Passa ai contenuti principali

Trieste in pieno degrado, alcuni perchè

Trieste, Trieste, la bella addormentata, la Principessa rinchiusa nel Castello della memoria mai perduta e vissuta.
Già perchè sembra proprio che Trieste sia prigioniera del suo passato, sembra che sia prigioniera di quel senso di bellezza rinchiuso in qualche libro di storia.
Un tempo nelle Città storiche si provvedeva almeno a tutelare il senso dell'apparenza.
A Trieste non accade più neanche questo.
E' da qualche settimana che segnalo le cose più visibili, che denuncio il degrado visibile che urla nel silenzio rabbioso perchè?

Perchè le Rive sono in queste condizioni?


Perchè il Molo Audace è in queste condizioni?

Perchè la Fontana assetata di Piazza del PonteRosso è in queste condizioni?


Perchè il mare schiaffeggiante  le Rive ed il molo Audace è spesso, anche per intere giornate, in queste condizioni?

Perchè il Canal Grande continua ad essere sporco e degradato?

Perchè nei pressi della Stazione Centrale vige una struttura muraria immensa ma deprimente e degradata così come tutta l'area che la circonda?


 Perchè il Piano Urban è stato gestito con questi risultati?



Questi sono solo alcuni dei perchè tra i tanti perchè del degrado che vive in Trieste. Altri ed altri ancora se ne possono segnalare e non mancherò certamente di segnalarli. Alcune zone che vivono nel degrado tra qualche tempo saranno soggette a lavori di riqualificazione, ma nell'attesa che questi lavori abbiano inizio  è così immane come cosa realizzare una minima opera di pulizia?
Eppure questa Città ha reagito contro l'incuria ed il degrado, occupando per esempio edifici vuoti abbandonati letteralmente a se stessi, ma la risposta è stata la solita e dovuta, dal sistema, repressione penale.




Una Città che per vari mesi ha #occupato Piazza dell'Unità d'Italia racchiudendo la voce e la voglia di libertà e di protesta in uno scenario vivo e ribelle.


Eppure a Trieste vedrai cose a dir poco particolari, come un Gabbiano nutrirsi in una ciotola.
Oppure meduse splendenti medusizzare le acque del golfo triestino


Ma anche condividere l'arte culinaria incredibilmente semplice e genuina di questa terra
Ma anche assistere alle solite speculazioni, parcheggi nascere come funghi velenosi metropolitani in pieno centro storico.
O la ricchezza materiale esposta ed ormeggiata ai piedi della seconda Piazza affacciata sul mare più grande di quell'Europa mai disunita quanto in questa epoca


Trieste soffre, e tutto ciò che scrivo e denuncio lo tastierizzo solo per l'amore che nutro per questa Città, perchè Trieste merita di più. Nascondersi dietro il senso della memoria perduta reca solo un grave danno alla Città, perchè Trieste è in pieno degrado, un degrado reale, visibile e celarsi dietro il senso della bellezza possibile comporta la metamorfosi del senso della bellezza in bruttezza. 
Forse è il caso di porre seriamente in discussione il modo in cui si governa questa Città perchè qualcosa non funziona.

Commenti

Post popolari in questo blog

Un maledetto 17 agosto a Barcellona

Ci sono cose nella vita che non dimenticherai mai e quanto accaduto in un caldo ed apparentemente tranquillo agosto a Barcellona è una di quelle cose che non metabolizzerai per lungo tempo. Hai la fortuna di poterlo in parte raccontare, anche se non sai bene cosa raccontare. Sei a pochi metri dalla interminabile e costante folla della Rambla. Vedi decine e decine di persone a passo spedito venire contro la tua direzione. In un primo momento pensi che vai sempre controcorrente. Poi arriva la polizia, di corsa, chiude la via nella quale ti trovi, una laterale della Rambla. Una delle tante. Non riesci al momento a collegare. Anche se sai che nel mondo la situazione è tesa. Ma sei a Barcellona, pensi. Un luogo sicuro.
Poi l’inevitabile ti si presenta come un cazzotto devastante nello stomaco. Attentato. Terrorismo. Panico totale. Cerchi le persone a te più care, fino a quando non le trovi e non le rintracci non sei "tranquillo".
Cerchi di capire come comportarti. Cosa fare. Cosa…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Barcellona, il giorno dopo il 17 agosto