Passa ai contenuti principali

Trieste in pieno degrado, alcuni perchè

Trieste, Trieste, la bella addormentata, la Principessa rinchiusa nel Castello della memoria mai perduta e vissuta.
Già perchè sembra proprio che Trieste sia prigioniera del suo passato, sembra che sia prigioniera di quel senso di bellezza rinchiuso in qualche libro di storia.
Un tempo nelle Città storiche si provvedeva almeno a tutelare il senso dell'apparenza.
A Trieste non accade più neanche questo.
E' da qualche settimana che segnalo le cose più visibili, che denuncio il degrado visibile che urla nel silenzio rabbioso perchè?

Perchè le Rive sono in queste condizioni?


Perchè il Molo Audace è in queste condizioni?

Perchè la Fontana assetata di Piazza del PonteRosso è in queste condizioni?


Perchè il mare schiaffeggiante  le Rive ed il molo Audace è spesso, anche per intere giornate, in queste condizioni?

Perchè il Canal Grande continua ad essere sporco e degradato?

Perchè nei pressi della Stazione Centrale vige una struttura muraria immensa ma deprimente e degradata così come tutta l'area che la circonda?


 Perchè il Piano Urban è stato gestito con questi risultati?



Questi sono solo alcuni dei perchè tra i tanti perchè del degrado che vive in Trieste. Altri ed altri ancora se ne possono segnalare e non mancherò certamente di segnalarli. Alcune zone che vivono nel degrado tra qualche tempo saranno soggette a lavori di riqualificazione, ma nell'attesa che questi lavori abbiano inizio  è così immane come cosa realizzare una minima opera di pulizia?
Eppure questa Città ha reagito contro l'incuria ed il degrado, occupando per esempio edifici vuoti abbandonati letteralmente a se stessi, ma la risposta è stata la solita e dovuta, dal sistema, repressione penale.




Una Città che per vari mesi ha #occupato Piazza dell'Unità d'Italia racchiudendo la voce e la voglia di libertà e di protesta in uno scenario vivo e ribelle.


Eppure a Trieste vedrai cose a dir poco particolari, come un Gabbiano nutrirsi in una ciotola.
Oppure meduse splendenti medusizzare le acque del golfo triestino


Ma anche condividere l'arte culinaria incredibilmente semplice e genuina di questa terra
Ma anche assistere alle solite speculazioni, parcheggi nascere come funghi velenosi metropolitani in pieno centro storico.
O la ricchezza materiale esposta ed ormeggiata ai piedi della seconda Piazza affacciata sul mare più grande di quell'Europa mai disunita quanto in questa epoca


Trieste soffre, e tutto ciò che scrivo e denuncio lo tastierizzo solo per l'amore che nutro per questa Città, perchè Trieste merita di più. Nascondersi dietro il senso della memoria perduta reca solo un grave danno alla Città, perchè Trieste è in pieno degrado, un degrado reale, visibile e celarsi dietro il senso della bellezza possibile comporta la metamorfosi del senso della bellezza in bruttezza. 
Forse è il caso di porre seriamente in discussione il modo in cui si governa questa Città perchè qualcosa non funziona.

Commenti

Post popolari in questo blog

Le conclusioni della Commissione d'inchiesta sul caso Moro

Nelle considerazioni conclusive della Commissione d'inchiesta sul Caso Moro emergono spunti di riflessione importante ed anche inquietanti che dovrebbero far tremare i pilastri della nostra Repubblica. Un lavoro durato alcuni anni, con diverse audizioni, accessi a documenti, verifiche, ispezioni, un lavoro enorme e giunto a termine.    La legge istitutiva della Commissione (Legge 30 maggio 2014, n. 82) ha assegnato come mandato all'inchiesta parlamentare quello di «accertare eventuali nuovi elementi che possono integrare le conoscenze acquisite dalle precedenti Commissioni parlamentari di inchiesta sulla strage di Via Fani, sul sequestro e sull'assassinio di Aldo Moro; eventuali responsabilità sui fatti di cui alla lettera a) riconducibili ad apparati, strutture e organizzazioni comunque denominati ovvero a persone a essi appartenenti o appartenute». E' stato sottolineato che è "dalla rilettura sistematica dei cinque processi e dell'attività delle precedenti…

Il pranzo sociale dell’ANPI di Ronchi ( foto) sotto il segno dell’antifascismo e dei ricordi

Riuscito e partecipato il pranzo sociale organizzato dall’ANPI di Ronchi presso l'accogliente agriturismo Mazzuchin di Vermegliano a pochi passi dalla suggestiva chiesetta di Santo Stefano e durato per buona parte del pomeriggio del 16 dicembre. Quasi un centinaio i partecipanti, dove sotto il segno della musica, partigiana e popolare, balli e ricordi, senza dimenticare l'immancabile lotteria curata con una passione unica dalla solita ed immancabile ed unica Angela, si è consumato un momento conviviale oramai tradizionale. Non sono mancati i momenti di confronto e di riflessione, con i messaggi e gli spunti offerti sia dal Presidente provinciale dell’ANPI di Gorizia, Pironi che dalla Presidente dell’ANPI di Ronchi, Cuzzi.

Il segretario Martinuzzi ha ricordato tutta l’attività svolta dall’ANPI di Ronchi, dai pellegrinaggi laici organizzati nei luoghi della resistenza in Slovenia, ai gemellaggi storici, agli incontri con le scuole, agli appuntamenti del 25 aprile e 2 giugno, a…

Realtà virtuale come un giorno viversi il proprio mondo "felicemente" da casa

La realtà virtuale che è cosa diversa dalla realtà aumentata è tra noi. Nessuna tecnologica ufologica, ma in ogni caso impressionante. Osservare dall'esterno l'individuo  catapultato nel giro di un niente in una dimensione spaziale e temporale diversa da quella che vivi quotidianamente è un qualcosa di assurdo, incredibile. Matrix è tra noi.

Vedrai l'uomo o la donna trasformarsi in un qualcosa di indefinito, muoversi lentamente, con i guanti o con la strumentazione che completerà la proiezione ed il trasporto nella nuova dimensione resa possibile da un casco  con la funzione di visore, da cuffie ed un filo. Dipendente da un filo, lo spazio entro il quale puoi muoverti è limitato, quello reale, ma è immenso quello virtuale.

Percepisci i suoni, le vibrazioni, mancano solo gli odori, ma arriveranno presto anche questi.  Il completamento sensoriale è vicino ad essere ultimato. Vedrai esseri umani essere trasformati in oggetti danzanti, improvvisati scalatori verso l'infin…