Passa ai contenuti principali

La nuova possibile strategia delle mafie contro il carcere duro.





Leggo dal Quotidiano della Calabria la seguente dichiarazione rilasciata da un boss della cosca Pesce: «La cosca Pesce non esiste. Ai miei figli ho sempre detto di costituirsi, perché altrimenti lo Stato si accanisce»

Qualche giorno addietro ha creato qualche scalpore il provvedimento con il quale il Tribunale di Sorveglianza di Roma si è pronunciato in modo negativo sulla proroga del carcere così detto duro verso Troia, affermando che: "La perdurante operatività della famiglia mafiosa non risulta invece comprovata. Nessuna delle vicende riportate nel decreto ministeriale appare riconducibile alla famiglia di Capaci e ancor meno alla persona di Troia. E non emerge alcun indizio di attuale sussistenza dell'interesse dell'organizzazione mafiosa a intessere indebiti collegamenti con Troia".
Ora l'articolo Art. 41-bis, che è una norma inserita all'interno delle disposizioni che disciplinano il funzionamento dell' ordinamento penitenziario e riguardano anche l' esecuzione delle misure privative e limitative della libertà, afferma in uno dei suoi commi che la proroga e' disposta quando risulta che la capacita' di mantenere collegamenti con l'associazione criminale, terroristica o eversiva non e' venuta meno, tenuto conto anche del profilo criminale e della posizione rivestita dal soggetto in seno all'associazione, della perdurante operativita' del sodalizio criminale, della sopravvenienza di nuove incriminazioni non precedentemente valutate, degli esiti del trattamento penitenziario e del tenore di vita dei familiari del sottoposto. Il mero decorso del tempo non costituisce, di per se', elemento sufficiente per escludere la capacita' di mantenere i collegamenti con l'associazione o dimostrare il venir meno dell'operativita' della stessa.

Io non ho mai reputato il carcere una soluzione né al problema mafia, né al problema delinquenza diffusa, perché nonostante la sua secolare affermazione mafie e delinquenza hanno trovato modo di continuare ad esistere. Probabilmente perché, riferendomi in particolar modo alle mafie, queste sono costole del sistema capitalistico e fino a quando esisterà questo sistema esisteranno le mafie e nessun carcere potrà mai determinarne la loro estinzione o la viva repressione. Ma ho la sensazione che con una sorta di escamotage sia possibile raggirare la proroga del 41 bis.

 Quando finisce in galera un pezzo da novanta della cosca, basta che la cosca muti la sua connotazione, una sorta di metamorfosi necessaria per raggirare il regime di tale misura penale repressiva. Ed ecco il perché delle dichiarazioni, come sopra riportate che arrivano dalla 'ndrangheta o dalla mafia. Scompare la cosca, si nega l'esistenza, si ricicla in altro, si unisce magari ad altra cosca, il boss per qualche tempo vivrà il carcere disumano e duro, cosa che probabilmente metteranno in conto, ed il sistema è raggirato. Anche perché l'onere della prova spetta allo Stato, deve essere lo Stato a provare l'esistenza formale di quella cosca considerata, l'operatività della stessa, la continuazione dei rapporti tra il boss e quella cosca. Ma se la cosca formalmente si estingue e si ricicla in altro il problema sussiste.

E poi non bisogna dimenticare un dato, che ha sempre connotato anche la spirito della “vendetta” della mafia. Il tempo. Similmente a come accade per il potere esercitato dalla Chiesa, passeranno i secoli, si alterneranno governi e poteri, ma la Chiesa resterà ed il suo potere anche , ebbene le mafie sanno aspettare, sanno attendere, guardano e si muovono con strategie a lungo termine e non a breve termine, e porre il velo del silenzio sulla cosca per un periodo necessario, non è detto che ciò comporti la morte della cosca medesima.  

D'altronde le mafie, tutte, non hanno più necessità di farsi la guerra tra di loro, hanno compreso che costituire un cartello o lavorare insieme o dividersi in modo equo, secondo i loro criteri di equità i territori, è più conveniente. Niente più guerre di mafia, niente più uccisioni di mafia. Silenzio. Un silenzio che rende le mafie ancor più pericolose perché, specialmente con la crisi vigente, hanno la possibilità di riciclar meglio il loro sporco danaro senza attrarre verso di loro l'attenzione sociale e mediatica. Gli affari prima di tutto.  
E così è.  



Commenti

Post popolari in questo blog

Koper o Capodistria?Fiume o Rijeka?Merna o Miren?Londra o London? Trieste e Trst?

Esistono diversi processi di italianizzazione, i più noti sono quelli figli dell'abitudine, figli di quel modo di fare che hanno trasformato London in Londra, Berlin in Berlino, Barcelona in Barcellona, Marseille in Marsiglia ecc. Si dirà che è semplice traduzione. Fattore tipico di tutte le lingue. Poi vi sono luoghi che sono stati soggetti all'italianizzazione forzata tramite la nota opera nazionalfascista e di esempi ve ne sono a bizzeffe, se ne perde il conto, sia in Italia che in Slovenia che in Croazia che ovunque l'Italia abbia operato in tal modo.
Ad esempio Redipuglia  ha storpiato lo sloveno Sredipolje. In altri casi si utilizza l'italianizzazione per rispetto anche della comunità italiana che vi abita, non chiamare quei luoghi con il loro nome italiano significherebbe negare l'esistenza della comunità italiana, almeno per gli italiani autoctoni del luogo è così, pensiamo Capodistria il cui nome in sloveno è Koper, o Rijeka diventata Fiume. Italianizzazi…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Nella Gradoaustronostalgia i commercianti dicono no ai richiedenti asilo a rischio l'immagine. Pazzesco

L'immagine è tutto. Niente immagine, niente business. La partita a ping pong si gioca tra Grado e le sue frazioni, con la Prefettura che svolge il ruolo di osservatore, ma prima o poi dovrà fischiare la fine di questa partita ed una decisione andrà presa. Se a Fossalon si è assistito a di tutto e di più, dalla deprimente marcia dei trattori, fumosissima visto che non ci sarà, a pensieri figli di una visione distorta del mondo, come se chi voleva ospitare 18 richiedenti asilo si apprestasse a dare accoglienza a 18 criminali incalliti, a Grado si assiste alla reazione di chi ha voce e peso economico importante. Il mondo del commercio. Sul Piccolo del 15 ottobre si apprende che  «Ormai da qualche settimana - ha spiegato il responsabile locale di Confcommercio, Fumolo - si parla dell'ipotesi di ospitalità ad un gruppo di migranti anche da parte del Comune di Grado e la nostra associazione di categoria esprime preoccupazione per le ripercussioni negative che questa azione potr…