Passa ai contenuti principali

E' l'una di notte e la città vive



E' l'una di notte.
Puntuali come non mai ecco la maggior parte dei semafori triestini andare in letargo per qualche ora.
Lampeggiano.
Giallo dominante le vie silenziose di una città apparentemente dormiente.
Vedrai al largo di Barcola pescherecci con potenti fari illuminar a giorno il mare notturno, vedrai una infinità di navi essere ancorate nel profondo golfo triestino, vedrai il faro della Vittoria richiamare e guidare il volo dei gabbiani affamati.
Ma vedrai anche i soliti camion dei rifiuti sostare accanto ai colorati bidoni della spazzatura, le quattro frecce lampeggiare, ed il braccio meccanico accompagnato dal rumore di una società post industriale, svolgere quel lavoro che per anni è stato affrontato dalle braccia umana.
Ora un monitor, una telecamera, un pulsante, un braccio automatico sostituiscono la fatica umana.
Un robot, ed un lavoratore umano in meno, per un lavoro poco umano ma utile.
Vedrai la solita fila di taxi attendere la chiamata di qualche cliente,noterai innanzi lo spiazzale della stazione centrale, il cui atrio in questa estate turistica è volutamente illuminato, persone andare alla ricerca di quello sguardo smarritosi nella piazza della libertà ai piedi della principessa Sissi.
Ascolterai il rumore dei motorini sfrecciare sulle rive triestine, il fischio degli alberi delle barche ormeggiate in città, il suono dell'acqua spruzzata da qualche tubo ripulire il piazzale invaso da fiumi di alcol da una gioventù poco idealista molto materialista, il tocco delle campane indicar l'ora che avanza, le lamentele di chi cerca invano un parcheggio sotto casa, e vedrai la solita fila interminabile di auto, tutte graffiate ed ammaccate, e comprendi anche perché Trieste è la città delle assicurazioni, oltre che per le note ragioni commerciali e navali, anche per la guida certamente sportiva tutta triestina.
Un tocco, una botta e la fuga è assicurata, il graffio e l'ammaccatura anche, un bel vai a quel paese pure.
Ti chiederai se le forze dell'ordine saranno al solito posto di blocco od avranno cambiato zona, giusto per dare un senso diverso alla solita imposta ordinarietà, incontrerai i venditori ambulanti di rose o di oggetti volanti colorati ed illuminati che in una notte di estate rischiano di essere confusi nell'alto del cielo sempre più blu notte come oggetti volanti non identificati, ufo triestini, rientrare dalle loro tipiche fatiche quotidiane, fatte spesso di insulti a volte di sorrisi, e poi ascolterai all'improvviso il silenzio.


Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Se Babbo Natale ha ridimensionato San Nicolò

Ma è più sentito San Nicolò o Babbo Natale?

Questo è quanto mi domandavo notando tutta la serie di prodotti realizzati, i mercatini diffusi, le fiere e quant'altro si afferma in prossimità della notte tra il 5 e 6 dicembre. Così come mi domando, ma quanti conoscono la sua storia? Quanti sanno che tipo di santo protettore sarebbe?  Scommetto che le mani alzate sarebbero una manciata.  Ed a dirla tutta non interessa, interessa quel giorno solo scambiarsi qualche regalino, girovagare per le fiere, bere e mangiare.
San Nicolò, dicono, è un santo molto venerato in tutto il mondo, addirittura avrebbe carattere universale. Sarà. Ma in Italia ci sono su più di 8 mila Comuni solo una ventina di località, e qualche Comune, ad avere questo nome e sono poche le località dove viene festeggiato, soprattutto in alcune zone del Nord Est ed in Puglia.  Vi è chi dice che Babbo Natale altro non sia che praticamente il San Nicolò in chiave pienamente consumistica, che avrebbe tratto origine da qu…

Scuola: tra ponti ed elezioni in FVG nel 2018 una vacanza al mese

Le elezioni politiche saranno il 4 marzo, mentre in Friuli Venezia Giulia si dovrebbe votare per il rinnovo del Consiglio Regionale nei primi di maggio 2018.

Non male e non poteva andare meglio.

Dall'epifania fino alla fine dell'anno scolastico in Friuli Venezia Giulia praticamente ci sarà una mini vacanza al mese. Le vacanze di carnevale dal 12 al 14 febbraio, le vacanze di pasqua dal 29 marzo al 3 aprile, le elezioni politiche che interesseranno gran parte delle nostre scuole di marzo, poi il ponte di fine aprile per il primo maggio, e la settimana successiva la votazione per le regionali. Ovviamente tutti questi giorni verranno computati ai fini della validità dell'anno scolastico.
Marco Barone