Passa ai contenuti principali

Cosa sviluppa il decreto sviluppo?


Un decreto, l'ennesimo testo corposo.
Ben 188 pagine, tra norme, articoli, allegati e relazioni tecniche.
Illeggibile ai più sia per la pesantezza, sia per l'eterogeneità che caratterizza il decreto.
Certo, contrariamente da quanto accadeva in passato ora sussistono delle relazioni che in qualche modo aiutano alla lettura di norme di difficile comprensione.
Ma cosa sviluppa questo decreto sviluppo?
Il titolo è il seguente:

MISURE URGENTI PER LA CRESCITA DEL PAESE


Mi soffermo su due aspetti, dopo aver provato a conferire una lettura generica al testo del decreto, perché per offrire una opinione certa servirebbero settimane di studio, e questo tempo a disposizione non sussiste.
Ho maturato la sensazione, facendo salva la premessa come sopra citata, che questo decreto corre in una direzione specifica.
Incentivare l'edilizia, edificazioni ed ancora edificazioni, sburocratizzare il settore considerato e favorire interventi nel settore energetico.
Non si investe lì ove in Italia si dovrebbe investire prima di ogni cosa, vista la particolarità del nostro Paese.
Il settore della cultura e del turismo.
Nulla di tutto ciò.
Eppure sarebbero quelli i settori dove concentrare interventi degni di ogni decreto che si arroga la presunzione di disporre misure volte a sostenere lo sviluppo in tal Paese.
Ma ovviamente ogni individuo ha il proprio concetto di sviluppo e l'oligarchia vigente ha la propria e tale decreto ne è la massima espressione ed è rappresentata, tale espressione, a parer mio da due disposizioni.
La prima è il piano nazionale per le Città.
L’obiettivo del piano nazionale per le città proposto è quello di coordinare una serie di interventi nelle aree urbane relativi a nuove infrastrutture, alla riqualificazione urbana, alla costruzione di parcheggi, alloggi e scuole, grazie anche all’utilizzo di risorse economiche disponibili provenienti da economie o da revoche di programmi edilizi
non più realizzabili.
Edilizia, edificazioni, costruzioni.
Il tutto coordinato da una cabina governativa di regia.

La seconda è rappresentata dal fatto che in questo decreto emerge la volontà di incentivare la
realizzazione di infrastrutture energetiche, in particolar modo quelle che sono attualmente in attesa di autorizzazione, che riguarderebbero ingenti investimenti di operatori di mercato, per
un ammontare di oltre 10 miliardi di euro, totalmente di capitale privato. Nel testo della relazione di presente nel decreto si legge che, ove celermente autorizzati ( i programmi di infrastrutture energetiche), potrebbero contribuire significativamente alla crescita economica e all’occupazione, con effetti anche sulla riduzione del costo dell’energia per i consumatori domestici e per le imprese.

Ma visto che il principale problema è rappresentato spesso dalle Regioni, che dicono no ad interventi che devastano l'equilibrio ambientale cosa ha pensato di fare il Governo?

La nuova norma pone all’Amministrazione dello Stato procedente in regime concorrente l’onere di attuare tutti i possibili tentativi di leale collaborazione, esperiti i quali, analogamente con le procedure di legge già previste in caso di dissenso espresso, si fa ricorso alla Presidenza del Consiglio dei Ministri per un decisione definitiva, in modo da pervenire alla chiusura del procedimento.

Ovvero se la Regione manifesta un dissenso verso l'opera voluta dallo Stato,sarà l'articolazione dello Stato, quale la Presidenza del Consiglio dei Ministri a dover conferire l'ultima parola.
E parlano anche di leale collaborazione.

Alla fine penso che la norma che rappresenta bene la situazione che verrà in Italia è quella come definita dall'articolo 58.
Si prevede l'istituzione presso l'Agenzia per le erogazioni in agricoltura di un fondo per il finanziamento dei programmi nazionali di distribuzione di derrate alimentari alle persone indigenti nel territorio della Repubblica Italiana. Le derrate alimentari sono distribuite agli indigenti mediante organizzazioni caritatevoli..
Detto in breve visto che rischieremo di perire tutti di fame, lo Stato mette le mani avanti, poiché con questo Decreto tutelerà solo i soliti soggetti che mirano a conseguire il profitto, si devasterà l'ambiente, si edificherà ad oltranza, non si investe nel lavoro, non si investe nella cultura, non si investe nel turismo, non si investe per l'Italia ma si investe l'Italia con la macchina del profitto selvaggio.

Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Se Babbo Natale ha ridimensionato San Nicolò

Ma è più sentito San Nicolò o Babbo Natale?

Questo è quanto mi domandavo notando tutta la serie di prodotti realizzati, i mercatini diffusi, le fiere e quant'altro si afferma in prossimità della notte tra il 5 e 6 dicembre. Così come mi domando, ma quanti conoscono la sua storia? Quanti sanno che tipo di santo protettore sarebbe?  Scommetto che le mani alzate sarebbero una manciata.  Ed a dirla tutta non interessa, interessa quel giorno solo scambiarsi qualche regalino, girovagare per le fiere, bere e mangiare.
San Nicolò, dicono, è un santo molto venerato in tutto il mondo, addirittura avrebbe carattere universale. Sarà. Ma in Italia ci sono su più di 8 mila Comuni solo una ventina di località, e qualche Comune, ad avere questo nome e sono poche le località dove viene festeggiato, soprattutto in alcune zone del Nord Est ed in Puglia.  Vi è chi dice che Babbo Natale altro non sia che praticamente il San Nicolò in chiave pienamente consumistica, che avrebbe tratto origine da qu…

Le conclusioni della Commissione d'inchiesta sul caso Moro

Nelle considerazioni conclusive della Commissione d'inchiesta sul Caso Moro emergono spunti di riflessione importante ed anche inquietanti che dovrebbero far tremare i pilastri della nostra Repubblica. Un lavoro durato alcuni anni, con diverse audizioni, accessi a documenti, verifiche, ispezioni, un lavoro enorme e giunto a termine.    La legge istitutiva della Commissione (Legge 30 maggio 2014, n. 82) ha assegnato come mandato all'inchiesta parlamentare quello di «accertare eventuali nuovi elementi che possono integrare le conoscenze acquisite dalle precedenti Commissioni parlamentari di inchiesta sulla strage di Via Fani, sul sequestro e sull'assassinio di Aldo Moro; eventuali responsabilità sui fatti di cui alla lettera a) riconducibili ad apparati, strutture e organizzazioni comunque denominati ovvero a persone a essi appartenenti o appartenute». E' stato sottolineato che è "dalla rilettura sistematica dei cinque processi e dell'attività delle precedenti…