentare una sorta di guerra tra apparati dello Stato.
Una guerra che rischia di compromettere quella serenità che deve avvolgere chi studia gli atti, chi indaga, chi contrasta il sistema mafioso politico italiano.
Tutto ciò ultimamente è venuto meno.
Il 2013 sarà per l'Italia l'anno dove si svolgeranno le elezioni politiche e non solo.
Ingroia con la sua presenza e la sua esposizione rischia di compromettere l'ordinario cammino dei processi contro la mafia politica.
Il suo incarico in Guatemala, che potrebbe durare anche più degli auspicati 365 giorni, non è né una fuga né una punizione.
E' un gesto che aiuterà i suoi colleghi a condurre serenamente e senza esposizione mediatica i processi giudiziari contro quello Stato che ha causato la morte di Falcone e Borsellino e di tanti altri esseri umani.
La prima sensazione emotiva che ho maturato, quando ho appreso tale notizia, è stata quella di una realizzazione piena di una punizione.
Punito per aver osato.
Punito per aver affrontato lo Stato malato e fedele alla società mafiosa.
Ma riflettendoci, mi sento di affermare che la sua non è una punizione vera e propria, né una fuga, ma una sorta di allontanamento consapevole con un fine più grande, salvaguardare la lotta alla mafia politica italiana, che, nonostante tutto, continuerà e non si arresterà nei processi mediatici di questa società.

Commenti

  1. Indice di questa edizione Demo rivolta Giudaica comincia a pag 121 | Caval LETTA Jere vendè I TAL YA satelliti ai Bin Laden | W TRI boom gemelli tutti stessa ARCA sanza Israel guerre Gog Magog Demagog SOS Movisol mafia glocal antisemit ISM CFR MAR Comune SIBIA LIRIA troviam GAUDIO W Bergamo Città dei mille sbarchi in TUNICILIA . Rev Moon Ovadia CFR vuole inevitabile LEVI tabile Massimo FiniMondo W Scienza libera pedali ai troni fanno Ciclotroni : W Squinzi Noè Era Ora Artsenu
    KO mafia TAV scorie w Trivoluzione ECAT Fusione Fredda Refluopetrolio mejo de vermo valori zzatori LEVI tazione MagLEV mejo de TAV W TRI boom Solar Spray W Kitegen stratosf Eolico Massimo Ippolito Grifo mejo de tera torri mostri | London Istan capitale della Siria ASSAD anata |nel 2012 UBS Morgan banca di Hitler sempre più GLOBO pladrona .Ma connette la Svizzera ? Carla Del Ponte Mente ENI raffinatissima Eva Peron Braun | SOS Gerusalemme 3° bersaglio Roma il 2° Mecca il PRIMO | Trattatello molchita di geopolitica | http://www.radicali.it/contenuto/mozioni-particolari-comitato-27-29-luglio-2012 | |_
    INDICE sragionato :

    p 1 : mafia TV SCORIE KO nuovi sbarchi Tunicilia FUSIONE FREDDA , Refluopetrolio , LEVI tazione magnetica MagLEV : fine ricatti petrolio Hormuz .
    Capovolgi ONU stop onan ISM CFR W Nunismo democrazia GLOCAL .
    W libera Scienza . Banca di Hitler sempre più pladrona del Mondo : Pavia HQ quartier Generale MALA NDRINA Rublodotto Veltri Veltrusconi Edizioni del Veltro .

    p 2 : ANELLO piazza Fontana ANNIE DI PIOMBO nomi e cognomi . . .
    p 117 Qualcuno ha venduta ai Bin Laden l’ I TAL YA coi nostri satelliti tutti |_


    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Koper o Capodistria?Fiume o Rijeka?Merna o Miren?Londra o London? Trieste e Trst?

Esistono diversi processi di italianizzazione, i più noti sono quelli figli dell'abitudine, figli di quel modo di fare che hanno trasformato London in Londra, Berlin in Berlino, Barcelona in Barcellona, Marseille in Marsiglia ecc. Si dirà che è semplice traduzione. Fattore tipico di tutte le lingue. Poi vi sono luoghi che sono stati soggetti all'italianizzazione forzata tramite la nota opera nazionalfascista e di esempi ve ne sono a bizzeffe, se ne perde il conto, sia in Italia che in Slovenia che in Croazia che ovunque l'Italia abbia operato in tal modo.
Ad esempio Redipuglia  ha storpiato lo sloveno Sredipolje. In altri casi si utilizza l'italianizzazione per rispetto anche della comunità italiana che vi abita, non chiamare quei luoghi con il loro nome italiano significherebbe negare l'esistenza della comunità italiana, almeno per gli italiani autoctoni del luogo è così, pensiamo Capodistria il cui nome in sloveno è Koper, o Rijeka diventata Fiume. Italianizzazi…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Nella Gradoaustronostalgia i commercianti dicono no ai richiedenti asilo a rischio l'immagine. Pazzesco

L'immagine è tutto. Niente immagine, niente business. La partita a ping pong si gioca tra Grado e le sue frazioni, con la Prefettura che svolge il ruolo di osservatore, ma prima o poi dovrà fischiare la fine di questa partita ed una decisione andrà presa. Se a Fossalon si è assistito a di tutto e di più, dalla deprimente marcia dei trattori, fumosissima visto che non ci sarà, a pensieri figli di una visione distorta del mondo, come se chi voleva ospitare 18 richiedenti asilo si apprestasse a dare accoglienza a 18 criminali incalliti, a Grado si assiste alla reazione di chi ha voce e peso economico importante. Il mondo del commercio. Sul Piccolo del 15 ottobre si apprende che  «Ormai da qualche settimana - ha spiegato il responsabile locale di Confcommercio, Fumolo - si parla dell'ipotesi di ospitalità ad un gruppo di migranti anche da parte del Comune di Grado e la nostra associazione di categoria esprime preoccupazione per le ripercussioni negative che questa azione potr…