Passa ai contenuti principali

SMS Solidale per i terremotati, quale destinazione per i fondi raccolti?




Ogni volta che in Italia accade una tragedia, prevedibile ed evitabile, ma non evitata, parte la solidarietà anche tramite la raccolta fondi via sms.
La richiesta per raccogliere i fondi tramite il noto numero 45500 ha avuto luogo su richiesta del Dipartimento della Protezione Civile, d’intesa con la Regione Emilia Romagna e con l'ausilio degli operatori di telefonia mobile .

Nel sito della Protezione civile si legge che il ricavato della sottoscrizione sarà destinato alle popolazioni colpite dal terremoto, e che ad oggi sono stati raccolti ben 8.178.692 euro.

Una cifra impressionante destinata a crescere.

A queste modalità di raccolta se ne aggiungono altre, come versamenti su conti correnti postali, bonifico bancario, o versamento diretto presso le agenzie bancarie convenzionate.

Ma qualcuno si è mai chiesto che fine faranno questi soldi? Come verranno utilizzati?
Perché anche nei canali televisivi del servizio pubblico, o nei vari media , che ogni giorno promuovono questa raccolta fondi non informano sul totale raccolto e sulla destinazione dei fondi?

Beh per quanto concerne la seconda problematica in realtà non possono conferire alcuna risposta, perché non esiste una destinazione specifica. Non si conoscono i criteri, non si conoscono le destinazioni finali, non si conosce nulla.
Infatti, per esempio, nel caso dell'alluvione della Liguria e della Toscana, ove è partita una procedura simile, Protezione Civile, rappresentati del mondo dell’informazione - gli operatori di telefonia fissa e mobile e le Regioni Liguria e Toscana, hanno concordato le modalità tecniche su come utilizzare i fondi raccolti. Nel caso dell'alluvione ligure e toscano era emersa la necessità che i commissari delegati per la gestione dell’emergenza delle due regioni, provvedessero ad individuare con precisione le opere da finanziare con i soldi raccolti dalla campagna.
Si parlava in quel caso di un totale di 6.043.140 euro di cui 3.521.965 euro sono stati destinati alla Liguria e 2.521.175 alla Toscana. Ad oggi però quei soldi ancora non sono disponibili per problemi di burocrazia, ma le opere ove intervenire sono state già decise e concordate.

Forse sarebbe il caso di spiegare ai cittadini come funziona il meccanismo della raccolta fondi per sms, forse sarebbe il caso di spiegare alla popolazione che i soldi raccolti non sono e non saranno disponibili a breve, ma dovrà trascorrere molto tempo, certamente non conciliabile con le esigenze immediate dell'emergenza, forse sarebbe il caso di spiegare ed ora ribadire agli italiani che quei soldi non verranno utilizzati a breve termine, forse sarebbe il caso di spiegare agli italiani che l'utilizzo finale di quei soldi sarà rimesso ad una valutazione  discrezionale tecnica e politica tutta da definire.

Una incertezza assoluta, che si basa però sul quel principio di fiducia che lega la popolazione alla protezione civile, che gli eventi passati hanno rischiato di compromettere.
E forse proprio alla luce del caso G8 e terremoto dell'Abruzzo, sarebbe giusto invertire rotta e conferire un segnale positivo in tal senso.
Basterebbe poco, un tocco di trasparenza ed un tocco di chiarezza, ciò è chiedere troppo, visto e rilevato che i contributi sono degli italiani e non solo?

Commenti

  1. Grazie per aver scritto un post su questo argomento, è dal 2009 che col blog e col gruppo facebook chiediamo venga adottata trasparenza amministrativa nella Protezione Civile.

    cheneavetefatto.blogspot.com

    Stefano Pertosa

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Koper o Capodistria?Fiume o Rijeka?Merna o Miren?Londra o London? Trieste e Trst?

Esistono diversi processi di italianizzazione, i più noti sono quelli figli dell'abitudine, figli di quel modo di fare che hanno trasformato London in Londra, Berlin in Berlino, Barcelona in Barcellona, Marseille in Marsiglia ecc. Si dirà che è semplice traduzione. Fattore tipico di tutte le lingue. Poi vi sono luoghi che sono stati soggetti all'italianizzazione forzata tramite la nota opera nazionalfascista e di esempi ve ne sono a bizzeffe, se ne perde il conto, sia in Italia che in Slovenia che in Croazia che ovunque l'Italia abbia operato in tal modo.
Ad esempio Redipuglia  ha storpiato lo sloveno Sredipolje. In altri casi si utilizza l'italianizzazione per rispetto anche della comunità italiana che vi abita, non chiamare quei luoghi con il loro nome italiano significherebbe negare l'esistenza della comunità italiana, almeno per gli italiani autoctoni del luogo è così, pensiamo Capodistria il cui nome in sloveno è Koper, o Rijeka diventata Fiume. Italianizzazi…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Nella Gradoaustronostalgia i commercianti dicono no ai richiedenti asilo a rischio l'immagine. Pazzesco

L'immagine è tutto. Niente immagine, niente business. La partita a ping pong si gioca tra Grado e le sue frazioni, con la Prefettura che svolge il ruolo di osservatore, ma prima o poi dovrà fischiare la fine di questa partita ed una decisione andrà presa. Se a Fossalon si è assistito a di tutto e di più, dalla deprimente marcia dei trattori, fumosissima visto che non ci sarà, a pensieri figli di una visione distorta del mondo, come se chi voleva ospitare 18 richiedenti asilo si apprestasse a dare accoglienza a 18 criminali incalliti, a Grado si assiste alla reazione di chi ha voce e peso economico importante. Il mondo del commercio. Sul Piccolo del 15 ottobre si apprende che  «Ormai da qualche settimana - ha spiegato il responsabile locale di Confcommercio, Fumolo - si parla dell'ipotesi di ospitalità ad un gruppo di migranti anche da parte del Comune di Grado e la nostra associazione di categoria esprime preoccupazione per le ripercussioni negative che questa azione potr…