Passa ai contenuti principali

Cosa sviluppa il decreto sviluppo?


Un decreto, l'ennesimo testo corposo.
Ben 188 pagine, tra norme, articoli, allegati e relazioni tecniche.
Illeggibile ai più sia per la pesantezza, sia per l'eterogeneità che caratterizza il decreto.
Certo, contrariamente da quanto accadeva in passato ora sussistono delle relazioni che in qualche modo aiutano alla lettura di norme di difficile comprensione.
Ma cosa sviluppa questo decreto sviluppo?
Il titolo è il seguente:

MISURE URGENTI PER LA CRESCITA DEL PAESE


Mi soffermo su due aspetti, dopo aver provato a conferire una lettura generica al testo del decreto, perché per offrire una opinione certa servirebbero settimane di studio, e questo tempo a disposizione non sussiste.
Ho maturato la sensazione, facendo salva la premessa come sopra citata, che questo decreto corre in una direzione specifica.
Incentivare l'edilizia, edificazioni ed ancora edificazioni, sburocratizzare il settore considerato e favorire interventi nel settore energetico.
Non si investe lì ove in Italia si dovrebbe investire prima di ogni cosa, vista la particolarità del nostro Paese.
Il settore della cultura e del turismo.
Nulla di tutto ciò.
Eppure sarebbero quelli i settori dove concentrare interventi degni di ogni decreto che si arroga la presunzione di disporre misure volte a sostenere lo sviluppo in tal Paese.
Ma ovviamente ogni individuo ha il proprio concetto di sviluppo e l'oligarchia vigente ha la propria e tale decreto ne è la massima espressione ed è rappresentata, tale espressione, a parer mio da due disposizioni.
La prima è il piano nazionale per le Città.
L’obiettivo del piano nazionale per le città proposto è quello di coordinare una serie di interventi nelle aree urbane relativi a nuove infrastrutture, alla riqualificazione urbana, alla costruzione di parcheggi, alloggi e scuole, grazie anche all’utilizzo di risorse economiche disponibili provenienti da economie o da revoche di programmi edilizi
non più realizzabili.
Edilizia, edificazioni, costruzioni.
Il tutto coordinato da una cabina governativa di regia.

La seconda è rappresentata dal fatto che in questo decreto emerge la volontà di incentivare la
realizzazione di infrastrutture energetiche, in particolar modo quelle che sono attualmente in attesa di autorizzazione, che riguarderebbero ingenti investimenti di operatori di mercato, per
un ammontare di oltre 10 miliardi di euro, totalmente di capitale privato. Nel testo della relazione di presente nel decreto si legge che, ove celermente autorizzati ( i programmi di infrastrutture energetiche), potrebbero contribuire significativamente alla crescita economica e all’occupazione, con effetti anche sulla riduzione del costo dell’energia per i consumatori domestici e per le imprese.

Ma visto che il principale problema è rappresentato spesso dalle Regioni, che dicono no ad interventi che devastano l'equilibrio ambientale cosa ha pensato di fare il Governo?

La nuova norma pone all’Amministrazione dello Stato procedente in regime concorrente l’onere di attuare tutti i possibili tentativi di leale collaborazione, esperiti i quali, analogamente con le procedure di legge già previste in caso di dissenso espresso, si fa ricorso alla Presidenza del Consiglio dei Ministri per un decisione definitiva, in modo da pervenire alla chiusura del procedimento.

Ovvero se la Regione manifesta un dissenso verso l'opera voluta dallo Stato,sarà l'articolazione dello Stato, quale la Presidenza del Consiglio dei Ministri a dover conferire l'ultima parola.
E parlano anche di leale collaborazione.

Alla fine penso che la norma che rappresenta bene la situazione che verrà in Italia è quella come definita dall'articolo 58.
Si prevede l'istituzione presso l'Agenzia per le erogazioni in agricoltura di un fondo per il finanziamento dei programmi nazionali di distribuzione di derrate alimentari alle persone indigenti nel territorio della Repubblica Italiana. Le derrate alimentari sono distribuite agli indigenti mediante organizzazioni caritatevoli..
Detto in breve visto che rischieremo di perire tutti di fame, lo Stato mette le mani avanti, poiché con questo Decreto tutelerà solo i soliti soggetti che mirano a conseguire il profitto, si devasterà l'ambiente, si edificherà ad oltranza, non si investe nel lavoro, non si investe nella cultura, non si investe nel turismo, non si investe per l'Italia ma si investe l'Italia con la macchina del profitto selvaggio.

Commenti

Post popolari in questo blog

Koper o Capodistria?Fiume o Rijeka?Merna o Miren?Londra o London? Trieste e Trst?

Esistono diversi processi di italianizzazione, i più noti sono quelli figli dell'abitudine, figli di quel modo di fare che hanno trasformato London in Londra, Berlin in Berlino, Barcelona in Barcellona, Marseille in Marsiglia ecc. Si dirà che è semplice traduzione. Fattore tipico di tutte le lingue. Poi vi sono luoghi che sono stati soggetti all'italianizzazione forzata tramite la nota opera nazionalfascista e di esempi ve ne sono a bizzeffe, se ne perde il conto, sia in Italia che in Slovenia che in Croazia che ovunque l'Italia abbia operato in tal modo.
Ad esempio Redipuglia  ha storpiato lo sloveno Sredipolje. In altri casi si utilizza l'italianizzazione per rispetto anche della comunità italiana che vi abita, non chiamare quei luoghi con il loro nome italiano significherebbe negare l'esistenza della comunità italiana, almeno per gli italiani autoctoni del luogo è così, pensiamo Capodistria il cui nome in sloveno è Koper, o Rijeka diventata Fiume. Italianizzazi…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Con i confini della giusta sconfitta di Caporetto l'Italia oggi si fermerebbe a Treviso

Dal dannunzianesimo in poi, passando per retoriche risorgimentali estremizzate, irredentismi radicali, simulati patriottismi, l'Italia decise di aggredire l'Impero Austro Ungarico, occupando terre non italiane, anche se forse si poteva pur parlare l'italiano, anche se prevalentemente si parlavano dialetti locali oltre ovviamente allo sloveno, il tedesco, il friulano. Dove vi potevano essere radici latine, risalenti anche all'Impero Romano, ma non è che ovunque l'Impero Romano mise piede era da considerarsi Italia, perchè allora dovrebbero rivendicare anche l'Azerbaigian, senza dimenticare che l'Italia si formerà come Stato unitario poi solo nel 1861. Audacia, tenacia, scippati dalla terra contadini, ragazzi, famiglie senza più i loro figli, mandati a morire nel nome del niente. Arroganza, gestione criminale del conflitto, per conquistare fazzoletti di terra che ancora oggi si sentono poco italiani, perchè l'Italia è giovane, l'Italia unita si è fat…